In Italia meno extracomunitari ma più illegalità

Per la prima volta da molti anni, nel 2019 è diminuito il numero degli stranieri non comunitari. I dati del Dossier Statistico Immigrazione

17/10/2020 13.22.00

Per la prima volta da molti anni, nel 2019 è diminuito il numero degli stranieri non comunitari. I dati del Dossier Statistico Immigrazione.

Per la prima volta da molti anni, nel 2019 è diminuito il numero degli stranieri non comunitari. I dati del Dossier Statistico Immigrazione

11:10ROMA. Per la prima volta, dopo diversi anni, nel 2019 è diminuito il numero degli stranieri non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia: dai 3.717.000 dell’anno precedente a circa 3.615.000 (una quota sostanzialmente analoga a quella del 2011). Quindi un calo di ben 101.600 unità (-2,7%). In 10 anni, l’unico altro decremento si è verificato nel 2016, a causa del contestuale boom di acquisizioni di cittadinanza (oltre 201.000): una spiegazione che però non vale per il calo del 2019, quando le acquisizioni di cittadinanza non hanno conosciuto un aumento così significativo rispetto all’anno precedente.

Cinque azzurri (e tutto il Galles) si inginocchiano prima del fischio di inizio: non era mai successo Euro 2020: Italia-Galles 1-0, azzurri primi nel girone A. LIVE Covid Napoli, festa in terrazza senza mascherina: 96 sanzioni

Boom di irregolaritàNetto calo dei migranti non comunitari: così sono scivolati nell'irregolaritàPer la prima volta in diversi anni diminuiscono - di ben 100 mila unità - gli stranieri extra Ue regolarmente soggiornanti in Italia. Effetto in particolare del primo decreto "sicurezza", oltre che della perdurante mancanza di programmazione degli ingressi stabili. I dati sono contenuti nel Dossier Statistico Immigrazione 2020 (30° edizione), realizzato dal Centro studi e ricerche IDOS in partenariato con Confronti. Al forte decremento del 2019 fa da contrappeso, piuttosto, un corrispondente aumento del numero dei non comunitari scivolati nell’irregolarità: già stimati in 562.000 alla fine del 2018, quando è entrato in vigore il primo Decreto “sicurezza”, si è calcolato che, proprio per effetto di quest’ultimo, sarebbero cresciuti di 120-140.000 nei due anni successivi, arrivando a oltre 610.000 a fine 2019 e a quasi 700.000 alla fine del 2020, se nel frattempo non fosse intervenuta la regolarizzazione della scorsa estate, che ha raccolto in totale circa 220.500 domande.

Senza permessi umanitariL’abolizione dei permessi per motivi umanitari, stabilita dal Decreto “sicurezza” del 2018, congiunta sia alla politica dei “porti chiusi” e dei respingimenti sia alla perdurante mancanza, dal 2011, di una programmazione degli ingressi stabili di lavoratori stranieri dall’estero, ha contribuito per un verso a svuotare i centri di accoglienza (i cui ospiti sono scesi da 183.800 nel 2017 a 84.400 a fine giugno 2020, per una fuoriuscita netta di quasi 100.000 migranti in appena due anni e mezzo) e per altro verso a un drastico calo della percentuale di riconoscimento delle domande di protezione presentate in Italia (dal 32,2% del 2018 ad appena il 19,7% del 2019, la metà della media europea). headtopics.com

Boom di irregolariDue circostanze che concorrono strutturalmente a ingrossare le fila già assai nutrite degli immigrati irregolari nel paese. Nel primo caso, perché molte delle persone espulse dai centri di accoglienza, dopo il varo del decreto del 2018, erano richiedenti asilo e titolari di protezione umanitaria che, dispersisi sul territorio, sono di lì a poco divenuti irregolari sia per le più ridotte possibilità di accedere a una forma di protezione sia per l’impossibilità di rinnovare quella umanitaria; e, nel secondo caso, perché l’aumentata quota di “diniegati”, congiunta all’alta probabilità di non poter effettuare il loro rimpatrio a causa dei limitati accordi di riammissione con i paesi d’origine (appena 7.000 rimpatri effettuati nel 2019, il 30,1% dei 23.400 migranti irregolari intercettati nell’anno, solo di poco superiori ai 6.800 rimpatri del 2018 e ai 6.500 del 2017), destina anche costoro al rilascio sul territorio nazionale in una situazione di irregolarità (dopo una reclusione media di circa 60 giorni in un Cpr (centri di permanenza e rimpatrio), su un limite massimo di 180 stabilito – raddoppiando il termine precedente – sempre dal decreto del 2018).

Ingressi temporanei Leggi di più: La Stampa »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Mattarella, l'occupazione femminile in Italia è troppo bassa: 'Inconcepibile e paradossale per un Paese del G7'Il presidente della Repubblica riceve al Quirinale le vincitrici del Premio Marisa Bellisario. Ricorda il ruolo delle donne nella lotta alla pandemia e gli Quirinale la donna in Italia si occupa di figli e casa e solo in un terzo momento del lavoro fuori le mura.

Coronavirus, la situazione in Italia: grafici e mappeCOVID__19, Il bollettino: 8.804 contagi su 162.932 tamponi. Terapie intensive: +47. Tutti i dati aggiornati nelle nostre infografiche ⬇️ Come stiamo andando? chiedo per un amico! A 8.804 togliere 1.899 dei guariti/dimessi + 83 di decessi... I NUOVI CONTAGI SONO 6.821 SMETTETELA DI FARE FALSA INFORMAZIONE!!! Sì, ma finché si fanno tamponi a tutti e per qualunque motivo non si capirà mai niente, questo è grave! Il virus c'è, ma c'è anche il problema dei cicli di amplificazione portati al limite. Di questo passo si intasa solo il sistema e si negano cure a chi ne ha davvero bisogno!

Ristoranti green in Italia: ecco i migliori che amano i vegetali - VanityFair.itI migliori locali italiani dove si fa solo (o anche) cucina vegetariana o vegana. Ben trentuno sono entrati nella guida specializzata più importante al mondo, la «We're Smart Green». E sei hanno meritato la massima valutazione di cinque ravanelli

Coronavirus in Italia, il bollettino con i dati di oggi 15 ottobreLeggi su Sky TG24 l'articolo Coronavirus Italia, bollettino del 15 ottobre: 8.804 nuovi casi. Record tamponi: 162.932 Siamo sull' orlo del precipizio. Fate presto Vediamo il prossimo stronzo contrario alla chiusura. Bollettini di guerra..... pandemia

La nostra fragile ItaliaIl grado di responsabilità di noi cittadini, altissimo nei primi mesi, adesso fatica a raggiungere il livello necessario per fronteggiare un virus che fa paura

Covid-19 in Italia, i quattro possibili scenari secondo l’IssLeggi su Sky TG24 l'articolo Covid-19 in Italia, i 4 possibili scenari secondo l’Iss: il peggiore con Rt sopra 1,5