Le piccole, grandi storie di moda: quella volta che dai reggiseni si è arrivati sulla Luna - VanityFair.it

Anche l'alta sartoria ha portato l'uomo sulla luna!!

24/07/2021 20.01.00

Anche l'alta sartoria ha portato l'uomo sulla luna!!

Ogni settimana, vi raccontiamo una storia curiosa, poco nota o degna di essere ricordata ancora una volta, attorno all'universo fashion. Nel terzo episodio approfondiamo il ruolo dell'alta sartoria in uno dei più grandi passi avanti dell'umanità: quello sulla Luna

Essia SahliModa e tecnologia hanno da sempre un forte legame. Le tendenze nascono dalle nuove scoperte in fatto di materiali e, viceversa, le novità più innovative in questi termini influenzano in continuazione le nuove collezioni moda. La storia che vogliamo raccontarvi questa settimana, tuttavia, non riguarda un trend effimero, ma un «outfit» entrato nella storia (e non solo quella della moda) proprio per via della sua concezione tecnologica, che ha permesso all’uomo… di sbarcare sulla Luna. Parliamo della

Strasburgo, David Sassoli ricoverato per polmonite da 5 giorni Clima, Draghi: 'È un'emergenza pari alla pandemia' Covid, dall'1 ottobre obbligo Green pass per entrare in Vaticano

tuta spaziale indossata da Neil Armstrong sull’Apollo 11, il cui design è stato progettato da un’azienda fashion estremamente celebre: la, nota per la produzione di reggiseni e guaine sin dal suo lancio, nel 1947.Life, 1969Impossibile dimenticare l’iconica cover dell’astronauta su

Life, in un’immagine che lo ritraeva sulla luna riportando il titoloTo the moon and back(fino alla Luna, e tornando indietro): una fotografia scattata del pilota del modulo lunareBuzz Aldrin che, come tutto l’equipaggio, indossava la tuta spaziale ideata da Playtex headtopics.com

specialmente per l’EVA, attività extra veicolare. Un salvagente per tutti gli astronauti della missione, ma anche una vera e propria protezione sulla superficie lunare, dalle radiazioni solari così come dalle temperature estreme. La tuta spaziale su misura di Armstrong, modello A7L, presentava il numero di serie 056, e il suo costo all’epoca era stimato a circa 100mila dollari, a cui si dovevano aggiungere casco, guanti e uno zaino per l’ossigeno: praticamente,

una piccola astronave da indossare. Ma perché è stata proprio un’azienda specializzata in reggiseni a dare vita a questo fondamentale pezzo di moda e tecnologia?Le tute spaziali vennero create dalle sarte della International Latex Corporation – il nome ufficiale della Playtex – e, a quanto pare, l’azienda iniziò ad adattare la sua esperienza in fatto di guaine e reggiseni alla ricerca sull’abbigliamento pressurizzato, proprio perché

notò l’apertura di un «nuovo mercato» nella corsa allo spazio. Una ricerca impegnativa, indubbiamente, che tuttavia valse la pena di essere intrapresa. Le tute erano il risultato di unmix perfetto tra tecnologia all’avanguardia e artigianato tradizionale

. Mentre la maggior parte dei materiali adoperati nella produzione esisteva molto prima del programmaMoon, uno di questi è stato inventato appositamente per la missione: dopo che un incendio di un veicolo spaziale uccise tre astronauti dell’Apollo durante un test a terra nel 1967, la NASA stabilì che tutte le tute dovessero resistere a temperature di oltre 1000 gradi Fahrenheit. La soluzione? headtopics.com

Altro ultimatum all'Uefa per la Superlega: 'Annulli le sanzioni' Allegri furioso a fine partita, la frase urlata uscendo dal campo: «E vogliono giocare nella Juve» Boxe, sul ring con tatuaggi nazisti: Michele Broili perde il titolo italiano e scatena le polemiche

Un nuovo tessuto innovativo chiamato tessuto Beta, realizzato con microfibre di vetro rivestite in teflon, utilizzato per lo strato più esterno della tuta.La sfida più difficile per l’International Latex Corporation di Dover fu quella dicontenere la pressione necessaria per sostenere la vita umana

(circa 170 chili per pollice quadrato di ossigeno puro), pur mantenendo una flessibilità sufficiente e consentire la libertà di movimento degli astronauti. Gli ingegneri dell’azienda, tuttavia, avevano anni di esperienza negli indumenti di gomma – ovvero, reggiseni e guaine – e inventarono un giunto a soffietto, chiamato convoluto, in neoprene rinforzato con nylon tricot. Una scoperta rivoluzionaria, che permetteva a chi la indossava di piegarsi su spalle, gomiti, ginocchia, fianchi e caviglie, attraverso uno sforzo relativamente ridotto. Inoltre, vennero utilizzati dei

cavi aeronautici in acciaio in tutta la tuta, assorbendo così le forze di tensionee aiutando a mantenerne la forma anche sotto pressione. Illavoro delle sarte della Playtex poi, fu il tassello essenziale per la riuscita della missione.È grazie alla loro precisione senza pari che l’uomo mise piede sulla luna: gli standard di sicurezza della NASA erano infatti estremamente fiscali, tanto che, in ogni abito confezionato a mano, un

errore di cucitura piccolo come 1/32 di pollice poteva fare la differenza tra la vita e la mortedi un astronauta, se non si fosse trovato l’errore prima della partenza. Come disse Neil Armstrong all’epoca: «Le tute spaziali erano come mini astronavi. Se quelle tute fallivano, sarebbe andata così. Tutto finito». Una responsabilità talmente grande da pesare enormemente sull’ansia da prestazione delle sarte: una di loro, Anna Lee Minner, in un’intervista alla CBS dichiarò persino di aver pianto ogni sera a casa, al ritorno dal lavoro, consapevole che dalla sua precisione dipendesse la vita di una persona. Come sappiamo, tuttavia, andò tutto bene ed è anche headtopics.com

grazie all’estrema dedizione che la moda artigianale rappresenta da sempre, che l’umanità potè compiere questo «grande passo» . Leggi di più: Vanity Fair Italia »

11 settembre, Biden ricorda le vittime: “L’unità è la nostra forza”

Leggi su Sky TG24 l'articolo 11 settembre, Biden ricorda le vittime degli attentati: “L’unità è la nostra forza”. VIDEO

Royal holidays: ecco le mete preferite per le vacanze della famiglia reale inglese - VanityFair.itSiete alla ricerca di nuove mete di viaggio che vi lascino senza fiato? Dalle Alpi Svizzere all’Africa, passando per Malta prendete ispirazione dai Windsor

Tutti i motivi per cui le donne che fanno sesso anale hanno più orgasmi - VanityFair.itSecondo un nuovo studio, la stragrande maggioranza di donne che pratica il sesso anale raggiunge l'orgasmo, cosa che accade più difficilmente con la penetrazione classica

Clima, le alluvioni catastrofiche potrebbero diventare 14 volte più frequenti - VanityFair.itLo suggerisce uno studio dell’Università di Newcastle, che ha valutato il ruolo delle tempeste lente nel causare devastanti acquazzoni in Europa. La colpa è del riscaldamento globale

Harry e il «libro bomba»: «Focus sulla morte di Diana e le cause dell’incidente» - VanityFair.itSecondo l’esperta Angela Levin, il duca concentrerà il suo memoir sulla dolorosa perdita della mamma e sui «colpevoli» di quello schianto. Ma per i maligni, dietro alla biografia c’è lo zampino di Meghan Markle...

Green pass per ristoranti, cinema e palestre al chiuso, le nuove regole - VanityFair.itFra le altre misure del nuovo decreto, la proroga dello stato di emergenza e il cambio dei parametri per l’attribuzione dei colori alle regioni

Le esperienze taylor made di Belmond Villa San Michele - VanityFair.itUn emozionante tour tra Firenze e Fiesole alla scoperta di artigiani locali, celebri artisti ed esclusive proposte culinarie