Lastampasecondome, Secondo%20Me%2Clettere%2Cgoverno%20Conte%20Bis

Lastampasecondome, Secondo%20Me%2Clettere%2Cgoverno%20Conte%20Bis

Il popolo cambia spesso idea e le somme nel nostro Paese si tirano ogni cinque anni - La Stampa

'Caro Magri'... Le vostre lettere a La Stampa ✉️ #lastampasecondome

29/10/2019 09.50.00

'Caro Magri'... Le vostre lettere a La Stampa ✉️ lastampasecondome

Caro Magri, i vincitori chiedono a gran voce la fine del presente governo, ok, ma dimenticano che durante il lungo governo del centrodestra tra il 2001 ed il 2006, il centrosinistra conquistò tutte le regioni (meno due) e quasi tutte le importanti città. Berlusconi andò a casa? Direi di no. Sempre in quel periodo una veramente possente manifestazione romana guidata da Cofferati mise in luce come il “Popolo” rifiutasse la politica berlusconiana. I Signori al governo fecero le valigie? Direi di no! Possibile che nessuno, nemmeno il Pd, lo faccia notare? Francesco Camurati Caro Magri, un giornalista di sinistra, che non “ama” (eufemismo) Salvini, ha definito «un grande Cazzaro» l’ex ministro dell’Interno. E Nicola Zingaretti, segretario del Pd, ha aggiunto, soft : «È un ubriacone!». Allora vanno considerati “cazzari” e “ubriaconi” anche le centinaia di migliaia di elettori, che hanno decretato il successone di Salvini? Questi giudizi mi ricordano Giuseppe Saragat che, in occasione delle sconfitte del suo Psdi, inveiva contro il «destino cinico e baro». E, più di recente, il saggista Luca Ricolfi ha definito «complesso dei migliori» il disprezzo degli esponenti della sinistra nei confronti degli avversari e degli elettori, sempre più numerosi, in uscita dall’ex partitone “rosso”. Ora Salvini dovrebbe chiedere al Presidente Sergio Mattarella di prendere atto che sta (s)governando un esecutivo in minoranza nel Paese. Pietro Mancini Non è affatto raro che i governi siano minoranza nel Paese. L’impopolarità discende da mille fattori: spesso è conseguenza dell’imperizia, ma qualche rara volta può derivare da scelte dolorose e necessarie. Se la Repubblica fosse perennemente ostaggio degli umori collettivi, non sarebbe possibile mettere in piedi alcuna strategia durevole, tanto di destra quanto di sinistra. Fortunatamente, la Costituzione stabilisce che si voti ogni 5 anni. Le somme vanno tirate allora, quando finisce la legislatura; e in quel momento può perfino accadere l’im

Caro Magri,i vincitori chiedono a gran voce la fine del presente governo, ok, ma dimenticano che durante il lungo governo del centrodestra tra il 2001 ed il 2006, il centrosinistra conquistò tutte le regioni (meno due) e quasi tutte le importanti città. Berlusconi andò a casa? Direi di no.

La moglie di Johnson al G7 con abiti noleggiati Il sondaggio di Pagnoncelli | Meloni sorpassa la Lega di Salvini. Pd primo partito (ma il centrodestra resta avanti) Djokovic regala la racchetta al piccolo tifoso: «Mi incitava e mi dava consigli tattici»

Sempre in quel periodo una veramente possente manifestazione romana guidata da Cofferati mise in luce come il “Popolo” rifiutasse la politica berlusconiana. I Signori al governo fecero le valigie? Direi di no! Possibile che nessuno, nemmeno il Pd, lo faccia notare?

Francesco CamuratiCaro Magri,un giornalista di sinistra, che non “ama” (eufemismo) Salvini, ha definito «un grande Cazzaro» l’ex ministro dell’Interno. E Nicola Zingaretti, segretario del Pd, ha aggiunto, soft : «È un ubriacone!». Allora vanno considerati “cazzari” e “ubriaconi” anche le centinaia di migliaia di elettori, che hanno decretato il successone di Salvini? headtopics.com

Questi giudizi mi ricordano Giuseppe Saragat che, in occasione delle sconfitte del suo Psdi, inveiva contro il «destino cinico e baro». E, più di recente, il saggista Luca Ricolfi ha definito «complesso dei migliori» il disprezzo degli esponenti della sinistra nei confronti degli avversari e degli elettori, sempre più numerosi, in uscita dall’ex partitone “rosso”.

Ora Salvini dovrebbe chiedere al Presidente Sergio Mattarella di prendere atto che sta (s)governando un esecutivo in minoranza nel Paese.Pietro Mancini Non è affatto raro che i governi siano minoranza nel Paese. L’impopolarità discende da mille fattori: spesso è conseguenza dell’imperizia, ma qualche rara volta può derivare da scelte dolorose e necessarie. Se la Repubblica fosse perennemente ostaggio degli umori collettivi, non sarebbe possibile mettere in piedi alcuna strategia durevole, tanto di destra quanto di sinistra. Fortunatamente, la Costituzione stabilisce che si voti ogni 5 anni. Le somme vanno tirate allora, quando finisce la legislatura; e in quel momento può perfino accadere l’imprevedibile. Nel caso (da manuale) che lei cita, caro Camurati, Berlusconi era reduce da una valanga di sconfitte nelle Regioni e nelle città. Ma alle Politiche del 2006 fu disarcionato per soli 24 mila voti, e due anni dopo era di nuovo al potere. Il popolo cambia spesso idea.

 Parmigiano, 62 anni, iniziò a raccontare la politica sulla «Voce Repubblicana» nel 1981. È stato vicedirettore del settimanale «Epoca». Alla «Stampa» dal 1996, ha seguito passo passo la parabola del berlusconismo. Oggi è corrispondente dal Quirinale.

Leggi di più: La Stampa »

Noi domani, la scuola che verrà. Le animazioni tratte dal concorso di scrittura Zanichelli -Scuola Holden | Sky TG24

Sky TG24 ha tradotto in illustrazioni animate due tra gli scritti scelti e poi pubblicati sul sito Zanichelli (qui potete leggere tutti i testi). Le due puntate della serie NOI DOMANI sono a cura di Andrea Dambrosio e Fabio Vitale.

Veramente dott. Magri il discorso è un po' diverso.

La competitività delle regioni perde terreno e la Lombardia non è più tra i motori d’Europa - Il Sole 24 ORELa Lombardia perde competitività e smette di essere il traino dell'Italia. Non c'è una regione, nel nostro Paese, con un indice di competitività... E ci sono in Italia tanti buontemponi che se ne meravigliano. Che popolo stupendo!

“La bellezza nell’imperfezione”, il nostro aspetto accettabile e gradevole in ogni caso - La StampaUna mostra fotografica negli spazi di Confcommercio ASCOM Bologna. E’ curata da Manuela Valentini e realizzata con dodici fotografi chiamati a raccontare la psoriasi. Carlotta Savorelli, testimonial dell’iniziativa

Racconti, Augias: Perché nel 'Paese della pseudoscienza' la libertà e minacciataGilberto Corbelini, scienziato e docente si storia della medicina, titola il suo nuovo saggio 'Nel Paese della pseudoscienza' alludendo...

Germania, voto Turingia: Sinistra prima, Afd secondo partito, crollo Cdu-SpdL'ultradestra di Björn Höcke va oltre il raddoppio. La Comunità ebraica: nel nostro sistema politico qualcosa di fondamentale è finito fuori controllo

Tragedia nel Salernitano: a 15 anni si toglie la vita tre mesi dopo il suicidio del fidanzato - La StampaSi è uccisa lanciandosi sotto un treno, a 15 anni, tre mesi dopo il suicidio del giovane di cui era innamorata. Il gesto disperato della ragazza è avvenuto ieri nella stazione di Agropoli (Salerno): è stata vista vagare sui marciapiedi, e poco prima delle 16 si è lasciata cadere sui binari. A raccontare la vicenda oggi Il Mattino. Il 20 luglio scorso il fidanzato della 15enne, uno studente universitario di 22 anni, si era tolto la vita nel poligono di Eboli, dove spesso si esercitava nel tiro a segno. Un gesto inatteso che aveva segnato profondamente la vita della ragazza: da allora i suoi post su Instagram erano malinconici e rivolti alla memoria dell'amore perduto. «Certo che mi rivedrai, gli addii non sono per sempre», aveva scritto. Il tempo non era servito a lenire il dolore: la giovane sembrava condurre una vita normale, frequentando il liceo scientifico e i soliti amici. Anche ieri mattina doveva recarsi a scuola, invece all'insaputa di tutti aveva scelto di entrare nella stazione di Agropoli. Nessuno dei passanti che ha incrociato ha intuito quali fossero le sue intenzioni, fino all'ultimo tragico momento. Così molto triste Che Dio li possa far ritrovare in paradiso Il tessuto sociale è disgregato, vicini alla famiglia 15 anni lenire un dolore così non si può ma si deve. Dopo il suicidio del fidanzato intorno a sé il vuoto?! Povera

'Se crolla il Cile, viene giù tutto il Sudamerica'. Il punto critico di Corrado FormigliPaese andino, uscito nel 1990 dal regime di Pinochet, è considerato oggi il più avanzato del Sudamerica