Letta, la rivincita dell’ex premier Dopo 7 anni finisce l’esilio parigino

Nel 2014 lo «stai sereno» di Renzi. «Grande lezione di vita»

12/03/2021 03.01.00

Letta, la rivincita dell’ex premier Dopo 7 anni finisce l’esilio parigino

Nel 2014 lo «stai sereno» di Renzi. «Grande lezione di vita»

EmailNel 2007, quando sfidò Veltroni e Bindi alle primarie per la leadership, sognava un Pd «a tinte forti» come i quadri di Van Gogh: «Un giallo che sia giallo, un blu che sia blu». Quattordici anni e otto segretari dopo tocca a Enrico Letta dare forma e colore a una forza politica sempre più pallida e sbiadita, in crisi di identità e in calo nei sondaggi. Invocato come l’uomo della provvidenza, paragonato a Mario Draghi e al Conte di Montecristo di Dumas e atteso (o temuto) dai dem come la nemesi della mitologia greca, l’ex premier è pronto a togliersi di dosso la grisaglia per indossare l’elmetto.

Il Vaticano si scaglia contro il ddl Zan: «Fermate la legge, viola il Concordato» Covid, stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno 'Io e tanti altri espatriati non torneremo se l'Italia non ci tutela'

Un sì meditato, sofferto e forse inevitabile per uno che sente ancora«il Pd nel cuore». Incredibile ma vero dopo il fuoco amico, i voltafaccia e i tradimenti che lo hanno costretto a lasciare nel 2014 Palazzo Chigi, poi il partito e anche il Parlamento, raro esemplare di deputato che molla lo scranno per cercarsi «un mestiere vero». Sette anni dopo e «un po’ di capelli in meno», Letta mette fine all’esilio parigino e atterra a Roma, il trolley pieno di nuove esperienze e soddisfazioni. Ha fondato due istituzioni no-profit, la Scuola di Politiche e l’Associazione Italia-Asean ed è presidente dell’Istituto Jacques Delors. L’Ècole d’affaires internationales di Sciences Po, da cui dovrà dimettersi, è passata sotto la sua direzione dal tredicesimo al secondo posto nel mondo dopo Harvard e certo gli sarebbe piaciuto, magari il prossimo anno, arrivare in vetta.

Riformista liberale, ulivista, europeista, ambientalista e milanista sfegatato, Letta professa da sempre un «rispetto sacrale delle istituzioni», ha con Draghi un buon rapporto ma non millanta chissà quale consuetudine. Detesta il dileggio, l’insulto, le scorciatoie, la «selfizzazione del messaggio politico», la ruspa di Salvini e il machiavellismo di Renzi. Un tempo gli faceva orrore anche il «vaffa» di Grillo, ma negli anni Oltralpe è diventato un teorico del dialogo con i 5 Stelle: «Il populismo non può essere liquidato come un grido di rabbia, semmai è un grido di dolore». headtopics.com

Nato a Pisa il 20 agosto del 1966e laureato in Diritto internazionale, è sposato con la giornalista delCorriereGianna Fregonara e ha tre figli, Giacomo, Lorenzo e Francesco. Il quasi-segretario del Pd muove i primi passi nel Partito Popolare. Il suo «padre» politico è Beniamino Andreatta, l’ideatore dell’Ulivo, che nel 1993 segue al ministero degli Esteri come capo segreteria nel governo Ciampi. Vicesegretario del Ppi dal gennaio 1997, un anno dopo a 32 anni D’Alema lo chiama alle Politiche comunitarie e Letta strappa ad Andreotti il primato di più giovane ministro della storia repubblicana. È solo l’inizio di una carriera politica da predestinato, che lo vede ministro nei governi D’Alema e Amato e nel 2004, con la lista Uniti nell’Ulivo, deputato europeo da 176 mila preferenze.

A Palazzo Chigi entra per la prima volta nel 2006da sottosegretario alla presidenza, Prodi ha battuto Berlusconi e Gianni Letta deve lasciare il posto al nipote. Un anno dopo, quando nasce il Pd, l’ex responsabile per l’Economia della Margherita si candida alla segreteria con un video su Youtube: «Vorrei fare in modo che il nuovo partito sia costruito un po’ come l’enciclopedia Wikipedia». Si piazza terzo e Veltroni, primo segretario, lo sceglie come ministro ombra del Lavoro. Nel 2008 è eletto deputato e nel 2009, quando Bersani vince le primarie, lo chiama al suo fianco come vice. La stima oggi è ancora intatta. «Prima del diluvio - lo abbraccia l’ex segretario — c’era un partito in cui due persone come noi potevano collaborare con vera amicizia e lealtà».

Due virtù che adesso a dir poco scarseggiano nel Pddilaniato dalla lotta intestina, eppure Letta non sembra preoccuparsi troppo. Il partito è molto cambiato, ma anche lui lo è. La «cacciata da Palazzo Chigi» che Renzi gli impose nel 2014 è stata una lezione dura di cui ha fatto tesoro. Nel 2017 Renzi scrive

Avantie lo tira in ballo «in modo sgradevole» e Letta, che per stile e formazione avrebbe risposto con un silenzio gelido, per una volta non si tiene: «Si sta avvitando in una spirale degna di Freud». Due anni dopo nel libroHo imparato headtopics.com

Von der Leyen oggi a Roma consegna la 'pagella' a Draghi, Bruxelles promuove il Pnrr italiano Netflix: accordo con Spielberg per diversi film all'anno Fendi presenta la collezione PE22 alla Milano Fashion Week

Letta si racconta come un uomo che è caduto e si è rialzato, grazie agli studenti di Sciences Po e ai cento ragazzi italiani che ogni anno si iscrivono alla sua Scuola di Politiche. Suonerà paradossale, ma l’ex premier arriva a ringraziare Renzi per averlo rottamato: «Non poteva capitarmi esperienza più carica di lezioni di vita».

Chi apprezzava (o detestava) la sua moderazione, la diplomazia felpata e un autocontrollo a volte scambiato per freddezza, scoprirà un Letta pronto a dare battaglia. Se in passato è stato «troppo morbido», ora ha imparato che «dentro i conflitti bisogna immergersi fino in fondo», perché di questi tempi la radicalità delle idee «è imperativo categorico». Insomma, basta con la mediazione a tutti i costi. Le correnti del Pd, alle quali ha chiesto come unica condizione di «essere messo in condizione di far bene», sono avvisate.

11 marzo 2021 (modifica il 11 marzo 2021 | 23:02) Leggi di più: Corriere della Sera »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Letta...proprio 👎 Ma tu sei FUORI DI TESTA...sei a parigi e torni qui in questo paese a farti prendere per il culo e farti dire un STAI SERENO BIS...da quell omino? Tu....SEI FUORI DI TESTA👍👍👍 col cazzo che tornavo io...in francia😔😔😔 che sogno😭😭😭 Troppo di alto profilo per gli italiani, serve un comunicatore, un uomo di neanderthal, che dica alla gente quello che si vuole sentir dire. La sobrietà e la competenza non premiano.

Esilio? staisereno 🙄 🥱 Ha accettato!!! ... chi mai lo avrebbe immaginato!!! 😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂 Lo distruggerano, ahimè’! Mastiqazzi Vorrei andarci io in esilio, in una città come Parigi, e con lo stesso stipendio. Matteostaisereno

Letta: 'Ho dormito come il principe di Condé' e posta foto al Nazareno 7 anni dopo'Lo ammetto. L'emozione non manca a salire di nuovo al Nazareno, più di sette anni dopo. iocisonoPD. Ci vediamo alle 11.45', scrive su Twitter Enrico Letta Si prevede un nuovo accordo politico tra PD e 5Stelle si chiamerà LETTAMAIO !!😂😂

E viva la DC Caro Enrico con la nuova legge elettorale dei TALENT SCOUT E TAGLIATORI DI TESTE e' meglio una scissione che una FISSIONE IN...CON DI MAIO...PER VIA DELLA 'FISSA'...FARE UN MINESTRONE CON UNA 'SOLA' E UN TACCO DI SCARPONE...VOMITA!!! “Esilio”? “Rivincita”? Esilio dorato

Identità, ius soli e scelte forti: il nuovo Letta guarda al dopoLa terapia d’urto del segretario che sorprende per decisionismo. Lo scopo è riportare i dem al centro della politica e prepararsi alla battaglia delle elezioni in un’ottica bipolare Ma nn poteva “stare sereno” almeno per i prossimi trent’anni ? Terapia intensiva Scelte folli

Pd, la mossa di Letta: segreteria unitaria, ma nomi scelti da luiIra dei renziani, correnti snobbate. Delrio valuta le dimissioni. L’obiettivo è riagganciare sindacato, partite Iva e insegnanti Sparirà ancora. Forse per sempre EnricoLetta

Il Pd della Granda allineato alle posizioni del neo segretario LettaSta per partire nei 25 circoli Pd della provincia la discussione sui 20 punti del vademecum voluto dal neo segretario del Partito democratico, Enrico Letta, per avviare una campagna d’ascolto con la base. I temi vanno dallo Ius Soli alle riforme. Per ogni punto è chiesta un'opinione in 100 parole. ... Questi sono sempre allineati

Sindaco di Roma, incontro Gualtieri-Letta: 'No a fughe in avanti, si decide in aprile'Dall’incontro tra il segretario del Partito democratico, Enrico Letta, e l’ex ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, è emersa “grande sintonia”. Al centro del faccia a faccia le prossime elezioni amministrative a Roma