Ma il Festival è solo un programma tv al chiuso. Pensate alla gente a casa e non agli sponsor

Ma il Festival è solo un programma tv al chiuso. Pensate alla gente a casa e non agli sponsor

24/01/2021 13.22.00

Ma il Festival è solo un programma tv al chiuso. Pensate alla gente a casa e non agli sponsor

Le celebrities obbligate ad arrivare staranno ancor più rintanate in albergo, e obbediranno ai rigidi e inevitabili protocolli di protezione

Ma, alla fine, l’unico a non cambiare più di quel tanto sarà proprio il Festival, rinserrato nel suo teatro. Unica novità: senza pubblico, ma con una quantità di circa 300 figuranti assunti dalla tv di Stato la quale sarà tecnicamente alle prese con problematiche immaginabili, che potranno (s’immagina) anche essere spettacolarizzate. Quel che cambierà è l’introito di sponsor e pubblicità, in inevitabile caduta.

Migrante di 27 anni muore nel Brindisino: tornava da una giornata di lavoro nei campi Un chilometro contromano sulla A5, multato autista di un Tir - Attualità Scontro Ue-Orban, Bruxelles scrive all'Ungheria: 'La vostra legge viola le norme europee' - Europa

Ma il destinatario del Festival, da 66 anni è il pubblico televisivo, che alla Rai paga il canone, al quale sarà somministrata la gara di 26 canzoni, con ospiti cantanti e non, con le giurie e il televoto, eventuali colpi di scena, molti appelli, qualche risata se Fiorello sarà in forma: da un po’ di giorni, tra l’altro, di lui non si sente parlare. Il tutto guidato dal direttore artistico e presentatore Amadeus.

L’ondata montante di persone, enti, opinionisti, invoca di sospendere la kermesse. Ma il Festival non è le Olimpiadi né Glastonbury, si fa in un teatro chiuso e senza pubblico. Le limousines nere andranno avanti e indietro con gli alberghi in una sicurezza organizzata, gli artisti si faranno intervistare in remoto. La Rai non rinuncia alla Sala Stampa interna al teatro, e un pugno di colleghi si sente già in partenza per l’Iraq. headtopics.com

Per la gente a casa invece sarà un piacere, un diversivo, un passatempo, dopo il periodo spoglissimo di Natale nel quale solo Mara Venier ha tenuto duro. Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Il festival degli asini raglianti . Magari si possono devolvere in beneficenza i lauti cachet!!!!!o noin questo momento avrebbe un gran significato e la raccolta fondi si potrebbe allargare a tutti gli ascoltatori.sarebbe un bel gesto di aiuto a chi in questo momento è in grave difficoltà e credetemi sono tanti

E dite ad Amadeus di non rompere il caxxo.... Ma con tutti i problemi che abbiamo in Italia e la gente che muore di fame xche disoccupata, pensiamo al festival a pagare miliardi ai presentatori ecc... ma in che paese di mersa viviamo?....