Le molte bevande vegetali che sostituiscono il latte - Il Post

09/01/2022 12:16:00

Le molte bevande vegetali che sostituiscono il latte

Le molte bevande vegetali che sostituiscono il latte

Ce ne sono tantissime, sono ricche di nutrienti e la loro produzione impiega molte meno risorse rispetto a quello vaccino

(Sean Gallup/ Getty Images) Molte bevande a base vegetale che si trovano in commercio sono valide alternative al latte vaccino e si adattano bene alle esigenze di chi non lo digerisce oppure ha scelto di seguire una dieta vegana e non consuma alimenti che derivino dagli animali.A ottobre una commissione del Senato del Pakistan ha approvato un emendamento per decriminalizzare i tentativi di suicidio, che attualmente nel paese sono puniti con un anno di carcere, una multa o entrambe le cose: prima della sua approvazione definitiva, l’emendamento dovrà essere votato dal Senato e poi passare anche dalla Camera.Un addetto controlla il Green Pass a due persone all'ingresso del Museo Egizio di Torino (ANSA/ Tino Romano) Mercoledì sera il governo ha approvato un nuovo decreto, entrato in vigore sabato , con cui ha introdotto l’obbligo vaccinale per chi ha almeno 50 anni: assieme alle nuove restrizioni introdotte dal governo, l’obbligo vaccinale si aggiungerà alle regole già imposte durante le feste di Natale, tra cui l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto e la sui mezzi di trasporto pubblico.sabato 8 Gennaio 2022 Dalla prossima stagione Lorenzo Insigne, capitano del Napoli, giocherà con il Toronto La squadra di calcio del Toronto, in Canada, ha ufficializzato l’ingaggio di Lorenzo Insigne, capitano del Napoli e campione d’Europa con l’Italia, a partire dalla prossima stagione.

Anche se una sentenza della Corte di Giustizia europea ha stabilito che solo i prodotti di derivazione animale possano essere chiamati “latte”, siamo abituati a pensare a queste bevande come a “latte” di soia, di riso, di cocco e via dicendo.Di recente se ne stanno trovando sempre più tipi, con sapori e caratteristiche diverse: spesso sono nutrienti quasi come il vero latte e in confronto la loro produzione genera molte meno emissioni.Le leggi che puniscono il tentato suicidio sono spesso legate a princìpi morali legati alla religione.Le bevande alternative al latte non sono un’invenzione recente: in Cina si consuma da secoli la bevanda che si ricava dalla soia, mentre in Messico è molto popolare l’ horchata , che si ottiene a partire dalla farina di riso (e non va confusa con l’orzata).10 gennaio Dal 10 gennaio l’obbligo di Green Pass “rafforzato”, che è il certificato che si ottiene solo con la vaccinazione o con la guarigione dal coronavirus ed è chiamato anche “Super Green Pass”, verrà esteso a nuovi luoghi.Storicamente queste bevande si consumavano per lo più in aree dove non era facile procurarsi il latte animale, come quello vaccino, di capra o di pecora: oggi sono sempre più ricercate da chi vuole limitare gli alimenti con alto contenuto di colesterolo e grassi oppure le preferisce per motivi etici.I paesi in cui il suicidio è considerato un reato si trovano per la maggior parte in Africa.Sono anche ideali per chi è intollerante al lattosio, un problema che secondo uno studio del 2008 riguarda buona parte della popolazione mondiale.NEWS | Toronto FC sign Italian National Team star Lorenzo Insigne ????➡️.

La maggior parte di queste bevande deriva da piante, legumi, cereali o frutta a guscio.Fino a pochi anni fa anche in India, a Cipro, in Libano, a Singapore e alle Isole Cayman i tentativi di suicidio erano puniti, ma di recente sono stati decriminalizzati.Le cose da sapere sul coronavirus La newsletter del Post sul coronavirus ti aggiorna sulle ultime notizie: è gratis e arriva ogni giovedì alle 18:00.Il risultato finale varia in base al tipo di alimento usato come base e al procedimento adottato dall’azienda che lo produce, ma solitamente prevede le stesse fasi: macinatura, ammollo e filtraggio, seguite dall’eventuale aggiunta di zuccheri, aromi o vitamine.Il latte vaccino infatti ha moltissime proteine, potassio, calcio e vitamine come quelle del gruppo B: dal momento che queste non si trovano naturalmente in tutte bevande che lo sostituiscono, vengono aggiunte durante la preparazione.Secondo l’United for Global Mental Health, un’organizzazione internazionale che si occupa di salute mentale, le leggi che puniscono chi ha tentato il suicidio sono un problema: «La criminalizzazione e le pene inflitte agli individui che hanno un comportamento suicidario costituiscono un grosso ostacolo all’accesso a terapie appropriate e adeguate», dice il suo ultimo rapporto sul tema , pubblicato a settembre.Gli esperti non sono concordi sul fatto che gli additivi vengano assorbiti dal corpo umano durante il consumo, come succede per le proteine e il calcio naturalmente presenti nel latte vaccino: ci sono però buone prove scientifiche sull’alto contenuto di proteine e nutrienti nella maggior parte di queste bevande.31 gennaio È la data fino alla quale, salvo diverse disposizioni, resteranno in vigore l’obbligo di chiusura per discoteche e sale da ballo e il divieto di eventi e feste che creano assembramento, in base al entrato in vigore dallo scorso 25 dicembre.– Leggi anche: L’annoso dibattito sulle uova e il colesterolo Una delle alternative al latte vaccino più conosciuta è la bevanda a base di soia, che si trova in numerose varietà.Inoltre queste leggi contribuiscono a stigmatizzare i problemi di salute mentale, e così disincentivano le persone che avrebbero bisogno di fare terapia a chiedere aiuto.

Ha più o meno le stesse proteine contenute nel latte di mucca e una rilevante presenza di grassi considerati buoni per la salute dell’apparato cardiocircolatorio.Contiene anche fibre, vitamine e minerali ma è piuttosto povera di calcio, che spesso viene aggiunto in fase di produzione.Dato che a livello globale si ritiene che per ogni suicidio avvengano dai dieci ai venti tentativi di suicidio, è possibile che nel paese ogni anno ce ne siano tra i 130mila e i 260mila.Dal 1º febbraio cominceranno inoltre i controlli su chi ha almeno 50 anni e non si è ancora vaccinato.Naturalmente la questione del gusto è del tutto soggettiva, ma come spiega uno pubblicato nel 2016 sulla rivista Journal of Food Science and Technology alcune aziende usano apposite tecnologie per ridurre il suo sapore “di fagiolo”, per così dire.È una cosa che succede anche nella produzione delle bevande a base di arachidi, che sono consumate in molti paesi in via di sviluppo e che in Italia sono ancora piuttosto sconosciute.Un Guardian spiega che per questo la criminalizzazione rende più complicati gli studi sulla salute mentale: impedisce infatti di ottenere dati su cui basare studi affidabili.Tra le altre bevande vegetali più diffuse ci sono quella a base di mandorla, che è una buona fonte di vitamina E, calcio, magnesio e fosforo, ma anche potassio e selenio, e quella a base di avena, che ha molti effetti positivi sull’organismo ma non è tanto ricca di fibre quanto il cereale in sé.15 febbraio I datori di lavoro del settore pubblico e privato dovranno cominciare a controllare che i dipendenti di almeno 50 anni abbiano il Green Pass “rafforzato”, che si ottiene se si è vaccinati o se si è guariti dalla COVID-19, in entrambi i casi da meno di 6 mesi.

Ci sono poi le bevande a base di riso, che sono molto digeribili e sono indicate sia per chi ha il diabete, sia per le persone celiache, visto che il riso è naturalmente privo di glutine.L’emendamento che lo eliminerebbe è stato criticato dal ministero dell’Interno, secondo cui l’attuale norma funzionerebbe come deterrente.Le bevande ricavate dal riso sono comunque relativamente povere di nutrienti, se confrontate con altri sostituti vegetali del latte.Un’altra alternativa molto diffusa è il “latte” di cocco, che ha un alto contenuto di grassi, è ricco di minerali e antiossidanti ed è consumato soprattutto nel sud-est asiatico non solo come bevanda, ma anche in cucina, per realizzare dolci e piatti speziati.Non vogliono che sia decriminalizzato perché perderebbero i soldi delle estorsioni».500 euro.Noci e nocciole, poi, sono altamente proteiche, ma molti dei loro nutrienti vengono persi nel processo di estrazione e produzione di bevande, che prevede quasi sempre l’aggiunta di calcio.Secondo Economist , la bevanda migliore tra tutte a livello di contenuto proteico è quella a base di pisello, che però è ancora piuttosto difficile da trovare in commercio.Già nel 2017 il Senato pakistano aveva approvato un emendamento al Codice penale che eliminava il reato di tentato suicidio, ma la proposta non era mai stata discussa dalla Camera, per l’opposizione del ministero dell’Interno.

Diverse varietà di bevande e creme a base di cocco in un supermercato di Bangkok, in Thailandia (EPA/ Narong Sangnak via ANSA) In generale vari tipi di cereali e legumi sono considerati la base ideale per ottenere prodotti alternativi al latte per via della grande quantità di minerali, vitamine e antiossidanti che contengono.Sicuramente non sono popolari come alcune delle bevande già citate, ma esistono anche il “latte” di miglio, di sorgo e di farro, quello di quinoa, quello di canapa e quello di lupino, che per esempio ha pochi grassi e un alto contenuto di proteine e fibre.Tra gli altri paesi in cui i tentativi di suicidio sono puniti, quelli in cui si è in qualche misura discusso di decriminalizzare il suicidio sono il Ghana (dove la pena massima è di tre anni di carcere), la Guyana, il Kenya e Santa Lucia (due anni), la Malesia e la Nigeria (un anno).L’impatto ambientale della loro produzione è impossibile da determinare con certezza, perché bisognerebbe innanzitutto valutare l’impatto ambientale delle singole colture.Ci sono però vari elementi che permettono di dire che la produzione di bevande vegetali impieghi molte meno risorse rispetto alla produzione di latte vaccino.Se tu o qualcuno che conosci ha dei pensieri suicidi, puoi chiamare il Telefono Amico allo 02 2327 2327.Produrre un bicchiere di latte richiede 650 metri quadrati di terreno , circa 10 volte di più di quanti ne serva per produrne, per esempio, un bicchiere di “latte” di avena.

Per produrre un bicchiere di latte al giorno sono necessari 125 litri di acqua, per un bicchiere di latte di mandorla ne servono 74 litri, per uno di “latte” di riso 54.Inoltre, secondo la FAO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, gli allevamenti contribuiscono per più del 14 per cento al totale delle emissioni di gas serra prodotte dall’uomo; il 65 per cento di questa cifra è rappresentata dagli allevamenti di bovini, allevati sia per la carne che per il latte.Gli allevamenti per la carne causano quasi il doppio delle emissioni di quelli per il latte, ma in ogni caso le mucche rilasciano attraverso i propri rutti e le proprie flatulenze soprattutto metano, che è un gas serra, cioè una di quelle sostanze che causano il riscaldamento globale.In particolare, che ogni grande bovino rilasci nell’atmosfera gas serra equivalenti a circa due tonnellate di anidride carbonica all’anno.– Leggi anche:.

Leggi di più:
Il Post »
Loading news...
Failed to load news.

Ci sono 20 paesi in cui il tentato suicidio è un reato - Il PostIl Pakistan è uno di questi, ma il parlamento sta discutendo un emendamento per decriminalizzarlo Punibili con la pena di morte.

Il calendario delle nuove restrizioni - Il PostSono quelle previste dagli ultimi decreti, e riguardano l'accesso a negozi e servizi, ai luoghi di lavoro e l'obbligo vaccinale Che figata il calendario delle restrizioni. figa, io ascolto sempre Morning, mi sembra l'alba di un mondo nuovo fighissimo, luhasòfri. Per lunedì posso mettetere pantaloni in fustangno? Che merdaviglia di futuro!!!!

Dalla prossima stagione Lorenzo Insigne, capitano del Napoli, giocherà con il Toronto - Il PostLa squadra di calcio del Toronto, in Canada, ha ufficializzato l'ingaggio di Lorenzo Insigne, capitano del Napoli e campione d'Europa con l'Italia, a Cacchio !! Questa si che è una notiziona!!! Cavolo, m'avete rovinato il we!! Te se doveva compra' la Roma OfficialASRoma

Il Turkmenistan vorrebbe spegnere la “Porta dell’Inferno” - Il PostÈ un grande cratere dentro al quale da 50 anni brucia un incendio: il presidente ha detto che sarà spento, ma non è la prima volta Qualcuno al ministero della difesa: 'Vediamo se mi ricordo ancora come si fa' un enorme cappa da 70 metri ce l'abbiamo?

Perché il giornalismo fa fatica a raccontare la scienza - Il PostLa tendenza a ridurre l'incertezza e la complessità, a fare previsioni e a individuare un inizio e una fine è incompatibile con la descrizione di processi che seguono logiche diverse Non per essere pesante ma « i giornalisti » sarebbe stato un soggetto più adatto. Se vi giraste a destra o sinistra, vi accorgereste che in nessun paese c'è questa discriminazione nei confronti dei cittadini, voi non dovreste raccontare la Scienza, ma queste discriminazione limitazioni dei cittadini, come mai non ne parlate?, ah già il governo vi finanzia.. 1. Il giornalista al max è laureato in lettere 2. Il giornalista non sa una fava di scienza 3. Il giornalista vende le proprie opinioni 4. Al giornalista non frega nulla della scienza a meno che non gli faccia far carriera

La Serbia se l'è presa molto per il caso di Novak Djokovic - Il PostLa Serbia se l’è presa molto per il caso di Novak Djokovic: in sua difesa si è mosso mezzo governo, che sta trattando il tennista serbo alla stregua di un prigioniero politico Ci mancava il governo serbo... Vabbè Djokovic è praticamente la prima 'cosa' per cui ci si ricorda della Serbia dopo il genocidio in Bosnia, un po' li capisco se ci sono così tanto legati e l'hanno presa così male Dall'altra parte del mondo l'Australia sarà preoccupatissima