Italy Grand Tour: il Museo d'Arte provincia di Nuoro - VanityFair.it

In un territorio liquidato come marginale, una storia di intuizioni e passioni ha trasformato il MAN di Nuoro in uno degli osservatori culturali più attivi e sorprendenti dell’Europa mediterranea

31/05/2021 18.51.00

In un territorio liquidato come marginale, una storia di intuizioni e passioni ha trasformato il MAN di Nuoro in uno degli osservatori culturali più attivi e sorprendenti dell’Europa mediterranea

In un territorio liquidato come marginale, una storia di intuizioni e passioni ha trasformato il MAN di Nuoro in uno degli osservatori culturali più attivi e sorprendenti dell’Europa mediterranea

Nato nel 1999 come Pinacoteca Provinciale dall’unione di varie raccolte di arte locali separate, ilMAN di Nuoroè un’istituzione che rappresenta una metafora assai fedele del territorio su cui insiste: periferico, ma centrale, arcaico, ma assolutamente votato alla contemporaneità. Il MAN ha rappresentato per la comunità nuorese, barbaricina, sarda

Covid Uk, Johnson: 'Riapertura totale rinviata al 19 luglio' 'Altrimenti ci arrabbiamo', il remake: trama e poster del film Bari, 54enne in rianimazione: “Ischemia dopo vaccino”. Era in cura per “trombosi venosa periferica”. Il 26 maggio immunizzato con J&J - Il Fatto Quotidiano

in generale l’espressione di un aspetto eterodosso del carattere, se non dell’antropologia insito in quello e in tutti gli angoli di mondo ritenuti, spesso troppo sbrigativamente, periferici.L’intuizione che potesse germinare, ed essere coltivata, in quell’area del mondo, folkloricamente conservativo e resistenziale, una tensione di ricerca, un’apertura all’ipotetico sperimentale dell’arte, ha prodotto una delle istituzioni di arte contemporanea più attive e sorprendenti di quella parte d’Europa che gravita nel bacino mediterraneo. Considerando l’ampiezza e l’influenza per la cultura occidentale di quell’area infatti risulta chiaro come la Sardegna e Nuoro (che della Sardegna è il cuore culturale in senso genetico) non siano affatto periferici ma centrali. Sotto la guida di Lorenzo Giusti, successore alla direzione di Cristiana Collu, il MAN ha stabilizzato la sua vocazione glocal e ha sancito la sua aderenza a una comunità che nonostante la conclamata perifericità, ha dato i natali a Grazia Deledda (unica italiana a vincere il Nobel per la letteratura, nel 1926) o a Salvatore Satta, che con Il giorno del giudizio ha prodotto uno dei testi più importanti del Novecento letterario. Non c’è contraddizione, dunque, tra l’essere provincia e l’essere propulsivi. Con Luigi Fassi, attuale direttore, il MAN ha precisato un indirizzo che lo specifica come spazio in cui si possa leggere un’altra storia della nostra cultura contemporanea e dei fattori che l’hanno determinata. Partendo proprio da un rinnovato senso della centralità, il Museo d’Arte contemporanea di Nuoro è diventato uno spazio su cui si possano individuare gli estremi di quell’area mediterranea, mitica e prosaica, antichissima e modernissima, estesa assai oltre le sue sponde, che Fernand Braudel ha definito «falda di Storia lenta». Cosicché il Museo si sviluppa in una struttura in perenne contatto col proprio territorio, ma per sviluppare un pensiero che abbia una eco globale. Che sia in grado di interpretare senza schermi consolatori il proprio passato recente attraverso una mostra di enorme successo come Il Regno Segreto. Sardegna-Piemonte: una visione postcoloniale. Assieme al Festival Autunno Danza di Cagliari, il MAN ha prodotto uno spettacolo dal vivo (al museo) sulla figura di Anna Marongiu (2019), ponendo l’accento sui percorsi artistici e biografici di grandi figure di donne: Maria Lai, Maliheh Afnan, Anna Marongiu, Lisetta Carmi, Edina Altara, di cui è in programma un’attesa mostra monografica. Il centro del mondo visto dal MAN ha a che fare con la demolizione costante di molti luoghi comuni e rappresenta Nuoro, centro della Sardegna, la Sardegna, centro del Mediterraneo, come un immenso archivio di ricerca sul mondo da attivare e fecondare col lavoro degli artisti contemporanei.

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Italy Grand Tour: la scuola di cinema indipendente Piano Focale a Palermo - VanityFair.itIl cinema si può fare ovunque: non per i cellulari, ma perché serve la testa. Un maestro racconta che cosa insegna ai ragazzi di Palermo

Italy Grand Tour: la bottega dei lettori, la libreria Rinascita ad Ascoli Piceno - VanityFair.itIl destino della libreria rinascita ad Ascoli Piceno sta tutto nel suo nome: prendere ogni crisi come opportunità per reinventarsi. E per avvicinare alla lettura sempre più persone. A partire dai bambini

Italy Grand Tour: Pompei, la città che visse due volte - VanityFair.itNon solo straordinaria testimonianza di un passato lontano, le sue rovine ci parlano anche del nostro presente. Ricordandoci la bellezza della vita

Italy Grand Tour: la società ideale, la storia di Topolò - VanityFair.itNon chiamatelo festival: è soprattutto un esperimento socio-culturale. Tutte le estati, un paesino remoto e semi disabitato si riempie di artisti. Una star della musica ci racconta Topolò, la proposta di un mondo antimaterialista

Italy Grand Tour: la scuola di cinema indipendente Piano Focale a Palermo - VanityFair.itIl cinema si può fare ovunque: non per i cellulari, ma perché serve la testa. Un maestro racconta che cosa insegna ai ragazzi di Palermo

Italy Grand Tour: la società ideale, la storia di Topolò - VanityFair.itNon chiamatelo festival: è soprattutto un esperimento socio-culturale. Tutte le estati, un paesino remoto e semi disabitato si riempie di artisti. Una star della musica ci racconta Topolò, la proposta di un mondo antimaterialista