Il mistero dell’Eremita: la tragica fine di Mauro «Lupo grigio»

Il 13 maggio 2017, il 47enne Mauro Pretto venne trovato morto davanti a casa, ucciso da un colpo di fucile. Viveva solitario sui Colli Berici, da 18 anni. Il delitto resta insoluto

07/02/2020 03.15.00

Il 13 maggio 2017, il 47enne Mauro Pretto venne trovato morto davanti a casa, ucciso da un colpo di fucile. Viveva solitario sui Colli Berici, da 18 anni. Il delitto resta insoluto

Il 13 maggio 2017, il 47enne Mauro Pretto venne trovato morto davanti a casa, ucciso da un colpo di fucile. Viveva solitario sui Colli Berici, da 18 anni. Il delitto resta insoluto

EmailMauro Pretto venne trovato morto davanti alla porta della sua casa sui Colli Berici, ucciso da un colpo di fucile: aveva 47 anni e da 18 viveva come un eremitaMauro aveva scelto la collina di Gazzo. Viveva nell’ultima casa di una stradina sterrata che serpeggia fra prati e castagni e spunta di colpo dietro una curva, alta e malferma come una vecchia sentinella. Tutto intorno, il dolce saliscendi dei Colli Berici di Zovencedo; in fondo, al di là dei boschi e delle doline, invisibile, Vicenza. Sulla cima della sua collina Mauro ha vissuto solitario per 18 anni, un po’ pastore, un po’ boscaiolo, un po’ falegname. Sognava un gregge di pecore e nel suo periodo d’oro era riuscito anche ad averne una ventina ma durarono poco perché non riusciva a controllarle e i conti non tornavano. Decise così di dedicarsi al bosco, alla collina, che curava come fosse sua, e ai suoi quattro cani, Laica, Elsa, Robi e il vecchio Pedro che avrebbe dovuto badare al gregge. Qualcuno lo chiamava «Lupo grigio» perché questo era il nome da lui usato per comunicare con la ricetrasmittente. Ma per tutti era l’eremita della valle, che lottava contro gli egoismi della modernità per difendere il suo ambiente selvaggio. Una lunga battaglia, la sua, che durò fino alla mattina del 13 maggio 2017, quando fu trovato sull’uscio di casa steso a pancia in su, la camicia macchiata di sangue, gli occhi sbarrati. Accanto a lui solo Pedro che ululava senza sosta dopo aver strappato la catena alla quale Mauro lo legava ogni notte.

Olimpiadi Tokyo, Laurel Hubbard prima atleta transgender a partecipare Stop alle mascherine all’aperto, attesa oggi la decisione del Cts Viva l’Italia inginocchiata (a metà): siamo sempre il Paese delle mezze misure

La casa in rovina che Mauro aveva risistemato, a Gazzo, sulle colline vicentine: il giorno che fu ucciso stava per costruire un nuovo rifugio per i suoi caniLa solitudine e la fidanzata in cittàNon c’erano dubbi su cosa fosse successo e la pallottola che aveva nel petto lo confermò. Un colpo di fucile sparato da breve distanza da un misterioso killer venuto dal bosco. Mauro Pretto aveva 47 anni ed è morto così, freddato sulla porta di una casa che lui stesso aveva reso abitabile sistemando il rudere che era. Nonostante la solitudine, aveva una compagna. Si chiama Anna, ha qualche anno più di lui e come lui non ama la città. Ma, a differenza di Mauro, in città vive e lavora. Fa l’impiegata alle poste di Montecchio Maggiore, terra di capannoni e di grande traffico. Abita in un appartamentino di un anonimo palazzo di periferia. «Prego, benvenuto nella piccola fattoria». Anna Giro vive con una gatta sorda, Desi, un canarino, e Robi, il meticcio di Mauro. «Questo è il mio mondo, esco solo per andare al lavoro e fare la spesa. Da quel giorno è cambiato tutto per me. Non ho più voglia di vedere gente». Ora l’eremita è lei, dice. Natale e Capodanno li ha festeggiati con Robi e Desi. «Preferisco stare con loro che almeno sono affettuosi». Non ci sono dubbi: è molto giù di corda e la causa prima è quella: il delitto.

UN PO’ PASTORE, UN PO’ BOSCAIOLO E UNPO’ FALEGNAME, VIVEVA SOLITARIO SUI COLLI,IN MEZZO ALLA NATURA, INSIEME CON I SUOIANIMALI. IL DELITTO È RIMASTO SENZA UN COLPEVOLEAnna Giro, la fidanzata di Mauro. A differenza dell’eremita, lei viveva anche allora in città: «Il mio sogno è dargli giustizia e trovare il colpevole. Chiunque sia» headtopics.com

«Era unico... un uomo libero e molto semplice»«Mauro era molto importante per me... era unico... un uomo libero e molto semplice, non ho mai conosciuto un uomo più semplice. Forse non esiste nemmeno. Lui difendeva l’ambiente e lo curava senza un tornaconto. E amava gli animali al punto da rinunciare a mangiare per loro. Mauro prima preparava per i cani e poi per sé, se ce n’era. Ecco, hanno ucciso un uomo così... e l’assassino è ancora in libertà». Già, non l’hanno mai preso. Molti sono stati sospettati ma nessuno è finito nel registro degli indagati della procura berica. «Obiettivamente abbiamo fatto tutto quello che era possibile», sospira il comandante del reparto operativo dei carabinieri, Alessandro Giuliani, che ha guidato l’inchiesta battendo varie piste. «È una di quelle vicende che mi è rimasta qui e non me ne faccio una ragione». Il giallo, dunque, rimane. I soli che hanno visto il killer non hanno il dono della parola: Pedro, Robi... Gli inquirenti hanno sondato il mondo dei cacciatori, dei boscaioli, dei centauri, categorie umane per le quali Lupo grigio non nutriva grandi simpatie.

LA COMPAGNA ANNA: «LO SENTII L’ULTIMA VOLTALA SERA PRIMA, VOLEVA COSTRUIRE UNACUCCIA NUOVA PER I CANI. MI MANCA LA SUASEMPLICITÀ, LA SUA PUREZZA. MI MANCANO I SUOIOCCHI CHE GUARDAVANO IL MONDOIN MODO DIVERSO. ERANO OCCHI RARI, UNICI»Si batteva contro chi sfruttava la natura

«Ti spiego com’era: Mauro cercava di impedire lo sfruttamento indiscriminato della valle», spiega Anna mentre guarda il quadretto della foto che più le piace, dove lui fuma e guarda lontano. «Per esempio: i boscaioli. Diceva, io non sono contrario al taglio della legna ma deve esserci una misura e invece loro tagliano solo per far soldi, per avarizia, e uccidono così il bosco. E quindi litigava con loro. I cacciatori, non ne parliamo... Quelli con le moto che sgommavano dappertutto, altre baruffe». La lista è lunga: «Aveva poi fatto anche la battaglia contro l’apertura di una miniera... Quando aveva le pecore se l’era presa con uno che metteva il fertilizzante...». Considerava la valle come il giardino di casa. «Tagliava l’erba, scavava le canalette per l’acqua perché la collina non franasse, potava gli alberi... anche di qualche giardino privato e così tirava su 10-20 euro e con quelli comprava la benzina della motosega e qualcosa per i cani... Averne di Mauro».

«Ho abitato con lui, ma era troppo dura vivere lassù»Si erano conosciuti nel 2008: «Lui stava vivendo un periodo difficile e ogni tanto i miei amici gli portavano su qualcosa di buono da mettere sotto i denti. Ci siamo conosciuti così, mi è piaciuto subito. Ho vissuto anche un periodo in quella casa, ma non ce l’ho fatta. Era troppo dura lassù. Andavo comunque a trovarlo e ci sentivamo tutti i giorni». La sera prima La sera prima del delitto l’aveva chiamata per il solito saluto. «Erano le 20.20. Mi aveva detto che andava a letto perché il giorno dopo doveva svegliarsi presto per portar su delle assi di legno. Doveva fare le cucce per i cani». Si sarebbe fatto aiutare da Davide, il vicino. Vicino si fa per dire visto che abita con Sanja a mezzo bosco da lui. «Era passato da noi alle 8 di sera per un caffè, sembrava tranquillo» confermò Davide. «Eravamo d’accordo di trovarci la mattina alle 6 per il legno. Il giorno dopo, visto che non arrivava, sono andato su a vedere cos’era successo e l’ho trovato lì, così...». Basta citare Mauro e a Sanja vengono gli occhi lucidi: «Quando avevo perso i capelli per la chemio e lui mi vide piangere è andato a casa e dopo mezz’ora è tornato con i capelli tagliati solo per farmi sorridere...». headtopics.com

Speranza: 'Se i numeri sono calati è grazie ai vaccini' Elezioni regionali Francia, exit poll: il partito di Le Pen non sfonda Primarie Pd a Roma e Bologna: la vittoria di Lepore e Gualtieri

NESSUNO HA ANALIZZATO I MOZZICONI DISIGARETTA TROVATI SUL LUOGO DEL DELITTO:SECONDO ANNA NON APPARTENGONOALLA VITTIMA MA AI SUOI ASSASSINI. LI CONSERVANELLA SPERANZA CHE POSSANO ESSERE UTILIQuelle sigarette dimenticate dagli inquirentiGino Bertese, che qui ha una bella casa, ricordò che «raccoglieva anche i mozziconi di sigaretta e fermava tutte le moto che correvano sullo sterrato, quelli però avevano diritto di correre». Ma la legge di Lupo grigio non era di questo mondo. «Detestava il sistema, la cosiddetta civiltà, la trovava ipocrita e famelica e per questo se ne stava lassù...», scuote la testa Anna che si alza, apre la credenza e fruga fra mille scatole. «Ho tenuto un sacchettino con una cosa interessante. Eccolo... Vedi questi: sono mozziconi di sigaretta. Li ho trovati davanti alla casa di Mauro dopo il delitto». Mozziconi di Camel. «A parte il fatto che lui le sigarette spente le metteva sempre in tasca perché non voleva inquinare la terra, ti assicuro che non fumava Camel, solo Ms». L’ha detto ai carabinieri? «L’ho detto sì, subito, ma non sono mai venuti a prenderli. Li ho comunque tenuti, chissà mai che un giorno servano. Il mio sogno è dargli giustizia e trovare il colpevole. Chiunque sia, sappia che ha ucciso un uomo puro, come si può vivere con questo peso sulla coscienza? Mauro...». Anna si ferma, cerca un respiro per reprimere la commozione. «... non apparteneva a questo mondo e questo mondo l’ha eliminato...». Dura, durissima.

Un killer brutale contro un idealistaL’assassino, la brutalità del gesto, la vittima sola, idealista, senza difese. Due estremi che quella notte si sono forse guardati in faccia. Uno aveva il fucile e ha fatto fuoco e tutto è finito. Chi sarà quest’uomo? Chi è il killer dell’eremita? «Difficile... Mi hanno detto per esempio che il giorno dopo il delitto c’era un tipo del posto che voleva suicidarsi e aveva bevuto della candeggina. Mi piacerebbe capire perché quello voleva suicidarsi. Altri dicevano che avesse baruffato per la legna... ». Lupo grigio litigava e lottava per difendere la collina. «Mi manca da morire», sussurra Anna stringendo Robi. «Ci manca da morire, vero piccolo? Mi manca la sua semplicità, la sua purezza. Mi mancano i suoi occhi che guardavano il mondo in un modo diverso. Erano occhi rari, unici».

7 febbraio 2020 (modifica il 7 febbraio 2020 | 00:27) Leggi di più: Corriere della Sera »

Funivia Mottarone: incidente ripreso in video da telecamere sicurezza

Leggi su Sky TG24 l'articolo Funivia Mottarone: incidente ripreso in un video dalle telecamere di sicurezza

Guerra delle “noisette”: così il sistema al ribasso ammazza i più piccoli - Il Fatto QuotidianoIl Nutella day è stato un giorno amaro per i produttori di nocciole italiane. Mentre Ferrero celebrava il successo della crema inventata nel 1964, oltre 32mila aziende nazionali di nocciole facevano i conti con una situazione paradossale. Quest’anno la resa è scivolata a causa della cimice asiatica, ma i prezzi non sono aumentati per via … Serve un cambio di paradigma per costruire ‘’nuovi consumatori’’ e ‘’nuovi beni’’ per giungere “a uno scambio sostenibile”. E se fossero i consumatori a indicare le soluzioni? 1 Questionario 11 Risposte per scegliere e decidere insieme.

Valle d'Aosta, commissariato il comune di Saint-Pierre: 'Infiltrazioni della 'ndrangheta' - Il Fatto QuotidianoIl comune di Saint-Pierre, 3.000 abitanti alle porte di Aosta, è stato commissariato dal Consiglio dei ministri per infiltrazioni mafiose. Contestualmente il governo ha disposto lo scioglimento del Consiglio comunale. Il provvedimento fa seguito all’istruttoria avviata dopo l’operazione Geenna della Dda di Torino su infiltrazioni della ‘ndrangheta in Valle d’Aosta e che aveva portato all’arresto … Dalla Calabria col furgone evvai....... ma non erano i meridionali per natura inclini alla mafia.

Il discorso di Trump finisce stracciato - Il Sole 24 ORETrump si è rifiutato di stringere la mano alla speaker della Camera Nancy Pelosi che ha poi accompagnato il suo discorso con soventi commenti sottovoce di non condivisione. per poi strapparne il testo Per trovare una che abbia meno senso del ruolo e dello stato e un livore così esplicito come pocahontas è necessario arrivare in italia dove esempi ce ne sono a iosa a sinistra. maisinistra cafone nato , pachiderma miliardario Pelosi comportamento indecoroso e sconfitta totalmente. Non degna del ruolo che copre e membro di un partito che è tutto tranne che democratico

Brescia, Diego Lopez è il nuovo allenatore: prende il posto dell'esonerato Corini | Sky SportLeggi su Sky Sport l'articolo Brescia, Diego Lopez è il nuovo allenatore: prende il posto dell'esonerato Corini questo dura 1mese Qualcuno dica a Cellino che è lui che se ne deve andare, presidente incapace a costruire le squadre ma attento a come speculare x guadagnare sui giocatori buoni. Brescia è riuscita tra tanti allenatori a fare bingo con diego lopez, retrocessione sicura

Non sarà l’Alta velocità a far decollare il nostro Pil - Il Fatto QuotidianoIn un articolo pubblicato il 30 gennaio sul Sole 24 Ore che riprende i risultati di uno studio di Ennio Cascetta, già alla guida della Struttura tecnica di missione del Ministero dei Trasporti con il ministro Delrio, si rilancia con forza la tesi secondo la quale, per riprendere il sentiero della crescita, serve somministrare con … Due impiccioni con un fabico: per dire del medico pietoso..

Il momento più eclatante della politica americana recente è diventato il momento più popCosa dicono gli esperti del linguaggio del corpo sul gesto plateale di Nancy Pelosi che strappa i fogli del discorso di Donald Trump?