Sport%2Cbasket

Sport%2Cbasket

Kobe Bryant morto in un incidente di elicottero - La Stampa

Uno dei più grandi giocatori nella storia del basket e della Nba. Con lui decedute altre tre persone

26/01/2020 23.19.00

La star della Nba Kobe Bryant è morto in un incidente di elicottero in California, nella contea di Los Angeles.

Uno dei più grandi giocatori nella storia del basket e della Nba. Con lui decedute altre tre persone

21:01La terribile notizia è rimbalzata prima sui social, poi purtroppo è stata confermata anche dai media ufficiali. In un incidente aereo è morto Kobe Bryant, 41 anni, uno dei più grandi giocatori nella storia del basket e della Nba.  La tragedia è avvenuta in California, nella contea di Los Angeles, dove Bryant sarebbe precipitato a bordo di un elicottero.

In Edicola sul Fatto Quotidiano del 7 Giugno: Lombardia, l’appalto dei camici alla moglie e al cognato di Fontana - Il Fatto Quotidiano Giorgia Meloni: “Noi, ignorati e derisi dal partito del premier” Floyd, Trump twitta: 'Law and order' - Ultima Ora

La notizia è stata diffusa dal sito Tmz, secondo il quale con l’ex campione di basket a bordo del suo elicottero privato, con il quale Kobe andava anche agli allenamenti quando giocava, ci sarebbero state almeno altre tre persone, oltre al pilota. Tutti i passeggeri avrebbero perso la vita. Il velivolo ha preso fuoco una volta schiantatosi al suolo e inutili sono stati i soccorsi. La moglie Vanessa non sarebbe tra le vittime, così come nessuno dei suoi quattro figli.

Morto Kobe Bryant, la colonna di fumo nel punto in cui è precipitato l'elicottero dell'ex cestistaBryant era molto conosciuto e stimato anche in Italia, dov’era cresciuto cestisticamente da ragazzo - quando suo padre Joe Bryant era stato ottimo giocatore nei nostri campionati di Serie A - prima di arrivare fino alla Nba, dove aveva giocato sempre nei Los Angeles Lakers.

Kobe Bryant, l'uomo divenuto leggenda: ecco i 20 anni di carriera del "Black Mamba"Proprio la squadra californiana, dopo il suo ritiro, aveva deciso di ritirare entrambe le maglie - il numero 8 e il numero 24 - che Kobe aveva indossato in 20 stagioni con la società gialloviola, conquistando cinque titoli Nba. Inoltre Bryant aveva conquistato l’oro olimpico ai Giochi di Pechino 2008 e di Londra 2012 con la Nazionale di basket statunitense.

Tutti i record di Kobe Bryant, la star indimenticabile dell'Nba cresciuto in ItaliaIl saluto di Kobe Bryant ai suoi fan nel 2016 con le lacrime agli occhiQuando Kobe Bryant vinse l’Oscar e ringraziò la moglie e le figlie in italiano

©RIPRODUZIONE RISERVATAQui andrà inserito il messaggio del Direttore, esempio:"Chiunque ha il diritto alla libertà di opinione ed espressione; questo diritto include libertà a sostenere personali opinioni senza interferenze...."

Leggi di più: La Stampa »

🙏 RIP. Una grande perdita Noooo che tristezza.....😢 Addio campione. RIP Che brutta notizia 😢 RIP

La Maginot contro i sovranistiL'editoriale del direttore de La Stampa Maurizio Molinari di domenica 26 gennaio 2020. Illustrazione in copertina di DELVOX La fine della Maginot è nota ai più.

Il pericoloso virus di Wuhan è un campanello d’allarme sulle contraddizioni interne alla Cina - La StampaCaro Direttore, sul sito de “La Stampa” leggo di intere città cinesi in quarantena per il coronavirus, circa 20 milioni di persone completamente isolate. Con il passare delle ore e con l’aumento dei casi di contagio, arrivati a oltre 6oo, a Pechino cresce la preoccupazione e le autorità adottano misure sempre più drastiche e che ci riportano ai tempi bui delle epidemie medioevali (anche la Città Proibita è stata chiusa e tutti i festeggiamenti per il Capodanno cinese sono stati annullati). Ma queste decisioni, prese peraltro quando il virus ha già attraversato i confini, suscitano apprensione e sollecitano parecchi interrogativi. Quanto dobbiamo sentirci minacciati da nuove malattie? In un mondo sempre più globale è possibile prevenire i contagi? Alberto Galli, Novara Caro Galli, nell’arco di pochi giorni il virus che si origina dalla città cinese di Wuhan si è trasformato in un imprevisto test, tanto sanitario che politico, per la Cina di Xi Jinping. La rapida reazione di Pechino nel sigillare tutte le aree di potenziale focolaio del virus - con uno sforzo logistico e finanziario senza precedenti - tradisce la volontà di prevenire la dichiarazione di allerta sanitaria da parte dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) con il conseguente eventuale impatto negativo sui viaggi da e per la Cina, da cui dipende gran parte del pil nazionale. Pechino vuole inoltre eccellere nella reazione al virus per dimostrare di aver raggiunto un livello di sviluppo interno - nella protezione della salute dei cittadini - pari alle grandi democrazie industriali. Ma la pur efficiente reazione delle autorità cinesi nulla toglie al fatto che il virus si sia effettivamente generato in Cina riproponendo i rischi connessi alla ancora frequente coabitazione fra animali ed esseri umani in ambienti non protetti. Si tratta di un corto circuito che evidenzia una delle contraddizioni con cui la Cina è chiamata a confrontarsi nel cammino verso la modernità: la coesistenza fra una delle società

Apre a Reano un piccolo museo colmo di tesori - La StampaREANO (TORINO). Un piccolo museo che nasconde gioielli d’arte. Domani, domenica 26, dalle 15 alle 19, aprirà al pubblico il Museo della Cappella della Pietà di Reano. «Il Museo custodisce stupende tele rinascimentali toscane - precisa la direttrice Arabella Cifani - e condivide con la vicina chiesa parrocchiale di San ...

Amianto compassionevoleVi propongo un breve viaggio dentro la testa di un uomo appena rinviato a giudizio con l&8217;accusa di omicidio volontario per la morte di 392 persone&46;...

Basket, Reale Mutua insegue la quinta vittoria di fila - La StampaTORINO. Reduce da quattro vittorie di fila (miglior striscia stagionale eguagliata) e con il ruolo di capoclassifica al pari di Casale, la Reale Mutua giocherà domani a Bergamo contro l’ultima in graduatoria (domenica 26, ore 18). Con sette giornate ancora da disputare prima del termine del girone Ovest dell’A2 di basket, andrà insomma in scena il più classico dei testa coda. Da evitare, però, il rischio di considerare il match scontato: due turni fa Bergamo ha infatti fermato proprio Casale sul campo amico, dimostrandosi squadra temibile e attrezzata per risalire la china. «Sono una buonissima squadra, lottano in ogni gara – così Daniele Toscano, il ‘Barba’ gialloblù (nella foto) -. La loro coppia di americani è di livello (Darryl Jackson e Jeffrey Carroll, ndr): servirà, come sempre, il nostro massimo sforzo per contrastarli e ottenere un risultato importante». Torino sarà ancora senza Traini, ma potrebbe a sorpresa rivedere almeno in panchina Cappelletti, play titolare della squadra fermo da qualche settimana per una distorsione a una caviglia. Chiaro comunque che gran parte della regia graverà, come già accaduto nelle ultime uscite, sulle spalle di Franko Bushati, arrivato per tappare un buco e rivelatosi poi fondamentale per guidare la Reale in uno dei suoi migliori momenti stagionali.

La storia di Federica, lascia il lavoro per salvare l’unica edicola del paese - La StampaFederica Ciampa, geometra, 27 anni neomamma. La sua è stata una scelta di vita e amore: “Nole non poteva restare senza giornali” Brava, buona fortuna!