Lorenzo, morto di anoressia a 20 anni. I genitori: «Noi, soli contro la malattia»

Lorenzo, morto di anoressia a 20 anni. I genitori: «Noi lasciati soli contro la malattia»

16/02/2020 13.56.00

Lorenzo, morto di anoressia a 20 anni. I genitori: «Noi lasciati soli contro la malattia»

La denuncia della mamma e del papà di Lorenzo Seminatore: in Italia mancano strutture adeguate

Email«Mamma stai tranquilla, sono magro ma sono in forze». È il 3 febbraio. Lorenzo Seminatore sale in camera e si addormenta. Nel silenzio, il suo cuore smette di combattere e si arrende alla malattia. Quel male silenzioso, che sei anni prima ha infettato i suoi pensieri, prende il sopravvento. A ucciderlo è l'anoressia. «Abbiamo fatto di tutto per aiutarlo, ma non è stato abbastanza», raccontano mamma Francesca e papà Fabio. Lorenzo aveva solo 20 anni, era il più grande di quattro fratelli. E ora che non c’è più, i genitori non vogliono che la sua storia rimanga chiusa nel cassetto dei ricordi. Vogliono raccontarla, «perché ci sono altre famiglie che stanno vivendo il nostro calvario. E sappiamo quanto ci si senta soli. Vogliamo scuotere la coscienza delle istituzioni, perché è inaccettabile che in un Paese come l’Italia non ci siano strutture pubbliche in grado di accogliere e curare ragazzi come nostro figlio. Negli ospedali si limitano a parcheggiarti in un reparto e a somministrare flebo per integrare il potassio. Poi ti rimandano a casa, fino al prossimo ricovero». È un grido di dolore, ma anche una denuncia sociale quella che lanciano Francesca e Fabio.

Gli Usa comprano 500 milioni di dosi Pfizer da donare al mondo - Mondo La 'Pulcinella di mare' torna nel Golfo di Taranto - Cronaca Diritti tv: offerta da 500 milioni di Sky a Dazn - Sport

Il primo campanello d'allarme a 14 anniLorenzo si ammala a 14 anni, quando inizia a frequentare il liceo scientifico. «Ha cominciato a mangiare sempre meno. È stato il campanello d'allarme». Giorno dopo giorno, la situazione peggiora. «Dimagriva, non stava bene». Le visite specialistiche non sembrano servire a nulla. «Non mangio perché so che così primo o poi muoio. Non ho il coraggio di salire le scale fino al terzo piano per buttarmi», confessa il ragazzo al neuropsichiatra. «Eravamo spaventati — racconta la mamma —. A 16 anni abbiamo deciso di ricoverarlo privatamente in un centro terapeutico a Brusson, in Val d’Aosta. Lì sembrava essere rinato. Il preside dell’istituto Majorana di Moncalieri, Gianni Oliva, e gli insegnanti ci sono stati di grande aiuto. Quando è uscito dalla clinica, era di nuovo il nostro Lorenzo: ingrassato di venti chili, felice. Ha ripreso a uscire con gli amici». Il ritorno al liceo e gli esami di maturità, però, lo mettono a dura prova. Si iscrive a Filosofia, ma dopo pochi mesi decide di provare con Scienze della Comunicazione. Non è quella la sua strada. Molla tutto e trova rifugio nella musica trap, una derivazione dell’hip pop. Scrive canzoni, le pubblica su Spotify e You Tube. Si fa chiamare «Once the Killer». I testi parlano di lui: sogni, ansie, desideri, paure. Immagini a tinte forti: «Sono cresciuto con la"para" di morire giovane».

Il crollo ai 18 anni«Il crollo è avvenuto dopo la maggiore età — continuano i genitori —. A quel punto Lorenzo poteva decidere per sé e noi siamo diventati impotenti. Non sapevamo più cosa fare. Si mostrava collaborativo con i medici, ma continuava a non curarsi. Quando veniva ricoverato, firmava per essere dimesso: era maggiorenne e libero di decidere». Anche di morire. «La depressione giovanile è in aumento, come l'anoressia tra i ragazzi — denuncia il papà —. E in Italia non ci sono strutture pubbliche adeguate. Quando è stato ricoverato in ospedale, lo scorso maggio, Lorenzo passava le sue giornate a fissare il muro. Questi ragazzi devono essere curati e non tutti possono permettersi centri privati. Le istituzioni devono muoversi: prima con la prevenzione nelle scuole e poi investendo nella sanità. Mancano anche i percorsi di sostegno alle famiglie». headtopics.com

«Ora aiuteremo gli altri»«Ho visto morire mio figlio lentamente — conclude Francesca —. Non voglio che succeda ad altre madri. Stiamo studiando un progetto che coinvolga privati e istituzioni e che sia di sostegno a questi ragazzi. Lorenzo aveva un grande cuore, voleva sempre aiutare gli altri. Adesso lo faremo noi per lui».

Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone, Tadini al gip: “Messo forchettone altre volte”

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone-Stresa, Tadini al gip: “Messo forchettone anche altre volte”

L’anoressia maschile è una malattia ignorata, a volte pure ridicolizzata. Ma presente, e sempre più diffusa. Urgono interventi a livello istituzionale concreti ed efficaci.

14/20 febbraio 2020 • Numero 1345Finlandia, la formula della felicità. Un welfare generoso, una società fondata sull’uguaglianza, uno stretto rapporto con la natura. La nuova copertina di Internazionale, il sommario: Non esistono formule felicità, ma solo situazioni favorevoli per realizzare una serenità tale da poterla vivere in determinati momenti della vita. In Finlandia con appena 5 mio di abitanti su un territorio grande poco più dell'Italia è molto più facile creare quelle situazioni! Ma poi non c'era un bel tasso di suicidi? Gliela lascio tutta. In Finlandia.

Egitto, arresto Zaki: giovedì 20 febbraio fiaccolata al Pantheon | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Egitto, arresto Zaki: giovedì 20 febbraio fiaccolata al Pantheon | Sky TG24 Le fiaccolate hanno sempre risolto i problemi. Bisognerebbe farle anche per le altre centinaia di ragazzi torturati dagli egiziani che non hanno la fortuna di studiare in Italia Iniziativa utilissima, in egitto gli assassini di Regeni e i carcerieri di Zaki se la stanno facendo sotto. Quando questo paese si farà rispettare all'estero? Corriere messveneto raiportaaporta ilmessaggeroit GiuseppeConteIT luigidimaio nzingaretti tgla7 leggoit affaritaliani Alsisi è sanguinario dittatore, lo aspettiamo al tribunale de l'Aja, Eni o non Eni. Intanto gli Italiani civili disertino il Mar Rosso. PatrickZaky

Cenerentola compie 70 anni: 20 curiosità sul classico d’animazione Disney - VanityFair.itDall’iconico abito da ballo (che, in realtà, era bianco) al Principe senza nome, fino alla scarpetta originale che non era di cristallo: tutte le cose che (forse) non sapete del classico d'animazione che nel 1950 fu la

Ilaria Capua: «Il coronavirus girerà il mondo, ma l'Italia faccia attenzione anche alla peste suina»La virologa italiana: «La popolazione del pianeta non ha anticorpi di difesa contro questo virus nuovo» le malattie infettive in genere sembrano più gravi quando vengono scoperte per la prima volta. Vedi cosa dicono i virologi di Coronavirus (FATTI). Non preoccuparti la cosa più drammatica è che dall'Africa nessuno riceverà dati o statistiche se non in modo ridicolmente parziale... Un continente che,nel caso,rappresenterà il più grande rischio per tutta l'umanità che possa essere immaginabile Ora attenzione ai clandestini africani!

Coronavirus Cina, altri 139 morti nell’Hubei: oltre 1500 vittimeSi aggrava il bilancio e continua la diffusione della malattia: i casi di contagio accertati sono ormai più di 54 mila

Morto Steven, 24enne, malato di tumore: l’Inps non pagava più, fu l’azenda ad aiutarloSi è spento il 24enne di Cesenatico che lottava contro il sarcoma di Ewing: nel 2017 l’Istituto di previdenza, passati i 180 giorni di malattia, sospese l’indennità di malattia come prevede la legge. Furono i titolari della sua ditta, la Siropack, ad aiutarlo Ma è terribile. Come può uno stato (perché Inps è stato) abbandonare una persona ammalata?!?! 😢 Vergogna italiana