Libia, giunto a Mazara del Vallo peschereccio 'Aliseo'

08/05/2021 09.17.00

Il rientro del peschereccio Aliseo mitragliato due giorni fa a nord di Tripoli da una motovedetta libica

Ad accogliere in banchina l'equipaggio del peschereccio, oltre al sindaco Salvatore Quinci e al vescovo di Mazara del Vallo Domenico Mogavero, che addirittura è salito a bordo della motovedetta della Guardia Costiera per salutare i marittimi prima ancora del loro arrivo in porto, i familiari dei sette uomini d'equipaggio. Tra di loro anche la moglie del comandante Giuseppe Giacalone, Nuccia, e il figlio Alessandro, che è anche l'armatore dell'imbarcazione. Il capitano dell'Aliseo ha una benda in testa e una maglietta sporca di sangue a causa delle ferite provocate dalle schegge del finestrino della cabina, mandato in frantumi dai colpi di mitraglia sparati dai militari libici.

Matteo Renzi è il mandante del fallimento del ddl Zan in Senato Fedez, ospedali pieni per un virus respiratorio dei bambini - Salute & Benessere Agcom, multa di 125mila euro allo «Zoo di 105»: «Troppe parolacce»

In porto anche i carabinieri della Scientifica di Trapani che saliranno a bordo per una serie di rilievi dopo che la Procura di Roma, competente per i reati commessi all'estero, ha aperto un fascicolo sull'assalto da parte della motovedetta libica delegando le indagini al Ros. Tra le autorità è presente, in rappresentanza del governo regionale, anche l'assessore alla Pesca Toni Scilla.

"Questa vicenda dimostra che c'è un pezzo di Guardia libica che non risponde al governo. Chiediamo al governo italiano un gran lavoro di diplomazia affinché anche la nostra marineria nel Mediterraneo abbia la giusta sicurezza". Lo ha detto il sindaco di Mazara del Vallo Salvatore Quinci, che ha accolto in porto il rientro del peschereccio. headtopics.com

Leggi di più: Rainews »

Covid, giudice dà torto a mamma no vax di Parma: figli ora vaccinati

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, giudice dà torto a mamma no vax di Parma: sì al vaccino per i figli. VIDEO

Auguri e riposo Caro ♥️ l'Italia e una repubblica delle banane questo episodio ne conferma la tesi Quante solfe

Libia, il comandante del peschereccio Aliseo via radio: 'Sono vivo per miracolo' - ItaliaLibia, il comandante del peschereccio Aliseo via radio: 'Sono vivo per miracolo'. Giacalone: 'Ci hanno sparato a pallettoni, qui la cabina e' piena di buchi' ANSA VIDEO Ma non dovrebbero usare Ak 47 ? illegale ed inamissibile; valutare,in futuro, possibilita'immediato intervento marina militare per aprire fuoco di risposta e di contenimento,evitando ferimento persone. Peccato non ci fossero sul peschereccio Giuseppi, Di Maio, Letta e la Boldrini

Libia, spari contro peschereccio italiano: ferito il comandanteLeggi su Sky TG24 l'articolo Libia, spari della Guardia costiera. Ferito il comandante di un peschereccio italiano Forse i nostri pescatori NON hanno capito che alla Libia si possono avvicinare SOLO le navi scafiste delle ONG che fanno affari con i CLANDESTINI con la complicità dei trafficanti di esseri umani Libici !! Francia e GB sono già sul pezzo, non volevano esser da meno Interverranno le toghe rosse quelle che vanno contro Salvini per assicurare alla giustizia i militari libici

Libia, così si spara ai pescherecci italiani: il video dell'abbordaggio degli uomini di HaftarSpari e non soltanto in aria ben visibili dai fori di proiettili nella parte superiore della plancia di comando del peschereccio di Mazara del Vallo Michele Giacalone. A seguire un gommone guidato da milizie libiche che si accosta al peschereccio. Gli uomini del generale Haftar salgono così a bordo armati con mitra e pistole. È quanto si vede nel video girato sul peschereccio Michele Giacalone che prova l’attacco da parte dei libici all’alba del 3 maggio, a circa 40 miglia da Bengasi, nel Mediterraneo centrale. La Giacalone fa parte della stessa marineria delle imbarcazioni Aliseo e Artemide, bersaglio del successivo attacco in cui è rimasto ferito uno dei comandanti.L'attacco alla Giacalone si è concluso con l’intervento della fregata Alpino della Marina militare che ha riportato i pescatori in salvo. Una vicenda analoga a quella avvenuta l’1 settembre 2020 quando 18 pescatori di Mazara del Vallo furono sequestrati dalle milizie del generale Haftar per poi trascorrere 108 giorni di detenzione in Libia prima di essere stati liberati dopo oltre tre mesi i il 17 dicembre 2020.Di Alessandro Puglia Gente in ginocchio delrio orfini?

Bengasi, peschereccio italiano mitragliato da motovedetta militare libica: ferito il comandanteIl peschereccio 'Aliseo' della flotta di Mazara del Vallo è stato mitragliato da una motovedetta militare libica Avvisate la meloni che fa uscire la sua flotta e li bombarda Questi beduini hanno davvero rotto i coglioni. Consiglio al comandante, se vuole pescare tranquillo ,di scrivere Open Arms al posto di Aliseo sulle murate.