Lavoro, 5 misure per evitare la «bomba» economica d’autunno

Lavoro, 5 misure per evitare la «bomba» economica d’autunno

21/06/2020 13.36.00

Lavoro, 5 misure per evitare la «bomba» economica d’autunno

Tra le ricette: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig, detassazione degli aumenti dei Ccnl. Tensioni sulla proroga del blocco dei licenziamenti economici

3' di letturaC’è una preoccupazione ricorrente che ha accompagnato tutti gli incontri voluti dal governo Conte agli Stati generali dell’Economia, a Roma, che si chiudono oggi, 21 giugno. Condividere un pacchetto di misure per scongiurare la “bomba d’autunno” sull’occupazione. Le primissime stime del governo, infatti, non inducuno a ottimismo: quest’anno i tecnici dell’Esecutivo stimano una perdita dell’occupazione di 2 punti percentuali, pari a circa 4/500mila unità. Numeri che si affiancano a quelli, altrettanto negativi, diffusi nei giorni scorsi da Istat e Bankitalia.

Denise Pipitone, Piera Maggio diffida Quarto Grado: 'Frasi offensive nei miei confronti affermate con veemenza inopportuna, senza contegno' - Il Fatto Quotidiano Speranza: 'Se i numeri sono calati è grazie ai vaccini' Primarie Pd a Roma e Bologna: la vittoria di Lepore e Gualtieri

Assunzioni al palo, più disoccupati, ma è boom di inattiviAnche gli ultimi dati sulla Cig hanno “spaventato” l’escutivo: ad aprile e maggio, nonostante le prime riaperture, le ore autorizzate dei nuovi ammortizzatori d’emergenza sono state, complessivamente, ben 1,7 miliardi (secondo uno studio Uil hanno salvaguardato circa 5 milioni di posti di lavoro). L’occupazione è sempre più al palo. La disoccupazione crolla, perché si impenna l’inattività. Ecco perchè il primo pensiero dell’esecutivo è sostenere adesso le imprese a firmare nuovi contratti, accanto all’esigenza di garantire i livelli occupazionali.

Leggi ancheLavoro, Catalfo: decreto sulla cassa integrazione approvato in Cdm. Subito le altre 4 settimaneIncentivi alle assunzioni stabiliArchiviato il decreto che anticipa le 4 settimane di cig, i tecnici di via XX Settembre e del ministero del Lavoro stanno pensando a una doppia mossa: la prima, favorire la ripresa delle assunzioni a tempo indeterminato, attraverso un nuovo meccanismo di incentivi fiscali, della durata di 6 mesi, vincolato però a una condizione, vale a dire che l’impresa, beneficiaria del bonus, non potrà licenziare il neo assunto per i successivi 9-12 mesi. Quanto sia “pesante” l'incentivo non è ancora noto: l’istruttoria tecnica è praticamente all'inizio. E da decidere è anche la dote a disposizione. headtopics.com

Meno paletti sui contratti a termineIl secondo intervento passa invece per l’ulteriore semplificazione della normativa sui contratti a tempo determinato, somministrazione inclusa. Qui l’idea è quella di allungare almeno fino a dicembre il congelamento delle causali previste dal decreto dignità su proroghe e rinnovi. Al momento, lo stop alle causali è in vigore fino a fine agosto. Insomma, si porterebbe fino a fine anno. Favorevoli a questa soluzione sono Pd e Iv. Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, non è però del tutto convinta.

Allungamento e poi riforma della CigLa salvaguardia dei posti di lavoro passa invece per il rifinanziamento e l’allungamento dei sussidi emergenziali (Cig, assegno ordinario, cig in deroga) introdotti dal decreto Marzo, e già prorogati e rifinanziati dal dl Rilancio, investendo già una dote complessiva intorno ai 20 miliardi. Oggi gli ammortizzatori d’emergenza coprono, in tutto, 18 settimane. L’idea è allungare un pò la coperta, magari arrivando a ridosso della fine dell’anno, anche utilizzando i fondi europei Sure (circa 20 miliardi), che l’Italia ha già ufficialmente chiesto a Bruxelles. C’è tuttavia un nodo costi: ogni mese in più di cig Covid-19 costa circa 5/6 miliardi. Tutti d’accordo poi nel riformare gli attuali sussidi, legandoli di più e meglio alle politiche attive. Ieri, 20 giugno, intanto, è arrivato l’ok della Corte dei Conti al decreto interministeriale (Lavoro-Economia) che trasferisce circa 444 milioni al Fondo degli Artigiani (248,6 milioni) e al Fondo per i lavoratori in somministrazione (195,3 milioni) nell'ambito dell'ampliamento dei fondi previsto dal Dl Rilancio per l'erogazione dell’assegno ordinario di integrazione salariale.

Leggi di più: IlSole24ORE »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Con le misure caritatevoli e coercitive fanno sette.

Blog | Il conflitto al lavoro: tra esercizio del potere, persuasione e negoziazioneIl conflitto al lavoro: tra esercizio del potere, persuasione e negoziazione - Post di lucabaiguini | via econopoly24 econ24 21 giugno --- segui Econopoly - Il Sole 24 Ore

Coronavirus Piemonte, Rsa San Salvatore Monferrato: procura al lavoroLeggi su Sky TG24 l'articolo Coronavirus Piemonte, Rsa San Salvatore Monferrato: procura al lavoro

Pordenone, fabbriche al lavoro: riparte l’export di mobili e lavatriciGli ordinativi dall’estero iniziano a ripartire: più cauto il mercato interno. Agrusti (Confindustria): tutti gli incentivi vanno pensati attentamente il mercato interno invece non interessa a nessuno

Asti, migranti al lavoro 11 ore al giorno: un arresto e tre denunceLeggi su Sky TG24 l'articolo Migranti al lavoro 11 ore al giorno nell’Astigiano e nel Cuneese: un arresto e tre denunce Tutto il mondo è paese banditi 6€ l'ora! Beati loro io ne prendevo 2.5€ in nero e per lo più rischiando la vita per 8 ore al giorno compreso il Sabato, che paese di merda. Ma se il nostro primo ministro lavora 23 ore al giorno ed è sempre fresco come una rosa!

Decreto Rilancio, M5s contro l'emendamento del collega Donno: 'Sanatoria per datori di lavoro'. Lui: 'Vado avanti come un treno' - Il Fatto QuotidianoScontro dentro il M5s su un emendamento al decreto Rilancio. Il deputato Davide Tripiedi ha lanciato una campagna, con tanto di foto e banner, contro la richiesta di modifica del collega Leonardo Donno accusato dai suoi di voler introdurre “sanatorie per i datori di lavoro”. “Rafforziamo la sicurezza sui luoghi di lavoro, no all’emendamento Donno”, … No a questo emendamento! Stiamo scherzando? LeonDonnoM5S Tutto lui, difatti: Signore e.. Donno. Ma è lo stesso Donno che ha sottoscritto questa interrogazione parlamentare sul mancato coinvolgimento delle RLS? Se si, un concetto di salute e sicurezza alquanto bizzarro. A proposito, che fine ha fatto questo documento?

Il sindaco Sala: «Stop a smart working, torniamo al lavoro. “Effetto grotta” è pericoloso»Il primo cittadino di Milano: «Contento che il lockdown ci abbia insegnato lo smart working, e ne ho fatto ampio uso in Comune, ma ora è il momento di tornare a lavorare» Ma che si decidano! Prima ti fanno il lavaggio del cervello per stare chiuso in casa e adesso si stupiscono che le persone non vogliono più uscire! E cmq il pianeta ringrazia il meno inquinamento prodotto! Effetto grotta.?.... Certo , tutti allegramente assieme in metro’come sardine , questo è propio un genio ( dimenticavo,però non andate a fare l’aperitivo sui navigli che è pericoloso per la pandemia)👏👏👏