Storia, Thomas Piketty, Francia, Stati Uniti, Razzismo, Schiavismo, Schiavitù, Schiavi, Rimborsi, Risarcimenti, Debito

Storia, Thomas Piketty

Le ferite del passato sono ancora aperte

Le manifestazioni contro il razzismo pongono una questione cruciale: quella delle riparazioni legate a un passato coloniale e schiavista che non passa. Leggi

29/06/2020 17.06.00

Le manifestazioni contro il razzismo pongono una questione cruciale: quella delle riparazioni legate a un passato coloniale e schiavista che non passa. L’opinione di Thomas Piketty .

Le manifestazioni contro il razzismo pongono una questione cruciale: quella delle riparazioni legate a un passato coloniale e schiavista che non passa. Leggi

(Julia Rendleman, Reuters/Contrasto)29 giugno 2020 15:20Le manifestazioni contro il razzismo pongono una questione cruciale: quella delle riparazioni legate a un passato coloniale e schiavista che non passa. La questione non si può evitare in eterno, né negli Stati Uniti né in Europa. Nel 1865, alla fine della guerra civile, il repubblicano Lincoln promise agli schiavi emancipati che dopo la vittoria avrebbero ottenuto “quaranta acri e un mulo”. L’idea era di risarcirli per i decenni d’ingiustizie e di lavoro non pagato e al tempo stesso di permettergli di guardare al futuro come lavoratori liberi. Se fosse stato adottato, quel programma avrebbe portato a una grande ridistribuzione agraria, di cui avrebbero fatto le spese soprattutto i proprietari schiavisti. Ma, appena deposte le armi, la promessa fu dimenticata: nessun testo sulla compensazione fu mai adottato, e i quaranta acri (circa 16 ettari) e il mulo diventarono il simbolo dell’ipocrisia dei nordisti, al punto che il regista Spike Lee l’ha usato ironicamente per il nome della sua società di produzione (40 Acres and a Mule). I democratici ripresero il controllo del sud, imponendo la segregazione razziale per altri cent’anni.

Riccardo Puglisi, chi è 'l'ultras liberista' chiamato a Palazzo Chigi Vescovi Usa verso la scomunica a Biden sull'aborto - Mondo Inghilterra-Scozia, le pagelle: Mount il più illuminato, 6,5. McGinn domina: 7,5

Curiosamente, altri episodi storici hanno avuto conseguenze diverse. Nel 1988 il congresso degli Stati Uniti adottò una legge che concedeva 20mila dollari agli statunitensi di origine giapponese internati durante la seconda guerra mondiale. Il risarcimento fu concesso alle persone ancora in vita nel 1988, per un costo totale di 1,6 miliardi di dollari. Un indennizzo dello stesso tipo, versato agli afroamericani vittime della segregazione, avrebbe un grande valore simbolico.

Nel Regno Unito come in Francia, l’abolizione della schiavitù fu accompagnata da risarcimenti del tesoro pubblico a favore dei proprietari. Per gli intellettuali “liberali” come Tocqueville o Schoelcher era una cosa normale: se gli schiavisti venivano privati della loro proprietà (acquistata in un contesto legale) senza un indennizzo, fino a dove avrebbe potuto spingersi quella pericolosa tendenza? Quanto agli ex schiavi, dovevano dimostrare di meritarsi la libertà lavorando, e ottennero come unico diritto l’obbligo di possedere un contratto di lavoro di lunga durata con un proprietario, senza il quale venivano arrestati per vagabondaggio. headtopics.com

Nel 1825 la Francia impose ad Haiti un debito considerevole per compensare i proprietari francesi della perdita degli schiaviAltre forme di lavoro forzato furono applicate nelle colonie francesi fino al 1950. Nel 1833, in occasione dell’abolizione della schiavitù nel Regno Unito, l’equivalente attuale di 120 miliardi di euro fu versato a quattromila proprietari, con dei risarcimenti medi di trenta milioni di euro che sono all’origine di molte fortune di oggi. Nel 1848 fu applicato un indennizzo a favore dei proprietari anche nella Réunion, in Guadalupa, in Martinica e in Guyana. Nel 2001, durante il dibattito al parlamento francese sul riconoscimento della schiavitù come crimine contro l’umanità, l’allora deputata Christiane Taubira cercò senza fortuna di convincere i suoi colleghi a creare una commissione incaricata di riflettere sui risarcimenti per i discendenti degli schiavi.

L’ingiustizia più estrema è sicuramente il caso di Saint-Domingue, ex gioiello delle isole francesi nel settecento, che proclamò l’indipendenza nel 1804 con il nome di Haiti. Nel 1825 la Francia impose ad Haiti un debito considerevole (il 300 per cento del pil haitiano dell’epoca) per compensare i proprietari francesi della perdita degli schiavi. Minacciata d’invasione, l’isola non ebbe altra scelta che quella di rimborsare il debito. Il paese se lo trascinò come una palla al piede fino al 1950, dopo vari rifinanziamenti e interessi versati ai banchieri francesi e statunitensi. Haiti oggi chiede alla Francia di rimborsare quell’ingiusto tributo (trenta miliardi di euro, senza contare gli interessi), ed è difficile darle torto. Rifiutandosi di aprire qualsiasi discussione sul tema del debito, nonostante i pagamenti fatti tra il 1825 e il 1950 siano ben documentati e non siano contestati da nessuno, e continuando a versare ancora oggi compensazioni per spoliazioni fatte tra le due guerre mondiali, si rischia di creare un senso d’ingiustizia.

pubblicitàLo stesso vale per la questione dei nomi delle strade e delle statue, come quella del mercante di schiavi abbattuta a Bristol. Non sarà facile fissare il confine che divide le statue buone da quelle cattive. Ma come per la ridistribuzione delle proprietà, l’unica scelta che abbiamo è di affidarci al dibattito democratico per cercare di fissare delle regole giuste. Rifiutare la discussione è un’ingiustizia.

Al di là di questo dibattito, bisogna anche guardare al futuro. Per riparare i danni fatti alla società dal razzismo e dal colonialismo, occorre cambiare il sistema economico, partendo dalla riduzione delle disuguaglianze e dall’accesso ugualitario di tutte e di tutti all’istruzione, all’impiego e alla proprietà indipendentemente dalle origini, per i neri come per i bianchi. La mobilitazione che oggi mette insieme cittadini di ogni provenienza può essere d’aiuto. headtopics.com

Dritti alla meta: quest'Italia vuol solo vincere e sognare I lavoratori del magazzino Lidl: 'Non ci sono orari, siamo pagati quanto vogliono loro e ricattati per gli straordinari. Li prende solo chi non fa storie' - Il Fatto Quotidiano Sileri, stop ai voli dal Regno Unito se la variante Delta elude i vaccini Leggi di più: Internazionale »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

oggi sosteniamo che è sbagliato? Certo che lo è,ma che nn si pretenda,al contrario che chi ha un livello culturale + arretrato possa essere automaticamente proiettato,senza percorsi evolutivi,ad un equiparazione totale. I valori per essere compresi,si conquistano,nn si proclamano che nella Storia hanno raggiunto un livello culturale/tecnologico superiore hanno soggiogato chi era ad un livello inferiore,culturalmente parlando e anche i fautori/sobillatori Chavisti meglio che non dimentichino le stragi Atzeche di interi Popoli che perpetuavano per dominio

ma che opinione del cavolo è?Come può passare qualcosa che ha trasformato la Storia?Il Razzismo è storia vecchia come l'uomo,cominciata ai tempi del Sapiens nei confronti del Neanderthal e perpetuata nella Storia in ogni era. Gli Egiziani,i Babilonesi,i Greci,i Romani,tt coloro

Blog | Quello che del pride non leggi sui giornali - Alley OopSe non hai mai partecipato al pride e ne hai solo letto sui giornali e sui social forse non sai che può essere anche... purtroppo tanti credono pure di avere scelto. Lasciate stare. Meglio così. Contribuite all'igiene mentale...

Coronavirus, concerto per le vittime del Covid: le prove al cimitero monumentale di BergamoSarà il piazzale del cimitero monumentale di Bergamo il palco su cui i musicisti della Donizetti Opera si esibiranno in ricordo delle 6.000 vittime dell'epidemia di coronavirus che ha particolarmente segnato la città lombarda e la sua provincia. All'evento parteciperà il capo dello Stato Sergio Mattarella. Dalle prime ore della mattina gli artisti hanno provato i brani che saranno eseguiti durante il concerto previsto per le 20.30. L’orchestra e il coro, diretti dal maestro Riccardo Frizza, eseguiranno la Messa da Requiem del celebre compositore bergamasco, Gaetano Donizetti, composta nel 1835 per la morte di uno dei più importanti operisti dell’Ottocento, Vincenzo Bellini

Parigi, Le Havre, Lione e Marsiglia: tutte le sfide delle municipali francesiCirca 16 milioni e mezzo di elettori francesi sono chiamati a votare nel secondo turno delle elezioni municipali, che si tengono oggi in cinquemila comuni: ecco i personaggi che si stanno sfidando all’ultimo voto NON CI VEDO UN SFIDA FRA ITALIA E FRANCIA NEL COMODAVIRS..SOLO A. DANNO DEI POVERI CITTADINI

Caos autostrade liguri, ecco le nuove regole del Mit per smaltire le code dei weekendIl presidente della Liguria Toti ha annunciato che a stretto giro sarà firmata un’ordinanza regionale che dispone a Mit e Aspi di «rivedere il piano di lavori in corso nelle autostrade liguri incompatibile con la sicurezza, il diritto alla mobilità, il diritto alla libertà di impresa». La denuncia delle imprese L importante e che siano non troppo veloci.....non vorrei che passando di lì mi cada in testa qualcosa....

Mattarella ricorda le vittime: 'Bergamo cuore di Italia ferita e che ha pianto, paese si inchina'Il Capo dello Stato: 'Riflettere, seriamente su ciò che non ha funzionato, sulle carenze di sistema, sugli errori da evitare di ripetere e rammentare il valore di quanto di positivo si è manifestato' troppo comodo ricordare dopo. Una buffonata e per quelli risparmi pensioni degli immigrati che il vostro mafioso paese di merd ha rubato, quando intendete restituirli quelli sono nostri soldi e voi non dovete tenerli. ...quelle fino a oggi.

Coronavirus, non solo Immuni: che fine hanno fatto le app regionali, dal tracciamento all’assistenzaSolo nel caso della Sardegna l’app ha anche una funzione di tracciamento. Negli altri casi serve per analisi statistiche ed epidemiologiche (Lombardia), per assistenza medica (Lazio e Veneto) e per i turisti in vacanza (Sicilia)