La lotta degli allevatori per salvare i cavalli di razza tra i ribelli di Idlib

La lotta degli allevatori per salvare i cavalli di razza tra i ribelli di Idlib

25/07/2021 18.14.00

La lotta degli allevatori per salvare i cavalli di razza tra i ribelli di Idlib

Nelle campagne di Aleppo e Idlib, riprendono gli sport equestri messi in crisi dalla guerra. Ma sia l’allevamento che la vendita sono resi difficili dalla situazione politica

diMarta SerafiniNelle campagne del nord del Paese riprendono gli sport equestri messi in crisi dalla guerra. Ma sia l’allevamento che la vendita sono resi difficili dalla situazione politicaA Idlib e dintorni,nelle aree controllate dalle forze di opposizione siriane appoggiate dalla Turchia, c’è una cosa che non mancano. E sono i cavalli. Arabi, di razza, bellissimi.

Obbligo vaccinale anti Covid-19: per la Corte Europea non viola i diritti dell'uomo Crisi dei sottomarini, la Francia richiama i suoi ambasciatori negli Stati Uniti e in Australia Algeria, muore l’ex presidente Abdelaziz Bouteflika. E’ stato in carica 20 anni

Durante la guerra sono stati trascurati, molti di loro sono morti anche di fame e lasciati scappare e talvolta sono stati pure impiegati dai miliziani durante i combattimenti.Ma ora c’è chi tenta di recuperarne l'allevamento e l’addestramento.

Come racconta il sitoAl Monitor, il consiglio locale della città di Qabasin, nella campagna di Aleppo, il 26 giugno ha annunciato trionfalmente su Facebook: «In collaborazione con Al-Khalifa Stud Club, si è svolto il primo Festival di Tarhin per cavalli arabi di razza con la partecipazione di oltre 70 cavalli nel Ippodromo di Aliken nel villaggio di Tarhin. I vincitori del primo, secondo e terzo posto sono stati premiati in mezzo a una grande affluenza di persone provenienti dalla campagna orientale di Aleppo. Vorremmo ringraziare l’Al-Khalifa Stud Club per gli sforzi fatti per rendere la gara un successo». Una corsa equestre che «mira a introdurre i cavalli arabi di razza e la loro bellezza, ad aumentare la popolarità degli sport equestri e ad incoraggiare le persone a seguirli». Primo round della competizione, per cavalli giovani che correvano per la prima volta su una distanza di 1.000 metri . Il secondo era per i puledri al galoppo su una distanza di 1.200 metri. Poi, il terzo round su 2.200 metri cui hanno partecipato nove cavalli arabi di razza. Infine il settimo e ultimo round in cui si sono sfidati 10 cavalli arabi di razza pura. headtopics.com

Al primo cavallerizzo classificato, un premio di 1.000 lire turche (115 dollari circa), al 500 lire turche (58 dollari) e al terzo 300 lire turche (35 dollari).Non male in una zona dove manca tutto, dal cibo, passando per i medicinali fino all’elettricità.

Tra i fantini, decine di atleti provenienti da diverse parti del Paese, in particolare dalla campagna di Idlib e Aleppo, oltre agli sfollati dalla Siria orientale. «Lo sport dell’equitazione non era molto popolare nelle aree dell’opposizione negli ultimi anni, ma ora stiamo notando che i giovani sono molto interessato ad apprenderlo», ha spiegato ad

Al MonitorAhmed al-Afandi, direttore dell’ufficio media della Federazione equestre nel nord della Siria. «L’allevamento di cavalli è una professione che ho ereditato dai miei genitori e dai miei nonni,ma la guerra e lo sfollamento mi hanno costretto a smettere di esercitare questa professione per molti anni.

Tuttavia, quando mi sono trasferito nelle zone controllate dall’opposizione nelle campagne di Aleppo e ho trovato una certa stabilità, ho deciso di riprendere e partecipare alle gare», ha confidato adAl Monitorun partecipante al festival della campagna di Deir ez-Zor, nella Siria orientale headtopics.com

Jorginho, alle radici del genio: come è nato il calciatore perfetto Usa: drone colpì auto errata a Kabul, uccisi 10 innocenti - Asia Femmincidio, Palombelli: “Non esiste rabbia o comportamento che lo giustifichi”

Secondo alcuni la ripresa dell’equitazione ha a che fare con la situazione politica della zona, presa di mira dal governo di Damasco e controllata dalle milizie jihadiste supportate dalla vicina Turchia.Nel 2018 Osama al-Zaim ha fondato l’al-Zaim Equestrian Club, il primo a Idlib. «Abbiamo creato questo club per insegnare a tutte le età e da allora siamo stati in grado di formare più di 1.500 persone», ha raccontato a

Middle East Eyequesto giovane rifugiato palestinese, fuggito a Idlib da Aleppo. Zaim ha aggiunto che il club organizza periodicamente gare con un massimo di 50 partecipanti provenienti da tutto il nord della Siria.«C’è una buona richiesta per queste gare, perché questo sport era inaccessibile per la maggior parte delle persone sotto il regime autoritario del presidente Bashar al-Assad»,

ha spiegato.Gli allevatori di cavalli arabi purosangue nelle campagne di Aleppo affrontano molte sfide. In testa quella di procurarsi medicine e vaccini per i cavalli, e la mancanza di stalle e piste di base per l’addestramento dei cavalli e le corse. Poi il costo della biada che raggiunge le 400.000 lire siriane al mese (318 dollari).

Un prezzo esorbitante per la regione,motivato della crisi economica edella svalutazione che sta colpendo la moneta locale dopo il crollo finanziario del Libano.E non solo. Sebbene ottenere i certificati di pedigree sia particolarmente importante per i cavalli purosangue, questa pratica è impossibile in tempo di guerra. « headtopics.com

L’ufficio della World Arabian Horse Organization si trova a Damasco non registra i cavalli nelle aree controllate dall’opposizione,con il risultato che ci sono più di 300 cavalli non registrati a Idlib che non potranno mai correre all’estero o essere venduti», ha sentenziato.

E così, ancora una volta, i cavalli tornano ad essere involontari strumenti di guerra.25 luglio 2021 (modifica il 25 luglio 2021 | 14:06) Leggi di più: Corriere della Sera »

Salvini a Sky TG24: 'Non sono no vax, prudenza su vaccino ai bimbi'

Leggi su Sky TG24 l'articolo Salvini a Sky TG24: “Non sono no vax ma serve prudenza su vaccino ai bimbi'

Angelina Jolie-Brad Pitt, nessuna pace: continua la lotta per la custodia dei figli - VanityFair.itDue mesi fa l’attore aveva ottenuto l’affidamento congiunto dei ragazzi, ora è l’ex moglie a mettere a segno il punto: la corte d’appello ha ricusato il giudice che aveva emesso il provvedimento provvisorio. «Conflitto d’interessi», la battaglia legale continua

Non c’è fretta: la nuova Cig slitta a dopo la pausa estiva - Il Fatto QuotidianoAfuria di ripetere da due mesi che “la prossima settimana sarà quella decisiva per la riforma degli ammortizzatori sociali”, siamo arrivati a fine luglio senza che le parti al tavolo, sindacati in primis, abbiano ricevuto alcuna bozza di testo. E soprattutto con il delinearsi di uno scenario ben più realistico: tutto rimandato all’autunno, con la … Grazie AndreaOrlandosp

Green pass, boom di prenotazioni: corsa al vaccino. Oggi nelle piazze la protesta dei no vaxDal Lazio al Piemonte, dal Veneto alla Lombardia: aumento delle prenotazioni tra il 15 e il 200%. Ma l'obbligo del certificato verde accende le proteste dei no vax, manifestazioni in tutta Italia. Salvini: 'Resto contrario alla certificazione verde' Chissà se sono tutte piazze autorizzate 🤭🤹🤨 Altri contagi ,sono dei geni

Tokyo 2020, la grande festa azzurra alla cerimonia di apertura: il video di Aldo MontanoLo schermidore ha postato sul suo profilo Instagram le immagini gioiose della sfilata del team Italia Congratulazioni Tokio!! Le tute sono di un orrore incredibile! Fare Meno Caciara non sarebbe più Serio?

Cardi B: la collezione con 26 borse Birkin di HermèsChe ci crediate o no, non è stato l'unico momento di moda degno di nota in questa foto…

Ada la scienziata, è uscito il teaser trailer ufficialeLeggi su Sky TG24 l'articolo Ada la scienziata, è uscito il teaser trailer ufficiale