La moglie di Calenda, Violante Guidotti: «Ogni sera guardo con gratitudine la lettera di chi mi ha donato il midollo»

Violante Guidotti: «Sul comodino conservo la lettera del ragazzo che mi donò il midollo»

02/10/2020 08.40.00

Violante Guidotti: «Sul comodino conservo la lettera del ragazzo che mi donò il midollo»

La moglie di Calenda lavora per la prevenzione: investire in sanità. E racconta dell’«angelo», un ragazzo di 19 anni, che l’ha restituita alla vita

EmailL’angelo che l’ha restituita alla vita non ha un nome né un volto. Ma quel ragazzo di 19 anni che le ha donato, per puro gesto di altruismo, il midollo osseo, unica speranza che le era rimasta per vincere la leucemia, è sempre lì con lei. «La prima lettera che mi ha mandato l’ho incorniciata ed è sul comodino. Ogni sera, prima di coricarmi, le rivolgo uno sguardo di gratitudine».

Denise Pipitone, Piera Maggio diffida Quarto Grado: 'Frasi offensive nei miei confronti affermate con veemenza inopportuna, senza contegno' - Il Fatto Quotidiano Speranza: 'Se i numeri sono calati è grazie ai vaccini' Primarie Pd a Roma e Bologna: la vittoria di Lepore e Gualtieri

Violante Guidotti Bentivoglio, moglie dell’ex ministro Carlo Calenda, prova una profonda riconoscenza per quel donatore(«mi ha ridato la vita e i miei tre figli»), con cui non potendo conoscerlo per legge si è scambiata 4-5 lettere attraverso gli ospedali, ma deve soprattutto a se stessa, alla sua energia, alla sua caparbia determinazione, se la discesa in una

si è trasformata nella risalita fino a una nuova dimensione di vita che la vede testimonial impegnata ad aiutare con il suo esempio chi sta affrontando i tornanti della malattia.Sono passati tre anni da quel 29 agosto del 2017. E lei che per prima non volle capire, perché non lo accettava, il «verdetto» dei medici («ho avuto bisogno di due giorni»), oggi è in prima linea a raccontare che headtopics.com

«non bisogna cadere nel dramma esistenziale». Anche se nel giro di una settimana ti diagnosticano una leucemia e un tumore al seno. «Mi sono sentita una scialuppa in balia di una tempesta terribile» spiega Violante Guidotti Bentivoglio. «All’improvviso ho scoperto di avere un

corpo impazzito». Sono giorni drammatici: in gioco c’è la propria vita. Bisogna fare scelte difficili, ingaggiare un corpo a corpo con la malattia e le sue ricadute. C’è una bussola: la verità. A tutti i costi: non nascondere nulla né a sé né agli altri.

«Non ci si deve vergognare e tantomeno nascondere. La malattia non è uno stigma. Va affrontata a viso aperto». Di qui la scelta condivisa con il marito di spiegare la ragione di unper concentrarsi sui figli. Condivisione poi allargata agli amici e alla scuola. «La malattia ha assunto quasi una dimensione collettiva».

Non è stata certo una passeggiata:la chemioterapia, la perdita dei capelli, il corpo che non controlli più, il trapianto. Esami su esami, l’attesa e il timore ogni volta di vedere risultati sconfortanti. E quella domanda: «Perché proprio a me? Che colpe ho? Mi sono tormentata per notti intere, un rovello infinito». Violante Guidotti Bentivoglio dice che proprio quel quesito irrisolto è stato una molla che ha segnato la svolta. headtopics.com

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure La sai l’ultima? - Il Fatto Quotidiano

«Ho capito che erano energie e tempo buttati. Ho incanalato la rabbia e la paura verso sentimenti positivi». Sempre con la solita bussola: la verità. «Bisogna darsi vita guardando in faccia la realtà. Ci sono momenti in cui ti tengono in vita i medici. Ma tu non devi desistere mai, anche se il dolore è annientante». E qui scatta la

solidarietà. «In ospedale con le compagne di stanza si creano amicizie e legami indissolubili. Ci si aiuta e ci si conforta a vicenda. C’è la consapevolezza che non è una gara a chi ce la fa e chi no. Ma quando vedi che una compagna di stanza si rialza anche tu ricominci a respirare...».

Oggi che le condizioni di salute sono buone, Violante Guidotti Bentivoglio. Va in tv e racconta. E batte continuamente su un tasto: laprevenzione. «È il solo modo di ridurre i casi e le conseguenze di quelli che vengono scoperti». Per questo ora lavora con la branca italiana di Komen, la più grande onlus internazionale per la prevenzione del tumore al seno. È l’unico momento in cui le capita, lei con quel marito, di parlare di politica: «

I soldi del Mes sono fondamentali.Per il Covid molte visite oncologiche sono state rinviate. Per una mammografia servono anche 13 mesi di attesa. Abbiamo bisogno di investire sulla sanità».2 ottobre 2020 (modifica il 2 ottobre 2020 | 07:23) Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Kilian e la nuova sfida: la maratonaJornet, il re del trail running, può scegliere una delle due gare tra Malaga e Valencia. Il sognatore delle montagne cerca l’impresa

Violante Guidotti, moglie di Calenda, parla del cancro in tv: «Ti chiedi: perché proprio a me? La vivi come una punizione»La consorte dell’ex ministro racconta la sua storia: «Ti chiedi: perché proprio a me? Ma devi trovare la forza di incanalare la disperazione in un sentimento positivo»

La pandemia ha cambiato tutto e spinge la Lega nel PpeA chi scrivere il proprio punto di vista sulle cose? A chi affidare l’ indignazione e la speranza? Vi proponiamo di dirlo a Corriere La lega ormai su un binario morto A dimostrazione della natura democristiana: a cosa servono i depuratori fognari quando ci sono loro ad ingoiare tutto?

Louis Vuitton: la collezione Since 1854 per celebrare la MaisonNicolas Ghesquière, direttore artistico delle Collezioni Donna, ha disegnato il prezioso motivo jacquard che racchiude la data 1854, anno di fondazione di Louis Vuitton Omg ciao Vogue 🤩 Louis Vuitton

La sfida di Candiolo: “Non solo Covid, la ricerca sul cancro è prioritaria”CANDIOLO (TORINO). Fiducia e sostegno: immutati dopo 34 anni di attività grazie ai traguardi raggiunti nella cura e nella ricerca sul cancro. Oggi, all'Istituto di Candiolo, la presentazione del quindicesimo «Bilancio Sociale e di Sostenibilità» da parte della Fondazione piemontese per la ricerca sul cancro. È intervenuto il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio. A fare gli onori di casa Allegra Agnelli, presidente della Fondazione, affiancata da Gianmarco Sala, il direttore. Massimo Giannini, direttore de La Stampa, ha moderato l’incontro: «Questo è un modello di ricerca e terapia, un esempio di coesistenza virtuosa tra pubblico e privato. L'emergenza Covid, che ha ridefinito le gerarchie, a tutti i livelli, ha dimostrato quanto sia importante questa cooperazione ». Oltre l'emergenza «Ricerca, il nostro futuro», con queste parole Allegra Agnelli ha aperto il suo intervento, sottolineando come «l'emergenza sanitaria ha posto al centro dell’attenzione di tutti l’importanza di avere a disposizione strutture sanitarie adeguate e pronte a qualsiasi esigenza. In un contesto del genere sostenere la ricerca non è solo un’azione di bene, ma un vero e proprio investimento per noi, per chi ci sta vicino e per le future generazioni». Anna Sapino, direttore scientifico dell'Istituto: «Anche in questo momento bisogna comprendere che la ricerca per sconfiggere il cancro non può fermarsi, bisogna andare oltre l'emergenza contingente». Investimenti e progetti Nel 2019 la Fondazione ha investito nella cura e nella ricerca oltre 20 milioni di euro e ha impostato le basi per lo sviluppo dell’Istituto di Candiolo, che nei prossimi anni metterà a disposizione di pazienti, medici e ricercatori nuovi spazi di cura e di ricerca. Oltre 30, per la precisione 33, i milioni raccolti: le principali voci sono rappresentate dalle donazioni dirette, dal Cinque per Mille, dalle iniziative e da lasciti testamentari. Infine un dato significativo, per ogni euro donato oltre 92 centesimi veng

Ma la sua scelta è criticata da moltiNickayla Rivera, sorella di Naya, attrice di Glee recentemente scomparsa, è andata a vivere con l'ex di lei per crescere il nipote Josey.