Carlo Ancelotti, Pep Guardiola

Le due facce della Premier: Ancelotti in testa, Guardiola in crisi

Le due facce della Premier: Ancelotti in testa, Guardiola in crisi [dal nostro corrispondente ANTONELLO GUERRERA] [aggiornamento delle 13:29]

28/09/2020 15.10.00
Carlo Ancelotti, Pep Guardiola, Premier League

Le due facce della Premier: Ancelotti in testa, Guardiola in crisi [dal nostro corrispondente ANTONELLO GUERRERA] [aggiornamento delle 13:29]

Il tecnico italiano dell'Everton è in testa alla classifica a punteggio pieno grazie ad un mercato importante e ai gol di Calvert-Lewin, lo spagnolo

 Impossibile dirlo, anche perché stavolta di fronte ci sono i "cugini" del Liverpool, ancora più schiacciasassi con Thiago Alcantara. Di certo, l'Everton ha tutte le premesse per diventare una grande squadra quest'anno. "Non ce lo aspettavamo di avere nove punti dopo tre giornate", ha ammesso Ancelotti alla Bbc, "ma è confortate aver avuto sempre un buon approccio nelle prime tre partite", e cioè la vittoria fuori casa contro il Tottenham di Mourinho all'esordio, il 5-2 contro il West Bromwich e la vittoria di sabato 2-1 contro il Palace fuori casa, contestata dall'allenatore avversario Roy Hodgson per un rigore sospetto.

Covid, stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Il Fatto di Domani del 21 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Università: Bocconi sesta al mondo tra i migliori corsi di finanza

 L'ossatura della squadra blu di Liverpool è rimasta più o meno quella dell'anno scorso, dal portiere della nazionale Pickford all'attacco. È il centrocampo a essere cambiato, in meglio. Innanzitutto, insieme al recuperato André Gomes dopo uno spaventoso infortunio, ci sono due nuovi notevoli e indispensabili giocatori di filtro, come il brasiliano Allan dal Napoli e Doucouré dal Watford, quest'ultimo senza piedi d'oro, ma con quel peso specifico che mancava in mezzo al campo. E poi, ovviamente, James Rodriguez, che ha ritrovato il suo mentore Ancelotti dopo l'esperienza al Real Madrid, e che si è scrollato di dosso le ombre degli ultimi anni, dopo l'esubero dai galacticos e una lunga e deprimente parentesi al Bayern Monaco.

  Esteri Premier, il Leicester umilia 5-2 il City: prima 'manita' subita da GuardiolaMa arriviamo a Dominic Calvert-Lewin, 23 anni di Sheffield, cinque gol nelle prime tre partite, di cui uno di tacco contro il West Bromwich, uno in più rispetto a tutti quelli dell'intera stagione di due anni fa. Pochi dubbi: Calvert-Lewin è esploso proprio con Ancelotti, che ne ha fatto un attaccante estremamente moderno, scaltro e soprattutto concreto. Le avvisaglie c'erano state già l'anno scorso con 13 gol in 36 partite. Quest'anno Dominic, una prima punta di gran movimento e sempre più spietata sotto porta, sembra inarrestabile, limitando tra l'altro sempre più gli spazi e la crescita di Moise Kean. A questo punto la chiamata in nazionale sembra scontata. Non solo: Calvert-Lewin quest'anno, oltre agli assist di James Rodriguez, si giova anche dell'immancabile Richarlison sulla fascia sinistra, brasiliano poco appariscente e molto più Ravanelli, che, col suo moto perpetuo, si completa alla perfezione con Calvert-Lewin. Insieme, formano una delle coppie meno canoniche della Premier League, ma per questo anche una delle più imprevedibili. headtopics.com

 Ma se sulla sponda di Liverpool c'è tanta evoluzione, a Manchester, lato City, si sta assistendo a un'inquietante involuzione. Non solo dopo la disfatta di ieri contro il Leicester (dopo l'1-0 del primo tempo), che ha segnato un inedito flop della carriera di Pep Guardiola, ovvero cinque gol subiti. Il problema arriva da lontano, e cioè dalle ricorrenti amnesie del suo City nelle scorse Champions League, ma è esploso definitivamente l'anno scorso. I "citizens", nella loro ricerca del calcio bello e impossibile, oramai sono sempre più fragili e porosi dietro. Lo si è visto con il Lione pochi mesi fa in Champions o per esempio contro il Monaco anni fa. Sembra un difetto oramai strutturale. Nella difesa del Manchester City cambiano continuamente gli interpreti, pagati centinaia di milioni, ma il risultato rimane: Stones, Walker, Eric Garcia, Laporte, Mendy, Ake, ora persino Ruben Dias dal Benfica per circa 55 milioni (incluso Otamendi), a quanto pare al posto del sogno Koulibaly del Napoli.

  Esteri Premier, Manchester United da brivido: rigore al 99' e prima vittoria. Ancelotti non si ferma, il Chelsea rimontaCerto, come ha detto Guardiola, "ci sono molti giocatori nuovi che devono imparare e il resto della squadra non ha protetto i quattro dietro". Ma ieri sono diventati definitivamente lampanti le lacune strutturali della difesa del City. Se colta di sorpresa da lontano, a 40-50 metri dalla porta come auspica nel peggiore dei casi il tecnico catalano, non c'è diga che tenga: una squadra come il Leicester, con giocatori offensivi veloci e guizzanti come Barnes, Praet, Maddison e il castigatore Vardy, ha fatto a fette ogni strategia difensiva dei "citizens". Ma c'è un altro grosso problema, di natura tecnica: i tre rigori concessi ieri dal Manchester sono stati il risultato di interventi scellerati di tre difensori diversi come Walker, Mendy e Garcia.

  Leggi di più: la Repubblica »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Ecco le app, i siti e le piattaforme (anche gratis) per imparare le lingueEcco, in ordine sparso, una carrellata di app e piattaforme a cui potersi affidare La scuola è messa proprio male.... Fatelo sapere a Suarez mosalingua se la scordano sempre in questi articoli

Altri stalli per le due ruote: le auto perdono 500 postiRastrelliere per bici e monopattini anche nelle piazze Bernini e Rivoli

Suarez, la Juve e l’esame di italiano: le tappe della vicendadiventa un sogno di mezza estate, per la Avete proprio un'ossessione “La legge vieta la pubblicazione di intercettazioni fino a che non siano concluse le indagini preliminari”. Siete già indagati? Avete veramente rotto il cazzo. OSSESSIONATI

Covid, ecco le vere responsabilità della Cina | Milena GabanelliCosì La diffusione del Covid - in Cina prima, nel mondo poi - è stata favorita dalla mancanza di libertà di parola I NEMICI del popolo italiano sono i GIORNALISTI CORROTTI. Sono i nemici più potenti, altro che i MAFIOSI assassini. Un ASSASSINO ne uccide uno, un LURIDO giornalista corrotto ne uccide a migliaia. Un lurido giornalista corrotto farà ODIARE gli ONESTI e amare i disonesti. Ora che sono conoscenza di questa notizia posso dormire tranquillo,consapevole che la razza animale /uomo supertecnologica può essere sconfitta da un essere piccolissimo quasi invisibile detto Covid. Quante ora ci vogliono per elencarle?

Maltempo in Sicilia, mare mosso e forte vento: isolate le EolieLeggi su Sky TG24 l'articolo Maltempo in Sicilia, mare mosso e forte vento: isolate le Eolie

Stadi aperti al 25%, no del Comitato tecnico: «Non ci sono le condizioni, aspettiamo metà ottobre»Le Regioni avevano approvato linee giuda per aumentare il pubblico fino al 25% della capienza degli impianti. Gli esperti nella riunione di oggi hanno ribadito la loro contrarietà