Il rapper rapinatore: 'Ho cambiato vita, ora sono ricco'

Il rapper ora chiede i domiciliari in attesa del processo e si difende dalle accuse di aver preso parte alle rapine di Milano

23/01/2022 15.11.00

Il rapper ora chiede i domiciliari in attesa del processo e si difende dalle accuse di aver preso parte alle rapine di Milano

Il rapper ora chiede i domiciliari in attesa del processo e si difende dalle accuse di aver preso parte alle rapine di Milano

Baby Gangrapper arrestati con l'accusa di aver compiuto quattro rapinetra maggio e luglio a Milano e in provincia. A differenza degli altri due, per i quali l'ordine di custodia cautelare prevede i domiciliari, per lui il gip ha deciso per il carcere. Le considerazioni del gip sono state molto nette sul'operato di Mouhib e degli altri due, che per il giudice hanno agito"

facendosi forti della forza intimidatrice del numero dei partecipanti" e in un caso usando anche la violenza"modalità che depongono per azioni delittuose certamente non occasionali da parte di soggetti adusi alla realizzazione di reati contro il patrimonio e comunque segnale di una particolare spregiudicatezza sintomo di una concreta pericolosità sociale

Leggi di più: ilGiornale »

Strage di Capaci, il ricordo del sopravvissuto austriaco. VIDEO

Leggi su Sky TG24 l'articolo Strage di Capaci, il ricordo del sopravvissuto austriaco. VIDEO Leggi di più >>

I nuovi italiani che piacciono alla sinistra: ignoranti, capre e che vanno avanti senza studiare. Poiché il rapper è un grande tifoso dei CARTONATI la notizia è passata sotto silenzio. 🤬 Sti ritardati da noi diventano fenomeni da baraccone..complimenti ai decerebrati che li seguono e danno credito È ricco ora, perdoniamo tutto!!!

L'eroe della sinistra Da notare la maglia...... ma a lavorare no? magari lavori socialmente utili? Come i rom si è fatto ricco rubacchiando In galera e buttare la chiave!! Ma è obbligatorio tenercelo? Accordo con il Paese dei suoi avi, per un lungo soggiorno in quelle patrie galere, sarebbe opportuno.

Che succede se il centrodestra non scioglie il nodo candidatura per il QuirinaleLa partita si sbloccherà sabato dopo il vertice del centrodestra. Se Berlusconi dovesse decidere di candidarsi Lega e Fratelli d'Italia, al pari dei centristi, darebbero il via libera. Altrimenti si andrà su una figura, come dice Salvini, di alto profilo Niente. Non succede proprio niente. Un grande bluff... Finalmente si vota di personaggi indispensabili x guidare l'Italia nel passato e nel presente l'Italia ne può fare a meno visti i risultati

Il match con il Bologna va giocato: l'Inter valuta il ricorsoGli emiliani non saranno penalizzati con la sconfitta per la gara rinviata causa Covid, rinviata invece la decisione su Atalanta-Torino, Salernitana-Venezia e Fiorentina-Udinese

Il Centrosinistra valuta il voto per Riccardi come candidato di bandiera per il QuirinaleIl segretario del Pd Enrico Letta puntualizza che nessuno ha la maggioranza, oggi vede Salvini, Speranza, Conte e Renzi: 'Non c'è diritto di prelazione, serve accordo alto su nome e patto di legislatura' Peggio di un disco rotto, nemmeno i bambini fanno i capricci così La verità è che nessuno sta facendo gli interessi del Paese ma solo ed esclusivamente i propri. L'interesse per i soldi che dovranno essere 'gestiti' è sempre al di sopra di tutto. Ma non lo ammetteranno mai nemmeno sotto tortura.

Alessandro Baricco, il post dall'ospedale: 'Ho la leucemia'Lo scrittore ha spiegato che si sottoporrà ad un trapianto di midollo: 'A donarmi le cellule staminali sarà mia sorella Enrica'

L'annuncio di Baricco sui social: 'Ho la leucemia, a giorni farò il trapianto'La notizia la dà lo stesso scrittore su Twitter: 'A donarmi le cellule staminali sarà mia sorella Enrica, donna che ai miei occhi era già piuttosto speciale, prima di questa avventura. Figuriamoci adesso'

'Così ho preso 4 volte il virus'La storia di Mea Walton, studentessa britannica di 20 anni, che si è infettata la prima volta a settembre del 2020 e l'ultima a gennaio di quest'anno

Zaccaria Mouhib, in arte di Baby Gang rapper arrestati con l'accusa di aver compiuto quattro rapine tra maggio e luglio a Milano e in provincia. A differenza degli altri due, per i quali l'ordine di custodia cautelare prevede i domiciliari, per lui il gip ha deciso per il carcere. Le considerazioni del gip sono state molto nette sul'operato di Mouhib e degli altri due, che per il giudice hanno agito" facendosi forti della forza intimidatrice del numero dei partecipanti " e in un caso usando anche la violenza" modalità che depongono per azioni delittuose certamente non occasionali da parte di soggetti adusi alla realizzazione di reati contro il patrimonio e comunque segnale di una particolare spregiudicatezza sintomo di una concreta pericolosità sociale ". Ma Mouhib, durante l'interrogatorio di garanzia davanti al gip di Milano Manuela Scudieri, assistito dall'avvocato Niccolò Vecchioni, ha respinto ogni accusa negando il suoi coinvolgimento nelle rapine che gli vengono attribuite. Ha detto di aver" cambiato vita " e di aver raggiunto una" stabilità " economica anche grazie alla firme di diversi contratti discografici per centinaia di migliaia di euro . Per questo motivo avrebbe cambiato vita e non sarebbe più la stessa persona che viveva di reati, come le rapine. Ora dice di non averne più" bisogno ". Eppure, Baby Gang è stato riconosciuto insieme ad Amine Ez Zaaraoui, noto come Neima Ezza, e Samuel Matthew Dhahri, detto Samy, dalle vittime delle rapine. Dopo l'interrogatorio, i difensori del rapper hanno chiesto per lui la revoca della misura cautelare, ossia la scarcerazione e in subordine i domiciliari. Gli avvocati puntano soprattutto sul fatto che sull'unica rapina riconosciuta dal giudice a carico del 20enne nell'ordinanza, ossia quella del luglio scorso a Vignate (Milano), non ci sarebbero elementi che dimostrano che lui era là quando veniva compiuto il reato. Il ragazzo, infatti, ha dichiarato che quel giorno si trovava in viaggio in auto sull'autostrada che porta a Rimini. Inoltre, la difesa si basa sul fatto che dai dati sulle celle telefoniche agli atti dell'indagine si evince solo che lui era a Vignate alle 13.38, ossia" ben 7 ore prima della rapina " che gli viene attribuita. Zaccaria Mouhib si sarebbe trovato nella cittadina dell'area milanese per un pranzo insieme a un amico da cui aveva dormito la notte precedente, prima di mettersi in viaggio per raggiungere Rimini, come dimostrerebbero i suoi post social. La rapina di Vignate è l'unica per la quale ora Zaccaria Mouhib sarebbe sotto accusa, perché le celle telefoniche hanno accertato che il giovane, nel giorno della rapida alle Colonne di San Lorenzo