İntervento Chirurgico, Crisi Epilettica, Facebook, Paziente, Cervello

İntervento Chirurgico, Crisi Epilettica

Intervento al cervello con paziente sveglia: in migliaia lo vedono su Facebook

Intervento al cervello con paziente sveglia: in migliaia lo vedono su Facebook

31/10/2019 14.00.00

Intervento al cervello con paziente sveglia: in migliaia lo vedono su Facebook

La procedura trasmessa in streaming è stata vista da oltre 45 mila persone. La paziente: «L’ho fatto per dare speranza e mostrare che l’operazione è possibile»

shadowStampaEmailIl pensiero di sottoporsi a un intervento chirurgico al cervello crea certamente timore. Ancora di più se la procedura viene eseguita da svegli (il cervello non ha terminazioni nervose, non sente dolore). Ma quello che ha vissuto una ragazza di 25 anni, Jenna Schardt, è ancora più incredibile perché il suo intervento martedì è stato trasmesso dal Methodist Dallas Medical Center su

Il Fatto di Domani del 22 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano 'La Chiesa dovrebbe abbracciare i gay, invece non li vuole liberi. E ora Francesco sembra un po' Pio IX' Stop alle mascherine all'aperto dal 28, Speranza firma l'ordinanza - Salute & Benessere

Facebook Live: per 45 minuti migliaia di spettatori si sono sintonizzati per assistere in streaming alla delicata operazione chirurgica durante la quale Jenna ha dialogato con i medici aiutandoli a mappare il suo cervello e rispondendo con precisione alle loro domande, regalando qua e là anche qualche sorriso.

Le crisi epiletticheJenna ha cominciato a sentirsi male mentre stava aiutando alcuni pazienti colpiti da ictus in un ospedale di riabilitazione in Texas, dove stava studiando per diventare terapista: «Improvvisamente, nel mezzo di una conversazione, non riuscivo più a parlare» ha raccontato la ragazza in un video di Facebook pubblicato qualche ora prima dell’intervento a Dallas. Con gli esami eseguiti dopo il malore è emerso che Schardt aveva un ammasso di vasi sanguigni nella zona del cervello che influenza il linguaggio. L’emmoraggia le ha provocato crisi epilettiche, nonostante non avesse alcuna storia di epilessia alle spalle. La donna è stata prima sottoposta a terapia farmacologica che però non ha funzionato: l’unica possibilità per risolvere il problema era l’intervento al cervello. Il neurochirurgo Nimesh Patel ha spiegato al headtopics.com

che Jenna ha voluto trasmettere la procedura sui social media per mostrare alla gente che un problema come il suo è risolvibile ed è stata supportata in questa sua scelta.Perché è rimasta svegliaDurante l’intervento eseguito con la tecnica dell’awake surgery, è stato chiesto a Schardt di descrivere le immagini e leggere parole su un iPad mentre i chirurghi lavoravano per mappare il suo cervello. Se improvvisamente avesse smesso di parlare dopo che una parte del suo cervello veniva stimolata, questo sarebbe stato il segnale per far sapere ai chirurghi che quella era un’area da evitare. Toccare zone sbagliate avrebbe potuto compromettere per sempre il suo linguaggio, per questo il paziente deve essere sveglio e collaborare con i chirurghi. Lo streaming non ha mostrano nessuna parte sanguinante per non violare la politica di Facebook sui contenuti grafici in streaming

Mille commenti e 45 mila visualizzazioniAlla fine della procedura, che si è conclusa molto bene, Jenna è stata trasportata in terapia intensiva per continuare a monitorare le sue condizioni e assicurarsi l’assenza di sanguinamenti cerebrali. Sarà dimessa in pochi giorni. La mamma di Jenna ha raccontato durante la conferenza stampa:

«Si sente benissimo anche se è stanca. Però dice di non sentirsi come se avesse subito un intervento chirurgico al cervello». Il Guardian ha segnalato che il video subito dopo la trasmissione ha accumulato 45 mila visualizzazioni e un migliaio di commenti e proprio da alcuni di questi commenti è evidente che l’esperienza di Schardt ha aiutato altri pazienti, esattamente come lei avrebbe voluto. Un lettore ha scritto: «Guardare questo intervento mi ha dato speranza per il mio futuro, perché dovrò fare una cosa simile al lobo temporale sinistro».

I precedentiSembra essere la prima volta che un intervento chirurgico al cervello venga trasmesso in streaming su un social media. Non è però la prima procedura medica. Nel 2018 una donna texana ha permesso che il suo intervento al seno fosse trasmesso in streaming su Facebook con l’obiettivo di sensibilizzare sulla malattia. Sempre in Texas un agente di polizia ha trasmesso in streaming il suo intervento ai polmoni su Facebook. E un chirurgo plastico in Florida ha guadagnato migliaia di follower (e numerosi nuovi pazienti) trasmettendo interventi in streaming su Snapchat e Instagram. headtopics.com

La Chiesa in Parlamento Omofobia e ddl Zan, la diplomazia del male minore: il Concordato contro gli estremismi Zan: «Sono incredulo, è un’ingerenza senza precedenti»

31 ottobre 2019 (modifica il 31 ottobre 2019 | 11:39) Leggi di più: Corriere della Sera »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Che novità è? Al sottoscritto 7 ore di intervento al cervello sveglio 5 anni fa al Policlinico di Milano per impianto stimolatore cerebrale. Mah!!!

La Regione Piemonte è la nuova proprietaria del Forte di Exilles - La StampaStipulato l'atto notarile che lo trasferisce dal Demanio. Cirio: “Ora rilanceremo questa risorsa unica”. Lo stesso Cirio Assessore per quattro anni? Ora i piemontesi lo manterranno ...

Beltrame ferma la Pro: contro la Juve U23 decide il gol dell’ex - La StampaForse la stanchezza, forse il turnover, forse la paura di vincere. La Pro contro la JuveU23 non riesce a fare la stessa grande partita che ha fatto a Siena. O contro l’Arezzo. E finisce sconfitta per 1-0, con Beltrame, ex di turno, che castiga i leoni. Gilardino cambia tanto nell’undici bianco che manda in campo contro la Juve U23. Un turnover spinto. Una necessità con i bianchi, che contro i bianconeri, giocano la quarta sfida in dieci giorni. Una scelta tattica che non premia la Pro, che in campo cerca punti di riferimento ma fatica a imporre il proprio gioco. In difesa le rivoluzioni sono poche rispetto alla mediana, con Bani e Mal al fianco di Schiavon e in attacco, completamente inedito con Cecconi al centro e Romairone e Della Morte sulla fasce. La Juve under 23 ha fisicità, possesso palla, ma sotto porta non sembra così titanica. La prima vera occasione è infatti dei leoni: un tiro a giro di Romairone si stampa sul palo. Chissà se quella palla fosse andata in rete: la gara avrebbe preso una piega diversa? Non ci sono controprove. La Juve, al primo allungo, al primo vero tiro in porta invece trova il vantaggio: ironia della sorte il gol porta la firma di Beltrame, giocatore che in carriera ha vestito la maglia bianca ma che a Vercelli non ha lasciato il segno ai tempi della serie B. Ma è proprio il gol dell’ex che sblocca la sfida, fino a quel momento equilibrata, con la Juve ben messa in campo e la Pro a cercare di coprire gli spazi per non lasciare metri agli avversari. Un gran destro che porta la Juve in vantaggio. E su quella rete la Pro tentenna: la manovra diventa più farraginosa. I bianchi tentennano. E neppure Cecconi, che tra i piedi ha una bella palla, riesce a mettere il suo nome nel tabellino marcatori. Gilardino a Siena aveva detto «abbiamo bisogno di uno schiaffo per reagire». Lo schiaffo bianconero c’è, ma manca la reazione della Pro. Anzi, è la Juve che sfiora il raddoppio: Pecchia inserisce Lanini al posto di Beltrame e proprio il nuovo entrat

Il Toro in silenzio stampa, contro la Lazio torna Berenguer - La StampaIl tecnico Mazzarri, squalificato, ha preferito rinunciare alla conferenza stampa alla vigilia della trasferta dell’Olimpico

Tutti da Hitchcock per la nostra paura - La StampaViolati dopo settant’anni - con una lente di ingrandimento - i segreti di “Psycho”, indimenticato capolavoro. Ma “Una visita al Bates Motel”, il libro di Guido Vitiello che scopre la trama nascosta del film, parla forse anche di noi e dei nostri (paurosissimi) giorni

Nel turno infrasettimanale la Reale Mutua ospita l’Eurobasket Roma - La StampaTorinesi primi in classifica, i capitolini sono invece l’unica squadra a non avere ancora vinto un match

La Ue e la manovra, Dombrovskis: «Non pensiamo a una bocciatura, ma restano le preoccupazioni»Il vice presidente della Commissione Europea: «Se la Commissione avesse voluto chiedere una bozza rivista, avremmo rispettato le scadenze» Visto che é nato a Riga é bravo a prendere le misure!!!