Bologna, Regionali, Giambattista Borgonzoni, Stefano Bonaccini, Nicola Zingaretti

Bologna, Regionali

Le due Bologna: palazzetto pieno per Salvini. In piazza 15 mila «sardine» contro il leader leghista

Le due Bologna: palazzetto pieno per Salvini. In piazza 15 mila «sardine» contro il leader leghista

15/11/2019 13.28.00

Le due Bologna : palazzetto pieno per Salvini. In piazza 15 mila «sardine» contro il leader leghista

Comizio del leader al PalaDozza, in piazza la protesta anti-Salvini (definita «bellissima» dal segretario dem Zingaretti)

EmailLe due Bologna, anzi tre. La prima, la meno numerosa, viene dispersa a colpi di idranti dalle forze dell’ordine. Sono i manifestanti di alcune sigle antagoniste che protestano, poco lontano dal PalaDozza, controMatteo Salviniche ha riempito il palazzetto con la Bologna numero due. E poi, la più numerosa di tutte, la

Salvini da Draghi per parlare di stato di emergenza e mascherine Mascherine, c'è l'ipotesi di toglierle all'aperto dal 15 luglio I Maneskin sul New York Times: 'Conquisteranno il mondo?'

Bolognadelle «6 mila sardine» (in realtà erano circa 15 mila, ndr). Altra manifestazione anti leghista, senza bandiere, lanciata da quattro ragazzi sui social, ma all’insegna dell’ironia: i partecipanti portavano pesciolini disegnati, ritagliati nel cartone, sulle magliette o anche in scatola. Stretti sul Crescentone di piazza Maggiore proprio per affermare plasticamente di essere più numerosi dei leghisti. Tra loro, anche Giambattista Borgonzoni, padre di Lucia, la candidata presidente leghista: «Se dovesse vincere mia figlia le farò i complimenti: vincitrice sul cavallo sbagliato». Della piazza strapiena ha postato una foto il segretario dem Nicola Zingaretti: «Una piazza bellissima».

Le tre città rappresentano bene il paradosso. Moltissimi dei presenti al palazzetto dicono di aver sempre votato a sinistra, alcuni anche 5 Stelle, molti persino riconoscono al governatore Stefano Bonaccini di essere «un buon amministratore» e pure un «presidente capace». Ma la spinta al cambiamento, e la valenza nazionale delle elezioni del 26 gennaio, sono una propulsore formidabile. È quello che Salvini chiama «effetto Umbria», il «riuscire a dare voce a un’alternativa». headtopics.com

Salvini non fa finta che non sia così, per lui la sfida emiliano-romagnola resta il «preavviso di sfratto» al governo. Senza negare anche il valore simbolico della tradizione emiliana: «Una parte del mondo cooperativo sta già dialogando con noi». Anche se Giancarlo Giorgetti è più che prudente: per lui non è affatto detto che la caduta della Regione simbolo delle amministrazioni di sinistra porti a una caduta del governo: perché «ci sono due Italie, quella dentro ai palazzi e quella fuori». E dunque, il vice di Salvini nemmeno è convinto che la possibile sconfitta in Emilia porti alle dimissioni, come fu per D’Alema, il segretario dem Nicola Zingaretti: «Voi ragionate con la testa di ieri. Un tempo le regole non scritte dicevano che chi perdeva le elezioni si fermava. Ora non è più così, quelli che sono dentro pensano esclusivamente al loro destino personale». E dunque, «noi siamo qui perché vogliamo vincere qui. Bologna è sempre stata difficile per Cantù e Varese», un’ironia che richiama il basket.

In realtà, al PalaDozza l’atmosfera è euforica. Alessandro «The Voice» Morelli, voce degli eventi leghisti, si sgola per sottolineare «la serata dell’odio qui fuori e quella del sorriso qui dentro».Il Pd irride la candidata Borgonzoni

: sarebbe completamente coperta dal punto di vista della comunicazione da Salvini. Tutt’altro che un fatto inedito: in tutte le Regionali dell’ultimo anno e mezzo, il leader leghista ha monopolizzato la campagna elettorale, limitando anche le iniziative comuni con i candidati del centrodestra. Ma Borgonzoni non fa una piega: «Io non mi vergogno di Salvini, a differenza di chi vuole nascondere Zingaretti, Renzi e il suo partito». Quanto a Stefano Bonaccini, serafico, si limita a dare il «benvenuto» ai lombardi che sarebbero stati cammellati a Bologna per dare un aiutino a riempire il PalaDozza. Mentre un bolognese è certamente a Milano: Francesco Guccini, nel capoluogo lombardo per la presentazione della sua raccolta Note di viaggio, si augura che le elezioni «vadano come tradizionalmente vanno in Emilia-Romagna».

14 novembre 2019 (modifica il 15 novembre 2019 | 09:37) Leggi di più: Corriere della Sera »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

ma non vi vergognate mai? La Gruber invita Salvini per attacarlo e lui guadagna voti;un Dj fa una canzone per deridere la Meloni e lei guadagna voti;Rubio li attacca entrambe e i suoi programmi chiudono per scarsi ascolti:il dubbio che la strategia dell'attacco non funzioni non viene in mente a nessuno?

Protesta antisalvini in realtà sintomo che a sinistra avversario non si accetta ma si cerca in tutti i modi di delegittimare e contestare e spesso con metodi violenti avvenuti anche ieri sera. Zingaretti e sue parole sono al solito non commentabili! le due italia....da una parte i coglioni che abboccano ,,,dall'altra chi ha capito che gran contapalle invece sia

Con una differenza leggera,molti dei salviniani sono arrivati da fuori Bologna con pullman appositi... Si vede chi sono i democratici.. Quelli fuori che impediscono un pensiero diverso dal loro. bolognaliberadalcomunismo qn_carlino lastampa skytg24 Salvini porta a Bologna una folla di lombardi per imporre una governatrice del Trentino Alto Adige : pensa forse che in EmiliaRomagna siano tutti a sua disposizione come al Papeete?

Ormai al Corriere li contate come polli, si moltiplicano sempre a sinistra. Basta! Ma che cavolo parlate sempre di lui! È colpa anche vostra che lo avete aiutato e agevolato a farci vivere lo schifo che stiamo vivendo. Pennivendoli.

Le mappe di Google parlano le lingue straniereL'Italia sarà tra i 47 Paesi ad avere l'integrazione tra funzionalità Mappe e Traduttore, che sarà implementata da questo mese

Lippi annuncia le dimissioni da ct della Cina: “Mi prendo tutte le responsabilità” - La StampaDopo la sconfitta contro la Siria per 2-1 giocata a Dubai e valida per le qualificazioni alla Coppa del Mondo Caro Lippi sono preoccupato veniamo a prenderti Gli manca tanto Moggi

Stipendi, le donne nei cda guadagnano il 70% in meno dei colleghi maschiAumentano le quote rosa nei board delle società quotate (36,2%), ma quelle con cariche esecutive restano al lumicino (11,9%). Così la forbice

Massaggiatori, osteopati, logopedisti: l’Iva per le altre professioni sanitarieLa recente pronuncia della Ctp di Ancona offre lo spunto per ricapitolare la disciplina Iva delle “altre” professioni sanitarie

Dal vino a formaggio, sei Dop italiane uniscono le forze sui mercati esteriGrazie ai fondi di un bando Ue, gireranno insieme l’Europa a caccia di nuovi consumatori per il made in Italy Benissimo, ma niente consorzi di prodotti meridionali. Comunque ottima iniziativa!

Torino, dona le cellule staminali del midollo osseo e salva un paziente inglese - La StampaL’uomo è risultato l’unico compatibile tra 37 milioni di donatori iscritti nei Registri internazionali disponibili a donare le loro cellule ad un paziente che non conoscono.