Esteri, Nba, Basket

Esteri, Nba

La moglie di Bryant fa causa alla società dell’elicottero caduto. Allo Staples il lungo addio a Kobe e Gianna - La Stampa

La moglie di Kobe Bryant fa causa alla società dell’elicottero caduto

24/02/2020 22.40.00

La moglie di Kobe Bryant fa causa alla società dell’elicottero caduto

Secondo l’accusa, il pilota è stato negligente a volare con la nebbia. A Los Angeles la cerimonia per commemorare le vittime a un mese dalla tragedia

20:02LOS ANGELES. La vedova di Kobe Bryant ha fatto causa a Los Angeles alla società proprietaria dell'elicottero che un mese fa è caduto nella nebbia in California uccidendo suo marito e la figlia Gianna, di 13 anni. Secondo la donna, il pilota (anche lui morto nell'incidente) fu negligente nel volare con quelle condizioni meteo. La notizia della causa è arrivata mentre era in corso la cerimonia allo Staples Center di Los Angeles per commemorare il campione e alla figlia. 

Stop alle mascherine all'aperto dal 28, Speranza firma l'ordinanza - Salute & Benessere Europei 2021, Juve e Barcellona per le differenze: loghi arcobaleno Gol del secolo ha 35 anni, Argentina celebra Maradona - Calcio

La cerimonia«Non è la destinazione che conta, ma il viaggio», dice la voce di Kobe Bryant che si diffonde nello Staples Center con ventimila persone in silenzio, mentre scorrono le immagini della sua carriera, i trionfi, i canestri vincenti, il sorriso aperto, l'abbraccio con la figlia Gianna, morta con lui nell'incidente d'elicottero del 26 gennaio, insieme ad altre sette persone. Come sottofondo, il pezzo struggente

Memories cantato dai Maroon 5.La moglie, Vanessa, in prima fila, non trattiene le lacrime, ma continua a fissare le immagini del marito, con l'ultimo messaggio da giocatore, pronunciato il giorno dell'addio: «Mamba out». È una celebrazione in grande stile e commovente, quella organizzata nell'arena dei Lakers che è stata la casa di Kobe. La cerimonia, svolta simbolicamente il 24 febbraio, con i suoi numeri 24 e 2, quelli che hanno indossato Bryant e la figlia, anche lei giocatrice di talento come il padre, è stata una lunga celebrazione altamente emotiva, così come voleva la famiglia. E con le donne protagoniste: da Beyoncè, che ha aperto la cerimonia cantando i brani headtopics.com

Xo eHalo, alle giocatrici Diana Taurasi a Sabrina Ionescu, che hanno letto un discorso, fino all'intervento centrale della vedova Bryant, Vanessa. L'avvio è stato del conduttore comico e amico di Kobe, Jimmy Kimmel, che ha parlato a fatica, non riuscendo a trattenere le lacrime quando ha elencato i nomi di tutte le vittime.

Vanessa Bryant durante il suo intervento all'evento in memori di Kobe e della loro figlia Gianna a Los Angeles«Tutti i murales in giro per Los Angeles – ha detto – che raffigurano il volto di Kobe e di Gigi non sono un caso, perché lui era un artista». In silenzio, sedute nelle prime file, molte stelle della Nba di oggi e di ieri, da Kareem Abdul Jabbar a Bill Russell, da Magic Johnson a Steph Curry, da James Harden a Anthony Davis, Shaquille O'Neil, Russell Westbrook, Michael Jordan, Dwyane Wade, lo storico coach di Kobe, Phil Jackson. Vanessa Bryant, accolta all'ingresso nell'arena, con le tre figlie, da una standing ovation, una volta chiamata sul palco, con grande emozione e fatica ha voluto ringraziare tutti, sostenuta dal pubblico che, con gli applausi, le ha dato la forza per continuare a leggere il testo che aveva preparato: nel momento più importante della cerimonia, Vanessa ha ricordato la figlia Gianna, detta Gigi, la «nostra guida», come l'ha definita, la sua felicità quando aveva saputo di essere stata accettata da una high school, il marito, con la sua dedizione per i figli, e gli amici scomparsi.

Le immagini hanno mostrato, tra gli ospiti, Jennifer Lopez con il volto rigato dalle lacrime, cosìcome Kim Kardashian, ma erano tutti commossi. Quando è passata a ricordare Kobe, Vanessa è riuscita a superare l'emozione, regalando anche qualche passaggio ironico, che ha strappato la risata del pubblico, per poi concludere con uno straziante appello al marito: «Babe, ora prenditi cura di Gigi. Noi resteremo una grande squadra, vi ameremo ogni giorno, per tutto il resto della nostra vita». 

La moglie di Kobe Bryant: “Il mio cervello non accetta la morte di mio marito e di nostra figlia”LETIZIA TORTELLO Leggi di più: La Stampa »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

La Cna di Torino: “Chiarire la posizione di bar, ristoranti e parrucchieri” - La Stampail segretario della Confederazione Artigianato: “Una proroga della durata dell'ordinanza oltre il 29 febbraio genererebbe una situazione di blocco dell'economia dagli effetti non controllabili”.

Sandra Milo: “Resto una pasionaria ma non condivido la battaglia #metoo” - La StampaL’attrice alla soglia degli 87 anni: “Le donne devono combattere per ragioni vere, prive di ambiguità”

La Paffoni sconfitta a Empoli, continua il momento negativo - La StampaNiente da fare per la Paffoni che si arrende 75-71 a Empoli confermando un momento difficile. Come già nelle precedenti uscite è stata una partita dai due volti da parte della Fulgor che ha avuto il demerito di subire un pesante passaggio a vuoto nel secondo quarto. Dopo aver chiuso sotto di quattro punti (24-20) i primi dieci minuti, nel tempo successivo ha subito un parziale di 22-9 andando all’intervallo sotto 46-29. Dopo l’intervallo Omegna come era già accaduto la scorsa settimana in casa con Montecatini ha cambiato marcia chiudendo comunque il terzo quarto sotto di 11 punti: 59-48. Nell’ultima frazione si è avvicinata ai toscani, senza però riuscire ad effettuare il sorpasso.

La regina Elisabetta, il marchio Sussex Royal e la «vendetta» che va servita fredda - VanityFair.itLilibet, 93 anni e monarca navigata ha appena dato a Harry e Meghan una «lezione»: non si può abbandonare la royal family come e quando si vuole, pretendendo comunque di restare «reali». Se si vuol essere felici, si deve avere il coraggio. Se no, prima la corona

Cuneo, dai racconti degli anziani si ritrova la galleria della miniera di lignite - La StampaNUCETTO (CUNEO). Le mappe la indicano presente dall'inizio del Novecento. Nella pancia della montagna che, all'imbocco della Valle Tanaro, ospitava la storica miniera di lignite di Nucetto, 400 abitanti, lungo la strada che da Ceva sale al colle di Nava e scende al mare di Imperia. Nessuno sa, in paese, perché quel tunnel sia chiamato galleria del Melo. Ma gli anziani ricordano bene di quando ci andavano a giocare dentro. Così il sindaco Enzo Dho e l'appassionato di storia locale Filippo Nicolino hanno coinvolto alcuni speleologi del Savonese, per una missione che pareva difficile, se non impossibile: ritrovare il vecchio tunnel e, se possibile, restituirlo agli abitanti e ai visitatori. Detto fatto. Alcuni giorni fa c'è stata l'esplorazione. Che ha portato all'interno della galleria del Melo per quasi cento metri. «A parte tre punti in cui abbiamo trovato terra, quindi frane e piccoli allagamenti - racconta il primo cittadino -, il resto dello scavo sembra abbastanza stabile e sicuro. Infatti ci sono pietre e mattoni di consolidamento. La tradizione parla di una galleria per aerare la vicina miniera. In realtà crediamo, con l'ingegnere speleo, che ci siano pozzetti di aerazione, visto il tiraggio, ma anche tracce delle traversine per il trasporto del carbone. Dunque, forse, aveva un ruolo più importante». Della miniera di carbone in frazione Livrato esistono testimonianze fin dal 1792, ma l'avvio ufficiale risale al 1838. Impiegava fino a 300 operai (quasi tutta la comunità), che in tre turni quotidiani da otto ore ciascuno salivano e scendevano, «inghiottiti» dal buio dei cunicoli. E quando riconquistavano la luce, era nero persino il loro fiato. Il carbone, caricato sulla teleferica, veniva portato alla Stazione di Bagnasco e nella vicina vetreria. L'avvento del petrolio, tuttavia, segnò la fine dell'attività, che aveva fra i proprietari anche la società di Alfred Nobel e la Fiat. Tutto dimenticato, tranne che dagli anziani, fino all'agosto 2013, quando si concre

Ecco la situazione all’Ortomercato di Milano, la piazza all’ingrosso più importante d’ItaliaLunedì mattina il numero dei trasportatori è cresciuto dell’1% rispetto la scorsa settimana Ecco la situazione delle farmacie Il Sud chiede scissione.