L'ufficio del primo ministro britannico ha un problema con l'alcol? - Il Post

L’ufficio del primo ministro britannico ha un problema con l’alcol?

17/01/2022 14.01.00

L’ufficio del primo ministro britannico ha un problema con l’alcol?

Un'ex funzionaria ha scritto sul Guardian che le bevute collettive sono un problema da anni, ben prima che arrivasse Boris Johnson

Un articoloGuardiane che sta circolando parecchio sostiene che il consumo abituale di alcol faccia parte da anni della cultura condivisa dell’ufficio del primo ministro, e che forse bisognerebbe ammettere che «al numero 10 di Downing Street hanno seri problemi con l’alcol».

L’autrice dell’articolo si chiama Sonia Khan e fra il 2015 e il 2019 è stata consigliera di Sajid Javid, più volte ministro e sottosegretario durante i governi guidati da David Cameron, Theresa May e Boris Johnson, attualmente in carica come ministro della Salute.

Leggi di più: Il Post »

Conference: Roma-Feyenoord, verso la finale di Tirana LIVE - Sport

Aggiornamenti live. Scontri tra polizia e tifosi. Oggi 2mila supportes della Roma a Tirana con 12 charter. Anche Venditti e Blanco partiti da Fiumicino. Megastriscione di 'Mou' in Vespa sulla facciata dell'università vicino allo stadio (ANSA) Leggi di più >>

10 drowning street. 'ha un problema'più di uno direi! Meglio che avere problemi con la democrazia come in Italia! Un ufficio che beve?...l'ufficio? sono gli inglesi ad avere un problema con l'alcool Quale sarebbe l'inglese che NON ha un problema con l'alcol? Vado spesso a Londra e a differenza nostra, tutti si devastano di alcol dall'operaio, al dirigente di banca. La clientela del Pub di fronte a Downing Street è di gente altolocata e tutti sempre belli devastati Inglesi...

Il 'Blue Monday' non esiste - Il PostLa storia ricorrente sul 'giorno più triste dell'anno', che trovate su molti giornali, ovviamente è una bufala Non avevo dubbi che è una bufala 😂 Però quest'anno ci si avvicina, ammettetelo Blue Monday è un indimenticato brano dei New Order, e basta.

Perché si parla di schede “segnate” per il Quirinale - Il PostLa strategia di Berlusconi ruota intorno a modi diversi di scrivere il suo nome sulle schede per individuare i voti mancanti, ma la decisione spetta a Roberto Fico Trovo già molto indicativo che B voglia cominciare il suo ipotetico settennato con questa patetica poracciata. No alle schede segnate per il Quirinale: si valuta di leggere solo il cognome del candidato...

Il ringraziamento di Matteo Berrettini all'Imodium - Il PostL'ha scritto a pennarello su una telecamera alla fine della sua prima partita agli Australian Open, interrotta più volte per problemi intestinali .... ajacobi84 Mi metto qui e aspetto quelli che lo attaccheranno perchè al servizio di BigPharma...

Un meme su Lukaku è stato preso per una notizia vera | Flashes - Il PostUna frase falsamente attribuita al calciatore belga del Chelsea Romelu Lukaku è stata scambiata per vera ed è anche finita nell’edizione di domenica del Corriere dello Sport. Un tweet pubblicato sabato dopo la partita persa dal Chelsea contro il Manchester questo la dice lunga sul livello del giornahaha sportivo Con la massima stima per Il Post, ma credo abbiate preso un abbaglio anche nel vostro articolo: la notizia fake è finita nell’edizione domenicale di Tuttosport, non del Corriere dello Sport 🤦🏻

Barcellona vuole diventare un grande centro per i superyacht - Il PostIl governo locale punta a sviluppare l'economia legata al mare, per esempio attirando i miliardari, ma il progetto non piace a tutti

Il ritorno di Trump: riprendiamoci il Paese, la vera insurrezione il voto del 2020Le parole più dure dell’ex presidente Usa sono state per il suo successore Joe Biden e per i democratici, spinti da uno «spirito maligno di fascismo di sinistra» Non vedo l'ora, i democratici' vanno arrestati tutti a cominciare da Obama Clinton, Soros, Fauci , Gates , e tutta le feccia che gli va dietro Neanche nella Cina comunista si rileva la presenza di una classe aristocratica pervasa da sentimenti anticristiani e animata da isteria antirussofona Che buffone questo

sui membri dello staff che smaltivano le sbronze sui divani nella sede dell’ufficio del primo ministro, al numero 10 di Downing Street, a Londra. Un articolo Guardian e che sta circolando parecchio sostiene che il consumo abituale di alcol faccia parte da anni della cultura condivisa dell’ufficio del primo ministro, e che forse bisognerebbe ammettere che «al numero 10 di Downing Street hanno seri problemi con l’alcol». L’autrice dell’articolo si chiama Sonia Khan e fra il 2015 e il 2019 è stata consigliera di Sajid Javid, più volte ministro e sottosegretario durante i governi guidati da David Cameron, Theresa May e Boris Johnson, attualmente in carica come ministro della Salute. Khan racconta che prima di frequentare l’ufficio del primo ministro era pronta a «lunghe ore di lavoro, una paga bassa – chi lavora col primo ministro guadagna meno rispetto ad altri dipartimenti – e la dipendenza dalla caffeina. Ma non ero pronta alla cultura dell’alcol che ho avuto modo di vedere fin dalla mia prima settimana di lavoro». Contrariamente alle testimonianze che stanno circolando negli ultimi giorni, non si trattava di incontri quotidiani con gente sbronza che vomitava dappertutto, ma di una forma più sottile di ricorso all’alcol: un bicchiere o due fra una riunione e l’altra, una rapida sortita al pub, il Red Lion, per celebrare la fine della settimana, l’addio a un collega o la commiserazione condivisa per essere stati assegnati al turno della morte, quello del weekend. Se la settimana partiva male, poi, ricordo che un gruppo di colleghi in particolare organizzava dei “martedì Prosecco” per annegare i propri dispiaceri. Nessuno le considerava delle “feste”, perché si beveva in ufficio o nei dintorni. Le uniche eccezioni erano i famosi party natalizi e i sediziosi viaggi all’estero, dove le nuotate di mezzanotte dopo avere bevuto erano comuni. Un comportamento del genere sarebbe semplicemente inaccettabile nella maggior parte dei paesi europei. Ma il Regno Unito è pur sempre un paese in cui bere assieme ai propri colleghi, magari alla fine di una settimana di lavoro, è spesso la norma. E in cui secondo la ong Drinkaware «a partire dagli anni Ottanta il sempre maggiore consumo di alcol è stato spiegato generalmente con la sua più ampia diffusione e i prezzi sempre più bassi, uniti a una cultura di ingenti bevute episodiche in occasione di weekend e celebrazioni varie». Khan sostiene poi che alcuni di questi eventi venissero organizzati in maniera benintenzionata: per gratificare e far sentire apprezzati dipendenti e funzionari che guadagnavano meno rispetto ad altri, e per includere tutti i membri dell’ufficio, quindi anche le donne, evitando che il consumo di alcol fosse riservato a gruppetti di uomini. Khan ricorda anche che in anni recenti il consumo di alcol era ancora superiore: «ai tempi di Tony Blair e di Gordon Brown, per esempio, bere durante il giorno e tenere dei piccoli frigoriferi sotto la scrivania erano abitudini ancora più diffuse». Ancora di recente l’ex portavoce di Gordon Brown, Damian McBride,