Malagò (Coni): “Giusto ridurre la capienza degli stadi”. Con gli interventi discordanti di Asl e Tar “si perde credibilità”

09/01/2022 14:20:00

Malagò (Coni): “Giusto ridurre la capienza degli stadi”. Con gli interventi discordanti di Asl e Tar “si perde credibilità”

Malagò (Coni): “Giusto ridurre la capienza degli stadi”. Con gli interventi discordanti di Asl e Tar “si perde credibilità”

Ok del numero uno dello sport italiano al protocollo della Lega calcio: «Si rischiava una decisione calata dall’alto». Caso Djokovic: «Mai vista una gestione p…

Ok del numero uno dello sport italiano al protocollo della Lega calcio: «Si rischiava una decisione calata dall’alto».Luca Chiarini Alla fine la Serie A ha ceduto alle pressioni del governo, accettando di ridurre la capienza degli stadi ad appena 5.Scopri di più Le sanzioni Per accedere a determinati servizi e attività (ristoranti, palestre, treni, autobus, cinema, teatri, stadi e così via) è obbligatorio indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo Ffp2 , con il divieto di consumo di cibi e bevande nel corso delle manifestazioni.TORINO - I soliti beceri cori hanno fatto da contorno alla sfida tra Juventus e Napoli.

Caso Djokovic: «Mai vista una gestione peggiore» GIACOMO GALEAZZI Modificato il: 09 Gennaio 2022 2 minuti di lettura (ansa) ROMA.«La Lega calcio ha fatto bene a scegliere per la riduzione della capienza degli stadi, perché era elevato il rischio che il governo facesse calare dall'alto la sua decisione», osserva il presidente del Coni, Giovanni Malagò sulla limitazione di pubblico per le partite di calcio alla luce della nuova ondata Covid.Un'auto-limitazione sostanzialmente imposta, che varrà dal 15 gennaio al 5 febbraio.«La federazione medico- sportiva insieme al Coni sta predisponendo un nuovo protocollo – aggiunge Malagò a Sky -.3 Pioli parla dei tifosi Per il tecnico del Milan, Stefano Pioli, «è un momento particolare, dobbiamo stare molto attenti e rispettare i protocolli per essere più coperti possibile.Poi chi organizza i campionati ha il diritto- dovere di prendere decisioni".Il calcio, in sostanza, sarebbe stato utilizzato come veicolo per mandare un messaggio al Paese.Sugli interventi non uniformi di Asl e Tar il numero uno del Coni ha sottolineato che così «si perde di credibilità».

(ansa) Sos uniformità «Ritengo che la Lega abbia preso la decisione migliore, anche se è triste perché così si abbattono i ricavi per i club che sono già in grandi difficoltà», sottolinea Malagò che ora auspica però una norma che renda uniformi le decisioni che arrivano dall'esterno.Il Tar del Friuli Venezia Giulia, quello del Piemonte e quello della Campania hanno infatti dato ragione alla Lega dopo la disposizione della quarantena, da parte delle autorità, per Udinese, Torino e Salernitana, con i giocatori negativi che quindi non sono più in isolamento.«Quando ci fu un disastro nel mondo del calcio- racconta il capo dello sport italiano - io allora ero in Giunta Coni, e i Tar locali ci sostituirono su certe posizioni: il governo dell'epoca molto intelligentemente, e il Coni avallò, centralizzò la decisione perché in molti sospettavano che i diversi tribunali amministrativi fossero troppo di parte su certe valutazioni.Lo stesso va fatto oggi perché abbiamo visto che tre Tar hanno dato ragione alla Lega e uno no, questo giudizio perde di credibilità.Il tema riguarda non solo la giustizia amministrativa ma anche le Asl perché non può essere una che con 4 positivi non fa giocare e un'altra con 11 fa giocare.NIente da fare invece per Cagliari-Bologna.Bisogna trovare una norma che impone questa scelta».

Altri campionati Il presidente del Coni evidenzia che «il problema del Covid non riguarda solo il calcio ma anche molti altri sport che sono in difficoltà.Io ho il dovere di ricordare che i problemi se non maggiori esistono negli altri campionati.Non dimentichiamoci degli altri sport che non sono gli ultimi ma sono quelli che ci hanno fatto gioire anche alle ultime Olimpiadi».(lapresse) No vax «Non ho mai visto una gestione peggiore.Gli attori in questo caso sono tre: gli organizzatori locali, il governo e Djokovic.

Diamo per scontato che tutti e tre fossero in buona fede, il problema è un altro: non ci si deve mettere in quella situazione, a monte non deve succedere.Entro il 10 dicembre doveva dire se era vaccinato o no, poi non si capisce perché non sia stato comunicato che il 16 dicembre abbia preso il Covid.Doveva comunicarlo.Se prima durante e dopo ha incontrato chiunque, allora la credibilità è venuta meno», commenta Malagò parlando della vicenda Djokovic bloccato in Australia per problemi di visto legato al Covid.«Dispiace per Nole, è “italiano” e amato, l'ho anche premiato, siamo tutti suoi tifosi, ma lui se non avesse contratto il Covid che faceva? Non giocava più a tennis?».

Leggi i commenti I commenti dei lettori Video del giorno.

Leggi di più:
La Stampa »
Loading news...
Failed to load news.

Chiudili!! Del calcio non interessa niente a nessuno!!! Sono i calciatori ad essere positivi. Perché non bloccate il campiontao? 'il greenpass è una misura con la quale i cittadini possono continuare a svolgere attività con la garanzia di ritrovarsi tra persone che non sono contagiose' Ridurre a cazzo di cane. Al Penzo oggi entra più gente rispetto a prima. Avete ridotto i coglioni di merda che siete

Non commenti anche Lei, per cortesia, lasci fare a Chi e’ destinato. Grazie

Capienza ridotta negli stadi, Tuttosport: 'Club convinti si tratti di demagogia della politica' - TUTTOmercatoWEB.comAlla fine la Serie A ha ceduto alle pressioni del governo, accettando di ridurre la capienza degli stadi ad appena 5.000 spettatori. Un'auto-limitazione.

La Lega calcio ha deciso: per due turni capienza massima di 5mila persone negli stadiNegli stadi all’aperto vige il limite del 50% della capienza degli spettatori Una roba indegna, inutile e dannosa. Il FuffaPass. Vaccinatevi e tamponatevi così potete andare tutti allo stadio... ah no

Lapo Elkann in campo: «Ululati contro Kean, Koulibaly, Maignan o cori contro Vlahovic non fa differenza. Basta!»Il nipote dell'Avvocato continua la sua campagna di sensibilizzazione e twitta per fermare «gli idioti negli stadi che non mancano anche a capienza ridotta» basta col razzismo verso i neri, perchè quando avete voglia di prendervela con qualcuno non licenziate in tronco i sindacalisti o chi chiede più diritti come facciamo noi ? Giusto. Non bisogna fare distinzioni di fronte a questi cori. Peccato però constatare che quando ne è vittima un calciatore della Juve, i Media non li condannino con la stessa forza con cui lo fanno in altri casi e che il Giudice FIGC non prenda provvedimenti SiamoTuttiKean Perché parla questo personaggio odiato e spernacchiato da tutti!?

Serie A, i presidenti danno il buon esempio. Ma i contagi sono saliti durante la pausaPrima le tensioni, poi il voto unanime. Cairo: «Credo che lo sport meriti un suo ministero. Dobbiamo pretendere maggior dignità» E’ come ammettere che anche con 3 dosi e la ffp2 all’aperto tu ti possa contagiare. (Contagiare non ammalare sia chiaro). Dopo due anni in cui se c’era perlomeno una cosa certa è le scarse possibilità di contagiarsi all’aperto anche senza mascherina.Ovvio che i novax ringraziano Vedi se i presidenti davano il buon esempio avrebbero giocato a porte chiuse e i calciatori e non solo entravano in una bolla nella quale vivevano isolati invece non è così è ridicolo vedere 5000 persone allo stadio ciao Davide

Covid Serie A: capienza ridotta a 5mila spettatori per due giornateL'Assemblea della Lega calcio ha deciso di intervenire. Turno del weekend e Supercoppa con stadi al 50% di capienza L’utilità?!?… Questa cosa ha meno senso della signora che ha ordinato il pepe rosa di fare un po'più piccola che non è stato visualizzato nel computer del Consiglio dei nomi dei partecipanti alla cena Nessun giornalista chiedera' a Draghi di rispondere a cio che aveva detto sui Greepass, nessuno gli chiedera' 'ma scusi, il Gp non sarebbe servito a far si che la gente si trovassd tra persone sane'