Stagione

La riscossa della montagna: «Stagione oltre le aspettative»

La riscossa della montagna: «Stagione oltre le aspettative»

25/09/2020 00.54.00
Stagione

La riscossa della montagna: « Stagione oltre le aspettative»

Grandi spazi, servizi, clima (e idea di sicurezza).« Stagione oltre le aspettative, tantissimi italiani». Trentino e Alto Adige le mete estive preferite

shadowStampaEmailPer le città d’arte è tuttora una Caporetto, le spiagge hanno retto ma confidano sull’ultima coda della stagione estiva, mentre la montagna ha superato ogni più rosea aspettativa. Le performance di agosto hanno sorpreso gli stessi operatori turistici, registrando risultati in molti casi insperati. Perché se tutti, a causa della pandemia, hanno lavorato in deficit, c’è chi è andato meglio di altri e, tra i monti, chi ha visto aumentare il flusso di turisti italiani. Quasi a compensare l’assenza forzata di quelli stranieri, tedeschi in testa.

Covid, stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Il Vaticano si scaglia contro il ddl Zan: «Fermate la legge, viola il Concordato» Fendi presenta la collezione PE22 alla Milano Fashion Week

Trentino: il successo dell’extralberghiero e il senso di sicurezzaÈ successo alla Paganella (-72% di arrivi a giugno, mese da considerarsi «nullo» per tutti, ma +6,4% di italiani ad agosto rispetto al 2019) e un po’ ovunque sulle Dolomiti. Complici i grandi spazi che hanno assicurato il distanziamento sociale. «La stagione da noi è partita a fine giugno con un flusso discreto di italiani ma ad agosto è stata decisamente buona — conferma Roberto Failoni, assessore al turismo della Provincia Autonoma di Trento —. La montagna ha ispirato sicurezza, avvicinando nuovi target di clienti. Sui nostri laghi, soprattutto quello di Garda, si è cominciato a vedere anche qualche turista straniero». Un’estate autarchica con nuovi ospiti che hanno evidenziato anche l’altra tendenza di stagione: vacanze più corte e frequenti alla scoperta di strutture ricettive extra alberghiere, come camper, campeggi e agriturismo. «Ancora non abbiamo dati ufficiali, ma se il ricettivo tradizionale pensiamo sia stato inferiore di un 20%, il dato sulle seconde case è nettamente superiore e l’extralberghiero potrebbe aver superato i numeri dell’anno scorso — continua Failoni —. L’estate 2019 è stato l’anno record per il Trentino, con più di 9 milioni e 700 mila pernottamenti, di cui il 62,8% di provenienza italiana. Quest’anno, malgrado tutto, è andata bene. Anche perché il 96% dei 15.000 turisti intervistati via mail è tornato a casa contento. L’inverno? Sono positivo e penso che non andrà male. Certo, dipende dal virus, però ci stiamo muovendo per affrontare la stagione in totale sicurezza. Gli italiani ci saranno, per gli stranieri, il 50% delle presenze invernali, si vedrà».

Alto Adige: performance ottime con un’occupazione ad agosto dell’80%L’estate, nonostante secondo la Coldiretti/Ixé sia finita con un bilancio di 34 milioni di italiani in vacanza e un calo del 13% rispetto al 2019, è stata ottima anche per l’Alto Adige, al primo posto in tandem con il Trentino nella classifica stilata dal Centro Studi del Touring Club Italiano delle regioni preferite (dopo ci sono Toscana, Sardegna e Puglia). «Durante il lockdown siamo rimasti sempre in contatto con i nostri clienti italiani e, grazie anche alla campagna social “#Quello che amo”, siamo riusciti ad avvicinarci ai numeri dell’anno scorso (oltre 4 milioni e 700mila arrivi, headtopics.com

ndr) — racconta Erwin Interegger, direttore generale di Idm Alto Adige, l’azienda che si occupa della destinazione —. A fine luglio non solo l’occupazione era dell’80%, ma abbiamo attratto anche molti più giovani». La percentuale è stata trainata dalla Val Gardena, la Val Badia e la Val Pusteria, ma è andata bene anche per le città di montagna: la veneta Cortina d’Ampezzo («dobbiamo però essere cauti», avverte Marco Zardini, presidente Consorzio Esercenti degli impianti a fune), Trento e Merano. Qui gli arrivi sono stati il 73% rispetto allo stesso periodo 2019 e i Mercatini di Natale sono già stati annunciati, in forma smart e nel pieno delle normative di sicurezza.

La colazione del Tanzer e cosa è cambiato per gli albergatoriLa tranquillità di Issengo, borgo vicino a Falzes, nel bel mezzo della Val Pusteria, e le proposte del Gourmet Hotel Tanzer, in centro al paese di 350 anime, hanno decretato il successo della stagione estiva 2020 di questo boutique hotel che ad agosto a riempito tutte le sue 20 camere grazie anche a una cucina fuori dal comune (l’hotel è menzionato nella guida Ristoranti d’Italia 2019 del Gambero Rosso, nella Michelin nel 2019, nella Schlemmer Atlas 2019 ed è tra i migliori ristoranti dell’Alto Adige secondo la Guida Gault Millau 2019). La qualità della materia prima è un pilastro per la famiglia Baumgartner che da sempre accoglie i propri ospiti facendoli sentire come a casa. Con il Covid, come per tutti gli alberghi, ha dovuto rivedere la modalità di accesso alla prima colazione, per poi decidere di adottarla per sempre. Anche quando il virus non ci sarà più. «Le normative per l’emergenza sanitaria hanno imposto l’abolizione del buffet a favore del servizio al tavolo — spiega Michael Rieder —, ma col tempo ci siamo accorti che questa soluzione va meglio sia a noi che ai clienti. Noi abbiamo la possibilità di spiegare tutta la particolarità dei nostri menu colazione e dei prodotti a chilometri zero che usiamo; e loro di godersi la colazione più a lungo, chiacchierando comodamente seduti a tavola».

Piemonte, Lombardia, Valle d’Aosta e Friuli Venezia GiuliaE Piemonte e Lombardia? Le regioni hanno scommesso sull’immersione nella natura e la sicurezza, come la Valle d’Aosta (il suo agosto è stato pieno e a giugno i dati parlano di +16% di visite web di strutture ricettive). Quadro in risalita anche per il Friuli-Venezia Giulia. I dati di recupero di agosto sfiorano il 90%. Sui monti ci sono stati ottimi livelli di presenze in Carnia, nel tarvisiano, a Sappada, a Piancavallo. Fra le soluzioni più gettonate quelle extra alberghiere, appartamenti, campeggi e albergo diffuso, tanto che quello di Sauris ha segnato addirittura un aumento del 20% sul fatturato del 2019. E l’autunno? Si annuncia il possibile sorpasso della performance settembrina 2019.

Gli ingressi in funivia e seggioviaSecondo i calcoli di Dolomiti Supersummer, il prodotto estivo del Dolomiti Superski, il comprensorio che vanta 1.200 km di piste e che gestisce gli impianti di risalita in 12 valli montane, considerando il periodo 30/05-20/09/2020, l’estate ha fatto registrare -17% di passaggi e -16% di primi ingressi. «Se facciamo un’analisi più accurata, vediamo che giugno è andato molto male, vista la grande insicurezza della clientela, luglio è andato benino, mentre agosto e settembre sono stati sorprendentemente buoni — spiega il Direttore Generale Thomas Mussner —. Tra l’8-23 agosto registriamo un +5% di primi ingressi, a settembre fino al 20/09 un +6,5%. Con il passare del tempo la gente ha imparato a convivere con la situazione e noi siamo riusciti, con misure ad hoc, a tranquillizzare e rassicurare i nostri ospiti. A maggio non sapevamo se la stagione turistica estiva ci sarebbe stata o meno. Il giorno che è stata ufficializzata l’apertura delle regioni italiane per il 3 giugno, le prenotazioni alberghiere sono partite a razzo. E luglio e agosto sono andati bene anche per gli impianti di risalita». headtopics.com

Netflix: accordo con Spielberg per diversi film all'anno 'Io e tanti altri espatriati non torneremo se l'Italia non ci tutela' Carl Nassib fa coming out: è il primo nella storia della Nfl

E la stagione invernale. Come sarà?Sarebbe stata la stagione record in assoluto di tutti i tempi, interrotta a sorpresa il 10 marzo 2020 dal governo, perché la stagione invernale 2019-20 il 2 febbraio aveva già +14% di passaggi e +18% di primi ingressi, rispetto alla stagione precedente. E quella che verrà? «Nessuno può fare previsioni per l’inverno a venire, ma una cosa è certa: Dolomiti Superski ci crede e sta lavorando per essere pronto per l’inizio della stagione, che è in programma per il 28/11/2020 — continua Mussner —. La dimostrazione sono i 100 milioni di euro che abbiamo investito anche quest’anno nel rinnovo di impianti di risalita e nell’ottimizzazione degli impianti di innevamento programmato. Il tutto all’insegna della massima qualità e tranquillità per i nostri clienti».

24 settembre 2020 (modifica il 24 settembre 2020 | 23:25) Leggi di più: Corriere della Sera »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

StudioDieci riparte con la nuova stagione di mostre e raddoppia a VareseDue strade corrono parallele, ma a volte scartano e si intrecciano, nella stagione 2020/2021 di StudioDieci, presieduta da Carla Crosio: da settembre 2020 a giugno 2021 la sede di piazzetta Pugliese Levi, pieno centro storico a Vercelli, ospiterà progetti, personali e collettive mentre a Varese, ne Il Salotto di viale Belforte 178, Diego Pasqualin, direttore artistico di StudioDieci, allestirà la sua «Dopo il beneficio del dubbio», antologica in sette tappe che si inaugura oggi alle 19. Un progetto che segna il primo ventennio di lavoro dell’artista, scavo interiore profondo e continuo per un concetto di arte che sfiora la psicanalisi e che chiede a chi crea, e contemporaneamente a chi assiste, concentrazione, sincerità, purezza. Sette le tappe, il numero della moltiplicazione e dei peccati capitali, a segnare mensilmente la collaborazione tra StudioDieci e Il Salotto di Vito Leonetti e che si apre con «La via dolorosa», installazione caleidoscopica sulla frammentazione e la ricomposizione dell’Io. Prossime date 29 ottobre, 27 novembre e il 31 dicembre, quindi si riparte il 28 gennaio 2021, poi il 25 febbraio ed il 25 marzo. In chiusura, il 29 aprile, Diego Pasqualin dedicherà a Il Salotto un’opera inedita. La sede di Vercelli riapre, dopo il sofferto silenzio del lockdown, con «In Stabilità essenziale», l’intensa personale della scultrice Rosaria Iazzetta che, inaugurazione il 3 ottobre alle 17 e visitabile fino al 31, narra la fragilità umana, durezza e lievità, nell’accostare il morbido e naturale legno con l’acciaio più forte e tagliente. L’11 ottobre alle 17 StudioDieci porta la collettiva itinerante «Le trame dell’anima» nella splendida Villa Cernigliaro di Sordevolo e il 17 ottobre alle 17 arriva «Fuori di Testo», l’evento letterario-musicale di Giovanni Succi, artista di note e parole eclettico, colto, imprevedibile. Le nuove opere della Via del Paradiso in Molin Camillo a Curino, voluta da Don Luigi Longhi, vengono presentate domenica 18 ottobre alle 10,30

La pazienza è la virtù dei forti, anche per superare la crisi da Covid-19Fasi economiche come quella attuale sono vere e proprie maratone, in cui l’obiettivo è lontano, posizionato a mesi o addirittura anni di distanza Infatti se tutti imparassero a rallentare un po' come le tartarughe!

Perché la decarbonizzazione è la chiave per la ripresaNel report “Ossigeno per la crescita” la società di consulenza REF-E, con l’European Climate Foundation, delinea le priorità di utilizzo dei fondi del Next Generation EU. Per un vero piano italiano di transizione ecologica. Su 24+, sezione premium del S...

Tom Cruise nello spazio: la prima volta di un film girato oltre la Terra - VanityFair.itNasa e SpaceX, azienda fondata dal magnate Elon Musk per ridurre i costi di accesso allo spazio, hanno annunciato la data scelta per portare l'attore a bordo della stazione spaziale commerciale Axiom, set senza precedenti di una pellicola ancora senza titolo

Mattarella bacchetta Johnson: 'Noi Italiani amiamo la libertà, ma anche la serietà'Le parole di Johnson alla Camera dei comuni erano in replica a una interrogazione sul boom di contagi in Gran Bretagna in questi giorni Non siamo di fronte a statisti europei Noi amiamo la libertà, ma anche l’igiene personale. Presidente 👏👏👏👏

Leonardo Sciascia e la fotografia, una mostra racconta la passione del grande scrittoreRaccoglie a Racalmuto 27 foto inedite scattate all’alba degli Anni Cinquanta: un universo segnato da una vaga nostalgia perché “il brutto che è passato è quasi bello”.