La rivincita dei sapori locali rilancia le erbe aromatiche: vendite +25%

La rivincita dei sapori locali rilancia le erbe aromatiche: vendite +25%

11/05/2021 17.21.00

La rivincita dei sapori locali rilancia le erbe aromatiche: vendite +25%

Spazi più ampi dei supermercati per prodotti legati alla riscoperta della cucina salutista ed etnica. E le aziende agricole locali specializzate si espandono

(AdobeStock)3' di letturaNove milioni di euro di vendite aggiuntive in un anno: è tutto in questo numero il successo che stanno riscuotendo le erbe aromatiche presso i consumatori italiani. Tra febbraio 2020 e lo stesso mese del 2021, secondo Nielsen, le loro vendite nella distribuzione moderna sono

Riccardo Puglisi, chi è 'l'ultras liberista' chiamato a Palazzo Chigi Morto Paolo Armando, partecipò a Masterchef: lo chiamavano «tigre» I lavoratori del magazzino Lidl: 'Non ci sono orari, siamo pagati quanto vogliono loro e ricattati per gli straordinari. Li prende solo chi non fa storie' - Il Fatto Quotidiano

cresciute del 25,5%, arrivando a superare i 45 milioni di euro.Anche le quantità di erbe confezionate finite nel carrello della spesa sono aumentate (+23%) tagliando il traguardo dei30 milioni di confezioni. Un boom che non si spiega solo con lo spostamento degli acquisti dal fresco al confezionato registrato con la pandemia, dato che il mercato delle erbe fresche ha retto l'onda dell'emergenza sanitaria, aumentando

di quasi il 2% sia i volumi venduti nella Gdo (65 milioni di confezioni) sia il giro d'affari, arrivato a sfiorare i 75 milioni di euro.Loading...«L'interesse per le erbe aromatiche è frutto delle nuove tendenze alimentari ed è guidato dalla cucina salutistica e da quelle etniche, per cui la globalizzazione gioca un ruolo fondamentale nella conoscenza di nuove erbe, come il coriandolo» spiega Massimiliano Ceccarini, general manager di headtopics.com

Sipo, azienda che produce nelle zone vocate italiane 22 referenze, tra secche ed essiccate, realizzando con esse oltre 500mila euro di fatturato. Ma l'obiettivo dell'azienda romagnola è di triplicare valore e volume delle vendite nel giro di un triennio sia aumentando la distribuzione nella Gdo in Italia sia sviluppando nuovi mercati esteri, in particolare nel Nord Europa dove c'è molto interesse soprattutto per quelle biologiche.

Leggi ancheL’Aglione della Valdichiana verso la Dop (a prova di bacio)Senza dubbio per le erbe aromatiche si sta aprendo un ampio spazio nella distribuzione moderna, dove lo spazio e l'assortimento a scaffale continuano a espandersi. E questo sta aumentando la pressione competitiva. Oltre a numerose aziende agricole locali, che stanno entrando in Gdo forti di una specializzazione produttiva e di prezzi competitivi, sulle erbe aromatiche stanno puntando anche alcune aziende del food, come

Alce Neroche ha appena lanciato la sua prima linea di erbe aromatiche semi-secche.«È un segmento che riteniamo molto in linea con la nostra marca e con i suoi valori – afferma la product manager Paola Munforte – e in cui proponiamo un prodotto molto innovativo: ossia erbe aromatiche ottenute tramite un processo innovativo, che non utilizza trattamenti termici, e che per questo ne mantiene le caratteristiche organolettiche. Profumate, buone e saporite come le fresche, le nostre erbe semi-secche sono anche pratiche come quelle essiccate».

0L'interesse per le erbe aromatiche sta, dunque, portando anche una ventata di innovazione in un mercato che è rimasto per decenni abbastanza tradizionalista. E sta delineando un percorso di crescita e valorizzazione delle erbe “made in Italy” (considerato il nostro riconosciuto know-how produttivo), anche con declinazioni regionali come fa headtopics.com

Il gesto gentile di un tranviere: ferma il suo mezzo per salvare una tartaruga sulle rotaie Blog | Quanto sei lontano dalla soglia di povertà? Scoprilo con il calcolatore interattivo - Info Data In Edicola sul Fatto Quotidiano del 19 Giugno: L’autogol di Draghi 'faccio l’eterologa” - Il Fatto Quotidiano

Cannamelacon la sua gamma dierbe biologicheprovenienti dalle zone più vocate del nostro paese.Ora la parola magica sembra essere filiera, soprattutto nelle regioni più vocate. Come la Liguria, dov'è appena partito il progettoGenovese Storico

, avviato grazie al Psr (Programma di sviluppo rurale) regionale per valorizzare e far conoscere il Basilico Genovese Dop fresco coltivato in serra e colto a mano da raccoglitori sospesi su assi. Una realtà che esprime il dna storico di questo prodotto ma che è diffusa quasi solo a Genova e provincia e che risulta poco competitiva rispetto ai grandi produttori della Dop, il cui basilico viene destinato in gran parte alle industrie alimentari.

«Con quest'iniziativa abbiamo voluto creare una filiera corta per diffondere nell'horeca di qualità il basilico pregiato e coltivato su piena terra e, quindi, per farlo conoscere anche al di fuori della nostra regione» spiega la project manager Linda Nano. Al momento al nuovo consorzio Genovese Storico, oltre a quello di

tutela della Dope all'Unione agricola genovese, hanno aderito tre aziende agricole (e altre due sono in arrivo) e l'azienda distributiva Rossi 1947, che si occupa della logistica e che consegna il Genovese Storico in tutta Italia nell'arco di 24 ore. headtopics.com

Leggi di più: IlSole24ORE »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Bella notizia

'La bellezza contro la paura' ancora 100 passi con Peppino Impastato43 anni fa veniva ucciso da Cosa Nostra Peppino Impastato. Il fratello Giovanni: 'amava il bello e rifuggiva l'assuefazione al brutto, perchè chi è rassegnato non ha più bisogno di verità'. Decenni di violenza e omertà per ribellarsi a quel 'sistema parallelo' percorrendo 'cento passi' simbolici verso la legalità Sorte toccata ai migliori figli della Sicilia Nessuno come i siciliani ha dimostrato cosa vuol dire credere, lottare e morire per realizzare il sogno di una una società libera dalla paura e dalla mafia.Onore a questi grandi siciliani

Ergastolo per i boss delle stragi, ecco perché per la Consulta è incostituzionale: 'La collaborazione con la giustizia non può essere l'unica strada per la libertà' - Il Fatto QuotidianoLa collaborazione con la giustizia per i mafiosi condannati all’ergastolo ostativo, cioè quelli irriducibili come i fratelli Graviano o Leoluca Bagarella, non può essere l’unica via per accedere alla liberazione condizionale. Un principio di buon senso, inventato da Giovanni Falcone, diventato legge dopo le stragi, che adesso la Consulta ha definito come incostituzionale. La Corte, … È incostituzionale non l'ergastolo in sé ma l'ergastolo ostativo ossia quello che esclude i benefici previsti per i comuni ergastolani.

Ursula Von der Leyen nonna: su Instagram la prima immagine con la nipotina - iO Donna«La prima carezza alla mia nipotina è stato uno di quei momenti che rimettono tutto in prospettiva e ti ricordano che cosa è veramente importante nella vita».

La prima pagina de La Gazzetta dello Sport di oggiLa prima pagina della Gazzetta oggi 📣 MILAN, IL PREMIO E' GIGIO Tutte le notizie 👉 Sto burattino..... non mi piace!!! Ve lo potete pure tenere. Un portiere da 10 milioni, se non 12, dipende da lui (Raiola).

La regina Elisabetta e il primo discorso (online) dopo la morte di Filippo - VanityFair.itIl profilo della royal family, che aveva già condiviso alcune foto di un recente incontro istituzionale della sovrana, pubblica adesso la videochiamata di Sua Maestà per la Royal Life Saving Society: un sorriso, per allontanare il dolore

Blog | Così la Ue prova a frenare lo strapotere e la dipendenza da Apple & Co.Così la Ue prova a frenare lo strapotere e la dipendenza da Apple & Co | Post di eurorunner (AucklandUni, Unibocconi, smart_inst) | via econopoly24 econ24 10maggio lunedi --- segui Econopoly - Il Sole 24 Ore