Il sogno abita qui - VanityFair.it

La CALABRIA poetica, fatta di visioni che si realizzano e di tante persone speciali

24/06/2020 19.00.00

La CALABRIA poetica, fatta di visioni che si realizzano e di tante persone speciali, come raccontata sul numero di Vanity Fair in edicola

La CALABRIA poetica, fatta di visioni che si realizzano e di tante persone speciali

Mimmo CaloprestiQuesto articolo è stato pubblicato sul numero 24/25 di Vanity Fair in edicola dal 17 giugnoLa mia Calabria è Tonino Gioffrè, amico del Greco e profeta del gusto. Rientrato a vivere nella sua terra in cerca di pace, abbandonando la troppo produttiva Milano. I suoi abbinamenti originali in cucina deliziano gli occhi e mandano in visibilio il palato.

Migrante di 27 anni muore nel Brindisino: tornava da una giornata di lavoro nei campi Coronavirus, Israele verso il ritorno all’obbligo di mascherine al chiuso dopo l’aumento dei contagi Giuliani sospeso dall’esercizio professione legale a New York

Dalla sua terrazza a Santa Barbara, spalancata su Scilla e Cariddi, il mare dai riflessi violacei è un lago immobile, sezionato dalle lunghe scie delle imbarcazioni che cacciano il pesce spada nello Stretto.La mia Calabria è Chianalea, borgo di pescatori, con le case dentro il mare, quartiere di Scilla. Nel porticciolo sono parcheggiate le ultime barche che fiocinano il pesce spada mentre attraversa lo Stretto. Si tratta di caccia e non di pesca, ci tengono a dire tutti da queste parti, partecipano alla caccia intere famiglie che con lo sguardo individuano la preda e hanno nel lungo braccio del fiocinatore l’utilizzatore finale, appostato nella passerella a sbalzo che corre sopra le onde del mare. È la femmina che viene inseguita per avere con facilità il maschio che non abbandona il suo amore fine alla fine. Lo sguardo sullo Stretto è immersione in un paradiso di luce.

La mia Calabria è Africo. Luogo irraggiungibile come l’Eden, si può solo sognare. Bisogna attraversare le gole dell’Aspromonte per arrivarci, bisogna muoversi lungo sentieri impervi insieme alle capre. Quando si raggiungono i suoi ultimi ruderi che si mischiano con una vegetazione selvaggia, compaiono i resti di una civiltà scomparsa, da qui sono passati i Greci e probabilmente prima di loro popolazioni nomadi che arrivavano dall’Africa, luoghi antichi così nel mondo sono pochi. In quei posti c’è l’origine del mondo. headtopics.com

La mia Calabria è Mimmo Lucano, che dalla sua Riace guardando verso il mare un giorno vide arrivare i Bronzi, guerrieri greci dal corpo perfetto e inossidabile. E poi sulla stessa rotta di Ulisse comparvero i curdi e ancora tanti altri da terre lontane. Non più guerrieri ma uomini, donne e bambini affamati, perseguitati, feriti. Strappati ai loro domicili naturali in fuga e naufraghi. Mimmo Lucano sulla grande spiaggia sabbiosa e lucente, con i riflessi del mare che gli ferivano gli occhi, li accolse e se li portò a vivere nelle case abbandonate nel paese antico. Ritorna la vita là dove c’era l’abbandono dell’emigrazione ininterrotta che quei popoli hanno intrapreso centinaia di anni fa. Tutto svanì quando una legge ingiusta fermò il sindaco degli ultimi. Ora Mimmo Lucano è tornato da innocente a vivere nel borgo antico, a testimoniare la verità della sua leggenda: l’umanità non si ferma a largo come tentò di fare un ministro dell’Interno leghista, ma va accolta e rifocillata.

La mia Calabria è Gerardo Sacco che da ragazzo poverissimo, per sfuggire ai pericoli della strada a Crotone, capitale della Magna Grecia, si mise in testa di fare gioielli, cominciò sulla spiaggia a incastonare i ciottoli che arrivavano dal mar Jonio imprigionandoli nel fil di ferro, facendoli diventare preziosi per storia e originalità. La ricchezza del materiale è levigatura dei secoli e la rappresentazione dei miti, delle storie che lo formano. Quando ormai era diventato l’orafo preferito di Liz Taylor, lo incontrai a Le Castella davanti al castello Aragonese dove Pasolini girò

Il Vangelo secondo Matteoe Mario MonicelliBrancaleone alle crociate, in un luogo chiamato Annibale dedicato al grande condottiero africano che sembra sia passato da lì insieme ai suoi elefanti. Lo scrutai a lungo e alla fine capii a chi assomigliava quell’uomo con quella bella faccia da attore. Allungò la mano e disse sono Gerardo. No sei Gérard, assomigli a Gérard Depardieu mi venne da dirgli.

La mia Calabria è Peppe Valarioti, insegnante e politico onesto ucciso dalla ’ndrangheta quarant’anni fa: simbolo dell’antimafia e della meglio gioventù, che si impegna ma non si piega. Peppe Valarioti era di Rosarno e fu ucciso quando aveva trent’anni la sera che festeggiava la vittoria del Pci alle elezioni. Rosarno è un paesino che oggi si può ricordare solo per essere uno svincolo della Salerno-Reggio Calabria e che quando ero bambino raggiungevo a piedi da Polistena insieme a mia nonna Rosa, che accompagnavo in una lunga camminata che all’andata lei faceva con in testa un grande cesto di vimini vuoto, e al ritorno ricolmo di verdure che si rivendeva il giorno dopo al mercato, un’economia povera ma dignitosa, quanto bastava a sfamare una famiglia. Passavo quelle ore di cammino tra gli agrumeti e gli oliveti, inalando l’odore della terra, della mia terra, che ogni tanto in particolari circostanze ritorna a invadermi i sensi. Oggi a Rosarno c’è un campo d’immigrati, una baraccopoli di poveri che tra lamiere e cartoni cercano di ripararsi dalle intemperie e dalla vita grama che gli è toccata. Permettere che non continuasse a esserci la schiavitù nella terra di Calabria, per questo è stato ucciso Peppe Valarioti. headtopics.com

Nel Bresciano un agricoltore uccise due gatti, confermata la condanna a un anno e otto mesi Scontro Ue-Orban, Bruxelles scrive all'Ungheria: 'La vostra legge viola le norme europee' - Europa Viktor Orbán, ascesa e svolta autoritaria del tribuno che l’Europa ha blandito

La mia Calabria è Marcello Fonte, attore, vincitore a Cannes conDogmandi Matteo Garrone. Che ha vissuto la sua infanzia nelle baracche costruite da suo padre con materiali di risulta, risanando dall’immondizia il letto di una fiumara.Una notte confuse il rumore della pioggia che batteva sul tetto di lamiera con quelli degli applausi che avrebbe ricevuto molti anni dopo sul palco del più prestigioso festival di cinema del mondo

. Le baracche di Marcello guardano verso il mare dello Stretto e sono circondate da un giardino rigoglioso.Quando vidi quel posto la prima volta pensai che la Calabria è il luogo del sogno.TERRA D’AUTOREMimmo Calopresti, 65 anni, regista. Il suo ultimo film, del 2019, è Aspromonte – La terra degli ultimi.

Leggi di più: Vanity Fair Italia »

G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri

Leggi su Sky TG24 l'articolo G7, un miliardo di dosi di vaccino saranno donate ai Paesi poveri: la metà dagli Usa

Niccolò Zanardi, il post per papà: «Io questa mano non la lascio» - VanityFair.itIl figlio di Alex Zanardi, rimasto coinvolto venerdì in un incidente stradale con la sua handbike, ha pubblicato un nuovo post dedicato al padre

Stefano De Martino, Belén e le altre donne: il romanzo rosa dell'estate 2020 continua - VanityFair.itL'ex ballerino di «Amici» è tornato ospite a «Domenica In» e ha ripetuto lo stesso copione: battute e ironie per non entrare nei dettagli della rottura con la showgirl argentina: «Le donne? Sono una religione che non professo più». E il gossip dell'estate 2020 continua

Maturità, il Muro di Berlino caduto nel 1948: tutte le gaffe degli studenti - VanityFair.itAnche quest'anno è arrivato il momento degli errori più diffusi dei maturandi. Storia e letteratura italiana le materie più «colpite»

Il programma per ricominciare a correre - VanityFair.itIl lockdown ha fatto venire voglia di correre in libertà, per mettersi in forma e ritrovare energia e salute mentale. Abbiamo chiesto a una runner professionista il programma da seguire per muoversi e automotivarsi

La maturità di Alex che ha ucciso il padre per difendere la madre - VanityFair.itIl 18enne è agli arresti domiciliari per aver ucciso il padre il 30 aprile nel tentativo di difendere la madre. Per lui ora c’è il percorso in tribunale. È accusato di omicidio

Angelina Jolie rivela: «Ho divorziato da Brad Pitt per il bene dei miei figli» - VanityFair.itI Brangelina non sono più una coppia dal settembre 2016. Ma solo oggi la diva ha svelato i motivi che l'hanno spinta alla rottura. Dicendosi convinta di aver fatto la «scelta giusta» per il benessere dei suoi figli, «sei giovani coraggiosi e forti che hanno sentito tante bugie sul loro conto»