Italia, Giuseppe Rizzo, Mafia, Letteratura, Cosa Nostra, Pif, Giovanni Falcone, Capaci, Paolo Borsellino, Via D'amelio, Stragi, Sciascia, Corrado Fortuna, Davide Enia, Crocetta, Sicilia, Mafia, Antimafia, Cinema, Cosa Nostra, Riina, Provenzano, Tony Gentile

Italia, Giuseppe Rizzo

La Sicilia è una guerra in due atti

È in corso un cortocircuito tra realtà e racconto della realtà che ha ricadute sull’intero paese.

23/05/2020 14.04.00

La Sicilia è una guerra in due atti. Le stragi mafiose degli anni novanta, la lotta a cosa nostra , i professionisti dell'emergenza. Un articolo di Grrrizzo, dall'archivio.

È in corso un cortocircuito tra realtà e racconto della realtà che ha ricadute sull’intero paese.

). Significativamente, le stragi di Capaci e via d’Amelio entrano nella letteratura italiana in opere pubblicate in questi ultimi cinque anni. Significativamente, tutti gli autori sono nati a Palermo, e nel 1992 avevano dai quattordici ai venti anni. Pif è nato nel 1972 e ci ha girato un film. Alessandro D’Avenia nel 1977, Corrado Fortuna nel 1978 e Davide Enia nel 1974: tutti e tre ci hanno scritto sopra romanzi e racconti. Un racconto di Enia è ripubblicato in questi giorni in

'La Chiesa dovrebbe abbracciare i gay, invece non li vuole liberi. E ora Francesco sembra un po' Pio IX' Il Fatto di Domani del 22 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Zan: «Sono incredulo, è un’ingerenza senza precedenti»

La guerra. Una storia siciliana, libro che raccoglie il lavoro del fotografo Tony Gentile tra il 1989 e il 1996 – tutte le immagini di questa pagina sono tratte da quel volume. Per come la vedo io, i romanzi e i film di questi autori si legano inconsapevolmente tra loro per dire due cose: che la Sicilia è una guerra; e che, come per gli americani raccontati da Fitzgerald, nella vita dei siciliani sembra non esserci un secondo atto. Quest’ultimo punto finisce per avere conseguenze sull’Italia intera, ma ci arrivo tra un attimo, prima ho bisogno di tornare dalla parte sbagliata.

2Per me stare dalla parte sbagliata ha significato anche avere conosciuto e frequentato salvatori della patria che si sono poi rivelati abbagli ideologici e fregature straccione. Nello specifico ha voluto dire che mi sono innamorato di progetti civili fallimentari, di promesse di salvezza sceneggiate dalla politica e smontate dalla realtà, di rivoluzioni che al più erano contestazioni quando non teatrini. Ancora più nello specifico tutto questo si è tradotto in tessere di associazioni contro le mafie, entusiasmi per treni e cortei della legalità, litigate in difesa di Rosario Crocetta prima che diventasse governatore dell’isola, crociate affinché Totò Cuffaro fosse sbattuto in galera. Molti dei furori che hanno preceduto queste scelte sono stati degli errori, e un po’ anche certe scelte, anche se in misura differente. Il disprezzo per la politica clientelare di Cuffaro non è niente al confronto della delusione che è seguita all’insignificanza di certa sinistra, ma non mi piace pensare di aver desiderato il carcere per una persona; l’odio per la mafia non è paragonabile al risentimento per i professionisti dell’antimafia, ma non mi piace pensare di aver creduto ai teoremi sulle trattative tra stato e mafia. headtopics.com

3Julian Barnes inMetroland: “Quando muoiono le teorie? E perché? Dite pure quel che vi pare, ma finiscono eccome, e per la maggior parte di noi. È un unico avvenimento decisivo a ucciderle? Forse per qualcuno. Ma di solito muoiono d’usura, lentamente e sull’onda delle circostanze”.

Giovanni Falcone al funerale del giudice Rosario Livatino, 1990. “La foto è davvero spietata: sono tutti soli dentro lo scatto, e questa solitudine senza consolazione spiega più di mille parole il perché della forza della mafia”. (Davide Enia)

(Tony Gentile, Postcart edizioni)4L’onda delle circostanze sulle spiagge siciliane è tutta una risacca di storie che vengono dal passato, e queste storie sono fatte proprie non solo da narratori e registi quarantenni, ma anche da imprenditori ed eroi dell’antimafia che negli anni si sono trasformati in maestri dell’emergenza. Tutti raccontano il primo tempo siciliano: chi lo fa al cinema o nei romanzi lo fa perché quel primo tempo è ricco degli eventi che l’hanno segnato, appunto; gli altri perché senza non potrebbero giustificare carriere cattedre e palcoscenici. C’è un rischio: il racconto degli anni novanta fatto nei romanzi e nei film usciti di recente carica inconsapevolmente l’arma di cui hanno bisogno i maestri dell’emergenza per tenere sotto scacco l’isola, e con l’isola il paese. Quest’arma è l’emotività, i suoi proiettili sono le emozioni, e rientrano in quello che Giovanni De Luna definisce come “

paradigma vittimario”, ovvero quel diffuso bisogno di risarcimento morale provocato dalle stragi. Pif, Enia e gli altri raccontano anni drammatici, in cui magistrati saltavano in aria e giornalisti venivano sparati e bambini erano sciolti nell’acido. Riempiono il campo di emozioni a cui nessuno può sottrarsi: la rabbia, l’amarezza, la paura, lo sconforto, la disperazione. Queste stesse emozioni sono usate e manipolate dai maestri dell’emergenza per farne un ricatto: chi può metterle in discussione senza apparire come un mostro di cinismo che sputa sul cadavere dei morti? headtopics.com

Europei 2021, Juve e Barcellona per le differenze: loghi arcobaleno Un mese alle Olimpiadi: le paure dei giapponesi, i sogni degli italiani. Il podcast Dichiarazione congiunta di 13 Paesi Ue contro la legge ungherese anti-Lgbt. Firma anche l'Italia (ma dopo le proteste) - Il Fatto Quotidiano

5 Leggi di più: Internazionale »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Tangenziale Est: la sindaca Raggi annuncia la Fase 2 del progetto, critici i residentiDopo la demolizione della sopraelevata accanto alla stazione Tiburtina va avanti il cantiere per la riqualificazione della zona. I cittadini: 'Si sta creando un'autostrada non un parco'

Lucia Bosè la ribelle: la vita tra amori, film, angeli e toreri - iO DonnaLa guerra, Miss Italia , gli amori, il cinema. Una vita tutta da raccontare quella della scomparsa Lucia Bosè: gli anni con Dominguín, l’amicizia con Picasso, i figli... Una donna dallo spirito ribelle celebrata in un libro che ne racconta le tante esperienze

Gli undici mestieri che consentono di trovare lavoro (anche con la crisi): la classificaNon solo produttori di mascherine. Dall’esperto della cyber security all’insegnante, sono diversi i lavori che offrono opportunità. Nel pubblico e nel privato

Alena Seredova pubblica la prima foto con la figlia (e svela il nome)Leggi su Sky TG24 l'articolo Alena Seredova pubblica la prima foto con la figlia (e svela il nome)

I gatti litigano dietro la giornalista, in diretta tv: la donna è impassibile al cat fightI collegamenti tv da casa, in piena pandemia da Covid-19, sono ormai all'ordine del giorno ma non sempre le cose vanno per il verso giusto. Ne sa qualcosa la giornalista filippina Doris Bigornia, che è riuscita a mantenere la calma nonostante la cat fight scoppiata alle sue spalle. I due felini si sono azzuffati proprio mentre la cronista stava effettuando il suo intervento in diretta. fulviocerutti 'Cat fight' è un'altra roba

A Taranto la rivolta dei lavoratori contro Arcelor Mittal: “Qui incombe la catastrofe”Da questa mattina sit in di protesta, annunciato uno sciopero per lunedì. Il Comune al governo: bisogna avere coraggio di cambiare pagina. Pressing degli ambientalisti