La Roma prima incanta e poi trema: all'Empoli non riesce la rimonta, Mou vince 4-2 - TUTTOmercatoWEB.com

La Roma prima incanta e poi trema: all'Empoli non riesce la rimonta, Mou vince 4-2

23/01/2022 21.57.00

La Roma prima incanta e poi trema: all'Empoli non riesce la rimonta, Mou vince 4-2

Le scelte dei due tecnici\nAndreazzoli cambia leggermente il solito 4-3-2-1 con Bajrami ed Henderson a supporto di Pinamonti, unico riferimento offensivo per i toscani. Mourinho schiera una sorta di 3-

Le scelte dei due tecniciAndreazzoli cambia leggermente il solito 4-3-2-1 con Bajrami ed Henderson a supporto di Pinamonti, unico riferimento offensivo per i toscani. Mourinho schiera una sorta di 3-4-1-2, con Mkhitaryan a supporto della coppia formata da Abraham e Zaniolo. In cabina di regia spazio a Sergio Oliveira, con Cristante a supporto e Maitland-Niles sulla sinistra.

Gara pimpante, l’Empoli ci provaL’obiettivo dei padroni di casa era quello di bissare la prestazione vista a San Siro in Coppa Italia. La missione dei giallorossi, invece, era quella di sfruttare i risultati favorevoli nel weekend e dare continuità al successo interno col Cagliari. Nonostante le fatiche in settimana, la gara è parecchio pimpante e si vede sulle prime accelerazioni da parte degli uomini di Andreazzoli, pericolosi prima con Bandinelli e poi con Bajrami: conclusione violenta dopo uno scambio veloce su calcio d’angolo, ma traiettoria imprecisa.

Leggi di più: TUTTOmercatoWEB »

@p_iannarelli Le scelte dei due tecnici Andreazzoli cambia leggermente il solito 4-3-2-1 con Bajrami ed Henderson a supporto di Pinamonti, unico riferimento offensivo per i toscani. Mourinho schiera una sorta di 3-4-1-2, con Mkhitaryan a supporto della coppia formata da Abraham e Zaniolo. In cabina di regia spazio a Sergio Oliveira, con Cristante a supporto e Maitland-Niles sulla sinistra. Gara pimpante, l’Empoli ci prova L’obiettivo dei padroni di casa era quello di bissare la prestazione vista a San Siro in Coppa Italia. La missione dei giallorossi, invece, era quella di sfruttare i risultati favorevoli nel weekend e dare continuità al successo interno col Cagliari. Nonostante le fatiche in settimana, la gara è parecchio pimpante e si vede sulle prime accelerazioni da parte degli uomini di Andreazzoli, pericolosi prima con Bandinelli e poi con Bajrami: conclusione violenta dopo uno scambio veloce su calcio d’angolo, ma traiettoria imprecisa. Tredici minuti di follia, la Roma cala il poker Se nella prima parte i giallorossi non brillano, nei tredici minuti che vanno dal 24’ al 37’ gli uomini di Mourinho inseriscono il turbo: Abraham sfrutta un rimpallo in area e apre le danze, poi segna sugli sviluppi di un corner ma a far festa è Mancini. Il difensore numero 23 è l’ultimo a girare in rete il pallone, ma la palla ha varcato la linea già sul tiro dell’inglese. Il terzo gol è tutto di Sergio Oliveira, che in caduta trova la traiettoria vincente, mentre il poker è tutto di Zaniolo: Mkhitaryan affonda in contropiede e serve il numero 22, che a due passi dalla porta non sbaglia. Prima del duplice fischio Andreazzoli perde anche Marchizza dopo una torsione innaturale del ginocchio. Empoli, reazione d’orgoglio Il 4-0 al termine del primo tempo sveglia gli azzurri. I padroni di casa tornano in campo con un altro spirito e provano a sorprendere la Roma con Pinamonti, abile a ribadire in rete un pallone lavorato sulla sinistra da Bandinelli. E la rete al 72’ fa capire che il vento è cambiato nella ripresa: Bajrami si insinua nella retroguardia ospite e grazie a una deviazione di Mancini beffa Rui Patricio. La Roma traballa dopo la seconda rete incassata, l’Empoli ci prova in ogni modo ma dopo altri 90’ di gioco i supplementari iniziano a pesare sulle gambe. Nei minuti finali i giallorossi tengono il pallone e stringono i denti: rimonta evitata e tre punti in cassaforte. Ma non mancano gli applausi per gli uomini di Andreazzoli.