Il Tar ha bocciato l'ordinanza del sindaco di Siracusa, lunedì si torna a scuola

16/01/2022 20.16.00

🏫🧑‍⚖️Il #Tar ha bocciato l'ordinanza del sindaco di #Siracusa, lunedì si torna a #scuola 👇

Tar, Siracusa

🏫🧑‍⚖️Il Tar ha bocciato l'ordinanza del sindaco di Siracusa , lunedì si torna a scuola 👇

l giudici amministrativi hanno fatto valere due elementi: i contenuti della legge 221 dello scorso anno che fa riferimento alla Dad nelle zone rosse (mentre Siracusa è in zona arancione) e un numero di contagi inferiore ad altre regioni italiane dove già i provvedimenti delle autorità locali sulla Dad erano stati sospesi dai Tar .

- Un'aula scolastica vuotaAGI - Gli studenti di Siracusa torneranno in classe a partire da lunedì per effetto di una decisione del Tar di Catania. I giudici amministrativi regionali hannoaccolto un ricorso presentato dall'avvocatura dello Stato contro l'ordinanza

con la quale il sindaco, Francesco Italia, sulla base di un parere tecnico dell'Asp, aveva disposto l'attività didattica a distanza, dal 13 al 19 gennaio, per l'aumento dei contagi da Covid-19, i cui numeri erano di gran lunga più alti di quello previsto dei 250 casi ogni 100 mila abitanti.

Leggi di più: Agi Agenzia Italia »

Ebola, The Outbreak - InsideOver

Da agosto 2018, nel nord est della Repubblica democratica del Congo, è in corso un’epidemia di ebola, la seconda epidemia più letale della storia e la Leggi di più >>

Covid: Tar annulla Circolare ministero sulla gestione domiciliare dei pazienti e “vigilante attesa”Accolto ricorso del Comitato Cura Domiciliare Covid-19. Meloni: «Pietra tombale sull’operato del ministro Speranza»

Pastelli e sassi per simulare il tamponamento: la truffa dello specchietto a Tar de’ CenciArrestata giovane coppia che ha convinto una studentessa a risarcire un danno mai provocato

Covid e 'vigilante attesa': il Tar annulla la circolare con le 'cure' prescritte dal GovernoCovid e 'vigilante attesa': il Tar annulla la circolare del ministero della Salute da Today_it

Terapie domiciliari Covid, il Tar del Lazio annulla il protocollo di SperanzaIl tribunale amministrativo annulla la nota ministeriale che prevede attesa e paracetamolo dal terzo giorno

Cos'è la «vigile attesa», e cosa ha deciso il Tar sulle cure domiciliari per il CovidIl Tar , sabato, ha annullato in parte una circolare del ministero della Salute relativa alla somministrazione domiciliare di paracetamolo e alla «vigilante attesa» in pazienti con sintomi lievi di Covid. Il ricorso era stato presentato dal Comitato Cura domiciliare Covid -19. I medici di base: «È giusto ribadire la libertà del medico, ma in una prima fase vanno prescritti paracetamolo e fans» Quella che consigliava l'esimio Professorone Galli e che poi, ammalatosi con III DOSE ha disatteso usando monoclonali? Per lui non è bastata la Tachipirina vero? Quante morti sarebbero state evitabili? Spiaze

Il Tar boccia tachipirina e vigile attesa. FdI: 'Pietra tombale su Speranza'Il Tar affossa il contenuto della nota ministeriale dell'aprile 2021: 'Contrasta con la richiesta professionalità del medico ' Dimissioni immediate... Sì ma anche voi del il Giornale che mettete queste foto del Ministro da cui si evince la sua grande preparazione e competenza... 😑😑😑 ma come dopo 20 mesi scopriamo di avere una testa medica incapace?e la gente allora potrebbe anche mandare a quel paese....

© Alessandro Serranò / Agf  - Un'aula scolastica vuota AGI - Gli studenti di Siracusa torneranno in classe a partire da lunedì per effetto di una decisione del Tar di Catania.15 Gennaio 2022 Modificato il: 15 Gennaio 2022 1 minuti di lettura (ansa) I medici possono scegliere la terapia domiciliare che vogliono per curare i pazienti malati di Covid.Condividi Avevano in macchina pastelli a cera e sassi appuntiti per simulare un tamponamento che non è mai avvenuto: il classico “modus operandi” di chi è specializzato nella truffa dello specchietto, e sarebbero anche riusciti a portare a termine il raggiro se non fossero intervenuti i carabinieri.Condividi Il contenuto della nota ministeriale con la quale, in merito alla gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2, si prevede una "vigilante attesa" e la somministrazione di Fans e Paracetamolo, "si pone in contrasto con l'attività professionale così come demandata al medico nei termini indicati dalla scienza e dalla deontologia professionale".

I giudici amministrativi regionali hanno accolto un ricorso presentato dall'avvocatura dello Stato contro l'ordinanza con la quale il sindaco, Francesco Italia, sulla base di un parere tecnico dell'Asp, aveva disposto l'attività didattica a distanza, dal 13 al 19 gennaio, per l'aumento dei contagi da Covid-19, i cui numeri erano di gran lunga più alti di quello previsto dei 250 casi ogni 100 mila abitanti. Il giudici amministrativi hanno fatto valere due elementi: i contenuti della legge 221 dello scorso anno che fa riferimento alla Dad nelle zone rosse (mentre Siracusa è in zona arancione) ritenuti prevalenti sull'ordinanza del presidente della Regione del 7 gennaio; un numero di contagi inferiore ad altre regioni italiane dove già i provvedimenti delle autorità locali sulla Dad erano stati sospesi dai Tar. Il contenuto della nota ministeriale «contrasta con la richiesta professionalità del medico e con la sua deontologia professionale imponendo, anzi impedendo, l'utilizzo di terapie eventualmnenteritenute idonee ed efficaci al contrasto con la malattia Covid 19 come avviene per ogni attività terapeutica». "Pur nel pieno rispetto delle decisioni assunte - dichiara il sindaco Italia - vorrei ricordare che il potere di ordinanza per i sindaci era stato riconosciuto dall'ordinanza del presidente della Regione numero 1/2022, che apprendiamo essere stata anch'essa impugnata. A bordo di una viaggiava una studentessa romana di 23 anni, sull’altra una coppia di ventenni originari della Sicilia. Inoltre, all'indicazione fornita da tutti i vertici dell'Asp territoriale, anche nel corso della riunione di venerdì 7 gennaio insieme ai sindaci, al prefetto e a tutte le forze dell'ordine, è seguito il parere del 12 gennaio in cui la situazione prospettata dall'Asp, ovvero dall'unico organo preposto a valutare i dati dei contagi, appariva addirittura peggiorata rispetto a quella di giorno 7. «Finalmente un punto fermo nella battaglia che portiamo avanti da due anni, e' la fine della vigile attesa - commenta il legale che e' anche presidente del Coomitato Cura Domiciliare Covid-19 - . La decisione del Tar travolge, dunque, non solo l'ordinanza regionale ma anche il parere fornito dall'autorità sanitaria provinciale". Secondo il Tar del Lazio il "contenuto della nota ministeriale, imponendo ai medici puntuali e vincolanti scelte terapeutiche, si pone in contrasto con l'attività professionale così come demandata al medico nei termini indicata dalla scienza e dalla deontologia professionale.

  Articoli correlati . Il governo ha di fatto privato i cittadini delle cure domiciliari precoci paralizzando la sanità territoriale e portando al collasso il sistema ospedaliero». A bordo hanno trovato diversi sassi appuntiti e pastelli di cera neri con cui avevano preventivamente simulato un danneggiamento alla carrozzeria bianca dell’auto della ragazza, convincendola della sua responsabilità in un incidente mai avvenuto.