Manca l’acqua, strage di fenicotteri in Turchia: distrutti migliaia di nidi, muoiono 5mila pulcini

Manca l’acqua, strage di fenicotteri in Turchia: distrutti migliaia di nidi, muoiono 5mila pulcini @fulviocerutti

30/07/2021 22.25.00

Manca l’acqua, strage di fenicotteri in Turchia: distrutti migliaia di nidi, muoiono 5mila pulcini fulviocerutti

La vista di migliaia di fenicotteri rosa sulla chiara distesa d'acqua del lago del Sale all'inizio appare quasi come un miraggio, poi diventa uno dei ricordi più belli dei viaggiatori che hanno attraversano l'Anatolia tra aprile e agosto, quando entra a far parte del paesaggio per gli abitanti del luogo, ...

19:07La vista di migliaia di fenicotteri rosa sulla chiara distesa d'acqua del lago del Sale all'inizio appare quasi come un miraggio, poi diventa uno dei ricordi più belli dei viaggiatori che hanno attraversano l'Anatolia tra aprile e agosto, quando entra a far parte del paesaggio per gli abitanti del luogo, da sempre affezionati all'arrivo di questi eleganti uccelli. Tuttavia quest'anno migliaia di nidi di fenicottero sono andati distrutti in riva al lago del Sale (Tuz Golu), dove almeno 5 mila pulcini sono morti e l'intera covata di una delle più grandi colonie dell'Eurasia e'andata persa.

Green pass, Mattarella ha firmato. Costa: 'Verso teatri e cinema al 75-80%' - Politica Arrestato il candidato sindaco del Movimento 3V: difendeva due utenti delle Poste senza mascherina [VIDEO] Green pass, preside rievoca Auschwitz. Sospeso dal servizio

Da sempre un punto di ristoro per gli uccelli in volo tra Africa ed Europa e particolarmente importante per una colonia di circa 20 mila fenicotteri, nella cui memoria migratoria Tuz Golu e' una tappa fissa da secoli, un luogo dove trovare le condizioni ideali per portare a termine il delicato periodo della deposizione delle uova, tra aprile e maggio, cui segue un mese di cova, prima della cura dei pulcini, che dopo due mesi sono pronti a spiccare il volo. Tuz Golu proprio per la sua posizione e' da sempre una sorta di area di servizio per gli uccelli, ma anche un paradiso per i birdwatcher, che quest'anno pero' al posto della consueta esplosione di vita si sono trovati davanti a uno scenario di morte. 

La carenza d'acqua, che nei siti di nidificazione era alta 40 cm lo scorso anno e quest'anno è completamente sparita, ha esposto uova e pulcini, poi morti di sete e fame nell'arsura, in pochi giorni, a un ritmo di 200-300 al giorno. Siccità e cambiamenti climatici hanno avuto un ruolo in questa catastrofe, tuttavia l'abbassamento del livello dell'acqua e' frutto anche dell'opera irresponsabile delle aziende agricole dell'area, che hanno incanalato l'acqua del lago deviandola verso i campi. Alcune fattorie avevano lanciato l'allarme presso le amministrazioni locali, senza essere ascoltati. Tuz Golu si trova infatti tra la capitale Ankara e le città di Aksaray e Konya, un'area del Paese produttiva, agricola e semi-industriale. headtopics.com

«Abbiamo perso un'intera annata di pulcini, Se tarderemo ancora a prendere provvedimenti la colonia sparirà del tutto in pochi anni. La situazione era stata denunciata alle autorità, ma purtroppo nulla è stato fatto», dice all'Agi il fotografo naturalista Fahri Tunc, che con le sue foto ha documentato la tragedia. «Ho girato il mondo per scattare foto, ma uno scenario del genere non lo avevo mai visto. Questi uccelli sono morti per negligenza e irresponsabilità, con la selezione naturale tutto questo non c'entra».

Ora la magistratura ha aperto un'indagine, con le tubature abusive che sono state messe sotto sequestro, ma serve una strategia di protezione e conservazione concreta, considerando che negli ultimi 15 anni il livello del lago è sceso tra 70 e i 5 metri, a seconda dei punti. «Siamo tutti responsabili di quanto accaduto, - ha aggiunto Tunc - non solo gli agricoltori e lo Stato, ma tutte le persone, ora bisogna fare qualcosa di concreto per salvare questi animali e uno dei posti più belli della Turchia».

Leggi di più: La Stampa »

Dante, i suoi luoghi nelle foto Alinari e di Massimo Sestini - ViaggiArt

fulviocerutti Ma santo cielo!!! Ma porcaccia la miseriaccia!!! 😡🤬🤬🤬 fulviocerutti Noooooooooo😭 fulviocerutti Pulli si chiamano pulli !! fulviocerutti 💔

Usain Bolt, la vita da papà e la nostalgia per i Giochi olimpici: «Mi manca l’adrenalina»Il velocista giamaicano sta seguendo alla tv l’Olimpiade: da giovedì notte via alle gare di atletica

Thailandia, violento scontro tra due gruppi di scimmie affamate: in migliaia bloccano la cittàAlcuni testimoni hanno catturato le immagini di una enorme 'rissa' tra due gruppi di scimmie avvenuta in Thailandia, nei pressi di Prang Sam Yot, di fronte al Santuario Phra Kan a Lopburi, popolare meta turistica del Paese che ospita migliaia di primati. A quanto pare a provocare la violenta lotta tra le due 'fazioni' sarebbe stata la fame. Da qualche settimana la Thailandia ha imposto pesanti restrizioni a gran parte delle sue provincie - tra cui coprifuoco notturno - nel tentativo di limitare la diffusione della variante Delta di Covid 19 che sta causando oltre 9 mila contagi al giorno nel Paese. Le restrizioni legate all'epidemia hanno tenuto i turisti lontani dalla città, mentre il lockdown ha costretto in casa la maggior parte degli abitanti locali, rendendo molto più difficoltoso per i primati procurarsi del cibo. Abituati come erano a riceverlo dai turisti e passanti. Come riportano i testimoni la lotta tra scimmie avvenuto a Prang Sam Yot è stata così feroce da interrompere il traffico e causare un ingorgo. L'autore del video spiega di essersi accorto di quel che stava accadendo mentre saliva al terzo piano di un edificio per pulirlo. Era impossibile fermare le scimme - racconta - e quando la gente ha iniziato a suonare il clacson nel tentativo di disperderle, la situaizone si è ulteriormente aggravata. Ma ora basta parlare delle manifestazioni no-vax. Leghisti vs. No-vax

Riforma processo penale, Csm boccia meccanismo di improcedibilitàParere critico su questo punto della riforma: 'rilevanti e drammatiche' ricadute pratiche, a rischio migliaia di procedimenti Non si è ancora dimessa? Vadano a lavorare sti magistrati

Baker McKenzie e Osborne Clarke con Banco BPM e AKNO Group nel finanziamento per lo sviluppo di un immobile a destinazione logisticaFinanziamento di 31,9 milioni di euro a favore di una società del gruppo che fa capo ad AKNO Group per la progettazione, costruzione e gestione di un fabbricato ad uso logistico

Il film per l'estate? Jungle Cruise, con Emily Blunt e The Rock - iO DonnaQuei film Disney di una volta ma con gli effetti speciale di oggi

Ok del Consiglio dei ministri a riforma accise e Iva intra-UeApprovati in via preliminare 15 decreti legislativi di attuazione di norme comunitarie