La Cassazione: “Fu Messina Denaro a ordinare l’omicidio di Mauro Rostagno”

Il giornalista e sociologo fu ucciso dalla mafia nel settembre 1988

26/01/2021 19.35.00

La Cassazione: “Fu Messina Denaro a ordinare l’omicidio di Mauro Rostagno”

Il giornalista e sociologo fu ucciso dalla mafia nel settembre 1988

18:01"Francesco Messina Denaro disse di aver dato incarico a Vincenzo Virga di eseguire l'omicidio di Mauro Rostagno, e questo particolare non è per nulla incompatibile con la ricostruzione di come operassero gli organi di vertice di Cosa Nostra nella deliberazione di omicidi eccellenti". Lo scrive la prima sezione penale della Cassazione, nelle motivazioni della sentenza con cui spiega perché, lo scorso 27 novembre, confermò l'ergastolo per Vincenzo Virga - confermando anche l'assoluzione di Vito Mazzara - per l'omicidio di Mauro Rostagno, il giornalista e sociologo ucciso nel settembre 1988. Ricordando in particolare le dichiarazioni del pentito Vincenzo Sinacori, la Corte afferma che "il fatto che Francesco Messina Denaro dette l'incarico esecutivo a Vincenzo Virga è elemento che rafforza la costruzione indiziaria a carico di quest'ultimo, nella misura in cui, se gli venne affidato l'incarico esecutivo, è ben logico ritenere che nel momento deliberativo collegiale non avesse mosso obiezioni o rilievi, aderendo in tal modo alla azione criminosa".

Migrante di 27 anni muore nel Brindisino: tornava da una giornata di lavoro nei campi Coronavirus, Israele verso il ritorno all’obbligo di mascherine al chiuso dopo l’aumento dei contagi Pd, Letta: ' Mai più al governo con Salvini e la Lega'

Secondo i giudici di piazza Cavour, la Corte d'assise d'appello "ha dato conto dell'assenza di dati di fatto sui quali poter ipotizzare che, successivamente alla deliberazione dell'omicidio, intervennero altri soggetti, estranei al contesto mafioso e comunque interessati alla eliminazione fisica di Mauro Rostagno, come avallato dall'esistenza di cosiddette piste alternative, che anticiparono la realizzazione di quel deliberato e commisero per loro conto l'omicidio, lasciando allo stato del mero proposito l'asserito progetto mafioso di liberarsi dalla scomoda presenza di Mauro Rostagno".

Infatti, osserva la Cassazione, le "cosiddette piste alternative sono state oggetto di un attento vaglio a opera dei giudici del merito, che ne hanno dimostrato, con argomenti adeguati e logici, l'infondatezza; in ogni caso - sottolineano i giudici del Palazzaccio esaminando i motivi del ricorso di Virga - nessuna risultanza oggettiva è indicata dal ricorrente come fondamento dell'ipotesi di un autonomo intervento di terzi, che resta pertanto una mera congettura, incapace come tale di rivelare inadeguatezze del costrutto operato in sentenza. headtopics.com

Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Poi dice perché i nostri figli vanno via dall’Italia un posto di ladri faccendieri assassini criminali e imbroglioni! povrinoi Finito con il terrore del chinavirus? Don giannini 6 1 buffone e colluso

Senza colpevole la morte di Matilda, la Cassazione dichiara inammissibile l’ultimo ricorsoLa quinta sezione penale della Corte di Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato contro l'assoluzione di Antonio Cangialosi dall'accusa di aver ucciso Matilda Borin. E chiudendo di fatto, senza un colpevole, un caso che nell’estate del 2005 aveva scosso l’Italia. La bimba aveva 22 mesi: morì a Roasio il ...

Confisca allargata, la Cassazione definisce la data dei beniLe Sezioni Unite in un’informazione provvisoria: vale il patrimonio posseduto al momento della condanna emessa per il reato-spia

Nel concordato la Cassazione esclude la prededuzione per l’advisor

Cecchi Gori, la Cassazione conferma la revoca dell'indulto per nuovi reatiLa Prima sezione penale (sentenza 15873 depositata oggi) ha bocciato il ricorso del produttore cinematografico ed ex patron della Fiorentina Calcio. Il momento consumativo dei reati di bancarotta si perfeziona all'atto della pronuncia della sentenza dichiarativa di fallimento

“Il papà, la mamma, la famiglia: in Emilia il Pci fu davvero tutto” - Il Fatto QuotidianoDecine di rettangoli colorati, le tessere del Pci dal 1946 al 1991: le carte di una vita. Dopo la morte di sua mamma, Fausto Anderlini è tornato nella casa dei genitori per recuperare alcuni mobili e una manciata di documenti. In una scatola da scarpe ha ritrovato tutte le tessere: le sue, della sorella, della … tommasorodano Sarebbe bello approfittare del centenario per ridare lustro alle idee di sinistra... infondo il motto credo sia ancora valido... proletari di tutto il mondo unitevi tommasorodano Esatto, stessa cosa in Toscana! tommasorodano Come te nessuno mai ... ✊❤

Omicidio Lidia Macchi: la Cassazione conferma l'assoluzione di Stefano BindaIn primo grado Binda era stato condannato all'ergastolo, e poi prosciolto dalla Corte di Assise di Appello di Milano. Il caso rimane irrisolto Di risolta è la posizione di Binda. Chi lo ripagherà? Altro sbaglio! Chi cazzo volete che l’abbia uccisa se non lui? Ma il post su quelli che hanno truffato i 145 Milioni di euro dove è