Siria, Guerra

Siria, Guerra

La tragedia di Iman, morta assiderata a un anno e mezzo tra le braccia del padre - La Stampa

Siria, l’uomo la stava portando in ospedale a piedi. Altri 123 bimbi morti così in 8 anni

15.2.2020

Siria , l’uomo la stava portando in ospedale a piedi. Altri 123 bimbi morti così in 8 anni.

Siria , l’uomo la stava portando in ospedale a piedi. Altri 123 bimbi morti così in 8 anni

La Stampa in english La tragedia di Iman, morta assiderata a un anno e mezzo tra le braccia del padre Siria, l’uomo la stava portando in ospedale a piedi. Altri 123 bimbi morti così in 8 anni Pubblicato il 14 Febbraio 2020 BEIRUT. Morta di freddo tra le braccia del padre che tentava a piedi di raggiungere un ospedale per curare la sua piccola malata di bronchite: è accaduto nella Siria nord-occidentale martoriata dal conflitto e dove, secondo l'Onu, circa 800mila persone sono in fuga in condizioni umanitarie disperate, strette nella morsa del gelo e, in molti casi, senza acqua potabile e un rifugio dove ripararsi. La storia di Iman, deceduta giovedì nel distretto di Afrin al confine con la Turchia, è anche quella di Abdelwahhab, un altro neonato morto assiderato nei giorni scorsi nella vicina regione di Idlib. E quella di altri 123 bambini siriani uccisi dai gelidi inverni nel corso degli ultimi otto anni di guerra, secondo quanto riferito dalla Rete siriana per i diritti umani. Ieri si era sparsa la notizia di una intera famiglia - padre, madre e due figlie - morte soffocate nella loro tenda di fortuna a Idlib a causa del malfunzionamento di una stufa mai riparata. Secondo l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, la famiglia non aveva i mezzi per provvedere a una stufa nuova e si era invece procurata un mezzo di riscaldamento non propriamente funzionante, che si era rivelato letale nel diffondere nella tenda un fumo tossico. In rete circolano immagini - la cui autenticità non può essere verificata in maniera indipendente - del padre e delle due bambine morte accanto all'uomo nella tenda: sono avvolti nelle coperte, ancora stretti gli uni agli altri. Media siriani e internazionali pubblicano anche le foto di quella che si dice sia la piccola Iman, morta ad Afrin, ritratta mentre è ancora avvolta nei panni con cui è stata portata in braccio dal padre. Secondo le fonti, anche l'uomo, Mahmud Laila, è morto poco dopo la figlia. Profugo originario della regione di Damasco, Mahmud era sfollato assieme alla famiglia almeno altre tre volte. L'ultima regione di provenienza era la periferia sud-occidentale di Aleppo vicina a Idlib. Da lì la famiglia di Mahmud aveva raggiunto le campagne di Afrin, dove nevica da giorni e dove mancano le più basilari strutture di accoglienza per i profughi. Dal 1 dicembre a oggi, da quando è cominciata l'offensiva russo-governativa siriana contro la regione di Idlib e parte di quella di Aleppo, sono circa 800mila gli sfollati secondo l'Onu. La zona è sotto influenza turca e vi operano miliziani anti-regime. Questi sono agli ordini di Ankara, che in questi ultimi giorni ha risposto direttamente al fuoco di Damasco. Con l'inasprimento del conflitto è aumentata anche l'emergenza umanitaria. L'Osservatorio afferma che la piccola Iman si era ammalata di bronchite, e che le sue condizioni erano peggiorate, tanto da indurre il padre a rischiare di mettersi in cammino per diverse ore per raggiungere il più vicino ospedale attraversando all'alba, a piedi, un percorso di montagna. Secondo l'Osservatorio siriano, la bimba è morta prima di arrivare in ospedale. ©RIPRODUZIONE RISERVATA Qui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio: "Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...." Maurizio Molinari Leggi di più: La Stampa

una volta usavano i bambini per sminare i campi adesso li usano per fare compassione alla gente Tristezza infinita, enorme scoramento 😥 Cose che rendono necessaria la camomilla.

L’uomo onesto si fece demonio perché esagerò con la giustizia - La StampaChi è Michael Kohlhaas, l'eroe del breve romanzo di Kleist? È il figlio di un maestro elementare e vive sulle rive del fiume Havel, dove possiede una bella fattoria. Le recensioni 📖 di Tuttolibri .

La Capanna Mautino spegne 100 candeline - La StampaLa ricostruzione del celebre rifugio dello Ski Club Torino ai Monti della Luna, fra il 1947 e il 1948, era costata 4 milioni e mezzo.

Lituania. In festa per l’indipendenza - La StampaL’11 marzo ricorrono i 30 anni dall’addio all’Urss. Spesso considerata tutt’uno con le altre Repubbliche baltiche ha una sua identità precisa. Da scoprire tra chiese e mercati.

Il vitigno. Pinot noir all’italiana - La StampaDall’Alto Adige all’Etna le declinazioni di quest’uva francese. «La sua magia? Saper raccontare il territorio in cui cresce».

Talete, Fichte, Eraclito: ditemi come morite e vi dirò come pensate - La StampaVita morte e miracoli? No, qui l’ordine è morte-vita-pensiero. Il professor Saudino alias Barbasophia ha preso quindici filosofi famosi e li ha raccontati a partire da quando - e soprattutto come - hanno esalato l’ultimo respiro. Perché se è l’ineluttabilità del morire a dare un senso al vivere, quell’ultimo atto ...

Né tu né noi - La StampaSarà senz’altro vero, e lo scrivono in parecchi, che l’inarrestabile calo della natalità in Italia (1,29 figli per donna in età fertile, l’anno scorso 140 mila nati in meno rispetto al 2018) dipende in buona parte dalla carenza e dall’inadeguatezza di leggi in sostegno alla famiglia. In paesi in cui i genitori vengono ben assistiti, come Francia e Svezia, si sono recuperati quegli zero virgola che alleggeriscono l’allarme. Ancora più interessante è un dato diffuso giorni fa dalla Fondazione Agnelli: il contributo alla causa delle coppie straniere si riduce progressivamente. Dai 2,69 figli per donna nel 2004 all’1,84 del 2018. E’ un andamento che Torino ha già conosciuto, quando i meridionali attirati dalla grande fabbrica prolificavano molto più dei torinesi, ma presto si adattarono alle medie locali. Come si vede, la vita comoda scoraggia dal complicarla coi marmocchi. E’ la tesi del sociologo Giuseppe De Rita: aumentano i depositi bancari, i risparmi nei fondi, l’economia in nero, e a diminuire sono i bambini. Certo, dice De Rita, c’è insicurezza, preoccupazione per la crisi, ma prevalgono il narcisismo di massa, l’indisponibilità al sacrificio, il desiderio di restare giovani, di divertirsi finché possibile. Non si vogliono figli, dice, perché la dittatura dell’Io ha spazzato via il Noi. Mi sembrava convincente, ma forse un po’ severo. Finché non ho visto un sondaggio Ipsos per la La7 secondo cui il 61 per cento degli italiani (contro il 30, il 9 ci deve pensare) rifiuterebbe di restare al lavoro più a lungo per garantire un’adeguata pensione ai figli. A quel punto lì, non farli non è la conseguenza peggiore.



Coronavirus Stop lavoro e mobilità in zone focolaio - Politica

Coronavirus, l'ordinanza del ministero della Salute: 'Quarantena per chi è rientrato dalla Cina e chi ha avuto contatti con contagiati' - Il Fatto Quotidiano

Migranti, la Ocean Viking sbarcherà 274 persone a Pozzallo | Sky TG24

Coronavirus, diario dall'isolamento - 'Sulle chat delle mamme circolano nomi di pediatri positivi al test. L'ansia c'è e non si nasconde' - Il Fatto Quotidiano

Siamo pronti alla Pandemia? - La Stampa

Coronavirus: università chiuse in Lombardia, Veneto e a Ferrara | Sky TG24

Coronavirus Italia, 2 morti. Governo vara misure straordinarie. LIVE | Sky TG24

Scrivi un Commento

Thank you for your comment.
Please try again later.

Ultime Notizie

Notizia

15 febbraio 2020, sabato Notizia

Notizie precedenti

Il polpo regala stupore infinito, i colori di questa creatura lasciano a bocca aperta

Prossime notizie

Agenzia delle entrate: bonus facciate al via, comprende anche balconi e fregi
Coronavirus, la direttrice analisi del Sacco: 'Mi sembra follia' | Sky TG24 Coronavirus Italia, 3 morti e oltre 150 positivi in Italia. LIVE | Sky TG24 Coronavirus, la direttrice del laboratorio Sacco: «Non esagerate, state calmi, una follia che farà male» La direttrice del laboratorio Sacco: «Non esagerate, una follia che farà male» Coronavirus Italia, 3 morti e oltre 130 positivi in Italia. LIVE | Sky TG24 Perché il coronavirus si è diffuso così rapidamente nel Nord Italia? Coronavirus, Xi: «La più grande emergenza della nostra storia» Coronavirus, due casi sospetti su treno: l'Austria chiude la ferrovia al Brennero. Romania: quarantena per chi arriva da Lombardia e Veneto - Il Fatto Quotidiano Coronavirus, attivo numero verde nei comuni della 'zona rossa' | Sky TG24 La mappa del Coronavirus, in Italia contagi raddoppiati in 24 ore: siamo i terzi al mondo per numero di persone colpite Coronavirus - L'isolamento dei soggetti a rischio in Francia, Germania e Uk sbandierato da Ricciardi (Oms)? Solo per chi ha sintomi evidenti o si 'autodenuncia'. Ecco cosa si fa negli aeroporti europei e Usa - Il Fatto Quotidiano Stampa inglese: l’eredità di Kirk Douglas in beneficenza, nulla al figlio Michael - La Stampa
Coronavirus Stop lavoro e mobilità in zone focolaio - Politica Coronavirus, l'ordinanza del ministero della Salute: 'Quarantena per chi è rientrato dalla Cina e chi ha avuto contatti con contagiati' - Il Fatto Quotidiano Migranti, la Ocean Viking sbarcherà 274 persone a Pozzallo | Sky TG24 Coronavirus, diario dall'isolamento - 'Sulle chat delle mamme circolano nomi di pediatri positivi al test. L'ansia c'è e non si nasconde' - Il Fatto Quotidiano Siamo pronti alla Pandemia? - La Stampa Coronavirus: università chiuse in Lombardia, Veneto e a Ferrara | Sky TG24 Coronavirus Italia, 2 morti. Governo vara misure straordinarie. LIVE | Sky TG24 La Regione di Zaia ha bloccato i test sui cinesi al rientro - Il Fatto Quotidiano Coronavirus: nuovo positivi, a Cremona - Ultima Ora Coronavirus, scontro politico Salvini: «Blindare porti e confini» Il Pd: «Sciacallo» Coronavirus, nuovo caso di contagio in Veneto: è un 67enne di Dolo - Tgcom24 Coronavirus: nell’80-90% dei casi è come l’influenza, per gli altri rischio polmonite