Il nuovo romanzo di D’Avenia: «Un prof chiamato Omero. È cieco ma è l’unico che sa guardare i ragazzi»

Il nuovo romanzo di D’Avenia: «Un prof chiamato Omero. È cieco ma è l’unico che sa guar...

31/10/2020 01.37.00

Il nuovo romanzo di D’Avenia: «Un prof chiamato Omero. È cieco ma è l’unico che sa guar...

Martedì 3 novembre esce per Mondadori «L’appello». La storia di un insegnante cieco e di una classe difficile. Ma la sua cecità sarà la chiave che condurrà i ragazzi verso la conoscenza

shadowStampaEmailNel suo ultimo romanzo, «L’appello», troviamo una classe di alunni difficili e un professore cieco. Perché?«Perché noii ragazzi ma non li ascoltiamo, non lisentiamo. Se vogliamo cambiare davvero la scuola, dobbiamo partire da qui: restituire loro una presenza. E un nome. Una persona senza vista è in disarmo, la vita gli

L'intervista a Brunetta: «Di Maio? Sorprendente, brillante, leader vero. È come il più preparato tra i miei studenti» «Il pranzo di Natale? Preoccupatevi di non farlo in ospedale». Fa discutere il post dell'infermiera della foto simbolo Francia, cortei e scontri in tutto il Paese contro legge su sicurezza

accade. E vede più di altri».Alessandro D’Avenia, 43 anni, insegna Lettere al liceo e scrive romanzi e saggi di successo. Dieci anni fa, l’esordio conBianca come il latte, rossa come il sangue. Oggi D’Avenia festeggia vent’anni di insegnamento con un romanzo (esce il 3 novembre in cui una classe-ghetto guidata da un insegnante di scienze che ha perso la vista è metafora di qualcosa di più profondo.

Omero Romeo non ci vede ma finisce per capire gli alunni meglio degli altri professori. Questo vuol dire che «gli occhi sulla scuola», tema ricorrente oggi, non bastano?«È uno sguardo autoreferenziale, che si posa su tante cose ma non sugli stessi ragazzi. Siamo diventati esseri oculari, che guardano tutto e non vedono nulla. Il tatto? Dimenticato, anzi le mani sono associate solo alla violenza. Finiamo per non vedere l’essenziale. E per non sentire la personalità degli alunni. Non penso solo alla infinita discussione sui banchi a rotelle che ha occupato l’estate. Penso per esempio ai loro nomi. Ma lo sa che molti insegnanti nemmeno ricordano il nome degli allievi?»

Cattivi maestri?«Cattivo sistema scolastico, direi. Se un insegnante viene mandato in una scuola per rimanerci appena tre o quattro settimane, è chiaro che non avrà voglia nemmeno di memorizzare l’appello».Romeo, appunto, restituisce peso al loro nome con una forma originale e teatrale dell’appello. Ma come siamo arrivati a questo punto? A questa spersonalizzazione della scuola?

«Perché per molti la scuola non è quello che dovrebbe essere, cioè un luogo dove si impara la vita. Per molti genitori è un parcheggio. Sono convinto che molte delle voci indignate di fronte alla chiusura delle classi e degli istituti oggi nascano da esigenze domestiche ben più pratiche».

Ma c’è dell’altro. I colleghi di Romeo, nel romanzo, insistono su alcuni nodi e ammoniscono il prof «eretico» con raccomandazioni come: «Li conduca all’esame di Stato», «Segua il programma».«È questo il punto più importante. In una società come la nostra, imperniata sulla produzione e ancorata all’idea di successo, la scuola per molti genitori non deve condurre i ragazzi alla crescita e farli diventare

quello che sono, come avvertivano i Greci. Per molti genitori la scuola deve limitarsi a garantire successo e carriera ai figli. Un altro modo di spersonalizzarli».Dunque non più «diventa ciò che sei», ma «diventa ciò che ti dico che devi essere».

De Luca: 'Tra i medici piccola percentuale di farabutti che non fanno il loro dovere'. La protesta: 'Rischiamo la vita, offensivo' - Il Fatto Quotidiano Addio alla bionda - VanityFair.it «Unisciti a noi»: Leidaa cerca volontari per aiutare in tempo di Covid gli animali e i proprietari

«Sì, è come sostituire il concetto di crescita con quello di prestazione. Ma la crescita è qualcosa che accade, qualcosa che include anche l’errore e, soprattutto, la conoscenza di sé. È quello che abbiamo tolto ai ragazzi. Il risultato è una generazione molto più fragile e un numero sempre crescente di genitori che contestano gli insegnanti».

Li contestano quando non garantiscono quel successo?«Sì, quando si mettono (secondo loro) di traverso e provano a educare. Per molti genitori i maestri che educano sono un intralcio, perché devono puntare alla prestazione. La nota, per esempio, il richiamo: sono cose che rallentano la corsa verso un ideale astratto. Ma vecchio: questa impostazione ottocentesca della scuola educava la classe dirigente di decenni fa. Oggi il lavoro è cambiato: recuperiamo allora la relazione generativa tra maestro e allievo».

In mezzo, tra genitori e insegnanti, gli studenti. Secondo molti, i più «sacrificabili» in tempo di Covid.«Provocatoriamente l’ho scritto sulCorriere: la scuola era già chiusa prima della pandemia. Perché la scuola è prima di tutto relazione, è trasmissione di qualcosa che non è mai la stessa. Sì, noi insegnanti cambiamo e cresciamo insieme a loro, come farà Omero nel romanzo. Ecco perché dire “didattica a distanza” non ha senso».

Spieghi meglio.«Insegnare èconsegnarequalcosa, non è un meccanismo arido limitato al maestro che spiega e all’alunno che ripete. E bisogna capire che nella scuola non è il medium che fa il messaggio: il mezzo deve essere conforme a ciò che si vuole trasmettere. Poi, certo, se la relazione maestro-allievo è salda, con la fantasia si possono inventare cose nuove, anche a distanza».

Un esempio?«Con i miei allievi abbiamo letto ad alta voce l’Odisseae loro stessi hanno inventato tappeti musicali, tracce sonore. Hanno ascoltato la propria voce, cosa che li ha fatti entrare nel mondo di Omero. Spesso a scuola si tralascia l’importanza del leggere un testo, spinti dall’impazienza dell’analisi, della spiegazione».

E così ci dimentichiamo del loro nome.«Diventiamo quello che siamo solo quando riusciamo a scandire ad alta voce il nostro nome. Ulisse poteva permettersi di definire sé stesso “nessuno” perché sapeva benissimo chi era. Il nome ci viene consegnato dai genitori. Oggi però questa consegna è molto più fragile, perché le famiglie stesse sono più precarie. E molti giovani finiscono per vergognarsi del proprio nome, persi nel confronto con altri modelli fondati sui like dei social. Viviamo in un mondo che spinge a “farsi un nome” quando in realtà loro un nome ce l’hanno già, devono solo conoscerlo. Ci riesce un prof che non vede».

Valerio Scanu ci porta a casa il Canto di Natale Recovery, cabina di regia per fondi Ue: Conte-Mef-Mise più 6 manager e una task force di 300 persone 'Se vi sentite delle eminenze, siete fuori strada': le parole di Papa Francesco ai 13 nuovi cardinali nominati dal concistoro - Il Fatto Quotidiano

Per molti ragazzi questa clausura diventa una tentazione più che una difficoltà?«Purtroppo sì. Vediamo anche questo. Ma l’errore grande non è stato tanto chiudere le scuole per una emergenza sanitaria, è stato riaprirle senza mettere gli insegnanti nelle giuste condizioni per lavorare; oppure ci sono ragazzi che non hanno insegnanti o ne hanno già cambiati tre».

Ci deve pur essere qualcosa di positivo.«Vedo più genitori che si rivolgono a noi per chiedere un aiuto nel risolvere i problemi con i figli. Almeno questo».30 ottobre 2020 (modifica il 30 ottobre 2020 | 23:17) Leggi di più: Corriere della Sera »

Salvini a 'L'Ospite': 'Con Berlusconi battaglia comune in Parlamento'

Leggi su Sky TG24 l'articolo Matteo Salvini a 'L'Ospite': 'Con Berlusconi battaglia comune in Parlamento'. VIDEO

Limitate pure i talk: le proposte per il Cts - Il Fatto QuotidianoUna stretta tira l’altra, lo abbiamo capito. E se non lo avessimo capito, ci pensano i talk show a ripetercelo 24 ore su 24. Ma allora, visto che dopo le 18 l’unica cosa aperta in Italia è la tv, non sarebbe il caso di pensare a una stretta anche per loro? Ecco alcune proposte da … Bravi, bravi, bravi Magari,così Padellaro la smette di andare in giro a fare figuracce come ieri sera... CHIUDETELI!!!! ANZI RINCHIUDETELI!!!!

Renato Zero: 'Bene il Papa sui gay, il mondo cambia continuamente' - Cultura & Spettacolirenatozer0 parla la REPRESSA D’ITALIA sia la vergogna della comunità LGBTI+ italiana renatozer0 Nell' intervista parla dei gay dicendo...queste persone... A parte finto represso in pubblico ma vera mignotta in privato...quando parli, per favore..l'italiano.. perché di una cosa siamo sicuri ...Sei un ignorante!

Fermato il corteo di auto degli imprenditori contro il DpcmLa scelta di spostarsi in macchina è stata fatta per non permettere a elementi violenti di inserirsi nella manifestazione. La Digos ha organizzato un blocco e gli organizzatori non hanno opposto resistenza Mi raccomando, fermare i pericolosi imprenditori è prioritario, sia mai che taglino qualche testa pure loro... non vi fermate vogliono imbavagliare la protesta Oh poveri, non potranno pagare i 600€ al mese che pagano ai dipendenti. Sta a vedere che saranno costretti a evadere un altro po' per farlo.

Covid-19: dove e come funziona il lockdown - Il Fatto QuotidianoCon l’arrivo della seconda ondata di Coronavirus e diversi Paesi già costretti a lockdown parziali o totali, è utile rivolgere l’attenzione a quelli dove la risposta governativa ha funzionato. Il potere centrale di Pechino Originato a Wuhan, il virus si è propagato oltreconfine anche a causa della iniziale negligenza delle autorità locali. Malgrado questo, e … Ma poco cane perché non spiegate come funziona anche il sostegno economico degli altri psesi

Attentato a Nizza, il sindaco: 'Il killer continuava a gridare Allah Akbar' - MondoAttentato a Nizza, ilsindaco: 'Il killer continuava a gridare Allah Akbar' VIDEO

Combattiamo tra di noi, ma non contro il covid - Il Fatto QuotidianoDoveva accadere. E dunque accade che invece di fare la guerra al virus, abbiamo cominciato a farcela tra noi. Da settimane stiamo tutti parlando, anzi strillando, come se il contagio non fosse molto semplicemente, molto umanamente, colpa nostra, ma dipendesse dal destino, dalla sfortuna, dalla politica, dal governo. Specialmente dal governo: “Era annunciatissima, prevedibilissima la … Per la verità se non si facessero provvedimenti ad minchiam gli italiani starebbero tranquilli INFATTI L.IMBECILLITA',DI VOI UMANOIDI,E' INFINITA,COME LE VIE DEL VOSTRO SIGNORE E PADRONE,...NON NOSTRO Sì, infatti, ma .... NON DOVEVAMO USCIRNE PIÙ BUONI? Ah, già: non ne siamo usciti. 😖