Tumori, Terapie, Farmaci, Esmo2021, Letizia Gabaglio

Tumori, Terapie

La combinazione di immunoterapie funziona su diversi tumori

La combinazione di immunoterapie funziona su diversi tumori

17/09/2021 16.18.00

La combinazione di immunoterapie funziona su diversi tumori

Presentati al congresso della Società Europea di Oncologia Medica studi di efficacia a lungo termine su tumore del rene e mesotelioma. Importa…

National Cancer Institute via Unsplash Presentati al congresso della Società Europea di Oncologia Medica studi di efficacia a lungo termine su tumore del rene e mesotelioma. Importanti anche i dati sull’uso di nivolumab nel cancro dell’esofago

Roma, D'Alema: 'Assenza del centrodestra? Occasione mancata per dimostrarsi all'altezza del governo nazionale' - Il Fatto Quotidiano La Corte dei Conti: 'Giancarlo Galan finora ha risarcito la Regione Veneto con 1.800 euro. Ma deve più di 5 milioni' - Il Fatto Quotidiano Green Pass, protesta consigliere Lazio: Chiedo asilo politico a Svezia

17 Settembre 20213 minuti di letturaPER la prima volta sono disponibili i dati a lungo termine sulla combinazione di due diverse terapie che agiscono contro il cancro stimolando il sistema immunitario. E sono dati molto confortanti. Il 48% dei pazienti con tumore del rene trattati in prima linea con la combinazione di molecole immuno-oncologiche, nivolumab e ipilimumab, è vivo a 5 anni. Sempre grazie a questo approccio, nel mesotelioma il 23% di pazienti mai trattati prima è vivo a 3 anni. In entrambi i casi risultati unici, impensabili qualche anno fa. I dati derivano da due studi presentati al Congresso della Società Europea di Oncologia Medica (ESMO), in corso fino al 21 settembre. Durante il congresso virtuale sono stati presentati anche i passi avanti nel trattamento adiuvante del tumore dell’esofago con nivolumab, cioè successivo al trattamento chemio-radioterapico pre-operatorio e alla chirurgia, con lo scopo di ridurre il rischio di recidiva.

 La combo nel reneNel 2020, in Italia, sono stati stimati 13.500 nuovi casi di tumore del rene e più di 144mila persone vivono dopo la diagnosi. La forma più frequente è quella a cellule renali. “Oltre il 50% dei pazienti con malattia in fase precoce guarisce – afferma Carmine Pinto, Direttore Oncologia Medica Comprehensive Cancer Centre AUSL-IRCCS di Reggio Emilia -. Però il 30% arriva alla diagnosi già in stadio avanzato e, in un terzo, la malattia può recidivare in forma metastatica dopo l’intervento chirurgico. Storicamente, la sopravvivenza a 5 anni nella malattia avanzata o metastatica non superava il 13%. Oggi invece, grazie alla combinazione delle due molecole immuno-oncologiche, quasi la metà è viva a 5 anni”. Lo studio presentato ha coinvolto 1.096 persone con tumore del rene a cellule renali avanzato e ha valutato, in prima linea, nivolumab più ipilimumab rispetto allo standard di cura costituito da sunitinib. Il follow up è stato di 67,7 mesi. In questo studio di fase 3 la sopravvivenza globale mediana ha raggiunto 55,7 mesi con la combinazione. In tutti i pazienti randomizzati, i tassi di sopravvivenza globale a cinque anni erano pari al 48% con nivolumab più ipilimumab rispetto al 37% con sunitinib. La combinazione, inoltre, ha evidenziato un tasso di risposta globale più alto rispetto a sunitinib (39% rispetto a 32%). “La combinazione di immunoterapia migliora e allunga nettamente la speranza di vita a lungo termine, come evidenziato dalle sottoanalisi – continua Pinto -. I pazienti vivi a 3 anni dopo l’avvio del trattamento con nivolumab più ipilimumab presentavano l’81% di probabilità di vivere anche nei due anni successivi e i pazienti liberi da progressione a 3 anni avevano l’89% di probabilità di restare in questa condizione per altri 24 mesi. Si tratta quindi di un’arma importante che speriamo di poter usare presto sui pazienti”. headtopics.com

 Nel mesoteliomaLa combinazione ha evidenziato miglioramenti nella sopravvivenza globale in sei studi di fase 3 relativi a 5 diversi tumori: oltre al carcinoma a cellule renali, il tumore del polmone non a piccole cellule, il melanoma, il cancro dell’esofago a cellule squamose e il mesotelioma pleurico. “Purtroppo per quest’ultimo tumore le opzioni terapeutiche sono ridotte – spiega Pinto -. La chemioterapia ha mostrato vantaggi nella fase avanzata, con solo il 10% dei pazienti vivo a 5 anni. I dati presentati all’ESMO rappresentano un passo in avanti nella strategia terapeutica”. Lo studio presentato ha coinvolto 605 pazienti e ha dimostrato che, a un follow up minimo di 35,5 mesi, la combinazione di nivolumab e ipilimumab in prima linea riduce il rischio di morte del 27%, evidenziando una sopravvivenza globale mediana di 18,1 mesi rispetto a 14,1 mesi con la chemioterapia. Nello studio, la combinazione immunoterapica ha dimostrato un miglioramento clinicamente significativo nella sopravvivenza, con il 23% dei pazienti ancora vivo a tre anni rispetto al 15% con la chemioterapia. I benefici della combinazione, inoltre, durano nel tempo con una durata mediana della risposta di 11,6 mesi rispetto ai 6,7 mesi della chemioterapia. “Prima avevamo solo la prima linea di terapie, ora sappiamo che possiamo iniziare con l’immunoterapia e posticipare la chemio; avere quindi una strategia composita, che coinvolge anche l’analisi genetica perché ci sono marker di maggiore e minore sensibilità alle terapie”, dice ancora Pinto.

 Nel tumore dell'esofagoUn’altra neoplasia con limiti e difficoltà nella cura è il tumore dell’esofago. E anche in questo caso l’immunoterapia apre nuove opzioni di cura. I dati presentati evidenziano l’efficacia di nivolumab somministrato come terapia adiuvante, cioè successiva alla chirurgia, nei pazienti che presentavano un residuo di malattia nel pezzo chirurgico dopo chemio-radioterapia pre-operatoria, con una riduzione del 33% del rischio di recidiva e un’ottima tollerabilità del trattamento. Un risultato importante dal momento che si tratta di una delle neoplasie a prognosi peggiore, con una sopravvivenza a 5 anni pari al 13%, e per cui si registra un aumento dei casi: in cinque anni (2015-2020), in Italia, i nuovi casi di tumore dell’esofago sono aumentati del 26%, da 1.900 a 2.400.

Leggi di più: La Stampa »

Cinema, Daniel Craig riceve la stella sulla Hollywood Walk Of Fame - Spettacolo

E' la 2704/a celebrita' a essere onorata sulla via delle star (ANSA)

Mattarella: 'La difesa comune europea rafforza anche la Nato'Il presidente rilancia a Napoli il progetto per i settant'anni della presenza dell'Alleanza atlantica in Italia

Pirola Pennuto Zei & Associati annuncia la propria partecipazione in unyer, prima società internazionale di avvocatiunyer conta al momento su una rete di oltre 2.500 avvocati presenti in Europa e Asia e un fatturato annuo complessivo di oltre 650 milioni di euro, ed ha l'obiettivo di aggregare nel medio periodo top firm delle 20 maggiori economie mondiali.

​Ue lancia Hera, la 'Barda europea' contro crisi sanitarieAltra truffa in arrivo !

Imbattuta dopo sei mesi, la Juve ritrova la sua difesaOltre alla prima vittoria i bianconeri festeggiano anche l’antica solidità. Il 4-4-2 di Allegri inizia a funzionare: «Così ci togliamo un po’ di ansia»

Il principe Harry e Meghan Markle, la nuova foto per la cover di Time - VanityFair.itNel giorno del 37esimo compleanno del duca, la rivista americana inserisce i Sussex tra le 100 persone più influenti al mondo e gli dedica una copertina destinata a rimanere nella storia

La Corea del Nord annuncia: 'Per la prima volta missili balistici lanciati da un treno'A distanza di poche ore, in una dimostrazione di potenza che accresce la tensione nella penisola, Pyongyang e Seul hanno condotto test di missili balistici NordCorea, Kim traduce😎 Quanto si diverte, invece di pensare alla crescita economica della Nazione, come fa la sua consorella più ricca e benestante.