Il verbale dell'interrogatorio di Tadini: «Col forchettone ho fatto un errore. Ma era la volontà dell’azienda»

La confessione di Tadini: «Col forchettone ho fatto un errore. Ma era la volontà dell’a...

30/05/2021 08.20.00

La confessione di Tadini: «Col forchettone ho fatto un errore. Ma era la volontà dell’a...

La testimonianza del capo servizio delle Ferrovie del Mottarone. «L’obiettivo non era di far funzionare l’impianto comunque, ma di evitare arresti intempestivi lungo la linea»

La, infatti, è un caso più unico che raro ma, se si verifica,le cabine sono provviste di freni d’emergenzache le bloccano impedendo che, libere, prendano folle velocità sulla fune portante e precipitino, come è accaduto. Quel tragico mattino, però, i freni erano bloccati e non potevano agire. Tadini racconta la giornata cominciata mentre sul lago Maggiore splendeva il sole e i primi turisti già erano pronti a salire in vetta. «Come di solito ho aperto la stazione, ho verificato che tutto fosse in ordine» e «

Bari, 54enne in rianimazione: “Ischemia dopo vaccino”. Era in cura per “trombosi venosa periferica”. Il 26 maggio immunizzato con J&J - Il Fatto Quotidiano Pubblica amministrazione, il primo concorso con la 'formula Brunetta' è un flop: allo scritto si presenta poco più della metà degli ammessi. Ministero costretto a riaprire le selezioni - Il Fatto Quotidiano Biden unisce la Nato contro Cina e Russia: “Sono una minaccia”

ho avviato intorno alle 9-9.10 una corsa di prova, che consiste nel fare una corsa completa a bassa velocità, per verificare che in linea sia tutto a posto». Nella cabina che tre ore dopo cadrà emerge però subito qualche problema alla

centralina dell’impianto frenanteche fa un rumore «dovuto presumibilmente alla perdita di pressione del sistema frenante» che «chiudeva una delle due ganasce». «Cosa fece lei?», chiedono gli inquirenti: «Se l’impianto di sicurezza rileva un’anomalia, la funivia non parte (…). Per impedire questo problema, e far entrare in funzione la cabinovia, ho evitato di togliere il “forchettone”». In un primo tempo, Tadini afferma che è stata una scelta solo sua («non ho avvisato nessuno, né Nerini né Perocchio»), poi, quando la sua posizione inizia a trasformarsi da testimone in indagato, riferisce di aver « headtopics.com

sempre informato il signor Nerini Luigi dei problemie della necessità di far intervenire i tecnici, cosa su cui lui ha concordato dicendo di farli contattare dall’ ingegner Perocchio».L’obiettivo: «evitare arresti intempestivi lungo la linea»

Aggiunge che l’obiettivo, ma di «evitare arresti intempestivi lungo la linea» che avrebbero costretto a trasbordare i passeggeri dalla cabina a un cestello di soccorso per farli tornare alla stazione. Quelle anomalie si verificavano da molto tempo, addirittura dal periodo di chiusura per il Covid, iniziato a ottobre 2020, durante il quale l’impianto aveva marciato quasi tutti i giorni. «Il sistema continuava ad entrare in pressione (…) ripetutamente e questo poteva causare problemi alle batterie scaricandole e deteriorandole, tanto è vero che le avevo già sostituite una volta durante l’inverno». Si rivolse allora al titolare delle Ferrovie Nerini che gli disse di contattare Perocchio il quale mandò i tecnici, l’ultima volta il 3 maggio,

senza che si trovasse una soluzione. «Negli ultimi giorni il problema era diventato però molto frequente (ogni 2-3 minuti,ndr) e in attesa dell’intervento dei tecnici ho deciso di inserire i cosiddetti “forchettoni”», dichiara in un primo momento Tadini. Quindi ci ripensa e aggiunge di averlo fatto anche il 21 maggio, cioè il giorno prima dell’incidente, e poi aggiunge «più volte in questo ultimo mese». Li installavano 3/4 operai della sua squadra. «Ne ho parlato con Perocchio al quale ho detto che per poter mantenere in funzione l’impianto regolarmente

sarei stato costretto a usare tale accorgimento— afferma —. Bisognava fare così per far funzionare l’impianto. Questa era la volontà della società, perché di fatto né l’ingegner Perocchio né Nerini, pur sapendo dei problemi e pur avendone le competenze e i poteri, non hanno mai ritenuto di bloccare l’impianto». headtopics.com

Covid Uk, Johnson: 'Riapertura totale rinviata al 19 luglio' Il Fatto di Domani del 14 Giugno 2021 - Il Fatto Quotidiano Usa, espolosione in uno stabilimento chimico dell'Illinois: evacuata cittadina di Rockton

È questa dichiarazione a mettere tutti nei guai, anche perché per i pm la ragione del mancato fermo era di evitare di perdere gli incassi. Ciò di cui Tadini non riesce a capacitarsi è la rottura della fune traente. «Mai e poi mai avrei pensato che avrebbe potuto spezzarsi», «non me lo spiego, è un qualcosa che non doveva accadere. Secondo gli ultimi controlli (

novembre 2020,ndr) era in perfette condizioni e non ha mai avuto problemi lungo la linea». Dopo l’incidente, non è tornato in funivia «per evitare che si pensasse a un mio intervento di alterazione».30 maggio 2021 (modifica il 30 maggio 2021 | 07:20)

Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Questo già sta cambiando versioni. Ecco il colpevole.