Politica%2Cgoverno%20%28Conte%29

Politica%2Cgoverno%20%28Conte%29

La sorpresa di Palazzo Chigi sulla difesa del ministro “Perché negare l’evidenza?” - La Stampa

La sorpresa di Palazzo Chigi sulla difesa del ministro “Perché negare l’evidenza?”

15/07/2019 11.38.00

La sorpresa di Palazzo Chigi sulla difesa del ministro “Perché negare l’evidenza?”

Lo staff di Conte ha avvisato il vice della nota che stava per fare: «L’indagine riguarda Savoini, non è a rischio la tenuta del governo»

 ROMA. «Quando si sono accesi i riflettori su di noi, cos’altro potevamo fare?». In questi giorni complicati, il sentimento dominante ai piani alti di Palazzo Chigi è di sorpresa. Per la strategia difensiva di Matteo Salvini, per quell’insistenza nel rinnegare Gianluca Savoini «contro ogni evidenza», uno stillicidio di foto inequivocabili, e poi tweet e dichiarazioni dello stesso presidente dell’associazione Lombardia-Russia. Come mai, ci si chiede, un comunicatore accorto come il capo leghista è scivolato su una presa di distanza tanto poco credibile, quando, ragionano, sarebbe stato più saggio dire subito di avere rapporti con Savoini, pur respingendo tutte le accuse?

Euro 2020, malore per Eriksen durante Danimarca-Finlandia Eriksen si accascia: è a terra privo di sensi, compagni in lacrime. Diversi massaggi cardiaci Euro 2020, Danimarca-Finlandia finisce 0-1. Belgio-Russia 3-0

Così facendo, il caso si è gonfiato ancora di più. Perché al fatto iniziale – la presunta trattativa all’Hotel Metropol di Mosca – si sono aggiunti curiosità e incredulità per quel «non l’ho invitato io» dichiarato pubblicamente da Salvini, in riferimento alla cena con Putin a Villa Madama del 4 luglio scorso. In un primo momento, un po’ troppo frettolosamente, anche il premier Conte se n’è tenuto fuori attribuendo la decisione dell’invito all’Ispi, responsabilità subito negata dall’Istituto di politica internazionale. Incalzato dalle richieste dei giornalisti e dal montare del caso, fatte verifiche più puntuali, ecco però che dalle stanze di Palazzo Chigi salta fuori la mail – svelata ieri dalla Stampa – che dimostra come l’inv

ito sia stato sollecitato da Claudio D’Amico, ex deputato leghista oggi consigliere per le attività strategiche di rilievo internazionale di Salvini. Come dice una fonte di Palazzo Chigi, «a quel punto cos’altro potevamo fare», se non dirlo pubblicamente in una nota, «ho fiducia nel mio ministro dell’Interno - dichiara Conte - ovviamente dobbiamo trasparenza e io l’ho resa nella massima forma». Da palazzo Chigi sostengono che, chissà, D’Amico potrebbe anche aver proceduto con l’invito in autonomia, senza avvertire direttamente Salvini – non danno per certo il teorema «non poteva non sapere». Ma il punto è, spiegano, che se così fosse sarebbe comunque perché con Savoini c’è una consuetudine tale da non rendere necessario avvertire il capo. Per questo restano esterrefatti quando Salvini dice «non so cosa ci facesse» il presidente dell’associazione Lombardia-Russia al tavolo, nel luglio 2018, dell’incontro con il ministro omologo russo, «non faceva parte della delegazione»: in quelle occasioni si parla di temi delicati, il responsabile dell’Interno deve sempre sapere chi è presente. Non è verosimile che possa superare il vaglio della sicurezza qualcuno che non fa parte della squadra del ministro, ma se così fosse sarebbe una distrazione grave. Non è insomma tanto l’indagine a lasciare perplesso Conte («spetta alla magistratura fare chiarezza») quanto il tentativo di minimizzare i rapporti con Savoini. E a spingerlo a intervenire. headtopics.com

Con un’operazione che vuole essere «di trasparenza», ma che giocoforza lo mette in contrasto con il vice, perché suona come una vistosa smentita a lui. Prima di diffondere il comunicato, c’è stato un contatto tra gli staff del premier e quello del leghista. Per avvisarlo di quello che stava per arrivare. Ieri, poi, Conte ha provato a chiamare il ministro leghista, ma senza riuscire a parlargli. «Il signor Savoini non ha mai avuto incarichi di governo; che questa indagine che al momento riguarda solo lui -dice - possa mettere a rischio la tenuta del governo mi sembra un’osservazione impropria». Da quando il caso è esploso, Conte non ha avuto occasione di un confronto vis-à-vis con Salvini. È probabile che

Leggi di più: La Stampa »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Perché si gode di gonzi disposti a crederci Sapesse GiuseppeConteIT lo stupore degli elettori che volevano un governo del cambiamento e si trovano un premier pd invece di un realDonaldTrump .... Il ruggito del 🐰 (no, non il noto programma di RaiRadio2 ma improvviso inatteso coraggio di contechenonconta!)

E perché?

Candoni: “Savoini è un vero idealista perché crede nella madre patria Russia” - La StampaL’ex vicepresidente di Confindustria Mosca: “Nessuno va al Metropol, quella era una trappola” Come ci credeva una volta il Pc ?

Roma, tensioni durante sgombero palazzo occupato di via Capranica Diretta tvGli occupanti hanno dato fuoco a mobili e pneumatici messi come barriera

Assemblea del Pd, Zingaretti: “Serve una rivoluzione del partito o non ce la facciamo” - La StampaROMA. «Serve una rivoluzione o non ce la facciamo a svolgere il nostro ruolo. La riforma del partito è necessaria perché lo strumento che abbiamo non è utile a questa funzione. Dobbiamo cambiare tutto perché tutti sappiamo che così non si va più avanti». Lo ha detto il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, all'assemblea nazionale oggi a Roma. «Non si può andare avanti con un partito che è un arcipelago di luoghi in cui si esercita in modo disordinato la sovranità. Il regime correntizio appesantisce e soffoca tutto. Ci sono realtà territoriali che si collocano con un leader o con un altro a prescindere dalle idee, solo per convenienza», ha aggiunto il segretario dem. Per il segretario non si può attendere l'esito della Commissione Statuto, ma occorre «sperimentare subito nuovi livelli di organizzazione territoriale, di “punti Pd”, registrati in una nuova piattaforma, e iniziare al lavorare nelle scuole, nei luoghi di lavoro». E dà appuntamento a Bologna dal'8 al 10 novembre per la «Costituente delle idee».«Zingaretti – scrive il presidente della Toscana, Enrico Rossi, su Facebook – all'assemblea nazionale del Pd ha usato parole molto forti sul partito. Ha parlato della necessità di una rivoluzione, di stracciare lo statuto, di combattere contro i gruppi di potere e il leaderismo. Un lavoro che dovrà durare fino a novembre per concludersi con un vero atto di rigenerazione. È una bella sfida, su cui la sinistra si gioca il suo futuro». Aggiunge Rossi: «Penso che molte cose siano cambiate, che si possano e si debbano usare i social network, avere anche un partito digitale, ma che niente potrà mai sostituire la militanza, un circolo dove riunirsi, comunicare con gli altri, conoscersi e formarsi alla politica, essere riferimento territoriale e sociale». Serve un segretario con i controfiletti. Zinga datti da fate urla syrepita scendi in piazza fate programmi create movimento l'inerzia sta uccidendo ce la fa...ce la fa...🤔non ce la fa...🙄 Sai che rivoluzione con un partito di fighetti e veline ...

Mihajlovic in lacrime: 'Ho la leucemia, so che la vincerò' - Calcio'Ho la leucemia, so che la vincerò': così, in conferenza stampa, il tecnico del Bologna, Sinisa Mihajlovic: 'Una botta, piango ma non sono lacrime di paura' calcio Forza Mihajlovic Forza mister vinci questa battaglia. Mi spiace molto. Spero che tutto il bene per lei

La Russia si rilancia nello spazio con un nuovo potente telescopio - La StampaLo Spektr-RG è stato lanciato dal cosmodromo di Baikonur, è destinato a mappare l’universo con una precisione mai vista prima. Fa parte di un programma spaziale congiunto con la Germania

Tour de France: Impey vince la 9/a tappa, Alaphilippe sempre in giallo - La StampaIl gruppo dei big è arrivato a oltre un quarto d'ora dal vincitore.