Le nuove sneaker di Versace e tuttle le novità moda della settimana iO Donna

17/10/2020 20.42.00

Le sneaker di Versace e altre idee shopping

Le sneaker di Versace e altre idee shopping

Le sneaker Versace, la collaborazione tra H&M e Susie Cave, la collezione di Clara Luciani per Sandro Paris... e tutte le novità online e in negozio

, disponibile online e nei negoziEvelyne Chetrite e Clara Luciani.La decisione è stata presa prima della diffusione dell’epidemia di CoronavirusA cosa ti sei ispirata nel disegnare la collezione?tre giorni prima di iniziare a disegnare gli sketch della collezione, e questo ad esempio mi ha ispirato nel creare una camicia molto simile a quella indossata da Jack Nicholson.

I Seventies sono sicuramente una delle decadi che amo di più, per la moda, per il design, per la musica, per tutto direi! Definirei Clara Luciani X SandroClaraTu sei francese, Sandro Paris è francese. Si sente parlare spesso di stile à la Parisienne. Quali sono i must-have per raggiungerlo?

Leggi di più: iodonna »

Scioglimento dei ghiacciai in Italia: lo stato dei ghiacciai Careser e La Mare | Il Sole 24 ORE

Gli studi sul ritiro del ghiacciaio Careser nelle Alpi italiane ci dice qualcosa sullo stato del clima e sul nostro futuro. I dati, i confronti e le immagini Leggi di più >>

Rosanna D′Antona: «Mi manca Umberto Veronesi, l'uomo che curava le donne» - iO DonnaRosanna D’Antona, presidente di Europa Donna, ha scritto un libro per ricordare Umberto Veronesi, che le ha salvato la vita e gliel’ha cambiata per sempre. Da allora - e grazie al “suo” professore - si è dedicata a creare una rete al femminile. Perché le donne, insieme, possono far sentire la loro voce. L’importante è che ci credano, e che pensino a tutelare la loro salute

Dall’industria del ferro al coding, passando per le nanotecnologie: chi sono le finaliste del premio GammaDonnaGammaDonna 2020, le 5 donne che hanno vinto il premio per l'imprenditoria femminile innovativa alelomi

Mascherine, allarme dell'Interpol: 'Criminali le usano per aprire le manette'Segnalati a carabinieri, polizia e guardia di finanza molti casi di evasioni e fughe eseguite usando il ferretto per stringere il dispositivo al naso. Avete delle manette che fanno ridere se si aprono così facilmente. E basta con queste cretinate. Se uno è ammanettato dovrebbe esserci un agente vicino a lui. Non si accorge del maneggio con la mascherina? ahahahahahhaha , puttanate basta o ne avete ancora molte?!?

Abiti da sposa, tutte le nuove collezioni per il 2021 - VanityFair.itPresentate - ma solo in formato digitale - a New York le collezioni Bridal per l'Autunno-inverno 2021/22. Perché non c'è pandemia che possa fermare la voglia di amarsi, sposarsi... e di indossare il più bello degli abiti bianchi

Coronavirus, Fontana: “Le nuove misure non saranno drammatiche”La Regione Lombardia annuncia nuove misure e lo fa per bocca del governatore Attilio Fontana. Che annuncia: «Se facciamo in tempo faremo stasera la nuova ordinanza per il contenimento del contagio di coronavirus, ma se non riusciamo per una questione di tempo, la faremo domani». Fontana lo ha detto al ... “Sono meno preoccupato che a Marzo”... mi dispiace davvero per voi amici Lombardi Il Dramma è vederlo ancora al suo posto. 🤦🏻‍♂️ Ma come fa ad essere ancora al suo posto questo scappato di casa?

Fotorassegna stampa, le prime pagine dei quotidiani di venerdì 16 ottobreLe prime in edicola oggi MAI CALENDA SINDACO DI ROMA, HA GIA PERSO😷😷😷😷 IDEM SGARBI E GILETTI! SPRECANO SOLO IL LORO TEMPO😷😷😷😷😷 HO GIÀ DECISO CHI SARÀ IL SINDACO DI ROMA!

nel 1984, trasformandola in un’azienda internazionale.di Cristina Lacava M aria, Adriana, Claudia, Edna, Alberta: sono donne che hanno combattuto, con grazia e dolcezza, contro il cancro al seno.Recovery Fund: diamo i soldi alle donne Marta Bonaconsa – Nanomnia Nanoparticelle su misura: l’immenso valore di un miliardesimo di metro per la salute, la bellezza, la moda e, soprattutto, l’ambiente.L'allarme è arrivato da Bruxelles nei giorni scorsi.

Dall’altro, Clara Luciani , classe 1992, cantautrice pop di successo con classe e stile da vendere. Oggi co-direttrice artistica dell’ultima capsule collection del marchio per l’ autunno inverno 2020/2021 , disponibile online e nei negozi dal 15 ottobre Clara Luciani X Sandro è in tutto e per tutto lo specchio dello stile dell’artista francese. Le ha conosciute Rosanna D’Antona, ex manager nella comunicazione, oggi impegnata a tempo pieno come presidente di Europa Donna , il movimento che rappresenta le donne davanti alle istituzioni per la prevenzione e la cura del cancro al seno. Una collezione che copre il total look, dove spiccano pantaloni palazzo, jeans a zampa, gilet in maglia, camicie a righe maschili. Miriam Gualini – Gualini Lamiere International S. E poi gli accessori, dalle Mary Jane in stile preppy ai texani d’ispirazione cowboy, alle cinture con le catene. Dal 2010 è presidente di Europa Donna. Pezzi senza tempo, determinati, retrò e androgini. Cronaca Roma, Montesano in piazza Montecitorio senza mascherina con Salvini: fermato dalla polizia Le mascherine-criminali - avvertono i colleghi internazionali - non vengono usate dai malviventi solamente per evadere, ma anche per nsacondere piccoli quantitavi di droga.

Un po’ come lei, che della moda è sempre stata appassionata: la sua ultima collaborazione a dicembre 2019 con Miu Miu, prima di disegnare – in quarantena – questa capsule. Oggi si sente più forte, arricchita dall’esperienza, dalla voglia di fare qualcosa per le altre utilizzando quelle stesse competenze che l’avevano fatta emergere nel lavoro. Da oltre 60 anni, Gualini è specializzata nella lavorazione della lamiera e da quasi 30 è guidata da una donna che è riuscita a internazionalizzare l’azienda, a raddoppiare il proprio stabilimento produttivo e il numero dei dipendenti, investendo sull’innovazione , con una focalizzazione particolare sulla sostenibilità ambientale (pali eolici, strutture di forni elettrici per acciaierie e impianti di cogenerazione). Le abbiamo incontrate entrambe, a distanza, per conoscere più da vicino il loro progetto, tutto al femminile. Evelyne Chetrite e Clara Luciani. A lui Rosanna ha dedicato un libro, Il mio professore (Piemme), racconto intimo di una rinascita ma anche storia che ci riguarda tutte. Com’è nata la collaborazione con Clara? Perché proprio lei? Evelyne : Ho scelto Clara perché l’ho sempre seguita come artista, apprezzo la sua musica – oltre che la sua attitudine naturale e il suo senso dello stile. La decisione è stata presa prima della diffusione dell’epidemia di Coronavirus . Dobbiamo crederci.

Abbiamo lavorato insieme via Zoom e la capsule è stata interamente progettata durante il lockdown. Clara ha scelto i tessuti, i tagli, tutto tramite uno schermo, ma nonostante ciò è riuscita a trasporre il suo stile nella collezione. Quel 15 giugno le dicono però che serve un approfondimento e, dopo altri esami arriva la telefonata: tumore al seno sinistro, da operare subito. A cosa ti sei ispirata nel disegnare la collezione? Clara : La mia vita in generale. E poi tutte le mie passioni, i film. Ho sentito che era tutto finito. Ho rivisto Shining tre giorni prima di iniziare a disegnare gli sketch della collezione, e questo ad esempio mi ha ispirato nel creare una camicia molto simile a quella indossata da Jack Nicholson.

Solitamente mi lascio ispirare da tutto quello che mi circonda , anche nella musica, e così è stato anche per questo nuovo progetto. Subito dopo, la rabbia. Ma ci sono anche molte ispirazioni anni Settanta nella collezione… I Seventies sono sicuramente una delle decadi che amo di più, per la moda, per il design, per la musica, per tutto direi! Definirei Clara Luciani X Sandro una versione moderna degli anni Settanta , una reinterpretazione. Questa capsule ha il vantaggio di essere composta da pezzi senza tempo, che possono essere indossati per più stagioni di seguito. Avevano ancora bisogno di me. Un’artista attenta allo stile. Da dove nasce il tuo amore per la moda? Clara : Tutto è iniziato quando avevo solo 8 anni. Alla prima visita, capisce subito che può affidarsi a lui.

All’epoca mi imbattei in un film francese con protagonista Catherine Deneuve e sua sorella, “ Josephine, The Young girl of Rochefort ” di Jacques Demy. All’epoca ai miei occhi di bambina i costumi sembravano davvero speciali, ricordo che mi colpirono moltissimo i colori degli abiti delle protagoniste, vividi e intensi. Cosa l’ha conquistata? Già entrando nello studio, con tutte quelle lauree appese al muro, sentivi l’autorevolezza. Tu sei francese, Sandro Paris è francese. Si sente parlare spesso di stile à la Parisienne. Mi disse “stai tranquilla, non morirai di questo”, e aveva ragione. Quali sono i must-have per raggiungerlo? Clara .

Credo che lo stile tipicamente parigino sia una cosa molto naturale. Non la inquietava? No, assolutamente. L’idea è quella di non pensare troppo a come vestirsi, indossare ciò che si vuole e non risultare mai complicati: è uno stile molto confortevole, che si abbina alla perfezione a un make-up leggero e a un’acconciatura messy. A quali donne è indirizzata la capsule collection? Evelyne . Mi sono subito tranquillizzata. A delle donne contemporanee, non per forza ossessionate dalla moda, ma che riconoscono e amano le cose belle e i capi senza tempo. Immaginiamo di vestire donne dalla personalità forte, attente all’eleganza. Per questo, con Europa Donna, abbiamo lottato per le Breast Unit, i Centri specializzati d Senologia con percorsi unitari e multidisciplinari per ogni paziente.

Molto simili a Clara: delle Millennials con un forte senso dello stile . Uno dei gilet in maglia della collezione Clara Luciani X Sandro. Non si devono costringere i malati a fare i viaggi della speranza. Donne uniche e originali… un po’ come la capsule collection. Evelyne . Ho capito che la vita sta dentro un bicchiere di vino, prima o poi finisce per tutti. Esatto! Clara Luciani X Sandro è una collezione in edizione limitata, ogni capo è numerato .

Si tratta di una linea davvero importante per il nostro brand, concepita sin dal principio come esclusiva. E quando è guarita? Cinque anni dopo, avevo davanti a me l’ultimo blister di Tamoxifen, il farmaco che avevo preso tutte le mattine, al quale avevo affidato le mie speranze. I pezzi sono diversi e vestono le donne in ogni momento della giornata: non solo capi, ma anche accessori, scarpe, calze, bijoux. Parlando di star, gli abiti Sandro Paris piacciono anche alle reali, da Letizia Ortiz a Kate Middleton… Evelyne . Mi avrebbe ricordato, ogni giorno, che la vita è un dono meraviglioso, che va rispettato. Possiamo dirlo: siamo molto orgogliosi che le reali scelgano di indossare i nostri capi, anche perché non si tratta di regali. Hai fondato Sandro Paris nel 1984: questo fa di te una donna ambiziosa e visionaria. Un’affermazione molto forte, non crede? Poteva fare il suo percorso o darmi la possibilità di scoprire un’altra vita.

Che caratteristiche deve avere una donna forte? Evelyne . Per me una donna forte è una donna che sa di esserlo pur conoscendo le sue debolezze, e che infonde questa caratteristica nella sua vita professionale e privata. Ho avuto l’opportunità di incontrare donne eccezionali, con percorsi e vissuti diversi ma forti. Due donne, unite in un progetto comune. Temi scottanti, quello della solidarietà femminile e dei diritti delle donne. Grande comunicatore, aveva intuito che le sue capacità manageriali avrebbero potuto essere messe al servizio delle altre. La femminilità è centrale nelle collezioni Sandro, lo è anche a livello aziendale? Evelyne.

Vestiamo donne dal 1984. Noi, come Europa Donna, ogni anno abbiamo per le mani 6-700mila euro, ma ci sono associazioni molto grandi che raccolgono qualche decina di milioni di euro. Le posizioni chiave della nostra azienda sono occupate da donne. Il comitato direttivo è composto da 12 persone, tutte donne, e 1 uomo. Di cosa si tratta? Vuol dire far sentire la propria voce, nel nostro caso far capire alle istituzioni che il tumore al seno è la prima patologia che colpisce le donne, e ha bisogno di ottenere dalla sanità pubblica servizi e cure adeguati. La femminilità è al centro del marchio sin dai nostri primi passi, e lo sarà sempre . L’obiettivo dei nostri abiti è quello di farle sentire eleganti e belle. Ognuna è autonoma, ma le battaglie si combattono insieme.

Spesso tutta la squadra di Sandro Paris si riunisce per pranzo in cortile nel nostro quartier generale, e quando succede osservo tutte le donne che lavorano qui. Mi sento molto fortunata ad aver creato un ambiente che è come una famiglia che ha a cuore i valori della bellezza, della solidarietà e dell’uguaglianza. Non lo sapevo prima. .