La vittoria delle operaie contro i turni discriminatori per la cura dei figli

20/01/2022 16.40.00

💪'Turni discriminatori per la cura dei figli', la vittoria delle operaie dopo una lunga battaglia

Lavoro

💪'Turni discriminatori per la cura dei figli', la vittoria delle operaie dopo una lunga battaglia

La loro azienda aveva cancellato il turno centrale costringendo molte a dimettersi. Per la giudice del lavoro si è trattato di un caso di 'discriminazione indiretta' che ha danneggiato madri e figli

© @AGI -  Una manifestazioni delle madri lavoratrici a Bologna  AGI - “Senso comune”, “esperienza” e testimonianze delle lavoratrici “disperate”. Su  questi argomenti si basa la sentenza della giudice del lavoro di Bologna, Chiara Zompi, che nei giorni scorsi ha dato ragione alle facchine con figli piccoli 'ribelli' ai turni che rendevano impossibile l’accudimento dei loro bambini.

Perché è una "discriminazione indiretta"Nel dicembre del 2019 la Lis Group che gestisce in appalto il magazzino di Yoox Net a Porter Bologna aveva comunicato aun centinaio di operaie,molte delle quali straniere e senza una rete di appoggio familiare, che dal primo marzo 2020 sarebbe cambiato l’orario di lavoro con due turni dalle 5.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 22.30 invece che un unico ‘centrale’

Leggi di più: Agi Agenzia Italia »

Turismo, Garavaglia: 'Estate record, si superano i numeri del 2019' - Italia

Il ministro: 'Un giusto premio per i nostri operatori dopo un paio d'anni veramente difficili' (ANSA) Leggi di più >>

Napoli, rilanciata la sfida all'Inter per Nandez | La carta che cambia tuttoIl Napoli torna a pensare a Nandez, l'uruguaiano piace sempre molto: operazione difficile ma una mossa può cambiare i piani azzurri

Abuso d'ufficio, per la Consulta la riforma per decreto non è irragionevoleLegittima la valutazione del Governo secondo cui a seguito dell'emergenza epidemiologica vi era la necessità di far 'ripartire' il Paese celermente

Mai un delfino per il Cav, l’uomo che punta al Quirinale: più re che kingmakerPiù che un delfino direi un merluzzo o tutt'al più un tonno🐟🐟🐟 Con tutti i malanni che ha....... non partecipa nemmeno alle udienze ..,

Ariete: «Canto l’amore per la mia ragazza anche per i miei coetanei»Nel sesto episodio di Fortissime, la storia della cantautrice indie Arianna Del Giaccio, in arte Ariete, che dalla sua cameretta ha fatto partire una rivoluzione

Rihanna e Lourdes Ciccone: la lingerie per San Valentino è amore per sé stesse - iO DonnaIl mantra di Rihanna ha spesso la stessa intenzione: ricordarci qual è la persona più importante di cui innamorarci: noi stesse. L'occasione è buona per tirare in mezzo Lola Leon Ciccone...

Aké, la rivelazione e la Juve che verràCome successo in passato, anche l’attaccante francese arriva dalla Under 23: contro la Samp ha già dimostrato di poter essere utile ad Allegri

20 gennaio 2022 © @AGI -  Una manifestazioni delle madri lavoratrici a Bologna   AGI - “Senso comune”, “esperienza” e testimonianze delle lavoratrici “disperate”..ha dichiarato non fondata la questione di legittimità dell' articolo 23, comma 1, del decreto-legge 16 luglio 2020 n.federico geremicca Modificato il: 20 Gennaio 2022 1 minuti di lettura Kingmaker, significato: espressione che si applica ad una persona che abbia grande influenza in una successione (in origine monarchica), senza poter a sua volta essere un possibile candidato.

Su  questi argomenti si basa la sentenza della giudice del lavoro di Bologna, Chiara Zompi, che nei giorni scorsi ha dato ragione alle facchine con figli piccoli 'ribelli' ai turni che rendevano impossibile l’accudimento dei loro bambini. Perché è una "discriminazione indiretta" Nel dicembre del 2019 la Lis Group che gestisce in appalto il magazzino di Yoox Net a Porter Bologna aveva comunicato a un centinaio di operaie, molte delle quali straniere e senza una rete di appoggio familiare, che dal primo marzo 2020 sarebbe cambiato l’orario di lavoro con due turni dalle 5. Nahitan Nandez © LaPresse Azzurri che intanto continuano a monitorare il mercato.30 alle 13. La Corte ha ricostruito la lunga vicenda politico-parlamentare-giudiziaria dell'abuso d'ufficio e di quella"burocrazia difensiva" derivante dalla dilatazione dell'ambito applicativo del reato, per cui «i pubblici funzionari si astengono […] dall'assumere decisioni che pur riterrebbero utili per il perseguimento dell'interesse pubblico, preferendo assumerne altre meno impegnative […], o più spesso restare inerti, per il timore di esporsi a possibili addebiti penali (cosiddetta"paura della firma")».30 e dalle 14. Spalletti, dipendesse da lui, vorrebbe un altro terzino sinistro, ma occorrerebbe fare spazio in lista, e Ghoulam , nelle ultime gare, si è ben disimpegnato.30 alle 22.

30 invece che un unico ‘centrale’ dalle 8. Tutto confermato dall’edizione odierna del ‘Corriere dello Sport’, che spiega come, di fronte al nuovo sondaggio dei partenopei le cose non siano cambiate. Il giudice chiedeva una pronuncia di incostituzionalità che avrebbe avuto come effetto la reviviscenza della precedente norma incriminatrice dell'abuso d'ufficio, dal perimetro più vasto.30 alle 15.30 . Per ora, gli azzurri non intenderebbero andare oltre la proposta di un prestito con diritto di riscatto. Molte si erano dimesse. Da questo punto di vista, «la modifica non è neppure una"monade" isolata » ma si abbina «a disposizioni volte a"tranquillizzare" i pubblici amministratori» rispetto all'altro"rischio" della responsabilità erariale, parimenti oggetto di modifiche a carattere limitativo. Dopo la lunga battaglia portata avanti da una quindicina di ricorrenti iscritte al Si Cobas e dalla consigliera regionale di parità, Sonia Alvisi, la giudice ha concluso che è stato un caso di ‘discriminazione indiretta’. In mezzo al campo, il sacrificabile potrebbe essere Diego Demme .

Nella sentenza, letta dall’AGI, si spiega che questo tipo di discriminazione si configura “attraverso una condotta, una prassi, un atto aziendale di per sé leciti, e quindi conformi alle normative di tutela dei lavoratori in generale, che però realizzano l’effetto di porre una categoria di lavoratori, quella portatrice del cosiddetto ‘fattore di rischio’ (nel caso di specie rappresentato dalla genitorialità e nella fattispecie dalla maternità) in una situazione di particolare svantaggio". "Noi disperate dopo il cambio dei turni"  Liuba, madre single, ha raccontato alla giudice: “Il nostro stipendio è intorno ai 1200 euro, non mi posso permettere una baby sitter perché dovrebbe venire a casa mia alle 5 del mattino e farebbe più ore di me, praticamente. Tags. Se facessi il turno del pomeriggio sarebbe anche peggio perché la baby sitter dovrebbe andare a prendere il bambino al nido alle 17.30 e restare fino alle 22.30 e sono troppe ore da pagare.

Non ho la possibilità di chiamare mia mamma. Ci sono altre ragazze nella mia situazione disperata perché non hanno aiuti per gestire i bambini”. Le lavoratrici con figli minori, “tradizionalmente e usualmente maggiormente impegnate nella cura della prole”, così la giudice ‘traduce’ la testimonianza di Liuba e di altre sue colleghe, “si sono dunque trovate in una situazione di oggettivo ed estremo svantaggio rispetto a tutti gli altri lavoratori”. Il magistrato ha anche evidenziato “i gravi disagi e e le alterazioni dei ritmi e delle abitudini di vita, potenzialmente forieri di conseguenze sul benessere psico- fisico dei figli”. L'azienda ha fatto ricorso  La Lis Group non ha dimostrato, è un altro argomento della giudice, che il cambio dei turni fosse necessario in relazione a particolari necessità, come il trasferimento in un magazzino più piccolo rispetto al precedente.

“E’ una sentenza molto importante che va ben oltre la singola vicenda e riguarda tutte le donne lavoratrici, ripagando in parte le operaie dei sacrifici fatti" commenta Eleonora Bortolato, rappresentante del Si Cobas. Entro tre mesi, la Lis Group, che ha presentato ricorso ma la sentenza è subito esecutiva in attesa dell'esito, dovrà assegnare alla lavoratrici madri di figli di età inferiore ai 12 anni un turno centrale o un altro orario concordato. .