Le storie di speranza di Paolo Rossi: “La forza me la danno i maestri del passato, da Fo a Gaber”

L’attore e comico in scena con “Pane o libertà” in una mini tournée milanese che parte dal Chiostro del Piccolo Teatro. «Questa è una personale via di fuga verso un teatro sociale»

09/07/2020 09.18.00

L’attore e comico in scena con “Pane o libertà” in una mini tournée milanese che parte dal Chiostro del Piccolo Teatro. «Questa è una personale via di fuga verso un teatro sociale».

L’attore e comico in scena con “Pane o libertà” in una mini tournée milanese che parte dal Chiostro del Piccolo Teatro. «Questa è una personale via di fuga verso un teatro sociale»

Adriana MarmiroliPubblicato il09 Luglio 2020Prima il debutto al Chiostro Nina Vinchi del Piccolo Teatro, poi una mini tournée milanese: al Chiostro della Certosa di Milano (domani, 10 luglio) e al Giardino delle Culture (sabato 11 luglio). Finito il lockdown, Paolo Rossi torna davanti al pubblico che aveva lasciato a febbraio quando, fortunatamente per lui, la tournée di «Il re anarchico e i fuorilegge di Versailles» era agli sgoccioli.

Omicidio Desireé: tutti condannati, due all'ergastolo - Cronaca Scontro Orban-Ue: il premier ungherese vuole depotenziare la plenaria di Strasburgo 'Certi amori non finiscono', Zeman torna a Foggia - Calcio

Proprio in quei giorni stava iniziando a mettere a punto lo spettacolo «Comandante delle cause perse» (titolo super provvisorio) con cui a maggio avrebbe dovuto debuttare proprio al Piccolo. Il Covid ha buttato tutto all’aria. Ma non lo ha fermato. Non si è mai fermato Rossi, neppure durante i giorni più cupi: con le Brigate Brighella portava alimenti nelle case di ringhiera della periferia milanese, mettendo in scena contemporaneamente rapidi spettacoli in cortile. «Poco per volta ci riprenderemo la città», dichiarava beffardo.

«Pane o libertà. Su la testa» è il titolo dello spettacolo della ripartenza, figlio ed evoluzione di quello che aveva iniziato a concepire: realizzato per lo Stabile di Bolzano, con le musiche dal vivo degli Anciens Prodiges (gli ex Virtuosi del Carso Emanuele Dell’Aquila, Alex Orciari e Stefano Bembi), il 3 giugno ha debuttato proprio a Bolzano con quelle che erano ufficialmente prove aperte, si è trasferito per qualche replica “in anteprima” a Trento, e ora è a Milano: un quasi debutto. Poi lo porterà in tournée a Genova e nel Veneto. headtopics.com

Nel titolo uno degli interrogativi dei nostri tempi: la scelta tra mangiare (e vivere) o avere la libertà (e morire di fame). «Dipende da cosa si intende per pane, che può anche essere salute o protezione - dice l’attore -. Più si vuole una delle due cose e più si deve concedere sull’altra». È comunque possibilista circa la terza opzione (entrambe). «La difficoltà aguzza l’ingegno. I teatranti “ci provano”: a Bolzano mi sono inventato un tour guidato mentre stavo facendo le prove aperte. Neanche fossi un’opera d’arte».

Al telefono lo troviamo che sta mettendo a punto il debutto al Chiostro, dove andrà in scena ancora stasera e anche in diretta sul grande schermo del Mare culturale urbano di via Gabetti, in zona San Siro. Qualcosa di molto diverso (ci farà capire) da quanto ha fatto finora. Ma con lui - ci viene da dire - è la norma. Domani diverso da dopodomani e da ieri. Qui pare che il problema sia eccesso di idee e creatività, ovvero la durata eccessiva.

Pensato durante il lockdown, di «Pane o libertà» dice ancora: «Questa è una personale via di fuga verso un teatro sociale. La mia risposta per alzare le difese immunitarie del pubblico (presente… o meno)». Pensava per i tempi nuovi, e si è trovato a rievocare il passato: «Capita spesso quando cerchi il nuovo: quasi sempre finisci nell’antico».

E infatti nel titolo cita il proprio fortunato programma comico su Rai3, mentre nel programma di sala vengono nominati i suoi “maestri”, quelli che hanno fatto la Milano cabarettistica negli Anni ‘60: Gaber Jannacci Fo... «Con loro, evocati, c’è Arlecchino: all’origine maschera demoniaca, fa da tramite tra aldiquà e aldilà. Rievocherò i miei sogni lucidi, fatti di storie che aiutano a resistere. Storie di artisti che per fortuna ho realmente incontrato nella mia vita. C’è anche De André, e persino il fantasma della Callas, i comici del Derby e altri sconosciuti. Parlerò di queste personalità fantasmagoriche e poetiche, non controllabili da nessun piccolo o grande fratello, che con le loro narrazioni hanno portato conforto, idee per lottare e speranza». headtopics.com

Padova, violentò cinque ragazze straniere in vacanza nel suo bed & breakfast: 9 anni e 8 mesi di carcere a un carabiniere - Il Fatto Quotidiano Roma, autobus in fiamme sulla Portuense, nessun ferito Report, dal Tar ok all'accesso agli atti - Politica

A ritrovare il pubblico ammette di essersi emozionato, di essere emozionato. «Noi attori lo facciamo sempre, anche durante le prove. Perché è il momento della creatività. Detto ciò, sì, che mi sono emozionato a tornare in teatro dopo tre mesi. Mi sono accorto di quanto mi mancasse il pubblico. L’epidemia, come la censura, è un ostacolo e come tutti gli ostacoli è però diventata uno stimolo».

Piccolo Teatro, Chiostro Nina Vinchi, via Rovello 2, fino al 9 luglio, ore 21.30, 5 euro; Municipi: 10 luglio (Chiostro Certosa di Milano, via Garegnano 28) e 11 luglio (Giardino delle Culture, via Morosini 8) ingresso gratuito; prenotazione obbligatoria allo 02-42411889 oppure piccoloteatro.org

©RIPRODUZIONE RISERVATAI perché dei nostri lettori“Un’informazione seria, libera, competente e autorevolecome quella de La Stampa merita un abbonamento.FrancescoI perché dei nostri lettori“Perché La Stampa è il quotidiano su cui ho imparato a leggere. La famiglia di mia mamma era di Torino. Una copia era sul tavolo, tutti i giorni.

Per me La Stampa è casa.PaolaI perché dei nostri lettori“informa senza distorcere i fatti, perché nella suasa prendere posizione autonoma anche a costo di andare contro corrente.FabrizioI perché dei nostri lettori“Da 50 anni sono un lettore de La Stampa. È il quotidiano che apprezzo perché è headtopics.com

equilibrato nei commenti, ha editoriali interessanti, giornalisti competenti Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

PAOLO ROSSI....MAI PIACIUTO.

La sfida dell’alpinista Tamara Lunger: «La mia estate scalando le 20 cime più alte d’Italia»L’alpinista altoatesina da inizio luglio a metà settembre salirà le cime più alte delle venti regioni italiane: «Un viaggio all’insegna della scoperta, dopo le costrizioni della pandemia». «In gennaio con Simone Moro ce l’eravamo vista brutta»

La sabbia minaccia la prova-passerella col premier e le tv - Il Fatto QuotidianoCon il fiato sospeso per verificare che la sabbia non giochi un brutto tiro al Mose, di fronte al presidente del Consiglio, ai ministri, a stampa e televisioni di tutta Italia. Il 10 luglio è fissato l’appuntamento sull’isola artificiale al Lido per osservare l’innalzamento di tutte le 78 paratoie alle bocche di porto della Laguna … Un altro ecomostro che non funzionerà mai!!! 7 miliardi di € buttati nel cesso grazie al cdx!!! No no, non scherzate, il centro destra ha detto opera grandiosa, poi dopo 10 miliardi la sabbia😁😁😁😂😂👏 cioè questa al posto di toninelli nun se po ne vede ne senti !!!!!!!

Cristina Fogazzi e Paolo Stella in vacanza con il «megatour» tra i borghi italiani - VanityFair.itL'Estetista Cinica e lo scrittore Paolo Stella fino al 15 luglio sono in viaggio con i loro nuovi libri per scoprire i borghi Bandiera Arancione: cosa vedremo, e perché (anche) grazie a loro impareremo un nuovo modo di viaggiare

«Troppi debiti con le banche, le imprese cerchino capitali sul mercato»Beverini (Lazard): «Per evitare fallimenti aziendali da inizio 2021, servono rafforzamenti patrimoniali». L'intervento di private equity e fondi di credito sono un “ponte” per la quotazione in Borsa. Gli Usa più rapidi dell'Europa nelle ristrutturazioni delle aziende»

Le Bureau 5, le foto della nuova stagione della serie tvLeggi su Sky TG24 l'articolo Le Bureau 5, le foto della nuova stagione della serie tv in onda su Sky

Le Blackpink, il K-pop, la moda e il nuovo singoloLa girl band sudcoreana è tornata con un nuovo singolo, How You Like That. Abbiamo parlato con Jisoo, Jennie, Rosé (ambassador Saint Laurent) e Lisa dell’uscita del disco, della collaborazione con Lady Gaga e del perché la “musica è davvero universale” ygofficialblink Non sono neanche lontanamente le Blackpink ad avere risposto lmao, a parte che è improbabile, non credo proprio che avete parlato con loro via e-mail. Al massimo uno a caso della yg o dello staff. ygofficialblink Non c'è neanche il nome del membro che dice le risposte, troll comunque brutta intervista in ogni caso, domande brutte e basiche slays_world ygofficialblink 💚