Convegno%2Ctorino%2Cpace

Convegno%2Ctorino%2Cpace

La Pace ad ogni passo alla Sala Sangalli di Valdocco - La Stampa

Da venerdì 25 a domenica 27 ottobre dibattiti e visite in città all’insegna della convivenza

24/10/2019 20.32.00

Da venerdì 25 a domenica 27 ottobre dibattiti e visite in città all’insegna della convivenza.

Da venerdì 25 a domenica 27 ottobre dibattiti e visite in città all’insegna della convivenza

Pubblicato il24 Ottobre 2019TORINO. «La Pace ad ogni passo» è il titolo dell’incontro che da venerdì 25 a domenica 27 ottobre si tiene alla Sala Sangalli di Valdocco, via Maria Ausiliatrice 32: tre giorni di dibattiti a cui si accompagnano visite alla città, sempre nel nome della pace, della convivenza. A promuovere l’iniziativa è il Meic, Movimento ecclesiale di impegno culturale, che vuole far incontrare persone dalle appartenenze religiose e culturali diverse per confrontarsi sulla convivenza tra i popoli e sullo sviluppo sostenibile.

Vaccini Covid, De Magistris a La7: 'In questo momento siamo tutti cavie, sapremo tra qualche anno cosa ci siamo messi nel braccio' Mottarone: video dell'incidente, cabina si impenna e torna indietro - Cronaca Prato, operai della Texprint picchiati dai vertici dell'azienda: un lavoratore colpito con un mattone. Sindacato: 'Tre finiti in ospedale' - Il Fatto Quotidiano

«Parlare di pace oggi, quando i venti di guerra sono tornati a soffiare in terra siriana con l’aggressione al popolo curdo, e il suo seguito di morte, distruzione, esodi di massa, sembra a molti un esercizio inutile e quasi ingenuo», spiega Beppe Elia, presidente nazionale del Meic. «Eppure siamo convinti che, non solo attraverso il necessario dialogo fra i responsabili degli stati, ma anche per mezzo di una grande mobilitazione di coscienze, una discussione franca e coraggiosa sulle ragioni dei conflitti, un impegno di ogni comunità, anche piccola, a seminare gesti di fraternità e a gridare il rispetto della vita e dei diritti di ogni uomo e donna, la pace potrà camminare».

Il convegno si apre venerdì pomeriggio, con un’analisi delle crisi mondiali presentata da Paolo Beccegato, vicedirettore della Caritas italiana, che spiega come armi, povertà e nuove schiavitù alimentano la «terza guerra mondiale a pezzi». Alla sera, Ernesto Olivero, fondatore del Sermig- Arsenale della pace, racconterà come i giovani sono protagonisti di scelte coinvolgenti di giustizia e fraternità. La mattina di sabato 26 ottobre sarà dedicata alla presentazione di alcune esperienze di collaborazione positiva in Italia e all’estero: la nonviolenza è raccontata da Angela Dogliotti, del Centro Studi Sereno Regis, il co-sviluppo sostenibile è spiegato da Cleophas Adrien Dioma, del Summit nazionale delle diaspore, e l’esperienza dei corridoi umanitari è ricostruita da Maria Bonafede, della Chiesa valdese di Torino, mentre Edoardo Greppi, dell’Università di Torino, mostrerà come si tutelano i beni culturali in tempo di guerra. headtopics.com

Nel pomeriggio, sono proposte quattro visite a luoghi dove l’incontro tra mondi differenti si sperimenta ogni giorno: un percorso interculturale a Porta Palazzo e San Salvario con le guide di Migrantour, una visita al Museo Egizio accompagnata da guide nordafricane di Mondi in città, la scoperta delle chiese legate alla Sindone e alla santità torinese con l’Associazione Guarino Guarini e la conoscenza dell’Arsenale della pace del Sermig sono gli itinerari dentro le molte «città della fraternità» che già esistono a Torino. Domenica 27 ottobre, la mattinata sarà dedicata al confronto sul tema della fraternità: dopo l’intervento di Filippo Pizzolato, dell’Università di Padova, sul principio costituzionale di fraternità, rav Ariel Di Porto, della comunità ebraica, il pastore Daniele Garrone, della Facoltà teologica valdese, e l’imam Yahya Pallavicini, di Co.Re.Is. Italia,dialogheranno sul modo in cui tale principio è al tempo stesso elemento di frattura e ricomposizione in ciascuna delle tre confessioni.

Leggi di più: La Stampa »

Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona. VIDEO - Sky TG24

Guarda Cos'è il certificato europeo Covid e come funziona su Sky Video - Sky TG24

Questo brand di lingerie ha fatto pace con la mastectomiaDelicatissima come i reggiseni in chiffon che ricama, la storia di Anna Bonny è quella di tutte le donne la cui vita è ricominciata di fronte a uno specchio.

Quest’anno la vera sorpresa è la Calabria - La StampaL’autunno, per chi scrive, significa tirare le somme sugli assaggi di un anno, che poi sfociano nella proclamazione dei 100 migliori vini d’Italia e nella tre giorni di degustazioni a Golosaria Milano (dal 26 al 28 ottobre). E quest’anno la sorpresa ce la porta la Calabria, una delle regioni più dinamiche nel riscoprire i propri vitigni autoctoni. Come la cantina Chimento di Santa Sofia d’Epiro, ultimo degli assaggi fatti, che ci ha lasciati a bocca aperta con il magliocco dolce e il greco. Siamo nel Cosentino, sul versante collinare a destra del fiume Crati, dove sorge un baglio ottocentesco appartenuto al poeta Vincenzo Padula. La bellezza che oggi riflette è merito dell’architetto Vincenzo Chimento. Ereditata l’azienda di famiglia fondata da nonno Luigi nel 1950, ha voluto dare una propria impronta tra vitigni autoctoni e internazionali. Dai 15 ettari vitati (45 mila le bottiglie), emerge l’unico bianco: il clamoroso «Matilde», dedicato alla figlia, ottenuto da uve greco (70%) vendemmiate a fine settembre; la restante parte di sauvignon viene raccolta un mese prima. Dopo un affinamento in acciaio di 6/8 mesi si ha un vino color paglierino da cui emergono note di agrumi intensi che virano verso il frutto della passione. Il sorso è di grande impatto: potente, rotondo, sapido, con nuance aromatiche sul finale. Tutto di più. Fra i rossi, irrompe il magliocco dolce, l'uva autoctona già citata nel 1601 dal Mirafiori. Dalla vinificazione in purezza, ecco il Calabria Rosso «Venticinque Marzo» 2016: un porpora vivo, setoso, elegante, che termina con la liquirizia. Sempre in purezza, ma con vinificazione che contempla un anno in barrique, è il «Vitulia» 2015, mentre si deve raggiungere la vigna più alta e più vecchia (siamo sui 700 metri) per andare a scoprire i filari ad alberello dai quali nasce il «Luigi Quattordici» 2014. In questo caso, dopo l’affinamento in acciaio per almeno otto mesi, rimane in barrique per due anni e senti note di incenso e ribes. Un rosso notevol

Stefano Cucchi, la sua storia dall’arresto e la morte fino ai processi | Sky TG2410 anni fa moriva Stefano Cucchi. Dall'arresto al decesso e ai processi, ripercorriamo le tappe della vicenda ⬇️ un drogato violento con problemi Prima dell’arresto niente invece? Sarebbe interessante sapere della sua vita prima! Ma percheeeeeee?

La piramide abbandonata di Pyongyang ora è un “albero di Natale” di 110 piani - La StampaUn lussuoso mega hotel a forma di piramide. Avrebbe dovuto aprire a Pyongyang, capitale della Corea del Nord, nel 1987. Ma il grattacielo di 330 metri non è mai stato terminato: se mai fosse stato inaugurato, sarebbe stato l'albergo più alto del mondo ma si è dovuto accontentare di un ...

La notte maledetta della Dea: prima l'illusione, poi la batosta- Video Gazzetta.itDoveva essere un sogno, la prima dell'Atalanta a casa del City di Guardiola: ha finito per rivelarsi un incubo, fino al 5-1 dei Citizens Povero calcio italiano, si salva solo la juventus. Hanno rovinato tutto 😒 La Dea....ha preso 12 gol e fatto 0 punti, ma Gasperini e' il nuovo Zeman? Era previsto

La Nasa celebra in un video la passeggiata spaziale in rosa - Scienza & Tecnica