L'Australia ha cancellato nuovamente il visto a Djokovic - Il Post

14/01/2022 10:28:00

L'ha annunciato il ministro dell'Immigrazione australiano, per ragioni di «interesse pubblico»: ora il tennista serbo rischia l'espulsione

Djokovic

Il ministro dell’Immigrazione australiano ha annunciato la cancellazione del visto a Djokovic , «per motivi di salute e ordine, sulla base dell’interesse pubblico»

L'ha annunciato il ministro dell'Immigrazione australiano, per ragioni di «interesse pubblico»: ora il tennista serbo rischia l'espulsione

Il ministro dell’Immigrazione australiano, Alex Hawke, ha annunciato la cancellazione del visto al tennista serbo Novak Djokovic, «per motivi di salute e ordine, sulla base dell’interesse pubblico». Djokovic si trova in Australia per partecipare agli Australian Open, ma ora rischia di essere espulso. Ci si aspetta comunque che faccia ricorso contro la nuova decisione del governo.

Il caso del visto di Djokovic era iniziato qualche giorno fa, quando il tennista era stato bloccato all’aeroporto di Melbourne per alcune verifiche sull’esenzione medica dal vaccino contro il coronavirus, richiesta dalla legge australiana ai non vaccinati per entrare nel paese. Il governo australiano gli aveva negato il visto di ingresso, ma poi un tribunale

Leggi di più:
Il Post »

Sperando di non parlarne più Tornerà a casa...amen. In compenso in Australia fanno la figura dei cioccolatai. Prima no, poi si, poi no. Assolutamente ridicoli Giusto cosi'. Le regole devono essere rispettate da tutti. Perché x tutti gli altri tennisti il vaccino è obbligatorio e x lui no? Quindi adesso ogni volta che un barcone di immigrati irregolari senza green pass sbarcherà in Italia bisognerà rispedirlo da dove è venuto giusto ? D'altronde l'avete scritto voi : la legge è uguale per tutti o sbaglio

Djokovic potrebbe costituire un problema per la comunità perché non vaccinato e il suo allontamento dal paese 'è nell'interesse pubblico'. Se ne è volée Speriamo sia la volta buona di una punizione esemplare. Condivido non tanto per provax o sivax, ma ha mentito, è stato scorretto, ha ingannato e mancato di rispetto. Mentire alle autorità? È già un reato. Le basi dello Sport, non solo per lavoro, ma capisaldi per tutto: - Lealtà - Correttezza - Verità - RISPETTO e vale per tutti

Caspita. È così pericoloso? 😂😂😂 Molti degli altri tennisti si sono dovuti vaccinare per partecipare, ed infatti erano contrariati dall’atteggiamento di Djokovic , mi sembra corretta la decisione australiana.

Boris Johnson si è scusato per il party durante il primo lockdown del 2020 - Il PostIl primo ministro britannico ha detto di aver creduto che fosse un evento di lavoro e di capire la rabbia nei confronti del governo Prima faccio quel che mi pare, in barba a tutti. Poi, se per caso mi scoprono, chiedo scusa. Semplice Watson! Poi ha chiosato dicendo: 'in Inghilterra siamo tutti uguali, ma al 10 di Downing Street siamo più uguali degli altri' “credevo in maniera implicita che si trattasse di un evento di lavoro.” Johnson durante la festa:

'Per motivi di salute e ordine' perché 'Non ti permetterò di superare il record di Roger e Rafa!' nel comunicato ufficiale non poteva scriverlo. Bene così! Io ne Ero convinto e ci scommettevo pure. Ora scommetto che farà ricorso come perseguitato ebreo e si metterà la stella gialla. Alla no vax. 'È pericoloso avere ragione quando il governo ha torto.' (Voltaire)

Il principe Andrea non avrà più incarichi pubblici, né il titolo di “Altezza Reale” - Il PostIl principe Andrea del Regno Unito, figlio della regina Elisabetta II e duca di York, non avrà più alcun incarico pubblico, e gli sono stati tolti anche i Beh, alla buon'ora Quindi ritenuto colpevole prima del processo. In pratica, indifendibile. Manca solo la confessione. Strano che non sia ancora arrivata. Ne siamo tutti vistosamente rammaricati.

Caso Djokovic, il ministro cancella il visto: attesa per l'appello dei legali del tennistaLa decisione sul numero uno del mondo è arrivata, il Ministro dell'Immigrazione Alex Hawke ha revocato il visto per 'motivi di OH NOOOO

Tienimi Bordone - Il problema da film degli AirTag - Il PostUno di quegli oggetti che all’inizio provoca un sospiro di sollievo e subito dopo un sussulto di spavento Per mezzo secondo ho pensato si parlasse di soffi teir Non impegnatevi a capire a cosa mi riferisco 😅 I satelliti del GPS non sono geostazionari ma si muovono molto velocemente

Il carcere di Torino ha un problema dietro l'altro - Il PostTra le inchieste sulle violenze ai detenuti, le proteste dei sindacati di polizia e una popolazione carceraria difficile da gestire, ora non riesce a trovare un nuovo direttore L'attuale reggente ha lasciato l'incarico e ora dovrà essere indetto un nuovo bando. Il carcere delle Vallette è considerato uno dei più problematici d'Italia, al centro di inchieste e denunce

Tienimi Bordone - Il disco finale di The Weeknd che apre l'anno - Il PostChe è tutto sulla cosa più difficile ma anche più affascinante da affrontare, di cui sanno cantare in pochi

Novak Djokovic (AP Photo/Mark Baker) Il ministro dell’Immigrazione australiano, Alex Hawke, ha annunciato la cancellazione del visto al tennista serbo Novak Djokovic, «per motivi di salute e ordine, sulla base dell’interesse pubblico».Boris Johnson lascia la sua residenza al 10 di Downing Street per andare in Parlamento, mercoledì 12 gennaio (Leon Neal/ Getty Images) Mercoledì il primo ministro britannico Boris Johnson si è scusato per il party che si era tenuto nel giardino della sua residenza di Downing Street a Londra la sera del 20 maggio del 2020, quando in Inghilterra era in vigore il primo lockdown per limitare la diffusione dei contagi da coronavirus.un comunicato ufficiale in cui ha scritto: «Con l’approvazione e il consenso della regina, i titoli militari e i royal patronages del duca di York sono ritornati alla regina.Il ministro dell'Immigrazione australiano, Alex Hawke , ha usato il proprio potere per annullare il visto di  Novak Djokovic , mentre gli avvocati del tennista serbo si preparano a presentare immediatamente ricorso presso il circuito federale e il tribunale della famiglia, come avevano già fatto con successo dopo il primo annullamento.

Djokovic si trova in Australia per partecipare agli Australian Open, ma ora rischia di essere espulso. Ci si aspetta comunque che faccia ricorso contro la nuova decisione del governo. Johnson ha chiesto scusa durante un’audizione davanti ai parlamentari britannici, ma ha anche invitato tutti ad attendere i risultati dell’inchiesta in corso per accertare le presunte violazioni delle restrizioni. Il caso del visto di Djokovic era iniziato qualche giorno fa, quando il tennista era stato bloccato all’aeroporto di Melbourne per alcune verifiche sull’esenzione medica dal vaccino contro il coronavirus, richiesta dalla legge australiana ai non vaccinati per entrare nel paese. Yui Mok/Pool via AP, File TAG:. Il governo australiano gli aveva negato il visto di ingresso, ma poi un tribunale aveva dato ragione a Djokovic, permettendogli di lasciare l’albergo in cui era bloccato e di cominciare ad allenarsi, in vista dell’inizio del torneo, previsto per il 17 gennaio. So che negli ultimi 18 mesi milioni di persone in tutto il paese hanno fatto sacrifici straordinari. Il governo aveva però annunciato ulteriori controlli sulla documentazione presentata da Djokovic e aveva detto che si riservava la possibilità di esprimersi nuovamente sulla questione. Questa decisione ha fatto seguito alle ordinanze del Circuito Federale e del Tribunale della Famiglia del 10 gennaio 2022, che annullavano una precedente decisione di annullamento per motivi di equità procedurale.

Mercoledì era poi stato lo stesso Djokovic a pubblicare un lungo comunicato in cui ammetteva di avere violato l’isolamento mentre era positivo al coronavirus (era stato per la positività che aveva ottenuto l’esenzione medica), e in cui aveva spiegato il motivo di alcune dichiarazioni false contenute nei documenti presentati per ottenere il visto per l’Australia. E capisco la rabbia che nutrono verso di me e verso il governo che guido, se pensano che nella stessa Downing Street le regole non vengano seguite con osservanza dalle stesse persone che le fanno. TAG: .