La via per l'Africa

La via per l'Africa

12/03/2021 01.47.00

La via per l'Africa

In assenza di una politica coerente dell'Ue per incentivare gli Stati membri e le imprese europee a cooperare efficacemente con le nazioni nordafricane, i corridoi Europa-Africa sono stati creati o rafforzati con l'apporto determinante di attori esterni all'Unione stessa. E la tendenza continuerà.

E' troppo presto per una valutazione complessiva dei passi compiuti per dare concreta attuazione a questa strategia. Ma uno studio recente della Fondazione Konrad Adenauer, a firma di Michael Tanchum, richiama l'attenzione su un problema, quello dei collegamenti transmediterranei, che riguarda specialmente l'Italia e che evidenzia la debolezza del disegno europeo.

'Saman? Le politiche di integrazione hanno fallito. E le donne restano invisibili' Roma, Letta: 'Molto negativo il giudizio su Raggi, il candidato giusto è Gualtieri. Affluenza bassa alle primarie di Torino? È il post-Covid' - Il Fatto Quotidiano Covid Campania, De Luca: 'No a mix vaccini per seconda dose'

L'autore prende in considerazione le tre direttrici, occidentale, centrale e orientale, della mobilità tra Europa ed Africa.La prima parte dalla Germania e raggiunge Dakar attraverso la Francia, la Spagna e il Marocco. La terza arriva all'Egitto passando per Boemia, Slovacchia, Ungheria, Romania, Bulgaria e Grecia.

La seconda, la più importante, ha come hub centrale il porto di Taranto: dalla Germania, attraverso l'Austria e l'Italia passa per Malta e Biserta e può connettersi alle infrastrutture stradali che portano ad Algeri e a Tunisi e di lì potenzialmente fino al cuore del continente nero, a Lagos e N'Djamena. headtopics.com

In assenza di una politica coerente dell'Ue per incentivare gli Stati membri e le imprese europee a cooperare efficacemente con le nazioni nordafricane, osserva lo studio, i corridoi Europa-Africa sono stati creati o rafforzati con l'apporto determinante di attori esterni all'Unione stessa. E la tendenza continuerà.

Il caso più eclatante è quello del Pireo, gestito dalla China Ocean Shipping company (COSCO), i cui servizi intermodali collegano i mercati e le industrie dell'Europa centrale con i porti egiziani, dove i cinesi hanno fatto forti investimenti, e con l'enorme porto multifunzionale di Gibuti, che dal 2017 ospita anche la prima base militare cinese all'estero.

Ma è sul tratto Nord Europa – Italia – Tunisia che si sta giocando la partita più interessante.Ne è protagonista il gigante turco Yilport, del gruppo Yildirim, che il 30 luglio 2019, a fronte di investimenti per 400 milioni di euro, ha ottenuto la concessione, per 49 anni, delle aree e della banchina del"

molo polisettoriale" del Porto di Taranto e prevede di portarne la capacità a 4 milioni di TEU (152 milioni di metri cubi) entro il 2028. Yilport, che ha negato qualsiasi rapporto di partnership con la COSCO a Taranto, controlla anche il 50 per cento del Freeport terminal di Malta. headtopics.com

Covid, in Francia stop a mascherine all’aperto dal 30 giugno Variante Delta, Draghi: 'Se occorre, quarantena per chi arriva da Gb' Coronavirus in Italia e nel mondo: le news del 14 giugno. LIVE

Completa il panorama l'accordo tra Cina e Algeria per la costruzione di El Hamdania, un hub intermodale da 6,5 milioni di TEU a Cherchell, 80 chilometri ad ovest di Algeri.Le prospettive di realizzazione, a causa degli alti costi e del rallentamento economico generato dalla pandemia di Covid, sono ancora incerte. Ma il progetto c'è. E somiglia molto al tassello mancante per completare il percorso dal Nord Europa all'Africa subsahariana.

Ogni spazio lasciato dall'Ue nello sviluppo della connettività Europa-Africa, conclude lo studio della Fondazione Adenauer, sarà riempito da Cina, Russia, Turchia e dagli Stati arabi del Gulf cooperation council.Insomma, i buoni propositi non bastano. Senza partenariati significativi con le nazioni nordafricane, nei futuri collegamenti transmediterranei gli interessi europei avranno un peso molto minore del previsto.

Leggi di più: IlSole24ORE »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Suez, la società di servizi: 'La Ever Given ormai 'galleggia'' - AfricaE' salito a 369, tra cui 25 petroliere, il numero delle navi in attesa, dentro e attorno al Canale di Suez, a causa dell'incagliamento del portacontainer Ever Given. Inviati altri due rimorchiatori per disincagliare la gigantesca nave. ANSA (. Suite… il. Faut. des. engins. / de. Charge et. décharges. ; et. Des. Robots. ; de. Sauvetage. …quelque. Soit. La. Grandeur. du. Bateau…!!… et aussi. Un. Poste. De. Santé. ; aux. abords. des. Bateaux. ;; en. Cas. : de. Coronavirus ; ou. Un. Malaise …!a. Vous. Per. Favore

La mia Africa: viaggio nella riserva di Dzanga Sangha tra gorilla e pangoliniNicos Contos, esperto del continente africano, racconta la sua esperienza nella riserva Dzanga Sangha. Con una guida speciale: il famoso ornitologo Rod Cassidy

Africa, Amref lancia la campagna: serve accesso equo ai vaccini, per il bene di tuttiPer la Settimana delle Vaccinazioni, compresa tra il 24 e il 30 aprile, Amref lancia una nuova Campagna per lo sviluppo di un programma di vaccinazione di massa trasversale nell’Africa sub-sahariana. L’appello per una salute globale e un accesso equo ai vaccini è stato accolto anche da molti artisti e sportivi. Aderisce anche Auser

La Biellese si allena verso la ripresa: “L’obiettivo è sempre onorare la maglia”Finalmente per La Biellese primo allenamento con il pallone. La squadra ha iniziato agli ordini di mister Rizzo il cammino verso l’11 aprile, domenica della ripartenza volontaria in Eccellenza. «Proviamo due emozioni differenti - spiega Luca Rossetto, presidente del sodalizio bianconero -. Il primo ci fa dire, finalmente. Il secondo ...

Serena Mollicone, la sorella: «Era la strada giusta, attendo la verità»Consuelo, che in questi vent’anni è rimasta al fianco di suo padre Guglielmo nella battaglia giudiziaria: «Non ci siamo mai arresi, avevamo ragione» Il brigantaggio nn è mai stato sconfitto in quelle aree, tanto che si è diffuso in tutte le organizzazioni anche statali e private. Serena è simbolo dei giovani italiani schiacciati dagli interessi dei grandi che hanno venduto il futuro e si sono comprati lo Stato.

La svolta legale per la morte di Sarah Everard, la misoginia diventa un'aggravanteIl sacrificio di Sarah Everard ha portati negli Uk allo sblocco di una questione aperta da tempo: la misoginia ora è un hate crime e costituisce un'aggravante. 18marzo