Re, Regina, Harry, Meghan, Elisabetta Ii, Giasone, Potere, Parola

Re, Regina

La parola della settimana è reali/e - Speciali

© Ansa

11/01/2020 19.15.00

La parola della settimana è reali/e - La rubrica ANSA

© Ansa

Dall’altro Elisabetta ne parla come di qualcosa di molto concreto, ne descrive i gioielli, di cui parla quasi come se fossero cose animate, e si sofferma sul suo peso, che fa pensare ad un’immagine traslata della fatica di essere re: un peso che impone di stare perfettamente dritti anche quando si deve leggere un discorso come accade ogni anno durante la cerimonia di apertura del Parlamento inglese. C’è perfino un tocco di frivolezza: nella stessa intervista la regina dice: ‘per fortuna non devo indossarla spesso’. Dunque la regalità, sembra quasi suggerire Elisabetta, oscilla, slitta tra lo spazio astratto del potere e quello concreto, fattuale, ruvido del faticoso esercizio di una routine. Un re, una regina, sono perennemente in bilico tra regalità e realtà.

Alberto Sordi, nuovo omaggio a 'Il marchese del Grillo': il murale nel quartiere di Roma Garbatella Anziani maltrattati e legati a letti in Rsa, 17 indagati - Cronaca Istat, nel 2020 cresce la povertà assoluta, 5,6 milioni, record dal 2005 - Economia

Una vicinanza, anzi una adiacenza che Montaigne ha rappresentato così nei suoi Saggi: ‘Anche sul trono più alto del mondo, si sta seduti sul proprio culo’. Da qui deriva lo ‘scandalo’ di Harry e Meghan che in questi giorni hanno annunciato di voler abbandonare il loro status di reali senior che è un po’ come se una persona qualunque dicesse di voler abbandonare la condizione umana. Buckingham Palace, con il leggendario understatement inglese (e molto regale), non privo di ironia, ha parlato di una ‘questione complicata’. Se è vero, come ha spiegato Jacques Lacan che esistono tre categorie del nostro materiale psicologico, il reale, l’immaginario e il simbolico, Harry e Meghan stanno provando, senza preavviso per di più - come è evidente dalla moderata e diplomatica irritazione della Corona, di nuovo intesa come funzione perché è come se Elisabetta parlasse per tutti i re e le regine di sempre –, a fare un balzo davvero gigantesco, dal simbolico al reale. In questo caso, nella vertigine che ci impone questa parola, nel senso di vero, concreto, effettivo. Un passaggio che, come tutti ricordano, è già stato fatale per Diana Spencer.

Reale quindi è una parola che, con la stessa sillaba iniziale, ci porta in due dimensioni molto diverse anche se, evidentemente, collegate. La prima discende da rex, da cui poi regalis, che è legata al verbo regere ovvero dirigere, controllare, governare, dominare, fissare, tracciare i confini; la seconda da res, cosa, fatto, circostanza, ma anche azione, impresa, interesse, commercio, attività pratica. Harry e Meghan chiedono dunque di poter uscire da quella dimensione mirabilmente descritta da Elisabetta II, ma stavolta in una fiction, nella terza stagione della serie tv The Crown, quando spiega a Filippo che fare il monarca inglese significa non fare nulla mentre gli altri ti guardano. Di uscire dal simbolico, dove non fare nulla in realtà significa qualcosa, per entrare nel reale, nel mondo delle attività pratiche, tanto che i due hanno parlato proprio di indipendenza (un’altra parola pericolosa quando si appartiene alla simbolica del potere) economica. headtopics.com

Leggi di più: Agenzia ANSA »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

😏😏😏

La più grande libreria d’Italia: 500 mila titoli al Salone della Cultura di Milano - La StampaFra le mostre, «Il verso d’amore sui Navigli», dedicata ad Alda Merini nel decennale della scomparsa. Brutta copia

Il geologo poeta della Val Tanaro: “Racconto la natura imperfetta” - La StampaAldo Acquarone, 55 anni, sente di parlare lo stesso linguaggio della terra. Così ha imparato a studiarla e a scriverne

Stasera la prima eclissi del 2020: la Luna sarà offuscata dalla penombra della TerraIl fenomeno astronomico inizierà alle 18:07 quando inizierà a diminuire la luminosità della Luna. Il culmine alle 20:10

La Lettera 22 della Olivetti compie settant’anni: “Ha fatto conoscere Agliè nel mondo” - La StampaIl Comune prepara gli appuntamenti per la grande festa di compleanno.

Metti la gentilezza nel curriculum, così migliorano lavoro e aziende - La StampaUn sorriso ai colleghi può aumentare anche la produttività. Facessero dei contratti veri pagati dignitosamente con diritti e tutele senza creare la guerra fra poveri per farsi prolungare un altro mese forse forse si sorride anche di più. Vero!

Bolaffi entra nel mercato immobiliare: la villa di prestigio si prenderà all’asta - La StampaLa società di Torino entra nel settore attraverso un sistema unico in Italia e da tempo sperimentato in Usa e Inghilterra.