L'Ue impone l'etichetta ai prodotti delle colonie, ira di Israele

13/11/2019 00.44.00

I prodotti alimentari provenienti dai territori occupati da Israele dovranno recare l'indicazione dell'area di origine. 'Una decisione che allontana la pace' commenta Tel Aviv

L'Ue ha sempre espresso opinione contraria all'espansione degli insediamenti israeliani, poiché minano le speranze di una soluzione a due Stati, un progetto di difficile realizzazione nell'immediato, come ammesso dall'Alto rappresentante uscente Federica Mogherini proprio in questi giorni, ma"non impossibile" in una prospettiva futura. E anche la Corte di giustizia europea nella sua decisione ha sottolineato che gli insediamenti"esprimono concretamente una politica di trasferimento della popolazione dello Stato al di fuori del suo territorio, in violazione delle norme del diritto umanitario internazionale".

Il Vaticano si scaglia contro il ddl Zan: «Fermate la legge, viola il Concordato» Covid, stop obbligo mascherine all'aperto in zona bianca dal 28 giugno Netflix: accordo con Spielberg per diversi film all'anno

Human Rights Watch e Oxfam hanno plaudito alla sentenza."È un passo importante nella giusta direzione per il popolo palestinese che porta il peso dell'espansione degli insediamenti. I consumatori hanno il diritto di conoscere l'origine dei prodotti che acquistano e l'impatto che questi acquisti hanno sulla vita delle persone", ha affermato il Country Director per i Territori palestinesi occupati di Oxfam, Shane Stevenson. Ma in Israele le polemiche si stanno moltiplicando, con accuse di discriminazione."La politica di etichettatura obbligatoria individua solo Israele, l'unica democrazia in Medio Oriente - ha osservato Eugene Kontorovic, direttore internazionale del Kohelet Policy Forum -, mentre non sono previste etichette 'made in' per il Donbass occupato dalla Russia, o nella Siria occupata dalla Turchia. Tutti gli altri non vengono trattati nello stesso modo".

Leggi di più: Rainews »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

👍🏻👍🏻 👍

Borse Ue positive, migliori la fiducia degli investitori tedeschiTokyo in rialzo con lo yen debole. Euro stabile.  Recupera l'oro dopo i minimi da tre mesi segnati ieri

Migranti, Ue: la Libia non è porto sicuro | Sky TG24Leggi su Sky Tg24 l’articolo Migranti, Ue: la Libia non è porto sicuro | Sky TG24 Non ce n'è solo uno di porto sicuro nel Mediterraneo. Almeno 4 o 5 donnamoderna fam_cristiana GiuseppeConteIT LaStampa corriere Agenzia_Ansa adnkrons tgla7 A fronte di questo, il memorandum con la Libia deve essere cancellato e i politici che hanno rimandato i bambini nei lager in Libia devono avere il riconoscimento che meritano. rainews fattoquotidiano Avvenire_Nei fam_cristiana matteosalvinimi tpi adnkronos tgla7 A fronte di questo, il memorandum con la Libia deve essere cancellato e i politici che hanno rimandato i bambini nei lager in Libia devono avere il riconoscimento che meritano.

Borse Asia e Ue giù, -2,6% Hong Kong per le proteste in cittàIn calo Madrid dopo l'ennesima elezione spagnola che non dà certezza sulla formazione di un Governo stabile. Oggi verrà pubblicato il dato sul Pil della Gran Bretagna. A Piazza Affari male le banche, questa settimana i conti delle big dell'energia

Conto alla rovescia sui dazi Usa alle auto Ue: decisione imminenteMercoledì scade il termine entro il quale l’amministrazione Usa può decidere le tariffe del 25% su auto e componentistica europee. Si va con molta probabilità verso una proroga. I car maker tedeschi hanno promesso grandi investimenti negli stabilimenti americani e 25mila nuovi posti di lavoro

Migranti, Ue: -45% arrivi nei primi 10 mesi 2019 dal Mediterraneo - Tgcom24Il totale dei migranti arrivati nell'Ue attraverso la rotta del Mediterraneo centrale, nei primi dieci mesi del 2019, è stato 11.900, vale a dire il 45% in meno rispetto allo stesso periodo del 2018. Sono i dati forniti da Frontex, l&... E certo c’era ancora Salvini Io direi nei primi 8 !!!

Italiani i più in salute nella Ue dopo gli spagnoli, ma il Ssn è da metà classificaLe lacune storiche o più recenti del Servizio sanitario nazionale, a partire dalle risorse economiche disponibili più ridotte rispetto agli altri Partner europei, ci fanno scivolare più in basso nela capacità di mantenere un buono stato di salute