La malinconia è un paradosso che apre la porta per il cielo o l’inferno

La ciclopica opera dell’erudito inglese del XVII secolo sulla “malattia dell’anima”: dallo scontento, ai tormenti d’amore, alla pazzia creativa, non risparmia nessuno

07/10/2020 00.59.00

Perché pubblicare, a distanza di quattrocento anni (1621-2020), una traduzione integrale con il testo a fronte dell’Anatomia della malinconia di Robert Burton? Potrei rispondere in tanti modi. Le recensioni 📖 di Tuttolibri .

La ciclopica opera dell’erudito inglese del XVII secolo sulla “malattia dell’anima”: dallo scontento, ai tormenti d’amore, alla pazzia creativa, non risparmia nessuno

Perché pubblicare, a distanza di quattrocento anni (1621-2020), una traduzione integrale con il testo a fronte dell’Anatomia della malinconiadi Robert Burton? Potrei rispondere in tanti modi. Ma, per prima cosa, mi viene da dire in maniera semplice e personale: perché era un’opera che ho sempre desiderato avere nella mia biblioteca. Era necessaria una forte motivazione per affrontare un’ardua impresa che ha richiesto dieci anni di lavoro: senza la straordinaria dedizione e competenza di Luca Manini (che ha tradotto oltre 1300 pagine di un inglese a volte tecnico e difficile) e di Amneris Roselli (che ha tradotto poesie e citazioni in latino e ha annotato con cura il testo prestando un’attenzione particolare al lessico legato alla medicina) non sarebbe stato possibile raggiungere l’obiettivo.

Gli azzurri hanno deciso: mai più divisi, tutti inginocchiati o tutti in piedi. Giovedì la scelta Gabriele Paolini in carcere: la condanna definitiva a 8 anni da scontare nella casa circondariale di Rieti Ddl Zan, Draghi : 'Il nostro è uno Stato laico, il parlamento è libero'

Adesso i lettori italiani avranno a disposizione la più grande enciclopedia dedicata alla «malattia dell’anima». Nonostante i secoli e tutti i possibili cambiamenti, Burton e la sua opera seguitano a parlarci ancora come parlavano ai loro contemporanei. Al centro di questo immane libro, infatti, continua ad essere l’umano, in tutta la sua inesausta varietà e molteplicità. Riprendendo la famosa espressione di Terenzio («Sono un uomo e nulla di ciò che è umano mi è alieno» afferma il poeta romano nella sua commedia

Il punitore di se stesso), l’autore afferma che la malinconia non risparmia nessuno e che tutti, prima o poi, possono esserne presi. Anatomizzarla, quindi, significa analizzarne nel dettaglio ogni sua singola espressione: dalle sue forme più lievi al semplice senso di scontento o insoddisfazione o scoramento, dagli estremi della pazzia furiosa alla straordinaria creatività degli artisti e degli scrittori. Un concetto, quello di malinconia, che finisce per abbracciare, nel passato come nel presente, l’umanità intera e tutto il mondo: ogni continente, ogni nazione, ogni città, ogni villaggio, ogni donna e ogni uomo. headtopics.com

Burton confessa, infatti, d’aver intrapreso la scrittura di questo libro soprattutto per curare se stesso da uno stato di malinconia. Ma poi allarga il discorso anche ai suoi simili. Lui, sacerdote e «terapeuta» delle anime, si fa medico per esperienza e per volontà. Così divide l’opera in parti che analizzano i sintomi della malinconia (nei suoi molteplici tipi) per poi esprimere la diagnosi e procedere alla prescrizione delle cure. La materia debordante del libro condiziona anche la scrittura: lo stile ridondante, eccessivo, digressivo si lega perfettamente all’abbondanza del testo e alle infinite citazioni latine che lo corredano.

Bibliotecario a Oxford, l’autore rivela nella sua monumentale opera una straordinaria voracità. Pensatori greci e latini, medici e filosofi antichi e contemporanei, scrittori in prosa e in versi di ogni epoca, vengono passati in rassegna per raccogliere ogni riflessione e ogni allusione al tema della malinconia. Così la sua enciclopedia si presenta come un immenso arazzo di questa dolorosa e affascinante «malattia dell’anima» in cui i lettori potranno trovare tutto ciò che gli uomini hanno pensato e scritto.

Una ricca biblioteca che invita a riflettere, a osservare la realtà sociale e politica. Un’esortazione a dialogare con il passato e con tutto ciò che il passato ha prodotto per giovare al presente. Burton ci offre gli strumenti per scandagliare il nostro mondo interiore, per conoscere limiti e vanità del genere umano, per intervenire su di essi, per correggerli, per migliorare se stessi e il mondo che ci circonda.

Per questo la malinconia non è solo un trattato medico, ma è molto di più: è un trattato filosofico, un excursus della poesia occidentale, una satira politica, un’utopia, un dizionario geografico, un libro di storia, un erbario, un ricettario, una riflessione sull’astronomia e sull’astrologia, un resoconto sulla malattia d’amore, una serie di biografie più o meno ampie, un regesto di aneddoti ora seri ora curiosi. Occorre avere pazienza con Robert Burton. L’autore domanda al suo lettore lo stesso sforzo da lui compiuto per scrivere l’opera: immergersi in questo libro-mondo richiede tempo e dedizione, curiosità e passione. Ma, alla fine dell’avventura, ognuno potrà riconoscere in questa o in quella piega del discorso una parte importante di sé. headtopics.com

Migranti, Draghi: 'Gestione dei flussi non può essere solo italiana. Va superato Regolamento di Dublino, appartiene a un'altra fase storica' - Il Fatto Quotidiano Sala risponde a Paragone: 'Io 'fighetto'? Ci vuole coraggio a dirlo di uno che da 40 anni lavora come un pazzo' Papa Francesco incontra l'Uomo Ragno

Bisogna abbandonarsi al flusso della sua scrittura, lasciarsene avvolgere e trascinare, assumendo quella giusta postura che ci aiuta a cogliere l’essenza di tutto ciò che è umano, veramente vivo, pulsante. Leggere l’Anatomia della malinconia

non può lasciarci indifferenti. La passione di Burton è, per chi la sappia cogliere, contagiosa: è la passione di conoscere, di non porre limiti alla propria curiosità, di ritrovare nel raccoglimento in se stessi un momento di pace e di felicità. In un mondo come il nostro, dominato dalla fugacità delle immagini, dalla parola che dura un istante perché immediatamente sostituita da altre parole, dal vuoto chiacchiericcio, dall’assordante rumore di fondo, Burton ci fa scoprire aspetti inediti e sorprendenti della vita. Ci fa capire che dentro un essere umano abita la debolezza ma anche la forza per rialzarsi e superare lo sconforto.

Sarebbe un errore far coincidere la malinconia con la «tristezza» o con ciò che noi oggi chiamiamo «depressione». Perché la sua natura proteiforme è capace di esprimere la vasta gamma dei nostri sentimenti: il suo essere eccitante o patologica, dolce o amara, religiosa o erotica, feconda o sterile, mostra la sua piena sintonia con la

varietasdi un universo in continua mutazione. Non a caso la malinconia ha affascinato scrittori antichi e rinascimentali: la sua natura paradossale, infatti, è segno di un malessere che può, nello stesso tempo, rendere l’uomo simile alle bestie o aiutarlo a diventare un essere in grado di creare opere straordinarie. Dal mondo classico al Rinascimento, infatti, grandi pensatori come Aristotele o Marsilio Ficino hanno dedicato pagine avvincenti al fecondo rapporto tra malinconia e genialità. headtopics.com

Per capire la complessità e le contraddizioni del mondo, insomma, Burton ci invita a piangere con Eraclito ma, soprattutto, a ridere con Democrito. Leggi di più: La Stampa »

Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Leggi su Sky TG24 l'articolo Covid, stop mascherine all'aperto: ecco quando potrebbe arrivare

Cina: porta la firma di Merkel e Conte la via europea del 5G in sicurezzaI due Paesi non vogliono rinunciare a una partnership strategica con una potenza globale economica come Pechino ma senza mettere in discussione la fedeltà atlantica e la sicurezza delle informazioni tra alleati occidentali. Conte è immischiato ovunque Eurasia in arrivò !!! Privacy nelle mani dei cinesi !!!

Juventus-Napoli e Covid 19, cosa dice la legge: “La scelta dei bianconeri è corretta”Tedeschini, professore di Diritto pubblico alla Sapienza di Roma dopo la partita fantasma e il possibile 3-0 a tavolino: «I partenopei avrebbero dovuto impugnare le determinazioni delle Asl» In un paese normale la Figc farebbe abbattere la scritta 38 dallo stadio con i carri armati Avrei preferito un po' di orgoglio napoletano, accettare la sconfitta a tavolino e rifarsi in campo quando sarà possibile Ruba, ruba, ruba .. rubentus

“Hanno suonato la sirena come durante la guerra”Anziana e altre 14 persone portate da Tenda a Cuneo con l’elicottero dei vigili del fuoco

La birra batte il caffé e diventa la bevanda socializzante nel post-CovidE’ quanto emerge da uno studio dell’Istituto Piepoli. Secondo gli esperti, ha avuto la meglio anche su vino e spumante

La classica riparte aspettando la nuova serrataTre debutti in due giorni in Lombardia. Al Sociale di Como buona la prima con il 'Messiah' di Händel riscritto da Mozart. A Milano Chailly esalta Dvorak con la Filarmonica e i recital della Scala ripartono da Schrott

La Maraventano lascia la Lega dopo gli elogi alla mafia - Il Fatto QuotidianoAlla fine Angela Maraventano deve lasciare la Lega. Troppo gravi le sue parole, quelle che nei giorni scorsi, durante la kermesse salviniana a Catania, aveva utilizzato per elogiare la mafia di un tempo: “La nostra mafia ormai non ha più quella sensibilità e quel coraggio che aveva prima”. Dopo le forti critiche arrivate soprattutto da … LegaMafia Ma ( sì leggiadra ) fia nel gentil tempo andato L'hai chiesto, ti hanno...processata è condannata, intelligentona!