Eugenio Ferioli, Marcello Cardona, Duce, Prefetto, Sindaco, Manifesto

Eugenio Ferioli, Marcello Cardona

La gaffe del sindaco del Pd: c’è il duce sui manifesti del 4 novembre

La gaffe del sindaco del Pd: c’è il duce sui manifesti del 4 novembre

03/11/2019 11.00.00

La gaffe del sindaco del Pd: c’è il duce sui manifesti del 4 novembre

«Voleva essere una testimonianza storica: nessuna apologia, sono nato antifascista». La giustificazione di Eugenio Ferioli , già sindaco Pd per due mandati e conosciuto come moderato, investito da un’ondata di proteste, chiamate di questura e prefetto

shadowStampaEmailQuando ha visto uno dei suoi manifesti dei caduti strappato in corrispondenza della foto del Duce, ha capito che qualcosa non andava. Poi il sindaco Eugenio Ferioli è stato investito da telefonate di protesta, epiteti social, chiamate di questura e prefetto. Il motivo: quella foto di Mussolini sparsa per il paese per un’iniziativa promossa non da un gruppo di nostalgici, ma dal Comune. Si attende un 4 Novembre movimentato a Ospedaletto Lodigiano, paese della Bassa investito da una violenta polemica sui manifesti celebrativi per la giornata dell’Unità Nazionale, che riprendono una vecchia stampa del 1937 con le foto della leva del ’15-’18 e in bella vista una foto di Mussolini. E i caratteri tipici dello stile littorio del Ventennio.

Salvini da Draghi per parlare di stato di emergenza e mascherine Mascherine, c'è l'ipotesi di toglierle all'aperto dal 15 luglio I Maneskin sul New York Times: 'Conquisteranno il mondo?'

Reduci e antifascisti hanno fatto un salto. La faccia del duce su un manifesto del 4 Novembre stona, specie in una settimana in cui tra Commissione Segre e «questione Dresda» l’antifascismo è tornato ad occupare l’agenda politica. Gli irriducibili della sinistra hanno gridato allo scandalo e sezioni locali del Pd hanno segnalato il fatto alla segreteria, perché la lista «Cittadini & territorio» che amministra il paese è pur sempre d’ispirazione centrista anche se civica «pura». Che c’entra dunque il duce con l’Unità Nazionale? Il foglio affisso tre giorni fa è stato ripescato da un magazzino dal presidente dell’Associazione locale Combattenti e Reduci. Una vecchia immagine che riporta tutti i volti dei caduti di Ospedaletto nella Grande Guerra.

Il sindaco Eugenio Ferioli, ex Dc oggi senza tessere, ha pensato di scannerizzare la foto ritoccando le parti ingiallite, e di riproporla come manifesto celebrativo per il 4 Novembre in quindici copie. «Voleva essere un omaggio ai cittadini — spiega —, una testimonianza storica inedita per il paese». Ma per quanto storici, i reperti di epoca fascista vanno maneggiati con cura. Infatti è nato un putiferio. C’è chi ha gridato all’apologia. Chi ha strappato i manifesti all’altezza del mezzobusto di Mussolini in orbace e fez. «Ma quale apologia — ribatte Ferioli, già sindaco per due mandati e conosciuto come moderato —, io sono nato e cresciuto antifascista: chi mi conosce sa benissimo che cosa penso di Mussolini: un manipolatore e una sciagura per il Paese». «È un manifesto tipico del Ventennio — aggiunge Roberto Grazzini, presidente della Combattenti e Reduci di Ospedaletto — quindi fatto dai fascisti. Ma è anche l’unico documento storico sui nostri caduti. Un collega di una sezione vicina mi ha detto che è stata una vergogna pubblicarlo. Ma per me la polemica non esiste». headtopics.com

«È stata una leggerezza — riconosce Roberta Vallacchi, coordinatrice provinciale del Pd — però non doveva accadere. La prossima volta stiano più attenti, ma il caso per me è chiuso». Lo è anche per il prefetto Marcello Cardona che ieri ha chiamato Ferioli per capire se dietro l’iniziativa non ci fossero significati politici. «Ho garantito al prefetto — promette il sindaco — che oggi al corteo per il 4 Novembre prenderò la parola per scusarmi con il paese per quanto accaduto. Sperando di chiudere la polemica». Poi il manifesto contestato tornerà in magazzino.

Leggi di più: Corriere della Sera »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

La storia non si cancella. Le sinistre hanno strappato le pagine dei libri ma non quelle delle menti. Potevano farlo ma hanno perso 70 anni a litigare, a fantasticare. Hanno fallito in tutto il mondo, e questo resta un dato di fatto. Servono nuovi politici, più degni e onesti. Leggerezza? La stoltezza nel non pensare, forse.

Non è un errore, oggi i fascisti sono quelli del PD Povero PD.......è sempre peggio!!! Arrestatelo😱 Eh va beh...poi se vi chiamano pidioti vi offendete...

Qualcuno urla «sionista» a Fiano (Pd) e scoppia la bagarre in AulaScintille Fratelli d’Italia-governo alla Camera durante il dibattito sul dl imprese Com’era? “Siamo chiaramente contro l’antisemitismo” ? CERTO COME NO Fiano è ebreo, fin quì nulla quaestio ma se è sionista allora il problema c'è non esiste antisemitismo ma odio verso il sionismo e le sue malefatte ed è un problema serio anche per gli ebrei Non ci si capisce più niente, qualcuno dovrebbe dirgli che il loro beniamino Donald è un fervente sostenitore di Israele, e anche il panzone nostrano ne loda i metodi di segregazione dei palestinesi

La nazionale paralimpica presenta la nuova stagione alla fiera Skipass - La StampaSettimana prossima in Olanda esordirà in campo internazionale una nuova sciatrice con disabilità visive

Rai, alta tensione sulle nomine Il Pd sul Tg1, FdI chiede spazioIn lizza anche gli ex Maggioni e Orfeo. L’ad Salini ha 10 giorni di tempo per chiudere A caccia di posti per sistemare gli amici di compagni

Manovra, cambia la norma sulle auto aziendali: salve quelle ecologiche - La StampaManovra, cambia la norma sulle auto aziendali: salve quelle ecologiche Andate a fare in culo... altri voti che volano via...cazzoni! La lotta non e' tassare a sorpresa, ma vietare di produrre se inquinano! Il punto e' che dell'inquinamento non ve ne frega un cazzo, ma di inculare soldi alla gente si, merde! RIVOLUZIONE!

Alda Merini, la poetessa del Novecento diventata icona delle ragazze di oggi - La StampaPoco prima di morire, dieci anni fa l’1 novembre 2009, Alda Merini si mise lo smalto rosso. Un gesto inconsueto da compiere al reparto oncologico del San Paolo di Milano, ma resta difficile credere sia insignificante per una poetessa candidata al Nobel. Chi era quella donna che arrivata a 78 anni da almeno 60 scriveva poesie tanto apprezzate da farla amare dagli ultimi dei Navigli e poi renderla leggendaria per le ragazze in cerca di un’icona femminile italiana alla Frida Kahlo? E chi meglio di lei, segnata dal disagio fisico ed economico, uscita ed entrata dagli ospedali psichiatrici e scandalosa per le sue pose libertine anche dopo gli «anta». «Era provocatoria, che è diverso, e lo faceva con le parole e con il suo corpo, ad esempio mostrandosi col seno nudo, ma non era mai fastidiosa e volgare. Lo faceva perché aveva sofferto molto, ma usava sempre grazia ed ironia», la difende Dacia Maraini, con cui costituirebbero una strana coppia di intelligenze letterarie. «La sua poesia nasce dalla sofferenza e arriva al cuore della gente - conferma l’editore Nicola Crocetti -. Non è di testa, ma d’istinto. Merini era “medianica”, scriveva come in trance e a volte dettava improvvisando, anche al telefono». Certo è che lei visse tempi duri nei manicomi precedenti la legge Basaglia e per molti fu proprio la sua arte a salvarla. Una vicenda simile, come riteneva Pier Paolo Pasolini, a quella del collega Dino Campana, cui Michele Placido dedicò «Un viaggio chiamato amore» con Stefano Accorsi e Laura Morante nei panni di Sibilla Aleramo, e chissà che anche la poetessa dei Navigli non finisca presto in un film. Ci sarebbero da raccontare l’inizio precoce, tra padre assicuratore e madre casalinga, il misticismo delle prime raccolte, dalla «Presenza di Orfeo» a «Tu sei Pietro», le attenzioni di Giacinto Spagnoletti e Eugenio Montale, e gli elettroshock da cui nacquero «La Terra santa» e «L’altra verità. Diario di una diversa». Per intanto i negozianti delle sue strade milanesi la r

Hong Kong e la rivolta liberale delle maschere - La StampaUna «rivolta liberale delle maschere». Che non è un ballo in maschera, ma un tentativo generoso e faticosissimo di cambiare lo stato delle cose a Hong Kong. Per giunta, purtroppo obbligato a pagare un tributo di sangue a causa dell’incessante repressione violenta attuata dalla Cina e dalle autorità locali. Il ritiro dell’emendamento alla legge sull’estradizione a cui la governatrice Carrie Lam è stata costretta dalle proteste ha rappresentato una vittoria significativa ma parzialissima. Perché questa insorgenza pacifica – che è diventata aspra in alcuni frangenti solo come reazione alla brutalità della polizia e dell’esercito e alle provocazioni delle squadracce di picchiatori – si è data l’obiettivo generale di provare a contrastare la stretta autoritaria e l’ingerenza sempre più massiccia del governo di Pechino nella vita dell’isola. Rispetto all’Occidente attraversato dall’insofferenza populista per il modello della democrazia rappresentativa, quella di Hong Kong è dunque un’autentica «rivoluzione liberale», oltre che una battaglia in difesa dei diritti individuali. Limitati (a dispetto delle promesse fatte) e calpestati da un’autocrazia divenuta anch’essa per taluni versi postmoderna. Per opporsi a questo Leviatano tecnologicamente assai avanzato (ed enormemente versato nella telesorveglianza) la ribellione liberal di Hong Kong fa ricorso alla creatività, come mostrato dalle migliaia di giovani che, nella notte di Halloween, hanno messo a frutto la circostanza uscendo travestiti da Guy Fawkes o da Joker. E anche da Xi Jinping, Carrie Lam o agenti anti-sommossa (i loro antagonisti), all’insegna di quel rovesciamento simbolico – di cui la maschera è un’espressione idealtipica (e Halloween, di fatto, rappresenta un carnevale funebre) – che è uno dei modi per sovvertire (almeno allegoricamente) il potere e l’ordine costituito. E, infatti, anche nella «notte dei morti» la repressione si è rivelata durissima. Nel corso dei suoi coraggiosi cinque anni di vita la protes