Mal di budget, quel continuo malessere dei dipendenti bancari

Mal di budget, quel continuo malessere dei dipendenti bancari

08/12/2021 15.30.00

Mal di budget, quel continuo malessere dei dipendenti bancari

Il monitoraggio sulle segnalazioni delle pressioni commerciali ha riguardato Intesa-Sanpaolo, UniCredit, Banco-Bpm, Mps e Bper

sul mal di budget ha finalmente riavviato i motori. Segnali importanti dell’elevato livello di attenzione in un settore molto delicato.Loading...PRESSIONI COMMERCIALI 2021È la banca che ha confermato il dato fornito dai sindacati in totale trasparenza: 162 le segnalazioni pervenute alla casella

Da sottolineare che Intesa Sanpaolo è il primo gruppo bancario italiano con quasi 100mila dipendenti e giocoforza registra un maggior numero di casi. A parte la conferma dei dati, nessun commento da parte dell’istituto.Sia Banco Bpm che Bper non hanno voluto commentare i dati sulle segnalazioni.

Leggi di più: IlSole24ORE »

Lo sciopero dei taxi conferma che in Italia abbiamo paura della concorrenza

I 40mila tassisti italiani chiedono lo stralcio dell’articolo 10 del Ddl concorrenza che prevede una delega al governo affinché faccia ordine in una disciplina ormai superata. "Liberalizzare significa aumentare la competitività di un paese per renderlo più efficiente", ci dice Giuricin Leggi di più >>

Ilaria Capua: «Ecco il punto di svolta che incasellerebbe il Covid assieme a orecchioni e morbillo»La virologa: possiamo creare vaccini sempre migliori ma se poi sono rifiutati non servono, vanno coinvolti sociologi e umanisti. Il giro di boa è il passaggio del virus da pandemico a endemico: diventerebbe come il morbillo Le puttanate di convenienza!!! Il guadagno di funzione della scienza è FUORI CONTROLLO NEI LABORATORI! Considerazioni errate, in quanto: 1) il vaccino non evita i contagi 2) il 90% che finisce in TI e/o muore sono ultra settantenni con una o più patologie anche gravi.

Il Fatto di Domani del 6 Dicembre 2021 - Il Fatto QuotidianoAscolta il podcast del Fatto di domani GIALLOROSA: IL PD LO VUOLE IN PARLAMENTO, MA CONTE DICE NO. Ha tenuto banco per un po’ l’ipotesi che il leader 5s potesse candidarsi alle elezioni suppletive di Roma, per il seggio lasciato libero dal neoeletto sindaco Pd della Capitale Roberto Gualtieri. L’idea era venuta proprio dai democratici, …

Il labirinto dei prezzari: la valutazione di congruità cambia con il bonusIl popolo egoista arraffone continua a rovinare qualsiasi cosa.

Il Fatto di Domani del 7 Dicembre 2021 - Il Fatto QuotidianoAscolta il podcast del Fatto di domani MANOVRA, LO STRAPPO DI LANDINI: “C’È RIPRESA, MA PER CHI?”. La risposta del governo alla convocazione dello sciopero generale da parte di Cgil e Uil per il prossimo 16 dicembre è stato lo “stupore”. Non solo quello che il premier Draghi ha comunicato ai giornali mainstream, che oggi … DD_Forum 👏👏👏👏👏👏👏👏👏 DD_Forum Era ora meglio tardi che mai,anzi fermerei il paese e la produzione con sciopero ad oltranza fino al completo rispetto di una classe operaia rispettata e non sfruttata. DD_Forum Sbarra c e lo dica.

Google, il doodle celebra la pizza e il pizzaiolo come 'patrimoni culturali dell’umanità' - iO DonnaForse il piatto più amato da adulti e bambini, nelle sue infinite varianti

Il forfettario che riceve una fattura con ritenuta predispone la Cu ma non il modello 770Nel 2020 un contribuente in regime forfettario di cui alla legge 190/2014 ha ricevuto da un fornitore una parcella con ritenuta d’acconto che ha provveduto a versare all’erario a mezzo modello F24. In assenza di correzione del comportamento posto in essere, si chiede se il predetto contribuente forfettario, per legge non obbligato ad effettuare gli adempimenti dei sostituti d’imposta, sia tenuto alla predisposizione della certificazione unica e del modello 770.L.C. – Foggia

Ascolta la versione audio dell'articolo 3' di lettura Che succede sul fronte delle pressioni commerciali allo sportello? Dalla scorsa estate è riesploso il malessere tra i dipendenti di alcuni gruppi bancari italiani..Ascolta il podcast del Fatto di domani GIALLOROSA: IL PD LO VUOLE IN PARLAMENTO, MA CONTE DICE NO.di Luca Rollino P rezzari e Dl antifrodi: molti dubbi dopo la circolare 16/E.

Raffiche di comunicati hanno intasato le bacheche virtuali delle principali sigle sindacali. Poi sono arrivate le convocazioni dalla commissione parlamentare di vigilanza delle banche e anche sul mal di budget ha finalmente riavviato i motori. Segnali importanti dell’elevato livello di attenzione in un settore molto delicato. Però Giuseppe Conte non è altrettanto convinto dell’utlilità di questo passo, e così alla fine, in una conferenza stampa avviata poco fa in cui ha spiegato come sarà il nuovo vertice del Movimento , ha declinato l’invito: “In questa fase ho ancora molto da fare per il M5s. Il monitoraggio A distanza di 5 mesi dalla recrudescenza del fenomeno, Il Sole 24 Ore ha deciso di realizzare un monitoraggio fra i 5 principali gruppi bancari italiani per numero dipendenti. Loading..

. Il leader di Italia Viva (che pure oggi parla dall’Arabia Saudita, dov’è andato a vedere il Gran premio), aveva accusato il Pd di “regalare un seggio all’ex premier del sovranismo”.. Chi pensava che i dati fossero facilmente disponibili, dovrà ricredersi: è stato complicato risalire alle segnalazioni inviate dai dipendenti alle commissioni che in ogni gruppo bancario si occupano di mal di budget. Grazie alla collaborazione delle organizzazioni sindacali del settore, siamo riusciti a realizzare un primo bilancio post accordo Abi-sindacati del 2017 quando fu siglato il patto per la costituzione della commissione nazionale sulle pressioni commerciali. BERLUSCONI STRIZZA L’OCCHIO AI 5S. Ecco di seguito i risultati riassunti.

PRESSIONI COMMERCIALI 2021 Loading.. Oggi, per esempio, ha strizzato ancora una volta l’occhio ai 5 Stelle, o meglio agli ex del Movimento da cui spera di racimolare voti per un’eventuale votazione.. IntesaSanpaolo È la banca che ha confermato il dato fornito dai sindacati in totale trasparenza: 162 le segnalazioni pervenute alla casella iosegnalo@intesasanpaolo.com . Nasceva dallo stesso disagio e dallo stesso fastidio per un certo tipo di politica per la quale è nata Forza Italia”.

Sono soltanto 118 però quelle che hanno passato il primo screening: 44 email sono state infatti escluse o per mittente anonimo o per assenza del modulo di segnalazione. Da sottolineare che Intesa Sanpaolo è il primo gruppo bancario italiano con quasi 100mila dipendenti e giocoforza registra un maggior numero di casi. A parte la conferma dei dati, nessun commento da parte dell’istituto. GREEN PASS “SUPER”, CONTROLLI AL MINIMO. BancoBpm e Bper La terza e la quinta banca in Italia per numero di dipendenti sono rispettivamente Banco Bpm e Bper. La prima, secondo fonti sindacali, ha ricevuto quest’anno 90 segnalazioni di pressioni commerciali; l’istituto con sede a Modena invece è a quota 130: da ricordare che quest’ultimo è reduce dall’acquisizione di 620 sportelli ex Ubi e Intesa.

Sia Banco Bpm che Bper non hanno voluto commentare i dati sulle segnalazioni.. UniCredit e Mps Infine il secondo e il quarto gruppo bancario italiano. Qui tutto è più complicato. I sindacati non sono riusciti a fornire dati in merito. Dal canto loro, UniCredit e Mps affermano di non aver ricevuto segnalazioni di pressioni commerciali quest’anno.

Da UniCredit fanno sapere che «la commissione, istituita con il protocollo UniCredit sulle politiche commerciali sottoscritto con le nostre organizzazioni sindacali, non ha ricevuto, nel corso del 2020 e 2021, alcuna denuncia per pratiche di pressioni commerciali. Sono state riscontrate solo alcune segnalazioni di singoli comportamenti non conformi alle previsioni contrattuali, gestite e risolte in modo costruttivo grazie ai 7 presidi locali (Osservatori bilaterali azienda e sindacato) presenti sul territorio». Le dimensioni di UniCredit sono molto simili a quelle di IntesaSanpaolo: come mai non c’è stata alcuna segnalazione? Lo stesso interrogativo lo si può sollevare per Mps benché qui le dimensioni siano ben diverse da Intesa e UniCredit. Ecco il commento di Siena: «In materia di politiche commerciali, in Banca Mps è continuo il confronto nell’ambito dell’omonima commissione paritetica permanente (costituita sin dal 2015 con specifico accordo sindacale aziendale) anche in chiave programmatica e propositiva». E ancora: «La commissione può anche essere sede di analisi di episodi specifici, su segnalazione da parte dei dipendenti o per il tramite dei rappresentanti sindacali, anche attraverso una casella di posta elettronica dedicata nel rispetto delle norme in materia di privacy.

In tal senso, comunichiamo che nel 2021 non sono pervenute segnalazioni su casi specifici». La posizione dei sindacati Quali conclusioni si possono trarre dunque dal monitoraggio sulle segnalazioni di mal di budget a quattro anni dall’intesa nazionale sulle pressioni commerciali? «In realtà, dopo l’accordo sulle politiche commerciali, le banche sono molto più raffinate rispetto al passato nel porre in atto politiche commerciali pervasive – spiega Susy Esposito, segretaria nazionale Fisac Cgil e componente della commissione nazionale sulle politiche commerciali –. Si pensi anche all’introduzione delle agende elettroniche per l’organizzazione degli appuntamenti della clientela che prevedono, molto spesso, dei report immediati rispetto all’esito dell’appuntamento. Politiche pervasive sono anche le frequenti previsioni di vendita e le correlate graduatorie comparative tra strutture. Il fenomeno è tutt’altro che scomparso».

A questo punto come bisogna muoversi per aiutare i dipendenti contro il mal di budget? «Le segnalazioni delle pressioni commerciali sono indispensabili per far emergere il problema e il disagio lavorativo, quindi è bene alimentare il senso di fiducia nell’accordo – ricorda Fulvio Furlan, segretario generale Uilca –. Dove non risulta ve ne siano può significare che certe criticità siano risolte in ambito gestionale con il sindacato e non serva arrivare a coinvolgere le commissioni preposte». Riproduzione riservata © .