La Corte di Israele annulla legge sugli insediamenti ebraici in Cisgiordania

La Corte di Israele annulla legge sugli insediamenti ebraici in Cisgiordania

10/06/2020 11.36.00

La Corte di Israele annulla legge sugli insediamenti ebraici in Cisgiordania

I giudici hanno anche stabilito che la legge non «fornisce sufficiente rilievo» allo status dei «Palestinesi come residenti protetti in un'area sotto occupazione militare»

2' di letturaLa Corte Suprema di Israele ha annullato come “incostituzionale” la legge del 2017 che avrebbe legalizzato insediamenti ebraici in Cisgiordania costruiti su terra privata palestinese. La decisione - che avvienementre il governo Netanyahu intende annettere parti della Cisgiordania

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure Cts: stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno

- si basa sul fatto, scrive la Corte, che la legge «viola i diritti di proprietà e di eguaglianza dei palestinesi mentre privilegia gli interessi dei coloni israeliani sui residenti palestinesi». Riguarda circa 4.000 case costruite dai coloni.

I giudici - la decisione è stata presa con 8 voti a favore e 1 contro - hanno anche stabilito che la legge (approvata con il titolo di “regolarizzazione”) non «fornisce sufficiente rilievo» allo status dei «Palestinesi come residenti protetti in un'area sotto occupazione militare». headtopics.com

La discussa legge era stata congelata nei suoi effetti dai molti ricorsi presentati da ong palestinesi e israeliane alla Corte e anche l’Avvocato generale dello Stato Avichai Mandelblit si era rifiutato di difenderla davanti alla Corte. Il provvedimento di legge era destinato a rendere legali le case costruite in insediamenti ebraici su terra privata palestinese erette “in buona fede” o che avevano il sostegno del governo israeliano o i cui proprietari avevano ricevuto il 125% di compensazione finanziaria per la terra. In questi anni la Corte ha più volte ordinato la demolizione di case costruite in avamposti ebraici su terra privata palestinese.

La decisione della Corte ha scatenato le reazioni della destra mentre è stata accolta con favore dalla sinistra. Il partito centrista Blu Bianco di Benny Gantz - che èal governo con Benyamin Netnayhu- ha detto che «la decisione della Corte sarà rispettata» e che il partito «si assicurerà che sia rispettata». Una fonte vicina a Netanyahu - citata da Haaretz - ha detto, riferendosi ai disegni di annessione di parti della Cisgiordania, che «con l'applicazione della sovranità si risolverà la maggior parte dei problemi di regolarizzazione».

Leggi di più: IlSole24ORE »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

E per l'annessione della valle del Giordano cosa hanno deciso?

Israele, corte suprema giudica 'incostituzionale' legge che autorizza insediamenti in CisgiordaniaIn genere non ho simpatia per Israele, però riconosco e apprezzo che abbia una istituzione capace di condannare gli stessi israeliani quando fanno i prepotenti.

Il principe Filippo compie 99 anni: la foto con la regina ElisabettaIl marito di Sua Maestà posa accanto alla moglie in una bella giornata di sole al castello di Windsor. È in ottima forma e sorride, anche se non può festeggiare con i cari Immortali. Io tifo per lui L’ultima sua ultima intervista risale agli anni ‘50. Ergo: chi si fa i cazzi suoi campa sempre cent’anni.

Coronavirus, la denuncia della Fao: servono interventi urgenti contro la crisi alimentare mondiale'Il rischio è un'incombente crisi alimentare, a meno che non vengano rapidamente adottate misure a tutela dei più vulnerabili, mantenendo attive le filiere di approvvigionamento agricolo globali e mitigando l'impatto della pandemia su tutto il sistema alimentare'. E' quanto ha detto il direttore generale della Fa Qu Dongyu lanciando l'allarme sull'aumento della fame nei paesi vulnerabili a causa del covid-19 durante l'evento virtuale di alto livello delle Nazioni Unite sugli interventi umanitari. 'Le donne rurali sono tra le più vulnerabili e tra le prime a perdere il reddito', ha sottolineato Qu. A pagare le maggiori conseguenze sono Afghanistan, la Repubblica Centroafricana e la Somalia. Nei tre Paesi le ultime stime mostrano che rispettivamente 10,3 milioni di persone stanno affrontando livelli di crisi di fame acuta o peggiore, nel secondo circa 2,4 milioni di persone sono in stato di 'crisi' o livelli superiori di insicurezza alimentare acuta e in Somalia 3,5 milioni di persone, il triplo rispetto ai numeri di inizio anno, saranno esposte a livelli di 'crisi' o peggiori. Secondo l'edizione 2020 del Rapporto Globale sulle Crisi Alimentari redatto dalla Fao in collaborazione con l'Unione Europea e altri 13 partner, prima della pandemia 135 milioni di persone in tutto il mondo erano già esposte a fame acuta causata da conflitti, shock climatici e recessione economica. Altri 183 milioni di persone rischiavano la fame estrema in caso di un ulteriore trauma. La Fao ha richiesto 350 milioni di dollari a sostegno di una serie di attività volte ad aiutare gli agricoltori poveri a continuare a lavorare, a tutelare la continuità delle filiere di approvvigionamento e dei mercati alimentari e a scongiurare che il settore alimentare diventi un vettore per la trasmissione della malattia.

Gb: il principe Filippo compie 99 anni, la foto con la reginaCosì Buckingham Palace celebra in compleanno del marito di Elisabetta. La coppia, soposta da 72 anni, si è trasferita nel castello di Windsor che mummie

Come la pandemia potrebbe diventare il punto di svolta per la realtà virtualeLe vendite dei dispositivi continuano a essere deludenti, ma i visori VR hanno le potenzialità per diventare il dispositivo più adatto al futuro che ci attende.

Caso Epstein, la giustizia Usa dà la caccia al principe Andrea: «Vogliamo interrogarlo»Svolta senza precedenti: mai una magistratura straniera aveva incluso un membro della famiglia reale in una indagine criminale: Ecco i possibili scenari Era ora, carcere per sempre!!