Scuola, Esami, Elementari, Medie, Studenti, Tesi, Maturita', Professori, Studenti, Licei

Scuola, Esami

Il preside del liceo di Bergamo: «Ho progettato io gli schermi e non sono in plexiglass»

Il preside del liceo di Bergamo: «Ho progettato io gli schermi e non sono in plexiglass»

06/06/2020 20.36.00

Il preside del liceo di Bergamo: «Ho progettato io gli schermi e non sono in plexiglass»

La foto degli schermi parafiato fissati sui banchi dell’istituto, diffusa ieri sui social, ha fatto discutere. Il professor Botti risponde alle critiche e spiega come è nata l’idea e quali sono i materiali utilizzati

EmailLa foto dei banchi del suo liceo incorniciati dagli schermi protettivi sono state condivise ovunque. E, in alcuni casi, commentate con toni scettici o addirittura derisori. Ma il preside del Liceo Artistico Statale “Giacomo e Pio Manzù” di Bergamo, il professor Cesare Emer Botti, non si scompone. «Esteticamente non sono granché, sono il primo a dirlo. Hanno pro e contro, come ogni cosa. Bisogna valutare costi e benefici».

Bergamo e Brescia capitali della Cultura Ok dalla commissione della Camera Coronavirus, in Veneto torna il 'rischio alto': Rt da 0,43% a 1,63%. Zaia: 'Ordinanza per inasprire regole. Tso a chi rifiuta isolamento' - Il Fatto Quotidiano Serena Williams nel primo doppio con la figlia Olimpia: la foto (dolcissima) diventa virale

Preside, andiamo con ordine. Di cosa sono fatti questi “schermi parafiato”?«I bordi sono in cartone, come le scatole della pizza: hanno gli stessi occhielli. In mezzo, per ogni lato c’è un foglio di polipropilene che ha delle asole in cui infilare e incastrare il cartone. Poi ci sono degli agganci per gli angoli e degli elastici per fissare gli schermi alle gambe del tavolo: hanno una minima mobilità, che negli urti accidentali non guasta, sono stabili ma leggeri».

Niente plexiglass quindi.«Il plexiglass dal punto di vista strutturale ha un vantaggio: sta in piedi da solo. Però costa: 100 euro al metro quadro contro gli 8 del polipropilene. I nostri schermi costano tra i 15 e i 18 euro l’uno, se avessimo optato per il plexiglass avremmo speso almeno 120 o 140 euro per ogni banco».

Chi li ha progettati?«Il progetto l’ho fatto io. Quando avevo iniziato a ragionarci da poco ho incontrato un signore che ha un’azienda attiva nel mondo del packaging e gli ho chiesto una mano: ci ha dato dei suggerimenti molto utili dal punto di vista tecnico. Per lui è stata anche l’occasione per avere una commissione in più, che in un momento come questo non è male».

Qual è l’obiettivo di questi schermi?«Dare garanzie di sicurezza aggiuntive a professori e candidati durante l’esame di Stato. Qui a Bergamo c’è ancora molta apprensione. La mia idea è nata con l’obiettivo di rassicurare tutti, senza rinunciare troppo alla praticità. Di schermi ne abbiamo realizzati 40, docenti e studenti potranno scegliere se usarli o no e i fogli si potranno sostituire per garantire l’igiene. Ne abbiamo acquistati altri per i nostri amministrativi, che lavorano a stretto contatto».

Come è nata l’idea?«Ho iniziato a rifletterci a fine aprile o a inizio maggio. Allora sapevamo già che gli esami di stato sarebbero avvenuti in presenza ma non avevamo altre indicazioni. Abbiamo scartato subito il plexiglass per via del costo. Una volta scelto il materiale, prima abbiamo ipotizzato delle strutture simili a cabine elettorali. Ma dopo averne realizzate e testate alcune abbiamo capito che non andavano bene: oltre alle difficoltà tecniche, con il caldo e lo stress dell’esame sarebbe stato come stare in una serra! Poi sono uscite le linee guida del Comitato tecnico scientifico, cui ci adegueremo, ovviamente. Ma io volevo comunque dare una garanzia extra ai docenti. L’idea decisiva è stata quella di immaginare una barriera da agganciare ai banchi. Una volta fatto il progetto, circa 15 giorni fa, abbiamo ordinato il materiale e gli schermi ci sono stati consegnati ieri mattina. Li abbiamo provati e ho pubblicato la foto su Facebook, ma non mi aspettavo tanto scalpore...»

Lei è il preside di un liceo artistico. Teoricamente questi schermi vanno bene anche per disegnare o progettare?«Sono modulari: all’occorrenza si possono adattare a banchi più grandi, come quelli da disegno che, da noi, sono circa 80x110 contro i 60x80 dei banchi normali».

Stato di emergenza sulla Ocean Viking: 6 tentativi di suicidio Scuola, 885 milioni per l'edilizia scolastica: ministra Azzolina firma il decreto. 'Ora spendere velocemente e realizzare le opere” - Il Fatto Quotidiano Trentino, identificato l'orso che attaccò padre e figlio: è una femmina di 14 anni e si chiama JJ4

Qualche collega le ha chiesto informazioni per copiare la sua soluzione?«Ne ho parlato informalmente con alcuni colleghi in vista degli esami di Stato, ma mi è sembrato di capire che intendano adeguarsi alle indicazioni del ministero e basta».

Pensa che schermi come questi possano essere utili per un’eventuale riapertura delle scuole a settembre?«Non spetta a me prendere decisioni simili: io non faccio politica, faccio il preside e cerco, nei limiti del possibile, di prevenire i problemi, forse per via della mia formazione da ingegnere. Presumo che il comitato tecnico scientifico stia lavorando per capire quale sia la soluzione più adatta. Noi questi schermi li abbiamo progettati per gli esami, non in vista della possibile riapertura a settembre. Dato che l’altro ieri si è saputo che il ministero sta lavorando sull’ipotesi dei separatori in plexiglass, ieri abbiamo fatto una prova per vedere che effetto farebbero i nostri schermi su 24 banchi disposti in un’aula. Ma era solo una prova. Il punto è che sulla carta l’uso dei separatori — non necessariamente come i nostri! — potrebbe permettere di far tornare gli studenti a scuola, magari anche senza mascherina. Ma la disposizione degli studenti nelle aule è solo una parte del problema: ci sono i trasporti, l’ingresso a scuola, i trasferimenti verso i laboratori e le palestre, gli intervalli, le mense...»

Cosa risponde a chi ha criticato gli schermi parafiato?«Esteticamente non sono granché, sono il primo a dirlo. Anche questa, come ogni altra scelta, ha i suoi pro e i suoi contro: bisogna valutare costi e benefici. Ipoteticamente, il beneficio di una soluzione simile a questa potrebbe essere il far tornare tutti in aula. Il costo economico sarebbe basso, certo ci sarebbero dei costi relazionali, oltre che estetici... Però mi chiedo: qual è l’obiettivo delle persone che criticano gli schermi parafiato? Una soluzione si deve pur trovare. Non dobbiamo dimenticare che, come ho detto ai miei docenti nel nostro primo consiglio d’istituto online il 3 marzo, stiamo vivendo una situazione senza precedenti, che un domani verrà raccontata nei libri di storia. Dobbiamo rimboccarci le maniche».

6 giugno 2020 (modifica il 6 giugno 2020 | 19:13) Leggi di più: Corriere della Sera »

Quante api avrà questo preside! Chiudere tutto con la pellicola Cuki.... Almeno ci ha provato. Altri sono ancora lì che parlano. E i ragazzi a casa... E lo dice pure! Sembrano delle gabbie ! Cioè?plexiglass o no vanno sanificati ad ogni cambio turno. I bambini sono stati risparmiati dal virus e li vogliamo trattare come degli appestati? Hanno già sofferto per essere stati imprigionati per 3 mesi e questa è la ricompensa? Non siete normali! C'è qualcosa di folle dietro tutto questo progetto.

Ognuno si improvvisa “creativo”, credendo di essere originale e pure bravo. Caratteristica tipica degli italiani, c'è poco da fare. Uno dei motivi per cui siamo un paese di campanili e di pmi ... deludente che sia data rilevanza sul corriere ad una minkiata del genere. Siamo ridicoli Io non me ne vanterei.

Sta foto non si può vedere... ridicolo Ok...questa soluzione non è il massimo...ma in qualche modo dovranno pure ricominciare sti ragazzi a scuola no? non servono a niente 🤦🏽‍♂️ scuolaallosbando Ma da sopra e da sotto il virus non passa...a rimbambiti !!!!! Li ha progettati a culo. Manca la parte sopra per riparare i ragazzi dai soffitti che crollano.

Fuori di testa... Ci ride dietro tutto il mondo... 7giugno Azzolina scuola Questo fa il preside? Come mai non lavora al CERN? Parlatorio del nuovo carcere di Bergamo? Mi preoccupa lo spreco e noi pagiamo e poi buttiamo chi ci guadagna spero che la Finanza controlli se questi sono le invenzioni cadiamo sempre più in basso ma il ministro accetta ogni suggerimento?

E si vede Ma che cagata! le paratie servono per sprecare un po' di soldi pubblici. Come per i clandestini, come per i 450 esperti poi divenuti 460 con le quote rosa.. Anche le donne devono essere uguali, e devono imparare a magnare. Bastava mettere dei separé in plexiglas in mezzo tra i due ed il problema era risolto.. Cedo pure il brevetto al Preside va oggi mi sento buono..

Che cazzata! Usciti dall’aula, i ragazzi si accalcano, giocano a pallone, vanno a limonare, si stroncano di aperitivi e trovano mille modi per contagiarsi. I soldi li spenderei per un buon impianto di aerazione Che poi a che servono? I ragazzi devono tenere la testa sempre dentro in una posizione scomodissima? Perché altrimenti non riparano nulla, o il contagio si divulga solo quando scrivono?

Ma le classi devono essere divise! Se no l'aria ristagna ancora di più. Guardate che negli altri Paesi dove la scuola è ripresa è così, ed è da un mese che non avevano CONTAGI Così si abituano al lavoro in call center. Follia ! 🙄 Bene Chi critica è un negazionista Immagino che si sentano bene le lezioni, chiusi in quei loculi!

Tanto poi vanno a fare l aperitivo tutti e 30 insieme e continuare a fare il Preside e non l'inventore da strapazzo? che cosa vergognosa Spero non siano quelli in foto. Se fossero quelli significa che il Sig. Preside non ricorda come si sta correttamente seduti. Non ne vedo la necessità ma quelle cose non servono a niente

Un incrocio fra un seggio elettorale e la cabina delle domande di 'Lascia o raddoppia'. Poveri noi! Che vergogna, che schifo

Mario Tozzi: contro il Covid vince il più adatto, non il più forteIl geologo a Rainews.it: il salto di specie - lo spillover - è avvenuto a causa di fenomeni come la deforestazione selvaggia, mentre il Covid 19 è stato veicolato in zone antropiche già inquinate E la risposta nelle zone antropiche già inquinate avrebbe dovuto essere perfetta, visto le eccellenze della narrazione , ed invece ha mostrato l’inconsistenza della sanità lombarda praticamente appaltata ai privati e quanto gli interessi privati prevalgano su quelli pubblici 🤮 Quindi muoiono gli anziani perché sono meno adatti oppure perché hanno il sistema immunitario più fragile? Mario Tozzi legge i numeri e si sofferma sui morti, ma i ricoveri in Italia 2 gg fa 160,092 Ieri 160,938 oggi 161,895 Quindi aumentano i ricoveri, la malattia c'è ancora fonte

“Così il treno rilancerà il turismo e l’economia italiana dopo il Covid”ItaliaRiparte, il gruppo fsitaliane potenzia Frecce, Intercity e regionali: viaggiare sicuri, rispettando l’ ambiente Un piano d’investimenti da 20 miliardi sulle infrastrutture. fasedue 5giugno ripartenza green trenitalia fsitaliane Trenitalia ha scaricato sui clienti le spese raddoppiando i biglietti.

Il Museo Lavazza celebra Angelo Moriondo, il torinese che nel 1884 inventò la macchina del caffèParla il nipote, Angelo jr.: “Mio nonno non sfruttò mai industrialmente la sua invenzione, ma si limitò alla costruzione artigianale di pochi prototipi” Ti se sta brau !

Simonit: bisogna saper ascoltare la vite, così il lavoro in vigna cambia il vinoA colloquio con il titolare, con Pierpaolo Sirch, della Scuola italiana di potatura della vite: mani esperte per grandi vini Mettete la mascherina anche all'uva.

Lady Gaga: «Ho danzato attraverso il dolore» - VanityFair.itIn un periodo cupo, la popstar ha scoperto che c’è sempre una parte di sé che gioisce nonostante tutto. Quella rivelazione è diventata un nuovo album che parla di salute mentale e di gentilezza. Tiziano Ferro è andato a casa sua a parlare di come gli altri ci aiutino a liberarci dalla sofferenza

La femmina di cigno rimasta vedova ha partorito il frutto dell’amore conosciuto durante il confinamentoDa quattro anni era rimasta vedova. Da quando il suo compagno era morto volando contro un edificio. E questa femmina di cigno reale per tutti questi anni ha respinto altri pretendenti, altri maschi che volevano accoppiarsi con lei. Secondo la Royal Society for the Protection of Birds (RSPB), i cigni ... fulviocerutti Ma che..? fulviocerutti Sembra un messaggio in codice tra spie dei servizi segreti fulviocerutti La banana?