Le «competenze sociali» ormai sono fondamentali per fare carriera

Le «competenze sociali» ormai sono fondamentali per fare carriera

10/02/2020 23.32.00

Le «competenze sociali» ormai sono fondamentali per fare carriera

I nostri figli dovranno condividere, negoziare e ascoltare più di quanto facciamo noi e molto di più di quanto hanno fatto i nostri genitori

professionisti, manager e imprenditori di successo oggi sono eccellenti comunicatori. Sanno ascoltare, sanno spiegarsi, sanno offrire agli altri comprensione e stimoli positivi. Queste competenze che i leader sviluppano al massimo livello, ormai non sono più un

Eriksen si accascia: è a terra privo di sensi, compagni in lacrime. Diversi massaggi cardiaci Euro 2020, malore per Eriksen durante Danimarca-Finlandia Il doppio livello di Matteo Salvini: il sostegno al premier e le accuse in stile No vax

quid pluris, un qualcosa che fa la differenza, richiesto solo a pochi eletti. Sono semplicemente il corredo necessario per fare bene il lavoro che si fa, a tutti i livelli, in tutti i settori.Il lavoro del futuro richiederà un crescente numero di interazioni con un crescente numero di interlocutori

(clienti, colleghi, partner). I nostri figli dovranno sul lavoro condividere, negoziare, ascoltare più di quanto stiamo facendo noi, sicuramente molto di più di quanto hanno fatto i nostri genitori. Dovranno insomma diventare dei bravi gestori di relazioni, e rispondere all’identikit di quelle persone di cui si dice «ci sa fare con le persone». headtopics.com

Essere uno che «ci sa fare con le persone»significa poter chiedere uno sforzo in più, al collega, al cliente o al collaboratore, gestire in modo costruttivo incomprensioni e resistenze, ottenere dai propri interlocutori più tempo e più attenzione, in un’epoca in cui tempo e attenzione sono risorse scarsissime.

In fin dei conti questa centralità delle cosiddette «soft skills» (l’insieme delle competenze sociali e comunicative) la imponiamo noi tutti i giorni quando ci risentiamo con il collega che ha usato una parola troppo dura, quando pretendiamo che il professore si approcci in modo più comprensivo ai problemi di nostro figlio, quando scriviamo una recensione acida su un ristorante dove il cameriere si è lasciato sfuggire un commento di troppo, quando ci inalberiamo con il tipo del call center che ci ha liquidati troppo sbrigativamente.

Siamo più permalosi e suscettibili dei nostri genitori e i nostri figli lo sono più di noi. Cosìtutti i giorni “votiamo” con la pancia i comportamenti e il lavoro di chi ha suscitato in noi emozioni positive, spesso prescindendo dal merito di quei comportamenti e di quel lavoro. Abbiamo in sostanza un bisogno di empatia molto più forte di una volta.

Come possiamo fare allora per lavorare concretamente sulle nostre competenze relazionali?La prima cosa da fare per lavorare sulla propria empatia èprendere consapevolezza che si tratta una declinazione della propria intelligenzaemotivae che l’intelligenza emotiva, come tutte le intelligenze, è un “muscolo” che si allena. L’empatia quindi non è un elemento immutabile iscritto nella nostra personalità e nel nostro carattere. Questo significa che la possiamo sviluppare anche da adulti, quando sentiamo di essere già emotivamente formati. headtopics.com

Euro 2020, Danimarca-Finlandia finisce 0-1. Belgio-Russia 3-0 Kjaer, «capitano ed eroe»: per primo ha soccorso Eriksen e ha chiesto ai compagni di fargli scudo Europei, il momento in cui Eriksen si accascia a terra

Attenzione però a non farci trarre in inganno dalle abitudini: non tutte le persone esposte alla relazione sono persone empatiche. Essere a contatto col pubblico non è di per sé garanzia di elevate «social skills» come si scrive nei CV. Per esempio tutti noi conosciamo medici che passano le loro giornate a dialogare con i pazienti e i loro familiari senza sviluppare neanche un minimo di empatia. Chi desidera potenziare le proprie abilità relazionali infatti deve esercitarle deliberatamente e consapevolmente, focalizzandosi su ciò che non è abituato a fare, su ciò che è al di fuori delle proprie abitudini.

In questa prospettiva ecco due suggerimenti molto concretiche si fondano sulla natura essenziale dell’empatia: “sentire” gli altri, sapersi mettere nei loro panni, riconoscere le loro emozioni:1) Aumentare le occasioni di confronto e interazione con chi è diverso da noi.

Se frequento solo persone che hanno la stessa mia età, la stessa mia storia, la stessa mia condizione sociale o professionale non riesco mai a “uscire da me”, dalla mia zona di comfort sociale, non riesco a immaginare punti di vista o emozioni che non siano vicini o simili ai miei. Lo sport, il volontariato, l’associazionismo, ma ancora più semplicemente una più intensa vita di quartiere possono essere splendide palestre. Questa raccomandazione vale anche per la nostra vita on line. Se il mio mondo è solo quello dei miei “amici”, dei miei “follower”, dei miei “mi piace”, ciò che è altro non entra mai davvero nella mia vita. Si può vivere senz'altro anche così, circondati di specchi, ma è una vita più faticosa, anche nella sua dimensione professionale.

2)Leggere della buona narrativa.Esistono ormai diversi studiche dimostrano una connessione tra l’abitudine a leggere romanzi e lo sviluppo di quelle aree del cervello deputate alla nostra gestione delle emozioni nel rapporto con gli altri. In effetti leggere una storia significa entrare nella vita di altre persone, viverla, immedesimarsi. Un ottimo motivo per disconnettersi dal mondo social che costruiamo a nostra immagine e somiglianza e riprendere in mano quel romanzo impolverato che ci aspetta sul comodino. headtopics.com

* Managing Partner della società di consulenza e formazione Sparring Leggi di più: IlSole24ORE »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Coronavirus, governo studia task force e misure per le imprese - Tgcom24Una task force per studiare una serie di misure a sostegno delle imprese, in diversi settori, per far fronte all'impatto economico dell'emergenza Coronavirus. E' una delle iniziative che, a quanto si apprende, il governo do...

Le pagelle definitive: Diletta Leotta insincera (4,5); Achille Lauro intrigante (voto 7)Le pagelle definitive Diletta Leotta insincera (4,5); Achille Lauro intrigante (voto 7) Insincera?!?!? Me lo segno !!!grazie Leotta 4,5 perché non si è adeguata a dire quello che volevate voi. Non esiste nulla di più sincero e vero di 'Sono qui solo perché sono bella'. Ma non va bene a La 27esima Ora. Ipocriti solo voi. Diletta insicera, ma Rula che insulta Trump per il suo aspetto fisico è coerente? Pietà

Borsa, obiettivo 3 miliardi: le matricole 2020 da Giochi Preziosi a Gvs (e il rebus Sia)Per la società dei pagamenti di Cdp la quotazione è un’ipotesi. Jerusalmi: «Ci aspettiamo un anno molto positivo, si può battere il record del 2019». L’effetto Pir e i settori favoriti, dal la cosmesi alle nuove tecnologie

Bendato e picchiato: le ore di tortura di Zaki in Egitto - Il Fatto QuotidianoInterrogato con una benda sugli occhi, minacciato e percosso nel tentativo di estorcere una confessione. Sono gli ultimi, drammatici particolari che emergono sulla vicenda di Patrick George Zaki . Non solo scariche elettriche, dunque. Ore terribili quelle vissute venerdì scorso dallo studente e attivista egiziano bloccato tre giorni fa all’aeroporto del Cairo al rientro in … È un cittadino egiziano!! Il Governo italiano è responsabile della vita, sicurezza, salute e benessere del popolo italiano e non di quello di altri Paesi! E già non ottempera neanche al suo dovere primario! i media i pedofili del ministero degli affari esteri si occupano degli stranieri e lasciano crepare gli italiani. repubblica criminale pedofila italiana

Coronavirus: ecco le misure del governo italiano per l’economiaIl vertice a palazzo Chigi convocato da Conte con Di Maio, Speranza, Gualtieri, Franceschini e Crimi. Interventi per il Pil L'economia del virus od il virus dell'economia?Comunque servono soldi. È inutile che raccontate balle! Investire sull’economia senza soldi e solo una manovra per non affrontare il problema reale che l’economia è ferma grazie a voi che pensate solo a stare attaccati alla poltrona!

Uniti contro le mafie: patto tra sette Comuni del Torinese - La StampaGRUGLIASCO (TORINO). Uniti contro le mafie. I Comuni di Grugliasco, Collegno, Rivoli, Buttigliera Alta, Druento, San Gillio e Pianezza hanno firmato questa mattina, lunedì 10, un protocollo d’intesa che li unirà in un progetto a favore della cultura della legalità. In sintesi, il protocollo dovrà favorire momenti di formazione e di scambio con realtà locali e non. «L’obiettivo - dice il vicesindaco Elisa Martino - è rafforzare gli strumenti e gli interventi rivolti alle giovani generazioni sul tema della legalità e del contrasto alle mafie». E un primo impegno sarà quello di promuovere la partecipazione di giovani, alla 25esima giornata della memoria e dell’impegno che si terrà a Palermo il 25 marzo prossimo, organizzata da Libera e da Avviso Pubblico.