Lagarde: “La Bce è pronta a fare ancora di più contro la crisi”

Lagarde: “La Bce è pronta a fare ancora di più contro la crisi”

19/10/2020 09.37.00

Lagarde: “La Bce è pronta a fare ancora di più contro la crisi”

La presidente della Banca Centrale Europea a Le Monde: abbiamo già salvato un milione di posti di lavoro nella Ue, e le risorse non sono finite

Scelte condiviseRispetto alla crisi finanziaria del 2008 in cui le scelte di bilancio pubblico "non erano state conseguenti, lasciando le banche centrali da sole, soprattutto nell'area dell'euro, questa volta siamo in uno scenario diverso. Il sostegno fiscale sta facendo la sua parte e sta lavorando di pari passo con il sostegno monetario. Questo è senza precedenti e sarà efficace". Così la presidente della Bce, che ricorda di avere sottolineato, "nella riunione dell'Eurogruppo di aprile la necessità di un piano concreto, rapido e flessibile, ma allo stesso tempo mirato ai paesi e ai settori che ne hanno maggiormente bisogno". "Secondo la nostra valutazione - spiega - ciò corrispondeva a una dotazione compresa tra 1000 e 1500 miliardi di euro" e tenendo conto di tutti gli interventi messi in campo "si potrebbe dire che abbiamo raggiunto tale importo".

Calhanoglu, c'è l'offerta dell'Atletico Madrid Sparatoria Ardea, morto suicida il killer che si era barricato in casa - Tgcom24 G7, Draghi: 'Cina è autocrazia che non aderisce alle regole multilaterali, non condivide la stessa visione del mondo delle democrazie' - Il Fatto Quotidiano

L’euro è irreversibile Leggi di più: La Stampa »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Bene!! Intanto gli è andata Buca con il Mes🤣🤣🤣🤣👏👏si attacca al Tram 👏👏👏ci sono tanti Grandi Uomini Politici che vogliono il bene dell’Italia 🇮🇹e non sono certamente quelli di Sinistra come voi 😡 No infatti le risorse non sono finite, continuano a sbarcare tutti i giorni sulle nostre coste.

'Stanno puntando i fucili', a Roma la polizia provinciale spara ai cuccioli di cinghiale - la Repubblica“Stanno puntando i fucili”, “Non sparate, è una mamma”. Sono solo alcune delle frasi di protesta e preghiera urlate dalla fol Tra tutti gli animali quello che dovrebbe estinguersi è l’uomo. ma perché paghiamo questa gente dimmerda? a loro per sparare a delle povere creature e a voi per raccontarlo in questo modo? meritate di rimanere senza soldi e senza cibo davanti allo spartiacque della vita che vi affoga, incapaci teste di fango Repubblica titolo e tweet vergognosi. Ci godete a pubblicare queste cose. Auguro a chi ha dato l’ordine e a chi ha eseguito il gesto di spararselo loro un colpo a bruciapelo. Esseri immondi.

Ecco la seconda ondata, la terribile settimana che cambia l’autunnoUna settimana che ha cambiato la situazione della Granda, «centrata in pieno» dalla seconda ondata del Covid. Perché i numeri degli ultimi tre giorni sui contagi sono i peggiori. Persino di quel terribile inizio di aprile. Da domenica a ieri le positività, secondo i bollettini ufficiali, sono salite di 698 unità: l’11 ottobre erano 3990, ieri 4688. E il +171 rispetto a venerdì (che aveva già registrato +165) rappresenta il dato assoluto più negativo. Vero è che, in confronto alla primavera, è aumentato il numero di tamponi e test sierologici, ma le statistiche sono eloquenti. «I dati parlano da soli - risponde Domenico Montù, responsabile del Servizio Igiene e Salute pubblica dell’Asl Cn1 e coordinatore Sisp nell’Unità di crisi regionale (riattivata 24 ore su 24)-. Ipotizzavamo una possibile ripresa, ma non erano fattibili previsioni. Il governo ha attuato misure abbastanza forti, vedremo». Una questione tamponi, fra Asl, ospedali, «drive-in» e hot-spot (a Mondovì, Savigliano e Cuneo per studenti e insegnanti)? Il governatore Cirio ha chiesto alla Sanità cuneese, risultata «fanalino di coda per i test anti Covid», di eseguirne di più. «Ramanzina» che l’Asl Cn1 e Cn2 e il Santa Croce hanno rimandato al mittente. Migliaia al giorno, hanno detto, gli esami fatti e processati al laboratorio del S. Croce (fino a 1200) o nelle strutture di riferimento fuori provincia: Istituto zooprofilattico e Centro antidoping di Torino (200). Con una media giornaliera di 1100 tamponi. Carenza di test e reagenti? L’ospedale di Cuneo ha «scorte per due mesi». Screening intensificati in case di riposo (nuovi contagi, ma anche chiusure precauzionali ai visitatori, come a Farigliano), sanitari Asl, pazienti ospedalieri e istituti scolastici. Ecco, le scuole. Una delle criticità della settimana, con decine di classi in isolamento: da Mondovì a Verzuolo, da Bra ad Alba (due situazioni numericamente rilevanti, che hanno comportato la chiusura di interi istituti). Le famiglie dovranno continuar Ma quale ondata? Un maremoto di cazzate, diffuse dai criminali di cui siete i portavoce, casomai.

La Regina Elisabetta concede la 'grazia' all'eroe del London BridgeInsieme ad altri passanti, Steven Gallant, in libertà vigilata dopo una condanna per omicidio, si gettò all'inseguimento del killer. Lo bloccarono usando un estintore e una zanna di narvalo 'Lo bloccarono' fa pensare che a essere bloccato fosse il Gallant.

La testimonianza di Massimo Giannini, il direttore de «La Stampa» in terapia intensivaIl giornalista, 58 anni, torna a parlare di sé nell’editoriale di oggi, domenica 18 ottobre. «Ho contagiato anche mia madre, novantenne malata oncologica. Non c’è servizio domiciliare che possa supportarla» Gli auguro pronta guarigione 3..2...1... Ora si scateneranno I dementi negazionisti.... Non è più il tempo di temporeggiare o di mezze misure. 500 morti nell’ultima settimana, terapie intensive che si riempiono. Chiudere tutto prima che accada l’irreparabile

Che cos’è la stagnazione secolare che indebolisce le scelte di Fed e BceL’economia richiederebbe tassi fortemente negativi, al di sotto del -2% in Eurolandia, per creare un equilibrio tra risparmi, investimenti, crescita e prezzi. qualcuno ne parla da un pochetto vero FabioSdogati ? ...

Covid: Coldiretti, 8 miliardi in meno con la crisi dei ristorantiE’ l’ammontare della mancata vendita di cibi e bevande per il 2020. Il calo è del 40 per cento per colazioni, pranzi e cene fuori casa La Coldiretti dovrebbe spiegare come vien fuori questo calcolo, se da ipotesi oppure da studi di settori documentati con le dichiarazioni dei redditi.